Home > Primo Piano > 1 Settembre 2019: Rapone (PZ) Ultramaratona delle Fiabe” 46,4 km

1 Settembre 2019: Rapone (PZ) Ultramaratona delle Fiabe” 46,4 km

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

1 Settembre 2019: Rapone (PZ) Ultramaratona delle Fiabe” 46,4 km


Gara Fidal Nazionale e Campionato Grand Prix IUTA 46,4km - 16 giri Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Tante le gare di ultramaratona in programma, mi piacerebbe essere presente a tutte, soprattutto quelle organizzati da amici e squadre che conosco ma un po’ per impegni personali, lavorativi e familiari; un po’ per acciacchi vari ne devo saltare tante. Tra le prossime cercherò di esserci alla “Ultramaratona delle Fiabe 46,4 km”, come sono riuscito un paio di anni fa trovandomi già al sud e scroccando un passaggio dall’amico ultrarunner Nicola Ciuffreda, dove ho incontrato tanti amici, ho fatto una ricca colazione offerta dagli organizzatori e sono andato anche a premio, cosa non facile. Sto parlando della Ultramaratona delle Fiabe in un posto che sembra sperduto nel mondo ma è un posto particolare e il nome dell’ultramaratona la dice lunga, una gara da fare portando con se accompagnatori, famiglia e amici e da trascorrere qualche giorno a contatto con la natura e cultura locale autoctona con gente del posto capace di ospitare e coccolare come succede anche in altri luoghi dove organizzano gare di ultramaratona, è così un po’ in giro. Responsabile: Antonio Leopardi Barra Tel.: 3472429228 Email: aleopardi@email.it Di seguito, Antonio Leopardi Barra, uno dei responsabili, ci aggiorna sulle novità della gara rispondendo ad alcune mie domande: Ci sono novità quest’anno? distanze? “Gara il 1 Settembre 2019 start ore 10. Quest'anno 46,4 km per classifica DUV. Anello 2,9 km - distanze 11,6km - 4giri, 23,2km - 8 giri, e poi la gara Madre la Ultramaratona, Gara Fidal Nazionale e Campionato Grand Prix IUTA 46,4km - 16 giri.” Il DUV è un ottimo sito dove si possono verificare le classifiche delle ultramaratone con le migliori prestazioni italiane, di categoria, d’Europa, del mondo, molto serio e richiede gare accreditate con distanze minime e specifiche e quest’anno i partecipanti saranno anche su questo importante sito tedesco. Correre per tanti giri può sembrare monotono per i non addetti al settore sport ultramaratona, ma è un’occasione per incontrare tanta gente, superare ed essere superando, incoraggiare ed essere incoraggiati, osservare ed essere osservati, dai campioni, i primi, i più forti che ti doppiano tante volte, agli ultimi ma coraggiosi come il mitico Vito Lomuscio sempre presente, sorridente e resiliente: Top runner? “Personaggio delle Fiabe del 2019 il Lupo Comunal.” Colazioni, ristori? “2 Ristori nell'anello, uno solo acqua, l'altro fornito di tutto. Pasta party il 31 agosto 2019 alle ore 20,00.” I top runner saranno tutti gli atleti presenti allo start oltre al mitico personaggio delle Fiabe che quest’anno sarà il Lupo Comunal che poi qualcuno ci spiegherà un po’ i miti, storie e leggende. Ristori a volontà per tutti, soprattutto l’acqua che è l’alimento principe per tutti sportivi e non, runner e ultrarunnner, ma poi quando si fa sentire la fatica e le scorte di glicogeno si esauriscono anzi preferibilmente prima che si esauriscono ben vengano altri alimenti ricchi di carboidrati, vitamine e perché no proteine, il più naturali possibili e con pochi scarti inquinanti: Eventi collaterali culturali per conoscere la zona per accompagnatori? “Evento collaterale: il giorno prima della gara si potrà visitare il borgo e conoscere i personaggi delle fiabe.” Una bella opportunità per atleti e accompagnatori il giro turistico e la conoscenza dei mitici personaggi delle fiabe, perché è sempre bene riscoprire il nostro bambino interiore e non tenerlo sempre soffocato dentro: Premi? “Ultra si premiano i primi 10 assoluti per entrambi i sessi, poi il 1° di categoria. Ritengo che la gara più dura vada premiata bene.” Insomma una gara per tutti con abbastanza premi, ristori a volontà, visite culturali, si tratta ora solamente di iscriversi e prenotarsi in tempo viaggio e pernottamento e aspettare il grande giorno. Nel testo “L’ultramaratoneta di Corato. Esperienze, sensazioni, emozioni e aspetti psicologici di un atleta di corsa delle lunghe distanze.”, edito da Arduino Sacco Editore, si parla della “Ultramaratona delle fiabe, oltre che bella gara è stata una gran bella festa.” https://www.arduinosaccoeditore.eu/products/l-ultramaratoneta-di-corato/ Matteo SIMONE 380-4337230 - 21163@tiscali.it http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net


Ultramaratona |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Short Story Fiabe Horror, le nuove fiabe


“Short Story Fiabe Horror” di Natascia e Romina Malizia. La raccolta di Fiabe horror-splatter


7 Small


Sonia Lutterotti, l’Ultramaratona mi fa sentire libera


#GlobalServiceSolutions: Team Pedercini Racing prima prova in Australia


Scrivi la tua fiaba, narrare la magia. Seminario a Chieti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre
Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Sai che dopo la sofferenza c’è uno stato di grazia che niente al mondo può regalartiMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.Qua (continua)

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica
Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire.L’esperienza della bici per assaporare colori, odori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; p (continua)

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore
Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedend (continua)

Cosa spinge le persone a fare sport?

Cosa spinge le persone a fare sport?
Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad atleti di diverse discipline sportive individuali o di squadra. Non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, di rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a non mollare, per condividere momenti di pre-gara fatti di viaggi e incontri, per superarsi. È importante lavorare su obiettivi, sul superare errori e sconfitte, si impara da tutto ciò che succede e si può fare meglio in futuro come individui e come squadra conoscendosi meglio. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Descrizione dell’opera “Cosa spinge persone a fare sport?” Aracne editrice.https://www.libreriauniversitaria.it/cosa-spinge-persone-fare-sport/libro/9788825528275Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad (continua)

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner
La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatto Matteo SIMONE La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatt (continua)