Home > Cultura > In tutto il mondo si celebra la Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani

In tutto il mondo si celebra la Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

In tutto il mondo si celebra la Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani

Il 10 dicembre 1948 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la Dichiarazione universale dei Diritti Umani (UDHR). L'evento storico si tenne presso il Palais de Chaillot a Parigi, in Francia.

L'UDHR è il fondamento su cui si fondano le campagne di Gioventù per i Diritti Umani (Youth for Human Rights International, YHRI). La dichiarazione contiene i 30 diritti inalienabili di ogni essere umano, molti dei quali sono conosciuti da pochissime persone.

Gioventù per i Diritti Umani ha quindi celebrato l'anno del 70 ° anniversario con 176 eventi in 40 paesi, più precisamente in 104 città: dall'Australia all'India e all'Iraq, dal Camerun e dal Ghana, alla Danimarca, alla Francia e alla Grecia; poi dal Canada e dagli Stati Uniti, fino ad Haiti, Messico e Perù e di nuovo attraverso il Pacifico in Nuova Zelanda, e così via.

In Camerun, la squadra di Gioventù per i Diritti Umani è stata invitata dalla Commissione Nazionale per i Diritti Umani e la Libertà al loro evento di apertura, una mostra di due giorni sui diritti umani. Il team ha poi tenuto seminari sui diritti umani a 2.000 studenti in quattro scuole. In Kenya, il team per i diritti umani ha tenuto seminari presso il centro pediatrico Kipi di Pandipieri e nella casa dei bambini di Mama Ngina. In Marocco, nella città di Oujda i cittadini hanno firmato una petizione per rendere obbligatoria l'educazione ai diritti umani.

A Sydney, uno show radiofonico trasmesso dalla radio locale Sydney Koori, ha illuminato gli ascoltatori sui loro diritti. Nella neve invernale del Canada, i volontari di Gioventù per i Diritti Umani di Toronto hanno tenuto un evento presso l'Ontario Science Center. Hanno anche partecipato a una cerimonia della polizia di regionale di York e alla celebrazione della Giornata dei Diritti Umani su invito del capo della polizia.

Negli USA a Washington DC, Gioventù per i Diritti Umani è stato uno degli sponsor della Giornata per i Diritti Umani dell’ONU, dove ha parlato l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. L'evento a Nashville, nel Tennessee, è stato organizzato in collaborazione con la Commissione per i Diritti Umani del Tennessee, Amnesty International e l'Associazione delle Nazioni Unite.

A Città del Messico, Gioventù per i Diritti Umani ha collaborato con il sistema di trasporto urbano, che ha stampato 20 milioni di biglietti commemorativi della metropolitana per promuovere la Dichiarazione Universale. In Ecuador sono state tenute una serie di lezioni di formazione sui diritti umani alla polizia nazionale.

Di nuovo attraverso l'Atlantico, in Danimarca si è tenuta una Marcia per i Diritti Umani guidata da studenti e insegnanti; una petizione lanciata da Gioventù per i Diritti Umani Spagna e dall'Associazione FOARE, una no-profit specializzata nell'assistenza ai rifugiati; e a Budapest, in Ungheria, una passeggiata per i diritti umani con 1.600 persone. In Italia, gruppi di volontari hanno organizzato eventi a Brescia, Firenze, Cagliari, Novara e Verona. Milano ha avuto la sua marcia per i diritti umani attraverso la città e a all’evento di Torino hanno partecipato anche due chiese africane evangeliche.

“Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".

Scientology | Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | Gioventù per i Diritti Umani |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


Senigallia: educare al rispetto tramite i diritti umani


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un Mondo Libero dalla Droga partecipa al Super Bowl 53

Un Mondo Libero dalla Droga partecipa al Super Bowl 53
Il Super Bowl 53 è stato un evento storico, non solo perché i New England Patriots hanno vinto il loro sesto Super Bowl, ma anche perché l’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” si è impegnata in gioco ben più serio per Atlanta: combattere l’abuso di droghe. A parte la marijuana, la metanfetamina è la droga più comunemen (continua)

La polizia del Sud Africa combatte il crimine dalle sue radici

La polizia del Sud Africa combatte il crimine dalle sue radici
Il servizio di polizia sudafricano (SAPS) non ha un compito facile. Secondo la Central Drug Authority del Sudafrica, il paese "è tra le prime 10 nazioni al mondo per abuso di droga e alcool, il doppio della media mondiale". I giovani iniziano a sperimentare la mediamente a 12 anni, e l’età tende sempre ad abbassarsi. Il SAPS nazionale voleva cambiare questa situazion (continua)

L'estate è più sicura per i bambini di Portland

L'estate è più sicura per i bambini di Portland
A Portland, Stati Uniti, la Polizia stava ricevendo una quantità di chiamate preoccupante riguardo lo Holladay Park. Il dipartimento di polizia ha deciso allora di coinvolgere la comunità per fare qualcosa a riguardo. Il risultato è stato lo “Holladay Park Safety Plan 2019”, una collaborazione tra città e comunità per per rendere il parco sicuro e l'e (continua)

Molly, una droga dal nome innocente che ha effetti dannosi a volte mortali

Molly, una droga dal nome innocente che ha effetti dannosi a volte mortali
Molly è un nome alternativo per MDMA, un acronimo per la sostanza chimica 3,4-metilendioossimetanfetamina, una droga sintetica stimolante e allucinogena. Produce sensazioni di maggiore energia, piacere, calore emotivo con percezioni sensoriali e temporali distorte. "Molly", abbreviazione di "molecolare", si vende di solito in capsule che contengono la sostanza in polver (continua)

Droga e potere

Droga e potere
Il medico personale di Hitler, Theodor Morell, somministrava al Fuhrer il “Vitamultin”, spacciandolo come complesso vitaminico, in realtà contenente metamfetamine. Durante il suo rapporto professionale con Hitler gli somministrò una lista interminabile di differenti sostanze stupefacenti, dalla cocaina all’ossicodone, dalla belladonna alla stricnina. Stalin, a pa (continua)