Home > News > De Pierro, in visita a Fiuggi, auspica dimissioni sindaco e maggioranza

De Pierro, in visita a Fiuggi, auspica dimissioni sindaco e maggioranza

scritto da: Daiotto | segnala un abuso

De Pierro, in visita a Fiuggi, auspica dimissioni sindaco e maggioranza


 

Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Un'amministrazione comunale che non è sensibile alla corretta valorizzazione delle enormi potenzialità del territorio è orfana degli strumenti basilari e dei più elementari supporti concettuali e valoriali per poter espletare l'attribuzione mandataria affidatale dal corpo elettorale

 

Roma - Chi era presente parla di un uomo alquanto perplesso di fronte alla situazione riscontrata e determinato a impegnarsi per il cambiamento.

Lui è il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e il riferimento è alla sua visita a Fiuggi in occasione del XIII Festival Internazionale della Chitarra in svolgimento in questi giorni nella nota cittadina ciociara. Il leader del movimento, accompagnato dal capogruppo Idd nel consiglio comunale di Castel San Pietro Romano Tony Gallo e da alcuni sostenitori anticolani, ha fatto un giro per le strade avviando un confronto dialogico con molti cittadini, che lamentavano inefficienze gestionali dell'attuale amministrazione guidata dal sindaco Alioska Baccarini. facendo trapelare un diffuso malcontento.

La reazione del numero uno dell'Italia dei Diritti è stata immediata:"Non riesco a credere di dover raccogliere queste doglianze a Fiuggi. Verificherò personalmente in maniera più approfondita la circostanza recandomi qui più spesso e delegando i competenti nostri esponenti per individuare un valido gruppo dirigente locale. Un'amministrazione comunale che non è sensibile alla corretta valorizzazione delle enormi potenzialità del territorio, che si esplicano specie nello sviluppo turistico, l'ambito settoriale su cui si fonda gran parte della sua economia, è orfana degli strumenti basilari e dei più elementari supporti concettuali e valoriali per poter espletare l'attribuzione mandataria affidatale dal corpo elettorale. Avevamo già in mente di presentare una nostra lista a Fiuggi, sulla scia di quanto stiamo facendo in molti altri comuni, in cui i nostri eletti stanno garantendo il rispetto delle regole e il controllo sull'operato di chi gestisce la potestà amministrativa, in virtù di un lapalissiano stato di inerzia in cui versa la città. Avendo a mente gli antichi fasti a cui ero abituato venendo a Fiuggi mi piange il cuore a riscontrare ictu oculi, al di là delle doglianze dei residenti, il processo involutivo a cui è stata sottoposta. Ancora più doloroso è prendere atto dell'inadeguatezza dell'opposizione a interpretare il ruolo che le compete. Fiuggi merita indubbiamente di più. In ogni caso la nostra presenza al prossimo appuntamento elettorale è pressoché certa per rimuovere dal proscenio politico chi finora dagli scranni del potere amministrativo, ma anche dai banchi dell'opposizione, ha relegato il tessuto sociale di Fiuggi ai margini dei parametri idonei allo sviluppo e dotare i corpi collettivi locali di un'amministrazione che risponda finalmente alle istanze provenienti dal basso. E' un preciso impegno che assumo di fronte a questo apodittico immobilismo per poter restituire al territorio le specificità peculiari che l'hanno sempre contraddistinto. Nell'interesse dei cittadini, con un atto di coraggio di fronte a un palese fallimento politico, auspicherei le dimissioni del sindaco e dell'intera maggioranza e li inviterei a perseguire questa strada, per poter ridare la parola al corpo elettorale nel segreto dell'urna elettorale. In caso contrario chiediamo ai cittadini di armarsi di pazienza e attendere il momento in cui, grazie all'utilizzo di tutti gli strumenti offertici dalle regole della democrazia partecipativa, potranno accordarci, tramite suffragio, quella fiducia necessaria per lavorare alla rinascita di Fiuggi".


Fonte notizia: https://italymedia.it/notizie/attualita-e-cronaca/3661-de-pierro-in-visita-a-fiuggi-auspica-dimissioni-sindaco-e-maggioranza


Antonello De Pierro | Radio Roma | Italia dei Diritti | Saracinesco | elezioni | amministrative | prefettura | comune | sindaco | carabinieri | Subiaco | Roma Capitale | consiglieri | liste | Città Metropolitana | Valle dell Aniene | Comunità Montana | Valle Ustica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Antonello De Pierro, parla il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e sanzionato incredibilmente dalla Polizia


Elezioni 2021, Italia dei Diritti schiera l'esercito della legalità in 12 comuni


Aggredito dai mafiosi e accusato dallo Stato, Italia dei Diritti esprime solidarietà al suo presidente Antonello De Pierro


Italia dei Diritti in Valle Aniene, cambiamento di De Pierro passa per Percile, Roiate e Marano Equo


De Pierro, da Percile una lezione di cultura col "Massimo Bagnato Show"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Poli, tra Zalewski e De Pierro la pace è fatta

Poli, tra Zalewski e De Pierro la pace è fatta
Dopo le accese polemiche che l'hanno investito nelle scorse settimane il giornalista e presidente dell'Italia dei Diritti è stato presente al memorial in ricordo del padre del campione dell'As Roma per esprimergli vicinanzaRoma - Alcune settimane fa il giornalista romano e presidente del movimento politico Italia dei Diritti Antonello De Pierro è finito sotto il fuoco di mille polemiche, che ancor (continua)

Christian Egidi, nelle liste dell'Italia dei Diritti il candidato più giovane d'Italia

Christian Egidi, nelle liste dell'Italia dei Diritti il candidato più giovane d'Italia
Il 18enne, studente liceale, è stato scelto direttamente dal presidente Antonello De Pierro per concorrere a Casape e Camerata Nuova. Giovane calciatore del Frosinone, in prestito al Tivoli, sogna di seguire le orme di Nicola Zalewski in serie ARoma - La campagna elettorale per le amministrative 2022 si avvia a concludersi e ancora una volta il movimento Italia dei Diritti, presieduto dal noto gio (continua)

Per vincere a Casape De Pierro schiera funzionario della Mobile come candidato a sindaco

Per vincere a Casape De Pierro schiera funzionario della Mobile come candidato a sindaco
Il presidente dell'Italia dei Diritti ha chiesto e ottenuto dal direttivo provinciale romano la candidatura a Primo Cittadino di Carlo Collarino, commissario della Polizia di Stato e storico sindacalista. Roma - A Casape, meraviglioso borgo che sorge sul versante occidentale dei Monti Prenestini, nella Città Metropolitana di Roma, il prossimo12 giugno, oltre che per il referendum, si voterà anche per le elezioni amministrative. A qualcuno più attento non sfuggirà di certo che i cittadini casapesi si erano già recati alle urne di recente, precisamente il 3 e 4 ottobre scorsi, per esercitare il dirit (continua)

Liste civetta, De Pierro risponde a Rieti Life e a Fabio Melilli

Liste civetta, De Pierro risponde a Rieti Life e a Fabio Melilli
Dopo l'articolo apparso sulla testata reatina e le dichiarazioni del deputato del Partito Democratico il presidente del movimento Italia dei Diritti si pronuncia deciso sull'argomento Dopo l'articolo apparso sulla testata reatina e le dichiarazioni del deputato del Partito Democratico il presidente del movimento Italia dei Diritti si pronuncia deciso sull'argomentoRoma - In occasione delle elezioni amministrative previste per il prossimo 12 giugno anche quest'anno, in sede di presentazione delle liste, c'è stato chi è tornato a parlare di liste civetta. E puntualmente, in manie (continua)

Elezioni 2022, la battaglia per la legalità di De Pierro a Casape, Camerata Nuova, Nespolo e Casaprota

Elezioni 2022, la battaglia per la legalità di De Pierro a Casape, Camerata Nuova, Nespolo e Casaprota
Il movimento Italia dei Diritti, presieduto dal giornalista romano, anche quest'anno lancia la sfida per le amministrative, con la novità dei consiglieri ombra Il movimento Italia dei Diritti, presieduto dal giornalista romano, anche quest'anno lancia la sfida per le amministrative, con la novità dei consiglieri ombraRoma - Dopo 2 anni in cui le elezioni amministrative sono state rinviate a causa dell'emergenza pandemica indotta dalla diffusione del contagio da virus Sars-Cov2, responsabile della patologia Covid 19, alla cui presenza abbiamo dovuto, nost (continua)