Home > Esteri > Le isole Fiji accolgono i volontari della Chiesa di Scientology dopo le devastazioni di due cicloni

Le isole Fiji accolgono i volontari della Chiesa di Scientology dopo le devastazioni di due cicloni

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Le isole Fiji accolgono i volontari della Chiesa di Scientology dopo le devastazioni di due cicloni


I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology accorrono dovunque accadano disastri causati dall’ambiente o dall’uomo non solo per portare un primo soccorso materiale in collaborazione con la Protezione Civile, ma soprattutto per dare sollievo spirituale a chi è sopravvissuto, a chi è stremato per la fatica, a chi ha perso i propri cari. Passati i momenti di emergenza, i Ministri Volontari si dedicano spesso a tour in ogni parte del mondo allo scopo di istruire e formare le popolazioni locali dando dimostrazioni e insegnando le tecniche di sollievo spirituale sviluppate dal fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard.

Le circa 330 isole delle Figi sono note per la loro bellezza, per le strutture turistiche e per le immersioni subacquee..

I Ministri Volontari avevano appena messo piede sull'isola più grande, Viti Levu, quando il ciclone Josie colpì l’arcipelago, causando vaste inondazioni e quattro morti. L'amministrazione locale chiese ai Ministri Volontari che gli fossero illustrate le loro azioni di risposta alle catastrofi, e i 19 corsi “Strumenti per la Vita”. I Ministri Volontari allora si unirono al “Government Roadshow”, le visite che i funzionari governativi fanno alle lontane comunità insulari per portare aiuti e risorse. Gli abitanti erano ancora traumatizzati dagli effetti del ciclone, i Ministri Volontari hanno dato agli isolani delle “Assistenze localizzative”, semplici procedure che aiutano ad osservare che l'ambiente non è più pericoloso e quindi mettere in grado di ricominciare a creare una nuova vita.

L'amministratore locale ha quindi presentato i Ministri Volontari al direttore dell’Organizzazione Nazionale per i Disastri nella città di Ba. Proprio quando arrivarono in quella zona, un secondo ciclone, Keni, colpì l’arcipelago, causando otto morti e 8.000 senzatetto. I Ministri Volontari aiutarono a ripulire la devastazione e consegnando il primo soccorso spirituale. Un capofamiglia aveva gravi lividi ed estremo affaticamento dopo ore di lavoro in aree allagate: gli fu dato uno specifico aiuto di Scientology e provò un tale sollievo che diede ai Ministri Volontari il permesso di fare lo stesso per tutto il resto della sua gente, cosa che fecero naturalmente. L'alto capo di Tavua, insonne cronico, sperimentò un grande sollievo e poté finalmente dormire profondamente dopo anni. Si sparse la voce dei loro risultati e furono invitati al Roadshow del governo sull'isola di Moala, 160 km in barca da Suva. Lì formarono i Fijiani locali per fornire assistenza e consegnare i corsi “Strumenti per la Vita”.

Il tour ha continuato ad aiutare i figiani a migliorare le loro vite ea raggiungere i loro obiettivi. Hanno anche visitato il villaggio di Kade, sull'isola di Koro, addestrando un gruppo locale di VM delle Fiji e aiutando a costruire una nuova scuola elementare.

In sei mesi, il Goodwill Tour ha raggiunto 140.000 persone, addestrato 1.000 nella tecnologia dei Ministri Volontari.

Nel 1973, il Fondatore di Dianetics e Scientology L. Ron Hubbard condusse una ricerca sociologica a New York e scoprì una società drammaticamente peggiore di quella che ricordava da anni precedenti. Da tale ricerca previde la direzione presa dalla cultura: flagrante immoralità, violenza per il compiacimento personale e infine politica tramite terrorismo.

Era necessario un modo di aiutare altri a vivere la propria vita e creare il proprio futuro. In risposta, L. Ron Hubbard tracciò i piani di un movimento popolare che potesse instillare di nuovo tali valori nella società fermandone in tal modo il declino: il programma dei Ministri Volontari di Scientology.


Fonte notizia: http://www.volunteerministers.org


Scientology | Ministri Volontari | Isole Fiji | ciclone | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La Chiesa di Scientology di Melbourne : prima Chiesa ideale di Scientology sotto la Croce del Sud


Le migliori destinazioni per crociere in barca a vela


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


I Ministri Volontari di Scientology ad Haiti: aiuto a più di 284.000 persone


Portare pace e costruire civiltà: la Chiesa di Scientology saluta un 2016 di incontenibile crescita e innumerevoli risultati


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale
La marijuana è una sostanza tossica, e bisogna trattarla come tale; la propaganda che la posiziona come “naturale” e “curativa” mette in pericolo la salute delle persone. A Bologna uno studente universitario, dopo aver acquistato dei biscotti per strada da uno sconosciuto, li ha consumati e li ha offerti alla fidanzata, minorenne. Successivamente entrambi hanno accusato forti dolori gastrointestinali, e sono stati ricoverati al pronto soccorso. Il ragazzo ha poi confessato che i biscotti avevano la marijuana tra gli ingredienti. Per fortuna la quantità di so (continua)

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana
Un nuovo studio statunitense rileva un deciso aumento dei giovani che vengono ricoverati in ospedale dopo aver abusato di marijuana. La marijuana è una droga e in quanto tale è una sostanza tossica. La propaganda criminale che la tenta di posizionarla come “naturale”, “innocua” o addirittura “curativa” ha causato non solo un aumento nel suo uso, ma anche una maggiore inconsapevole leggerezza in chi si avvicina a questo stupefacente. Uno studio pubblicato nel 2017 dal “National Insitute of Health” degli Stati Uniti, di H (continua)

La marijuana è una medicina? Una pericolosa bugia

La marijuana è una medicina? Una pericolosa bugia
La propaganda sulla marijuana è infarcita di notizie del tutto false, soprattutto riguardo al fatto che tale droga abbia un uso medico. La marijuana non è una medicina. È un termine gergale per una pianta della famiglia della cannabis che contiene più di 60 diverse sostanze cannabinoidi e oltre 80 composti biologicamente attivi. Usare il termine “marijuana” al posto del THC (la sostanza tossica che dà lo “sballo) sarebbe come usare l’albero del salice al posto dell'acido “acetilsalicilico” (il principio attivo dell'aspirina). (continua)

In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito

In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito
La quantità delle morti per overdose in Scozia è incredibilmente superiore a qualsiasi altra parte d’Europa. Le morti per overdose di droga avvengono in tutto il mondo, ma ci sono alcune zone dove si concentrano particolarmente. La Scozia è una di quelle: oltre 1200 vittime l’anno scorso, che equivalgono a 315 morti per milione di abitanti. Questi numeri sono incredibilmente alti, soprattutto se rapportati a quello globale del Regno Unito, 76 per milione, o a quello dell’Italia, 9 per milione. Una v (continua)

Una famiglia all’ospedale avvelenata dalla cannabis light

Una famiglia all’ospedale avvelenata dalla cannabis light
In seguito all’ingestione di una torta confezionata con la “marijuana light” come ingrediente, una famiglia della provincia di Ferrara è finita al pronto soccorso. Mentre i negozi di cannabis light sono ormai ampiamente diffusi in tutta Italia, c’è chi ancora crede alla favola che tale sostanza non sia una droga. E purtroppo ci sono anche degli irresponsabili che somministrano la cannabis light ad altri a loro insaputa, per fare uno scherzo di cattivo gusto. È quello che è successo in provincia di Ferrara: una 25enne invitata a pranzo dalla famiglia (continua)