Home > Cultura > Un Mondo Libero dalla Droga collabora con una rock-star malese

Un Mondo Libero dalla Droga collabora con una rock-star malese

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Un Mondo Libero dalla Droga collabora con una rock-star malese


Khai Aziz incarna lo spirito punk-rock della protesta contro lo status quo, ma allo stesso momento si tiene lontano dallo stereotipo della rockstar tutta droghe ed eccessi. Aziz, cantante della band punk malese Second Combat, è "Straight Edge", termine che identifica a coloro che si astengono da alcol, nicotina e droghe illegali.

Dopo aver vissuto il dramma della droga in famiglia, la dipendenza da eroina del fratello, Aziz voleva assicurarsi che altre famiglie non dovessero subire lo stesso dolore. Nel 2010, ha fondato la “Drug Free Youth Association Malaysia” (DFYA) e presto ha trovato il partner perfetto nella sua battaglia nell’associazione internazionale “Un Mondo Libero dalla Droga”.

"Oltre alla mia esperienza in famiglia, molti dei miei amici erano attratti dalla droga. Alcuni di loro sono in riabilitazione e alcuni sono morti. Dopo tutto questo, ho deciso di prendere posizione", ha detto Aziz.

Aziz e i membri del DFYA hanno viaggiato in Malesia andarono scuola per scuola, ispirando gli studenti a impegnarsi a condurre vite senza droga e usando la musica come un modo per coinvolgerli in attività salutari. Ad oggi hanno informato direttamente più di 14.000 studenti in 126 scuole malesi con il programma “La Verità sulla Droga”.

Una TV malese ha mandato in onda un documentario girato su di lui, sono usciti articoli su “Maximum Rocknroll”, la rivista punk rock di San Francisco. Tutto sommato, oltre 3 milioni in tutta l'Asia hanno ricevuto il suo messaggio. "Non diffondo solo un messaggio anti-droga, ma anche un messaggio sull'umanità e la compassione". Dopo anni dall’inizio dell’impegno di Aziz contro gli stupefacenti, gli arresti per droga tra gli studenti nella sua città, Selangor, sono diminuiti del 40 per cento.

Un mondo libero dalla droga è un programma sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. È attiva a livello internazionale organizzando eventi e lezioni sui pericoli delle droghe nelle scuole elementari, medie e superiori. Il suo punto di vista è che sarà possibile risolvere il problema della droga solo quando ogni persona sarà informata correttamente e potrà decidere con la propria testa di evitare l’assunzione di sostanze stupefacenti.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | La Verità sulla Droga | Un Mondo Libero dalla Droga | Malesia | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’ARRAMPICATA AD ARCO CAMBIA VOLTO, ROCK MASTER FESTIVAL È UN “PRODOTTO”


Vanessa Hudgens e Austin Butler si sono lasciati dopo quasi 9 anni, ma il motivo è ancora un mistero


Doppio appuntamento per la Casa Editrice Le Assassine giovedì 11 e venerdì 12 febbraio


ROCK MASTER FESTIVAL IN VETRINA, DA SABATO ARCO (TN) PROTAGONISTA IN VERTICALE


essence trend edition: “rock out!”


31° Sanremo Rock: le selezioni live arrivano in Piemonte


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Le metanfetamine si cucinano nei laboratori clandestini

Le metanfetamine si cucinano nei laboratori clandestini
In Europa e in America esistono innumerevoli laboratori clandestini dove con relativa semplicità si possono produrre droghe devastanti: le metanfetamine. La grande diffusione delle metanfetamine non si limita ai tossicodipendenti sdentati che si incontrano per strada. Nei sobborghi delle città americane tali droghe si consumano anche nelle normali abitazioni, al posto della cocaina. Il recente aumento dei sequestri di metanfetamina, in particolare negli Stati Uniti del sud, ha rivelato enorme afflusso di droga dal Messico, al posto della polve (continua)

L'abuso di farmaci delle persone anziane

L'abuso di farmaci delle persone anziane
L'abuso di oppiacei da prescrizione negli anziani sta raggiungendo livelli senza precedenti e sta diventando un problema sociale. I tossicodipendenti non sono solo i giovani: gli ultra-sessantacinquenni, negli Stati Uniti, usano un terzo di tutti i farmaci che vengono prescritti. Le statistiche del 2013 parlano di quasi 3 milioni di anziani che hanno abusato (non usato, abusato!) di farmaci da prescrizione. Ossicodone, Idrocodone e Metadone sono i farmaci che vanno per la maggiore, e vengono rilevati in circa il 40% d (continua)

L'abuso dei farmaci da banco

L'abuso dei farmaci da banco
Anche i farmaci da banco, di libera vendita, possono essere abusati come stupefacenti. I genitori sono consapevoli della crescente epidemia di droga tra i ragazzi e si preoccupano di ciò che i loro figli fanno a scuola, con gli amici e alle feste. E rimangono sorpresi e scioccati quando scoprono che l'abuso di droghe può verificarsi proprio tra le mura di casa, e che i fornitori potrebbero essere proprio loro stessi. Gli adolescenti americani si rivolgono infatti sempre di più (continua)

Le continue mutazioni delle droghe sintetiche

Le continue mutazioni delle droghe sintetiche
I laboratori clandestini che producono le droghe sintetiche cambiano continuamente la loro formula per eludere i controlli e permetterne l’ampia diffusione. Sono vendute con nomi come "Ivory Wave" o "Vanilla Sky" e distribuite in confezioni dai colori vivaci. Fino a poco tempo fa le droghe sintetiche venivano vendute legalmente, il loro uso continua ad aumentare e gli effetti sono devastanti quanto tutte le altre droghe. I produttori hanno trovato modi per alterare le formule quanto basta per aggirare le normative sulle droghe. Ci sono così tan (continua)

L’abuso di Ossicodone in Canada

L’abuso di Ossicodone in Canada
Il farmaco OxyNeo sta causando una nuova ondata di abuso di ossicodone in Canada. Il brevetto della casa farmaceutica Purdue sull’Oxycontin (un potente antidolorifico) è recentemente scaduto, il che ha dato il via libera all'ossicodone generico il cui uso si sta ampiamente diffondendo. Nonostante questo, il Ministro della Sanità canadese Leona Aglukkag si è rifiutata di vietare l'oppioide. Il ministro ha dichiarato che non è dovere del ministero scegliere quali farmaci (continua)