Home > Arte e restauro > Cristina Treppo, Concrete

Cristina Treppo, Concrete

articolo pubblicato da: CSArt | segnala un abuso

Cristina Treppo, Concrete

All’interno del Palasport “Giobatta Gianquinto” (Palasport Arsenale), raro esempio di architettura brutalista nel cuore di Venezia, a pochi passi dall’ingresso della Biennale, l’Associazione Culturale YARC - Yvonneartecontemporanea presenta, dall’11 al 21 luglio 2019, l’intervento site-specific di Cristina Treppo, terzo appuntamento di “Project Room”, a cura di Maria Yvonne Pugliese e Riccardo Caldura. L’esposizione, intitolata “Concrete”, sarà aperta al pubblico giovedì 11 luglio 2019, alle ore 11.00.

Fra i materiali utilizzati da Cristina Treppo per il suo lavoro una grande rilevanza è data al calcestruzzo (“concrete” in inglese), materiale edilizio dal quale l’artista da tempo ricava una serie di forme, oggetti ed installazioni che oscillano fra la quotidianità e lo scavo archeologico, come è esemplarmente avvenuto in occasione della mostra “Residui” al Museo Archeologico Nazionale di Aquileia nel 2013. A quell’appuntamento si collega idealmente la nuova proposta, dedicata ad uno spazio che non ha però alcun carattere espositivo, essendo stato concepito e costruito per tutt’altra funzione, ovvero un Palasport, intitolato all’ex-sindaco di Venezia Giobatta Gianquinto, avvocato e figura storica dell’antifascismo non solo cittadino. Come nel caso del progetto al Museo Archeologico, anche l’attuale proposta, la terza di “Project Room”, fa della particolarità del contenitore l’elemento qualificante dell’intervento di Cristina Treppo.

Progettato e realizzato nel 1977 dall’architetto Enrico Capuzzo e dall’ingegnere Giandomenico Cocco, il Palasport è ascrivibile al Brutalismo, corrente architettonica di cui è in corso una generale rivalutazione (www.sosbrutalism.org), che ha fatto dell’utilizzo di forme accentuatamente plastiche e del béton brut (Le Corbusier) la sua chiave di riconoscibilità internazionale. Un grande volume quasi celato nel fitto tessuto edilizio della città a seguito della demolizione di alcune pertinenze ottocentesche dell’area dell’Arsenale.

Il progetto di Cristina Treppo nasce dalla rilettura delle caratteristiche scabre, essenziali, e allo stesso tempo non prive di una loro tonalità emotiva, dello spazio architettonico veneziano, e si articola, anche dal punto di vista dell’allestimento, in diretto contatto con le pareti e le superfici di cemento grezzo. Le opere della Treppo sono forme che possono ricordare dei vasi, o comunque dei contenitori, dall’aspetto senza tempo, proprio grazie al particolare uso del materiale, quasi dei reperti, o dei ritrovamenti affiorati durante la fase di demolizione del sito antico per far posto alla nuova struttura e finora mai esposti. Suggestioni che collidono e collimano, grazie alla ruvidezza del materiale utilizzato architettonicamente e alla delicatezza con cui invece viene trattato dall’artista, generando un sottile dialogo fra struttura e forme, l’una funzionalmente estranea alle altre, ma la cui estraneità apre ad una complessiva rilettura, non solo funzionale, dell’edifico stesso.

“Concrete” è un percorso espositivo che, come ha scritto l’artista, «si sviluppa in alcune delle pareti di fondo della tribuna (utilizzando i fori già presenti), proponendo delle forme in cemento leggero, che rimandano all’idea di vaso, di organo, di parte simbolica di un corpo. L’allestimento, che si articola fra superfici vuote e piene, entra in relazione con l’architettura in modo pervasivo e non invasivo».

L'esposizione, promossa dall’Associazione Culturale YARC - Yvonneartecontemporanea con il sostegno di Painting srl, On Art srl e UNICO spa, sarà aperta al pubblico da giovedì a domenica con orario 11.00-19.00. Ingresso libero.

Nell’ambito della mostra, sabato 13 e 20 luglio 2019, alle ore 11.00, si terranno due “Special days” con visita alla mostra “Concrete” e ingresso gratuito alla Biennale di Venezia con biglietto Plus (valido per 3 giorni) per accedere agevolmente all’opera permanente di Cristina Treppo allo Spazio Thetis, accompagnati dall’artista e dai curatori. A seguire, rinfresco. Per partecipare è necessario iscriversi all’Associazione Culturale YARC entro giovedì 11 o 18 luglio 2019.

Per informazioni e iscrizioni: T. +39 339 1986674, yvonneartecontemporanea@gmail.com, www.mariayvonnepugliese.it.

“Project Room” è un contenitore che propone inedite relazioni fra arte, spazio e pubblico. Un modo diverso di concepire l’occasione espositiva, con lavori appositamente sviluppati insieme agli artisti a seconda delle caratteristiche dei luoghi che li ospitano. “Project Room”, alla sua terza edizione, nasce da un’idea di Riccardo Caldura e Maria Yvonne Pugliese. Le precedenti edizioni di “Project Room” sono state dedicate a Iler Melioli con “Res Extensa” a Palazzo Barbaran da Porto (architetto Andrea Palladio), Vicenza, 2017 e a Elena Pugliese con “Hai lasciato la luce accesa” a Casa Bossi (architetto Alessandro Antonelli), Novara, 2018.

Cristina Treppo nasce a Udine nel 1968. La sua ricerca attraversa la scultura, l’installazione, il disegno e la fotografia. Vive e lavora a Udine e attualmente insegna all’Accademia di Belle Arti di Firenze. La sua carriera artistica inizia con la partecipazione ad una mostra curata da Luciano Fabro nel 2000. Nel 2004 e 2005 è finalista al premio Arte Mondadori (curato allora da Maurizio Sciaccaluga). L’anno successivo, 2006, è finalista al prestigioso Premio Arnaldo Pomodoro. Partecipa quindi a molte importanti esposizioni di cui ricordiamo nel 2004 alla Fondazione Bevilacqua La Masa, nel 2005 l’evento collaterale della Biennale di Venezia, nel 2007 “Open 10”, Venezia e nel 2013 Museo Revoltella, Trieste. Recentemente è stata invitata alla Biennale dello Xinjiang (2014) e a due edizioni di “Flow”, mostra di arte italiana e cinese allestita in Basilica Palladiana nel 2015 e nel 2017. Nel 2013 ha realizzato un intervento profondo e diffuso al Museo Archeologico di Aquileia, una personale di ampio respiro intitolata “Residui”. Del 2017 è la personale al museo di Arte Moderna e Contemporanea di Udine e del 2018 la selezione al Premio Michetti, presieduto da Renato Barilli. Nel 2019 ha realizzato l’opera “Depositi” che rimarrà in modo permanente nella collezione del giardino dello Spazio Thetis.

Cristina Treppo | Maria Yvonne Pugliese | Roberto Caldura | arte | arte contemporanea | installazione | mostra | site-specific |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: vi presentiamo “Spinoza e la storia”


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: traduttrice del filosofo François Zourabichvili per Negretto Editore


I risultati di L’Oréal Italia: Cristina Scocchia intervistata da Business People


Cristina Scocchia: “Un 2015 molto positivo e di forte crescita per L’Oréal”


Investire sull’innovazione per cavalcare la crescita: Cristina Scocchia e il modello L’Oréal Italia


Boccioli di rose di Maria Cristina Pizzuto: un'intima testimonianza sull'anoressia.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nell’officina di Gunter Böhmer. L’illustrazione del libro come avventura interiore

Nell’officina di Gunter Böhmer. L’illustrazione del libro come avventura interiore
 La Biblioteca Palatina di Parma ospita, dal 5 ottobre al 15 novembre 2019, una retrospettiva dedicata a Gunter Böhmer (Dresda, 1911 - Montagnola, 1986), artista della Mitteleuropa, noto per aver illustrato, tra gli altri, libri di Hermann Hesse, Thomas Mann, Franz Kafka, Luigi Pirandello, Stendhal, Gustave Flaubert e Guy de Maupassant, perseguendo una totale unità tra testo e imm (continua)

Omar Galliani - DIPINTA La metis dell’acqua

Omar Galliani - DIPINTA La metis dell’acqua
La Galleria di Piazza San Marco dell’Istituzione Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia ospita, dal 28 settembre al 3 dicembre 2019, “DIPINTA. La metis dell’acqua”, la prima mostra in assoluto di soli olii su tela di Omar Galliani, eseguiti tra il 1981 e il 2019. Curata da Eleonora Frattarolo, l’esposizione sarà inaugurata sabato 28 settembre alle ore 18.00. (continua)

Vivere nella pittura - Bruno Olivi

Vivere nella pittura - Bruno Olivi
 Dando seguito all’ormai consolidata tradizione delle esposizioni di settembre organizzate dall’Amministrazione Comunale di Rubiera presso il Complesso monumentale de L’Ospitale (Via Fontana, 2), dal 28 settembre al 27 ottobre 2019 sarà allestita “Vivere nella pittura”, retrospettiva dedicata all’artista reggiano Bruno Olivi, curata da Carlo Mastrona (continua)

Giorgio Laveri. Blow-Up

Giorgio Laveri. Blow-Up
 La Galleria Bonioni Arte di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 43) presenta, dal 21 settembre al 3 novembre 2019, “Blow-Up”, mostra personale del ceramista savonese Giorgio Laveri. Dopo aver esposto nelle più importanti gallerie e fiere d’Europa e incantato il pubblico d’oltreoceano con le recenti mostre a New York (Chelsea, 2019) e Miami (Art Miami, 2018), l&rsq (continua)

Elena Hamerski. Duplex Natura

Elena Hamerski. Duplex Natura
 Arte, tessuto, attenzione ai giovani e al territorio nel nuovo progetto della Fondazione Dino Zoli di Forlì (Viale Bologna, 288) che, insieme alla Dino Zoli Textile, promuove la mostra “Elena Hamerski. Duplex Natura”, a conclusione della residenza d’artista tenutasi nei primi mesi del 2019 presso la sede della Dino Zoli Textile. Dal 5 al 28 settembre 2019, alla Fond (continua)