Home > Ambiente e salute > Cattel SpA si unisce alla lotta europea contro la plastica. In corso studi e progetti per la progressiva e totale eliminazione di oggetti in plastica monouso

Cattel SpA si unisce alla lotta europea contro la plastica. In corso studi e progetti per la progressiva e totale eliminazione di oggetti in plastica monouso

scritto da: Silvia piliego | segnala un abuso

Cattel SpA si unisce alla lotta europea contro la plastica. In corso studi e progetti per la progressiva e totale eliminazione di oggetti in plastica monouso


 

L’inquinamento da plastica è un problema globale. Secondo i dati pubblicati da WWF, solo nel Mediterraneo, ogni anno, vengono riversate in mare 570 tonnellate di plastica, ben 8 milioni negli oceani. Noto è che la plastica, lungi dall’essere biodegradabile, ha uL’inquinamento da plastica è un problema globale. Secondo i dati pubblicati da WWF, solo nel Mediterraneo, ogni anno, vengono riversate in mare 570 tonnellate di plastica, ben 8 milioni negli oceani. Noto è che la plastica, lungi dall’essere biodegradabile, ha un impatto drammatico sul benessere e la salute di animali, piante e uomini.

 

CATTEL Spa, l’azienda veneta divenuta un riferimento per gli operatori del settore ho.re.ca, da tempo cerca soluzioni per dare il suo contributo alla salvaguardia dell’ambiente, cosciente che l’enorme uso di plastica che fa il suo mercato di riferimento debba quanto prima trovare alternative.

E’ infatti di circa 180.000 il numero totale di oggetti di plastica monouso venduti dall’azienda nel 2018, con una richiesta di 11 tonnellate di bicchieri di plastica, 96 tonnellate di cannucce, 100 tonnellate di cucchiaini e palette da caffè, 21 tonnellate di sacchetti per sottovuoto, per congelatore e da ghiaccio, e 66 tonnellate di sacchetti dell’immondizia.

 

Come muoversi per soddisfare al meglio le richieste senza gravare sull’ambiente? Le possibilità al vaglio sono numerose. Cattel già offre nel suo assortimento, ad esempio, le stoviglie di carta e i prodotti realizzati in polpa di cellulosa, compostabili e dunque in grado di biodegradarsi rapidamente. Eccellenti nella tenuta, se usati su larga scala potrebbero però gravare sulla deforestazione. Per questa ragione Cattel ha affiancato ai prodotti in polpa di cellulosa le stoviglie in bioplastica, costituite da materiale rinnovabile di origine vegetale come le foglie di palma essiccate e pressate, l’amido di mais o ancora la patata. Richiesti anche gli oggetti in silicone in sostituzione a quelli monouso in plastica. Pur essendo meno inquinante della plastica, il silicone è però un materiale inerte che interagisce con gli alimenti con cui viene a contatto provocandone delle alterazioni. Non può pertanto essere considerato la soluzione ideale. 

In distribuzione-test con alcuni clienti anche le soluzioni a base di bargassa, uno scarto della lavorazione della canna da zucchero la cui elevata resistenza la rende una candidata ideale per il packaging dei cibi: ha infatti l’aspetto del cartone, ma è più ecologica. Infine come alternativa alla plastica esiste la carta minerale, o carta di pietra. Biodegradabile (si decompone in 3 ai 9 mesi), inalterabile al contatto con l’acqua e molto resistente allo strappo, la carta di pietra è costituita per l’80% da carbonato di calcio e, per quanto molto simile alla carta, se utilizzata su larga scala non arrecherebbe alcun danno in termini di deforestazione.

 

In attesa di capire quali saranno le reali preferenze del mercato ho.re.ca., Cattel continua a cercare alternative possibili per poter dare un suo diretto, forte contributo all’eliminazione della plastica monouso entro la data prevista del 2021.n impatto drammatico sul benessere e la salute di animali, piante e uomini.

 

CATTEL Spa, l’azienda veneta divenuta un riferimento per gli operatori del settore ho.re.ca, da tempo cerca soluzioni per dare il suo contributo alla salvaguardia dell’ambiente, cosciente che l’enorme uso di plastica che fa il suo mercato di riferimento debba quanto prima trovare alternative.

E’ infatti di circa 180.000 il numero totale di oggetti di plastica monouso venduti dall’azienda nel 2018, con una richiesta di 11 tonnellate di bicchieri di plastica, 96 tonnellate di cannucce, 100 tonnellate di cucchiaini e palette da caffè, 21 tonnellate di sacchetti per sottovuoto, per congelatore e da ghiaccio, e 66 tonnellate di sacchetti dell’immondizia.

 

Come muoversi per soddisfare al meglio le richieste senza gravare sull’ambiente? Le possibilità al vaglio sono numerose. Cattel già offre nel suo assortimento, ad esempio, le stoviglie di carta e i prodotti realizzati in polpa di cellulosa, compostabili e dunque in grado di biodegradarsi rapidamente. Eccellenti nella tenuta, se usati su larga scala potrebbero però gravare sulla deforestazione. Per questa ragione Cattel ha affiancato ai prodotti in polpa di cellulosa le stoviglie in bioplastica, costituite da materiale rinnovabile di origine vegetale come le foglie di palma essiccate e pressate, l’amido di mais o ancora la patata. Richiesti anche gli oggetti in silicone in sostituzione a quelli monouso in plastica. Pur essendo meno inquinante della plastica, il silicone è però un materiale inerte che interagisce con gli alimenti con cui viene a contatto provocandone delle alterazioni. Non può pertanto essere considerato la soluzione ideale. 

In distribuzione-test con alcuni clienti anche le soluzioni a base di bargassa, uno scarto della lavorazione della canna da zucchero la cui elevata resistenza la rende una candidata ideale per il packaging dei cibi: ha infatti l’aspetto del cartone, ma è più ecologica. Infine come alternativa alla plastica esiste la carta minerale, o carta di pietra. Biodegradabile (si decompone in 3 ai 9 mesi), inalterabile al contatto con l’acqua e molto resistente allo strappo, la carta di pietra è costituita per l’80% da carbonato di calcio e, per quanto molto simile alla carta, se utilizzata su larga scala non arrecherebbe alcun danno in termini di deforestazione.

 

In attesa di capire quali saranno le reali preferenze del mercato ho.re.ca., Cattel continua a cercare alternative possibili per poter dare un suo diretto, forte contributo all’eliminazione della plastica monouso entro la data prevista del 2021.


Fonte notizia: www.cattel.it


Cattel | Ho re ca plastica monouso |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CATTEL conquista le cucine HORECA con la linea di carni Scottona della Braslavia


SAN DONA’ DI PIAVE (VE) - 16-19 MAGGIO. CATTEL SPA PARTNER DELLA SECONDA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA BONIFICA. DOMENICA 19 PRANZO CON ZAIA E ALTRI 1000


Come dei ganci in plastica risanano l'economia?


Come sono nate le prime SPA


Nasce la rete europea per promuovere il riuso come migliore pratica dell’economia circolare in Italia e in Europa: il futuro è nel riutilizzo


Antonio Valente Anas gallerie stradali ingegnere Biografica completa di tutti lavoro


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

OIKOS E LAMINAM: BINOMIO VINCENTE AL CERSAIE 2019; La lastra ceramica nelle finiture Ossido Nero, Seta Or e Liquorice regala allo stand eleganza e imponenza

OIKOS E LAMINAM: BINOMIO VINCENTE AL CERSAIE 2019; La lastra ceramica nelle finiture Ossido Nero, Seta Or e Liquorice regala  allo stand eleganza e imponenza
  Una porta di sicurezza che si staglia in tutta la sua altezza trasmettendo un immediato concetto di solidità e resistenza. Una porta che si impone, fiera, integrata in una parete rivestita con gli stessi materiali. L’impatto emotivo è forte all’ingresso dello stand di Oikos, il produttore veneto che a Cersaie ha evidenziato così lo storico legame con Lamina (continua)

ANTOLINI RIVESTE LE ARCHITETTURE DI INGRESSO DI OIKOS A CERSAIE 2019 - LA PIETRA NATURALE PROTAGONISTA DI UNO STAND CHE DIVENTA GIOIELLO

ANTOLINI RIVESTE LE ARCHITETTURE DI INGRESSO DI OIKOS A CERSAIE 2019 - LA PIETRA NATURALE PROTAGONISTA DI UNO STAND CHE DIVENTA GIOIELLO
  Un indescrivibile impatto visivo, un’emozione forte che eleva il pensiero alla bellezza della natura e delle sue rocce, alla consistenza della materia che diventa forma nelle mani di artisti di ogni epoca. E di opera d’arte si è potuto parlare a Cersaie, contemplando l’effetto dell’installazione ospitata nello stand di Oikos.   Non una porta e il suo (continua)

SAN DONA’ DI PIAVE (VE) - 16-19 MAGGIO. CATTEL SPA PARTNER DELLA SECONDA EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLA BONIFICA. DOMENICA 19 PRANZO CON ZAIA E ALTRI 1000

  Sarà Cattel il partner del Festival della Bonifica, alla sua seconda edizione, che contraddistinguerà il mese di maggio per la grande opera di sensibilizzazione nei confronti di importanti tematiche legate ai territori di bonifica. Cattel SpA, leader in Italia nella distribuzione di prodotti alimentari nel segmento Ho.Re.Ca, darà il suo contributo all’evento che (continua)

CATTEL conquista le cucine HORECA con la linea di carni Scottona della Braslavia

CATTEL conquista le cucine HORECA con la linea di carni Scottona della Braslavia
 È un’esclusiva Cattel la linea di pregiate carni bovine provenienti dai migliori capi polacchi allevati allo stato brado su prati lussureggianti e alimentati in modo naturale, a base di cereali ricchi di preziosi minerali. Un tipo di allevamento che, da solo, fa intuire l’importanza attribuita da Cattel alla qualità dei suoi prodotti. Ma l’azienda veneta non s (continua)

WEBER CUP 2019: tutto pronto per il più appassionante campionato amatoriale dedicato agli amanti della griglia

WEBER CUP 2019: tutto pronto per il più appassionante campionato amatoriale dedicato agli amanti della griglia
  15 tappe in tutta Italia all’insegna del sapore e della sana competizione Saranno 15 le tappe della Weber Cup 2019, 15 gustosissime soste in un viaggio culinario che attraverserà l’intero Paese per concludersi il 7 settembre alla grande finale di Grisignano di Zocco (VI), durante la Fiera del Soco, quando verrà finalmente proclamato il MIGLIOR GRILLER D’IT (continua)