Home > Cultura > In tutto il mondo si celebra la Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani

In tutto il mondo si celebra la Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

In tutto il mondo si celebra la Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani


Il 10 dicembre 1948 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato la Dichiarazione universale dei Diritti Umani (UDHR). L'evento storico si tenne presso il Palais de Chaillot a Parigi, in Francia.

L'UDHR è il fondamento su cui si fondano le campagne di Gioventù per i Diritti Umani (Youth for Human Rights International, YHRI). La dichiarazione contiene i 30 diritti inalienabili di ogni essere umano, molti dei quali sono conosciuti da pochissime persone.

Gioventù per i Diritti Umani ha quindi celebrato l'anno del 70 ° anniversario con 176 eventi in 40 paesi, più precisamente in 104 città: dall'Australia all'India e all'Iraq, dal Camerun e dal Ghana, alla Danimarca, alla Francia e alla Grecia; poi dal Canada e dagli Stati Uniti, fino ad Haiti, Messico e Perù e di nuovo attraverso il Pacifico in Nuova Zelanda, e così via.

In Camerun, la squadra di Gioventù per i Diritti Umani è stata invitata dalla Commissione Nazionale per i Diritti Umani e la Libertà al loro evento di apertura, una mostra di due giorni sui diritti umani. Il team ha poi tenuto seminari sui diritti umani a 2.000 studenti in quattro scuole. In Kenya, il team per i diritti umani ha tenuto seminari presso il centro pediatrico Kipi di Pandipieri e nella casa dei bambini di Mama Ngina. In Marocco, nella città di Oujda i cittadini hanno firmato una petizione per rendere obbligatoria l'educazione ai diritti umani.

A Sydney, uno show radiofonico trasmesso dalla radio locale Sydney Koori, ha illuminato gli ascoltatori sui loro diritti. Nella neve invernale del Canada, i volontari di Gioventù per i Diritti Umani di Toronto hanno tenuto un evento presso l'Ontario Science Center. Hanno anche partecipato a una cerimonia della polizia di regionale di York e alla celebrazione della Giornata dei Diritti Umani su invito del capo della polizia.

Negli USA a Washington DC, Gioventù per i Diritti Umani è stato uno degli sponsor della Giornata per i Diritti Umani dell’ONU, dove ha parlato l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. L'evento a Nashville, nel Tennessee, è stato organizzato in collaborazione con la Commissione per i Diritti Umani del Tennessee, Amnesty International e l'Associazione delle Nazioni Unite.

A Città del Messico, Gioventù per i Diritti Umani ha collaborato con il sistema di trasporto urbano, che ha stampato 20 milioni di biglietti commemorativi della metropolitana per promuovere la Dichiarazione Universale. In Ecuador sono state tenute una serie di lezioni di formazione sui diritti umani alla polizia nazionale.

Di nuovo attraverso l'Atlantico, in Danimarca si è tenuta una Marcia per i Diritti Umani guidata da studenti e insegnanti; una petizione lanciata da Gioventù per i Diritti Umani Spagna e dall'Associazione FOARE, una no-profit specializzata nell'assistenza ai rifugiati; e a Budapest, in Ungheria, una passeggiata per i diritti umani con 1.600 persone. In Italia, gruppi di volontari hanno organizzato eventi a Brescia, Firenze, Cagliari, Novara e Verona. Milano ha avuto la sua marcia per i diritti umani attraverso la città e a all’evento di Torino hanno partecipato anche due chiese africane evangeliche.

“Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".


Fonte notizia: https://www.humanrights.com/


Scientology | Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | Gioventù per i Diritti Umani |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


Senigallia: educare al rispetto tramite i diritti umani


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


Diritti Umani: ricordare le vittime dell'olocausto


Apprendere i Diritti Umani - SERVIZI ON-LINE PER L’ISTRUZIONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Arrestato lo spacciatore responsabile di una morte per overdose

Arrestato lo spacciatore responsabile di una morte per overdose
A Viareggio i carabinieri hanno arrestato lo spacciatore che avrebbe venduto la droga letale che ha ucciso Samuele Ventrella e mandato in coma il padre, Gerardo. La cronaca di agosto 2020 racconta che due uomini, padre e figlio, dopo aver assunto un mix di droghe avevano subito conseguenze drammatiche: il figlio 25enne deceduto per overdose, il padre in coma, si salverà grazie a un trapianto di fegato. Il mix di droga che avevano assunto entrambi, prima di accasciarsi a terra, era una grossa quantità di cannabis e cocaina, seguite probabilmente all (continua)

La droga dei ricchi nel continente povero

La droga dei ricchi nel continente povero
La cocaina, un tempo droga dell’alta società, è ormai economica al punto che anche in Africa c’è un mercato per questo distruttivo stupefacente. Un tempo lo sballo da cocaina era appannaggio delle classi agiate, basti pensare che negli anni ’70 un solo grammo costava anche 200.000 lire! Si diffuse allora tra i più poveri il famigerato “crack”, derivato dalla coca, che costava circa un quarto. Nei decenni successivi i grandi cartelli della droga internazionale hanno industrializzato i processi produttivi, abbattendo il costo della c (continua)

Per non rischiare di perdere dei clienti, spacciavano ai ragazzi delle comunità di recupero

Per non rischiare di perdere dei clienti, spacciavano ai ragazzi delle comunità di recupero
A Sonico in Valcamonica tre immigrati pregiudicati spacciavano cocaina ai ragazzi che stavano seguendo un percorso di recupero presso una comunità della valle. Quando pensi di averle sentite e lette tutte nel mondo della tossicodipendenza, trovi sempre una notizia che è in grado di stupirti. La cronaca della Valcamonica ci racconta che, seguendo le regole del marketing più aggressivo, degli spacciatori timorosi di perdere per sempre dei preziosi acquirenti, si spingevano a spacciare fin nelle comunità di recupero. In questo modo riuscivano a far sol (continua)

Tracce di droga nei bicchieri delle due 15enni stuprate a Matera

Tracce di droga nei bicchieri delle due 15enni stuprate a Matera
Ci sarebbe la droga, assunta inconsapevolmente, all’origine dello stupro subito da due 15enni a Matera all’inizio di settembre. Lo scorso 6 settembre, a Matera, due turiste inglesi di 15 anni furono stuprate da un gruppo di ragazzi. Era stato insinuato che le ragazze fossero in realtà consenzienti, ma le indagini hanno rivelato un particolare molto importante: nei bicchieri delle adolescenti sono state trovate tracce di droga. È noto che esistono vari tipi di droga (le più note sono il GHB e il Rohypnol) che “facil (continua)

La droga e gli psicofarmaci generano violenza

La droga e gli psicofarmaci generano violenza
La droga, e gli psicofarmaci, sono sostanze che alterano il normale funzionamento della mente, spesso generando comportamenti violenti. Che il mondo della droga illegale sia legato alla criminalità organizzata e che tale ambiente sia violento, è noto a tutti. Ma bisogna tener conto che la violenza generata dalla droga non è solo quella dovuta al traffico illegale e alla lotta tra criminali e forze dell’ordine: la droga genera violenza di per sé, indipendentemente dalla legalità o meno della sostanza o dalle attività criminali (continua)