Home > Cultura > E se i due fratelli belgi morti per overdose a Firenze fossero stati informati?

E se i due fratelli belgi morti per overdose a Firenze fossero stati informati?

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

E se i due fratelli belgi morti per overdose a Firenze fossero stati informati?

Pochi giorni fa nel centro di Firenze sono morti per overdose in una camera di albergo due fratelli Belgi, 20 e 26 anni. Sembra che un farmacista abbia venduto loro, senza ricetta, un potente derivato dell’oppio simile alla morfina, l’ossicodone. Si tratta di una droga che viene somministrata ai malati terminali, ma che può essere usata anche per sballarsi. È probabile che i due ragazzi abbiano “sbagliato la dose” e che questo li abbia uccisi, oltre al fatto che avevano anche bevuto alcol.

È chiaro che i due ragazzi volevano solo “sballarsi”, e hanno commesso un gravissimo errore. Quindi possiamo chiederci: cosa sarebbe successo se la loro scuola, in Belgio, li avesse informati con completezza e in maniera scientifica degli effetti potenzialmente mortali di tali potentissime droghe? Cosa sarebbe successo se un volontario di “Un Mondo Libero dalla Droga” avesse imbucato un opuscolo informativo sulle droghe nella cassetta della posta della loro famiglia, e se i due ragazzi avessero letto tale opuscolo? I volontari della Chiesa di Scientology pensano che quei due ragazzi, oggi, sarebbero probabilmente ancora vivi, e sobri.

I volontari della Chiesa di Scientology, ogni settimana, distribuiscono centinaia di opuscoli ai giovani della Toscana, partecipando a eventi, per la strada, imbucandoli nelle cassette della posta. Ogni opuscolo ha il potere di salvare vite, perché contiene informazioni corrette sulla droga. Questa è la motivazione che spinge i volontari di Un Mondo Libero dalla Droga a impiegare il loro tempo libero informando i cittadini della Toscana. Il loro impegno può invertire la spirale discendente della società attuale, dove la spinta dei media, dei cantanti e delle serie tv va spesso nella direzione opposta: la droga va bene, liberalizziamola.

La Chiesa di Scientology, fin dalla sua fondazione negli anni ’50 del secolo scorso, ha subito riconosciuto che la droga e l’alcol fossero una delle principali cause della spirale discendente che sta portando il pianeta alla degradazione. Il suo fondatore, L. Ron Hubbard, ha spesso condannato l’uso di droga nei suoi scritti, spiegando in dettaglio quali siano gli effetti invariabilmente negativi sul corpo e sulla mente degli individui.

Lo scopo di “Un Mondo Libero dalla Droga” è quello di arrivare a informare i giovani prima che lo facciano gli spacciatori o i loro coetanei che già fanno uso di stupefacenti. Il Celebrity Centre della Città di Firenze, Chiesa di Scientology, sta da anni sostenendo “Un Mondo libero dalla Droga”, organizzando eventi pubblici e lezioni nelle scuole. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

 “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Droga | Un mondo libero dalla droga | Toscana | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A Milano il primo morto italiano per overdose di eroina sintetica


Uno dei più pericolosi farmaci prescritti: il Fentanyl


Lo stato del Colorado, dove la cannabis è legale, batte nuovamente il record per morti causati da overdose di oppioidi, anfetamine, cocaina e farmaci


Elettricista Firenze


S. VALENTINO TRA RELAX E GOURMET - Le proposte dei Baglioni Hotels per gli innamorati e non solo


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Statistiche sul consumo di droga e la campagna mondiale “Verità sulla Droga”

Statistiche sul consumo di droga e la campagna mondiale “Verità sulla Droga”
Per meglio comprendere qual è il livello di diffusione della droga a livello mondiale, vediamo un po’ di dati statistici: -          A livello mondiale 208 milioni di persone fanno uso di droghe illegali. -          27 milioni di persone sono tossicodipendenti, più del triplo della popol (continua)

La guerra di Atene contro la droga

La guerra di Atene contro la droga
Nell’antichissima città di Atene, una droga da quattro soldi a base di anfetamina sta distruggendo la vita di migliaia di giovani, senza tetto e senza mezzi di sostentamento. Dopo il crollo dell'economia greca nel 2009, circa 250.000 imprese hanno chiuso i battenti con la conseguente perdita di 850.000 posti di lavoro, piazzando più di un terzo della popolazione Greca al di sot (continua)

Il Tour Mondiale 2017 di Gioventù per i Diritti Umani

Il Tour Mondiale 2017 di Gioventù per i Diritti Umani
Gioventù per i Diritti Umani, in inglese Youth for Human Rights International (abbreviato come YHRI) è un’organizzazione senza scopo di lucro fondata nel 2001 dalla Dott.ssa Mary Shuttleworth, un’insegnante nata e cresciuta nel Sudafrica durante il periodo dell’apartheid, assistendo in prima persona agli effetti devastanti della discriminazione dovuta alla mancanza (continua)

Piantare semi di speranza in Nigeria

Piantare semi di speranza in Nigeria
La Nigeria sarà anche ricca di risorse naturali, ma è estremamente povera in termini di diritti umani. Il terrorismo, la guerra civile, decenni di dominio militare e la dilagante corruzione, hanno fatto cadere in povertà e in preda alla paura quasi il 99% della popolazione del paese. Un nativo, Pascal Nwonga Chukwuebuka dal sud-est della Nigeria, ha dedicato la sua vita a port (continua)

Una storia di redenzione: dalle bande criminali in Messico a Ministro Volontario di Scientology

Una storia di redenzione: dalle bande criminali in Messico a Ministro Volontario di Scientology
Francisco "Paco" Cedeno Murillo si offrì volontario per quasi tre mesi quando avvenne il disastro. Qualche anno fa, tuttavia, nessuno si sarebbe aspettato di vederlo lì tra i Ministri Volontari! “Quando sono venuto negli Stati Uniti, ho lasciato il mio paese, il Messico, perché stavo cercando di migliorare la mia vita. Ero stato coinvolto in bande criminali e d (continua)