Home > Economia e Finanza > Dollaro canadese, sprint sui massimi settimanali contro l'USD

Dollaro canadese, sprint sui massimi settimanali contro l'USD

articolo pubblicato da: Elleny | segnala un abuso

Come quasi tutte le valute del G10, anche il dollaro canadese ha guadagnato terreno sul suo "collega" americano, raggiungendo il livello massimo da una settimana. In realtà più che la forma propria del Loonie (come viene chiamata la valuta canadese in gergo),  ad imprimere la direzione al rapporto di cambio è stata soprattutto la debolezza del greenback americano.

La pressione sul dollaro usa favorisce quello canadese

dollaro canadeseIl crescente sostegno tra i legislatori democratici per perseguire l'impeachment del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha zavorrato notevolmente il biglietto verde. Proprio questo evento pare essere stato il principale driver della giornata. Il mercato interpreta la crescente probabilità dell'impeachment di Trump come un fattore negativo per il greenback. Il dollaro canadese ne ha approfittato, toccando quota 1,3238 con il biglietto verde, raggiungendo il massimo infragiornaliero dal 16 settembre.

Ad aumentare la pressione sul dollaro USA ci hanno poi pensato i dati sulla fiducia dei consumatori statunitensi, che è diminuita a settembre. Secondo il report del Conference Board (CB), a settembre l'indice è sceso a 125,1, contro l'aspettativa di mercato di 133,5. Questo ha finito per alimentare le preoccupazioni dei mercati, circa l'indebolimento dell'economia degli Stati Uniti. Dopo aver chiuso gli ultimi sei giorni in territorio negativo, il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni martedì ha esteso la caduta perdendo quasi il 4%, esercitando un'ulteriore pressione sull'indice del dollaro USA (DXY).

Consiglio: bisogna tenere sempre conto che ongi coppia di valute ha un proprio migliore Time frame trading forex, che rende l'operatività più efficace.

Petrolio, commercio e loonie

Nel frattempo, il prezzo del petrolio, una delle maggiori esportazioni canadesi, è crollato dopo che Trump ha riacceso i timori che il conflitto commerciale sino-americano, che ha ridotto la domanda di energia, sia tutt'altro che finito. Come si può vedere sui migliori siti di trading, il barile del West Texas Intermediate ha perso circa il 2% nel corso della giornata, e questo ribasso ha impedito al Loonie, sensibile alle materie prime, di sovraperformare l'USD.

La spinta al loonie è giunta anche dal report sul commercio all'ingrosso, che nella giornata di lunedì ha sostenuto le previsioni secondo cui la Banca del Canada lascerà invariati i tassi di interesse quest'anno. Le probabilità di un taglio dei tassi entro dicembre sono scese a circa il 30% da oltre il 90% all'inizio di questo mese.

dollaro | canada | siti di trading | forex time frame trading |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Borse Europee toniche, la settimana si chiude con un altro rialzo

Le mosse dei governi e delle Banche centrali hanno dato un po' di respiro alle Borse europee, mentre Wall Street chiude con un bilancio pesante l'ultima seduta della settimana, complice il nuovo capitombolo del petrolio e le misure restrittive adottate a New York. L'andamento delle Borse Europee L'Europa ha vissuto un venerdì all'insegna degli acquisti, grazie allo stimolo della Bce che h (continua)

Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse

Costo del denaro, la mossa a sorpresa della FED non scuote le Borse
Arriva come una stoccata improvvisa la decisione della FED di tagliare il costo del denaro di 50 punti base. Powell ruba così la scena ai ministri del G7 con l'annuncio di una manovra accomodante, decisa all'unanimità dal board dell'istituto centrale americano. La Fed e il costo del denaro Quello che scuote i mercati non è tanto il taglio in sé, che porta il costo del (continua)

Prezzi dell'oro ancora sostenuti, domina la scena ancora il Coronavirus

I compratori spingono ancora il prezzo dell'oro, che ha toccato il livello più alto da due mesi a questa parte e non accenna a lasciare quota 1550 dollari l'oncia. Il virus e i prezzo dell'oro Mercoledì gli entusiasmi dei mercati sono stati congelati dall'Organizzazione mondiale della sanità, che ha minimizzato le notizie riguardo alla scoperta di nuove cure per le persone i (continua)

Rublo sempre più forte, toccati i massimi da aprile 2018 sul dollaro

L'anno è cominciato benissimo per il rublo russo, che aveva anche concluso bene il 2019, durante il quale aveva segnato un +10,5%. A premiare la moneta di Mosca è stato soprattutto l’andamento delle quotazioni del Brent, che ha beneficiato del clima di tensione tra USA e Iran. Ma un sostegno è arrivato anche dall'impennata dell'oro, metallo prezioso custodito in grandi (continua)

Azionario, il settore dell'healthcare potrebbe essere ancora tra i vincitori

Nel corso dell'ultimo anno il settore dell'Healthcare ha avuto degli alti e bassi, risultato alla fine tra i più deboli dell'intero panorama azionario. Tuttavia, ci sono alcuni spunti interessanti da cogliere. Azionario: confronto Healthcare mondiale e europeo Ovviamente quando parliamo di debolezza, facciamo riferimento a un concetto relativo, ovvero se paragonata a quella dell'intero az (continua)