Home > Cultura > Un Mondo Libero dalla Droga collabora con una rock-star malese

Un Mondo Libero dalla Droga collabora con una rock-star malese

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Un Mondo Libero dalla Droga collabora con una rock-star malese


Khai Aziz incarna lo spirito punk-rock della protesta contro lo status quo, ma allo stesso momento si tiene lontano dallo stereotipo della rockstar tutta droghe ed eccessi. Aziz, cantante della band punk malese Second Combat, è "Straight Edge", termine che identifica a coloro che si astengono da alcol, nicotina e droghe illegali.

Dopo aver vissuto il dramma della droga in famiglia, la dipendenza da eroina del fratello, Aziz voleva assicurarsi che altre famiglie non dovessero subire lo stesso dolore. Nel 2010, ha fondato la “Drug Free Youth Association Malaysia” (DFYA) e presto ha trovato il partner perfetto nella sua battaglia nell’associazione internazionale “Un Mondo Libero dalla Droga”.

"Oltre alla mia esperienza in famiglia, molti dei miei amici erano attratti dalla droga. Alcuni di loro sono in riabilitazione e alcuni sono morti. Dopo tutto questo, ho deciso di prendere posizione", ha detto Aziz.

Aziz e i membri del DFYA hanno viaggiato in Malesia andarono scuola per scuola, ispirando gli studenti a impegnarsi a condurre vite senza droga e usando la musica come un modo per coinvolgerli in attività salutari. Ad oggi hanno informato direttamente più di 14.000 studenti in 126 scuole malesi con il programma “La Verità sulla Droga”.

Una TV malese ha mandato in onda un documentario girato su di lui, sono usciti articoli su “Maximum Rocknroll”, la rivista punk rock di San Francisco. Tutto sommato, oltre 3 milioni in tutta l'Asia hanno ricevuto il suo messaggio. "Non diffondo solo un messaggio anti-droga, ma anche un messaggio sull'umanità e la compassione". Dopo anni dall’inizio dell’impegno di Aziz contro gli stupefacenti, gli arresti per droga tra gli studenti nella sua città, Selangor, sono diminuiti del 40 per cento.

Un mondo libero dalla droga è un programma sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. È attiva a livello internazionale organizzando eventi e lezioni sui pericoli delle droghe nelle scuole elementari, medie e superiori. Il suo punto di vista è che sarà possibile risolvere il problema della droga solo quando ogni persona sarà informata correttamente e potrà decidere con la propria testa di evitare l’assunzione di sostanze stupefacenti.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | La Verità sulla Droga | Un Mondo Libero dalla Droga | Malesia | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’ARRAMPICATA AD ARCO CAMBIA VOLTO, ROCK MASTER FESTIVAL È UN “PRODOTTO”


Vanessa Hudgens e Austin Butler si sono lasciati dopo quasi 9 anni, ma il motivo è ancora un mistero


ROCK MASTER FESTIVAL IN VETRINA, DA SABATO ARCO (TN) PROTAGONISTA IN VERTICALE


essence trend edition: “rock out!”


31° Sanremo Rock: le selezioni live arrivano in Piemonte


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)