Home > Arte e restauro > Il Tessuto fra Arte, Design e Impresa

Il Tessuto fra Arte, Design e Impresa

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Il Tessuto fra Arte, Design e Impresa


Nell’ambito della mostra “È QUI. Un percorso fra luoghi, persone e arte”, Dino Zoli Textile e Fondazione Dino Zoli presentano un incontro aperto alla cittadinanza sul tema “Il Tessuto fra Arte, Design e Impresa”, in programma venerdì 31 maggio, alle ore 18.30, presso la sede della Fondazione Dino Zoli (Viale Bologna 288, Forlì).

Il tessuto è il protagonista di questa conversazione e verrà visto come medium artistico, come elemento decorativo nel design e come prodotto commerciale rispettivamente dall’artista Claudia Losi, nella cui ricerca ricorre frequentemente l’uso del tessuto, dall’Architetto Saverio Calia, imprenditore e direttore artistico e creativo di Calia Italia, e da Monica Zoli, socia e responsabile commerciale di Dino Zoli Textile. A moderare la serata sarà Nadia Stefanel, direttore della Fondazione Dino Zoli.

L’intervento di Claudia Losi, piacentina classe 1971, s’intitola “Tessere narrazioni. Progettualità e immaginari condivisi” in riferimento alla poetica dell’artista, caratterizzata dal desiderio di costruire nuovi immaginari a partire dall’esistente, grazie ad un fitto lavoro di trame e intrecci, di storie personali ed esperienze collettive. Nel corso della relazione sarà illustrato, in particolare, un progetto realizzato nel 2016 per Marina Rinaldi in occasione della settimana della moda milanese: una corolla di strisce di cotone con la trascrizione di centinaia di frasi giunte da ogni parte del mondo in riposta alla domanda lanciata dall’artista – “What My Shape Says” (Cosa dice la mia forma) – ma anche una più ampia riflessione su ciò che le donne pensano del proprio corpo.

L’Architetto Saverio Calia illustrerà il caso di Calia Italia, azienda materana leader nella produzione di divani e poltrone in pelle e tessuto, che dal 1986, grazie al “Centro Studi Calia”, ha chiamato a sé designer, architetti e tecnici, puntando sul design, l’innovazione e la ricerca. “Calia Cultura” è la sezione di Calia Italia a sostegno dell’arte, della ricerca scientifica e dell’impegno sociale che dal 1990 favorisce lo sviluppo economico del territorio, la crescita sociale e culturale, avvicinando la comunità locale all’arte, comunicando valori, mettendo a disposizione competenze e risorse.

Monica Zoli, infine, si farà portavoce della visione strategica e della predisposizione per l’innovazione tecnologica e stilistica che hanno portato Dino Zoli Textile ad operare con successo sul mercato italiano ed internazionale. Il tessuto, prodotto commerciale per l’azienda forlivese, verrà presentato come elemento in continua evoluzione come lo sono i mercati, le culture e le persone di cui sono espressione. Dino Zoli Textile sostiene sia direttamente che in collaborazione con la Fondazione Dino Zoli progetti legati alla scuola, al sociale e all’arte, come la mostra “È QUI. Un percorso fra luoghi, persone e arte”.

Dei progetti artistici sostenuti dalla Dino Zoli Textile si racconta nel numero zero dell’Art Book “Dell’Arte e delle Trame” che sarà presentato ufficialmente in questa occasione.

Al termine del talk sarà possibile visitare la mostra “È QUI. Un percorso fra luoghi, persone e arte”, curata da Nadia Stefanel e Vanna Romualdi, con il coordinamento di Laura Giovannardi, Tiziana Abretti e Cristina Guardigli, nell’ambito del programma “Who’s next”. Un progetto dedicato all’abitare, nato dall’incontro tra gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, i ragazzi delle cooperative sociali “La Fraternità” (all’interno del Progetto Recooper) e “Arca di Noè” di Bologna e i tessuti della Dino Zoli Textile. Attraverso un’esperienza immersiva ed emozionale, fatta di suoni e colori, il visitatore è condotto alla scoperta delle 29 sedute originali della collezione “Jointly”, realizzate dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna a partire dai racconti dei ragazzi delle cooperative sociali.

La mostra è aperta al pubblico fino al 9 giugno 2019, da martedì a giovedì ore 9.30-12.30, da venerdì a domenica ore 9.30-12.30 e 16.00-19.00, chiuso lunedì e festivi. Ingresso libero. Per informazioni: tel. +39 0543 755770, info@fondazionedinozoli.com, www.fondazionedinozoli.com.


Fonte notizia: http://www.fondazionedinozoli.com


mostra | arte | arte contemporanea | fondazione dino zoli | dino zoli textile | saverio calia | claudia losi | monica zoli | nadia stefanel |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CMP presenta la sua Heritage Ski Capsule ispirata a Mondrian


THINDOWN®, il primo e unico tessuto di piuma al mondo, a ISPO MUNICH con uno stand esperienziale caratterizzato da una “polar room” studiata per testare a -15° i capi realizzati con l’innovativo tessuto


L’autunno inizia alla grande con gli zaini Fjällräven


Shopper Personalizzate: Scegliere Il Made In Italy


Un libro su Carmelo Di Bartolo, pioniere della Bionica e Design. Lo IED celebra i 40 anni di carriera del designer ricercatore


THINDOWN® a MILANO UNICA. Il primo e unico tessuto di piuma al mondo, 100% naturale e made in Italy alla XXV edizione del Salone Italiano dei Tessuti 11/12/13 luglio 2017 Fiera Milano Rho - Hall 16, stand B22-24


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

A riveder le stelle

A riveder le stelle
Mostra d'arte contemporanea a cura di Barbara Codogno, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova in collaborazione con “The Bank Contemporary Art Collection” di Antonio Menon. A riveder le stelle è una mostra d’arte contemporanea che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova organizza dal 30 ottobre 2021 al 30 gennaio 2022 al Museo Eremitani, in collaborazione con “The Bank Contemporary Art Collection” di Antonio Menon. Realizzata in occasione del 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri e curata da Barbara Codogno, l’esposizione dialogherà ideal (continua)

Mauro Staccioli. [re]action

Mauro Staccioli. [re]action
La grande scultura contemporanea a Soliera La grande scultura contemporanea torna a Soliera (Mo) con Mauro Staccioli (Volterra, 1937 – Milano 2018), considerato uno dei principali scultori italiani del secolo scorso, le cui opere sono collocate in spazi aperti e raccolte pubbliche di tutto il mondo. Curato da Lorenzo Respi, il progetto prevede l’allestimento della mostra Mauro Staccioli. [re]action, dal 30 ottobre 2021 al 30 gennaio 2 (continua)

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987
Arte e design al CAMeC della Spezia con la mostra monografica "Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987", a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti. In esposizione, circa sessanta opere dell'artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant'anni. Arte e design al CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia che, dal 28 ottobre 2021 al 27 febbraio 2021, ospiterà la mostra monografica Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987, a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti, con circa sessanta opere dell’artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant’anni. L’esposizione, che sarà aper (continua)

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono
I temi cari del Movimento romantico indagati da una cinquantina di artisti contemporanei che propongono nuovi percorsi di ricerca attraverso "Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono", collettiva in sei atti alla scoperta di luoghi storici e sedi museali in provincia di Modena. Nella provincia “romantica” di Modena, che tra la fine del ‘700 e per tutto l’800 ha vissuto un periodo di forte sviluppo culturale attraverso le arti e l’archeologia, andrà in scena, dal 17 ottobre 2021 al 16 gennaio 2022, “Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono”, esposizione collettiva in sei atti che condurrà lo spettatore alla scoperta delle sedi museali e dei teso (continua)

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione
Un confronto tra la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurativi contemporanei, dove Giotto è il campione di una rivoluzione lenta ma dirompente che porta l’immagine a dire parole universali. Il Museo “Amedeo Lia”della Spezia ospita, dal 2 ottobre al 19 dicembre 2021, “Dante e Giotto. Dialogo e suggestione”, a cura di Andrea Marmori e Francesca Giorgi. L’esposizione, promossa dal Comune della Spezia, si inserisce nelle celebrazioni dantesche, ponendo a confronto la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurati (continua)