Home > Siti web e pubblicità > Quali sono i tuoi diritti quando l'aereo è in ritardo o viene cancellato?

Quali sono i tuoi diritti quando l'aereo è in ritardo o viene cancellato?

articolo pubblicato da: ioanasolea | segnala un abuso

Quali sono i tuoi diritti quando l'aereo è in ritardo o viene cancellato?

 

Non molte persone pensano a queste cose, almeno non prima di affrontare un problema del genere. La verità è che in Italia, pochi passeggeri godono dei loro diritti quando una compagnia aerea annulla i voli o provoca ritardi lunghi e ingiustificati. Questo è solo un vantaggio per le compagnie aeree che non pagano i dovuti risarcimenti e quando diciamo risarcimenti, intendiamo importi fino a € 600 a seconda della distanza percorsa.

 

Di seguito, presenteremo brevemente i diritti che puoi far valere in caso di volo in ritardo, volo cancellato o imbarco negato, in base alla legge europea (Regolamento CE n. 261/2004).

Chi ha diritto a richiedere un risarcimento?

Qualsiasi passeggero che ha acquistato o per cui è stato acquistato un biglietto se il suo volo è stato cancellato o ritardato o il passeggero non è stato autorizzato a salire a bordo dell'aereo per motivi di overbooking. La regola di base è: se c'è un biglietto come prova di prenotazione, c'è la possibilità di ricevere un risarcimento.

Cosa significa un volo in overbooking?

In breve, un volo per cui ci sono più posti riservati che posti disponibili sull'aereo. Sembra paradossale, ma è una situazione abbastanza comune. Spesso, i passeggeri arrivano all'aeroporto e scoprono che, nonostante la prenotazione, non possono imbarcarsi perché l'aereo è già pieno. Qual è la causa? Errori informatici o errori di prenotazione dovute al fatto che ci sono diverse compagnie che fanno prenotazioni per lo stesso volo.

Cosa possono fare i passeggeri quando raggiungono il gate e scoprono che non possono salire a bordo dell’aereo?

Idealmente, i passeggeri ricevono la prova scritta che il volo è stato sovraprenotato e, in base a questa prova (ma anche senza di essa), possono presentare una richiesta di risarcimento. È importante non accettare i voucher o i soldi offerti dalla compagnia aerea, poiché esiste la possibilità che non abbiano più il diritto di sporgere un reclamo.

Cosa succede se il volo ha un ritardo?

La regola è che per ottenere un risarcimento (o una compensazione), il passeggero deve arrivare alla destinazione finale almeno 3 ore dopo l'ora di arrivo programmata. È importante capirne il concetto. Non conta che sei rimasto in aeroporto e / o in aereo per 4 ore aspettando che il volo decollasse. Se sono riusciti a portarti alla destinazione finale con un ritardo inferiore a 3 ore, le compagnie aeree non ti devono un risarcimento.

Cosa succede se il volo è cancellato?

In pratica, una volta che il volo è stato cancellato, la compagnia aerea di solito offre un altro volo alternativo. Se questo volo alternativo ti porta alla destinazione finale con un ritardo minimo di 2 ore rispetto all’ora di arrivo della prenotazione iniziale, puoi sporgere un reclamo. In caso di cancellazioni, le regole sono comunque più complesse perché è molto importante sapere quando il passeggero è stato avvertito che il volo sarebbe stato cancellato. Per informazioni dettagliate, puoi leggere di più qui.

Quanti soldi puoi ottenere come risarcimento?

Secondo la legge europea, le compagnie aeree devono offrire un risarcimento tra € 250 e € 600 a seconda della lunghezza del percorso, come segue:

• ritardo superiore a 3 ore e una distanza <= 1500 Km - 250 €

• ritardo superiore a 3 ore e una distanza tra 1500 km - 3500 km - 400 €

• ritardo superiore a 3 ore e distanza> = 3500 km - 600 €

Come si può ottenere un risarcimento?

I passeggeri possono fare la richiesta da soli o rivolgersi a società che si occupano di reclami. Claim Flights è una di queste società in grado di gestire l'intera procedura legale al posto dei passeggeri. Il più grande vantaggio dei servizi di tali società è che esse possono rivolgersi anche al tribunale per far valere i diritti dei loro clienti. Naturalmente, anche i passeggeri possono farlo da soli con l'aiuto di un avvocato, ma rischiano di spendere di più con l'avvocato di quanto potrebbero recuperare dalla compagnia aerea. Con Claim Flights, i passeggeri non devono pagare alcun costo aggiuntivo se il loro reclamo andrà in tribunale e se Claim Flights riesce a ottenere un risarcimento senza ricorrere al giudice, il cliente deve pagare una quota fissa del 22.5% + IVA del l'importo della compensazione.

aereo | ritardo | cancellazione | risarcimento | diritti | passeggero |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore