Home > Cultura > Denver, in Colorado, legalizza i funghi allucinogeni

Denver, in Colorado, legalizza i funghi allucinogeni

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Denver, in Colorado, legalizza i funghi allucinogeni


Ha funzionato per la Marijuana, perché non riprovarci con i “funghi magici”? Dal 2014, in Colorado la legge permette ai cittadini di drogarsi facendo uso di Cannabis, e sono ben note le drammatiche conseguenze di questa decisione sconsiderata: è esploso l’uso di droghe ben più pesanti portando il Colorado al primo posto negli USA per tasso di morti per overdose, il traffico illegale ha avuto un boom (i tossicodipendenti arrivano da tutti gli USA per comprare marijuana e altre droghe dal mercato nero), ricoveri per droga triplicati dal 2011, incidenti stradali mortali legati alla cannabis incrementati del 92%, uso illegale di cannabis tra i teenager incrementato del 20% (fonti: Colorado Health Institute, AspenRidge North Hospital, drugabuse.org, sheriff.org).

I numeri sono spaventosi e pongono all’attenzione mondiale le conseguenze della legalizzazione della droga. Ma in barba alla difesa della salute e della vita umana, nella città di Denver (capitale del Colorado) è stato promosso un referendum per depenalizzare il possesso e l’uso di un’altra droga, ancora più pericolosa: la psilocibina, altamente tossica per il sistema nervoso. Il referendum è stato vinto per un soffio, con il 50,6% di favorevoli. La psilocibina, sostanza allucinogena contenuta in alcuni tipi di funghi, è chimicamente simile all’LSD. Il potere allucinogeno di questi funghi è altissimo, e fa sembrare la marijuana acqua fresca in confronto.

Com’è stato possibile che i cittadini abbiano votato perché chiunque possa girare allucinato per le strade della propria città? Non è difficile capirlo, una volta osservati due semplici fatti:

1)      ben il 15% della popolazione del Colorado fa uso di marijuana, ormai da anni, ed è naturale che chi si è ormai assuefatto desideri qualcosa di più “forte”, ad esempio i funghi allucinogeni;

2)      la campagna di disinformazione è stata martellante e ha seguito la falsa riga, di grande successo, usata per la marijuana, spacciando i funghi allucinogeni come “terapeutici” per depressione, ansia e altri disturbi mentali.

Il metodo non è certo nuovo: il tristemente famoso LSD ebbe “successo” dal 1949 in poi come farmaco psichiatrico per trattare schizofrenia, autismo, depressione e alcolismo, fino ad essere bandito nel 1967 quando furono finalmente e tragicamente chiari i danni enormi e irreparabili alla salute mentale e fisica delle persone che lo assumevano.

È triste vedere come ci siano tanti che si impegnano pubblicamente e politicamente allo scopo di diffondere l’uso della droga. Ma non bisogna dimenticare chi da sempre la droga la combatte. La Chiesa di Scientology, fin dalla sua fondazione negli anni ’50 del secolo scorso, ha subito riconosciuto che la droga e l’alcol fossero una delle principali cause della spirale discendente che sta portando il pianeta alla degradazione. Il suo fondatore, L. Ron Hubbard, ha spesso condannato l’uso di droga nei suoi scritti, spiegando in dettaglio quali siano gli effetti invariabilmente negativi sul corpo e sulla mente degli individui.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Ma vediamo quali sono i pericoli dell’assunzione di psilocibina contenuta nei funghi allucinogeni (fonte drugabuse.com):

-          Capacità di giudizio alterata e sensazione di distacco, pensiero disorganizzato

-          Attacchi di ansia e attacchi di panico (ma non doveva curare ansia e depressione?)

-          “Flashback” anche molto tempo dopo l’uso (disturbo percettivo persistente), oppure la visione continua di un’immagine anche quando questa è lontana dal campo visivo

-          Psicosi persistente (in altri termini pazzia)

-          Paranoia

-          Umore lunatico

-          Disturbi visivi

La mortalità causata dall’assunzione di funghi allucinogeni non è tanto legata all’overdose, cioè a una dose eccessiva, quanto alle conseguenze di una cattiva valutazione delle distanze unita all’incoordinazione muscolare, che possono portare a traumi gravi e decessi. Ad esempio ci si può lanciare dal balcone pensando di essere al primo piano mentre invece si è al 10°.

Le persone che hanno assunto psilocibina, a causa della capacità di giudizio gravemente alterata, potrebbero intraprendere comportamenti molto pericolosi, come guidare mentre si sperimentano allucinazioni. E non è difficile trovare su youtube i video girati da persone che guidano dopo aver magiato i funghetti allucinogeni…

Inoltre, i comportamenti pubblici bizzarri derivanti dall'intossicazione da psilocibina possono portare a problemi legali.

Ci auguriamo che gli altri stati degli USA non seguano l’esempio di Denver.

 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La natura dal campo alla tavola - Storia delle eccellenze italiane: ci sono funghi e funghi


Gli Stati Uniti legalizzeranno sempre più droga nei prossimi anni


Funghi della Calabria: cosa c'è, oltre al "fresco"!!


In Colorado aumentano l'uso di droghe pesanti e le overdose fatali


TuttoFood 2017 Corea ecco le eccellenze culinarie che piacciono agli italiani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)