Home > Cultura > I Ministri Volontari di Scientology arrivano nelle isole Fiji appena in tempo

I Ministri Volontari di Scientology arrivano nelle isole Fiji appena in tempo

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

I Ministri Volontari di Scientology arrivano nelle isole Fiji appena in tempo


Le 330 isole dell’arcipelago Figi sono note per la loro bellezza, per i resort all-inclusive, le navi da crociera e le immersioni subacquee. Ma quando arrivò il Tour dei Ministri Volontari del Pacifico Meridionale, lo scopo era aiutare coloro che aiutano gli altri, cioè la vera bellezza delle isole Figi: il loro popolo. Il tour si è svolto a Suva, la capitale delle Figi, sulla sua isola più grande, Viti Levu.

I Ministri Volontari (VM) della Chiesa di Scientology avevano appena messo piede sull'isola quando il ciclone Josie colpì l’arcipelago, causando inondazioni e causando quattro morti. L'amministratore provinciale chiese ai VM di mettere in atto le loro azioni di risposta ai disastri, e i 19 corsi dei “Strumenti per la vita”. I VM si sono quindi uniti alle missioni che i funzionari effettuano nelle comunità insulari più lontane per portare le risorse necessarie. Ancora traumatizzati dal ciclone, i VM hanno dato ai residenti le loro Procedure di Assistenza di Scientology (procedimenti per alleviare il disagio e orientare la persona nell’ambiente) in modo che potessero osservare che l'ambiente non era più pericoloso e fossero in grado di ricominciare a creare la loro vita.

L'amministratore provinciale ha quindi presentato i VM al direttore del National Disaster Management nella città di Ba. Proprio quando arrivarono lì, un secondo ciclone, il ciclone Keni, colpì quel luogo, uccidendo otto persone e causando 8.000 sfollati. I VM si misero subito al lavoro, ripulendo la devastazione e offrendo il primo soccorso spirituale. Un capotribù aveva gravi lividi e affaticamento da ore di lavoro in aree allagate per aiutare la sua gente. Gli vennero date le Assistenze di Scientology e provò un tale sollievo che permise ai VM di fare lo stesso a tutto il resto della sua gente, cosa che fecero. Il sommo capo di Tavua, un malato cronico, provò un sollievo simile e dopo anni fu in grado di dormire per la prima volta. Man mano che i VM continuavano la loro azione, i campi di evacuazione furono presto svuotati. La notizia dei loro risultati si diffuse e furono invitati dal governo alle missioni di soccorso sull'isola di Moala, a 160 km in barca da Suva. Lì hanno addestrato i Fijiani locali a fornire le Assistenze e i corsi degli “Strumenti per la Vita”.

Il tour ha continuato ad aiutare gli abitanti delle Fiji a migliorare la propria vita e a raggiungere i propri obiettivi, ad esempio nel villaggio di Lawai a Lautoka, la seconda città più grande di Viti Levu, e durante una convention metodista nel villaggio di Wailotua. Sono anche andati a Kade, sull'isola di Koro, addestrando un gruppo locale di VM delle Fiji e aiutando a costruire una nuova scuola elementare. In sei mesi, il Tour dei VM ha raggiunto i 140.000 persone, ha formato 1.000 locali nella tecnologia VM e ha insegnato loro il motto VM: "Qualcosa può essere fatto a riguardo".

Nel 1973, il Fondatore di Dianetics e Scientology L. Ron Hubbard condusse una ricerca sociologica a New York e scoprì una società drammaticamente peggiore di quella che ricordava da anni precedenti. Da tale ricerca previde la direzione presa dalla cultura: flagrante immoralità, violenza per il compiacimento personale e infine politica tramite terrorismo.

Era necessario un modo di aiutare altri a vivere la propria vita e creare il proprio futuro. In risposta, L. Ron Hubbard tracciò i piani di un movimento popolare che potesse instillare di nuovo tali valori nella società fermandone in tal modo il declino: il programma dei Ministri Volontari di Scientology.


Fonte notizia: https://www.ministrovolontario.it/


Scientology | Ministri Volontari | Fiji | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

2001-2011: Il Movimento dei Ministri Volontari 10 Anni di Aiuto Indiscriminato


Le migliori destinazioni per crociere in barca a vela


Le isole Fiji accolgono i volontari della Chiesa di Scientology dopo le devastazioni di due cicloni


Una Nuova Chiesa di Scientology apre nel Cuore di Mosca


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)