Home > Cultura > E se i due fratelli belgi morti per overdose a Firenze fossero stati informati?

E se i due fratelli belgi morti per overdose a Firenze fossero stati informati?

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

E se i due fratelli belgi morti per overdose a Firenze fossero stati informati?


Pochi giorni fa nel centro di Firenze sono morti per overdose in una camera di albergo due fratelli Belgi, 20 e 26 anni. Sembra che un farmacista abbia venduto loro, senza ricetta, un potente derivato dell’oppio simile alla morfina, l’ossicodone. Si tratta di una droga che viene somministrata ai malati terminali, ma che può essere usata anche per sballarsi. È probabile che i due ragazzi abbiano “sbagliato la dose” e che questo li abbia uccisi, oltre al fatto che avevano anche bevuto alcol.

È chiaro che i due ragazzi volevano solo “sballarsi”, e hanno commesso un gravissimo errore. Quindi possiamo chiederci: cosa sarebbe successo se la loro scuola, in Belgio, li avesse informati con completezza e in maniera scientifica degli effetti potenzialmente mortali di tali potentissime droghe? Cosa sarebbe successo se un volontario di “Un Mondo Libero dalla Droga” avesse imbucato un opuscolo informativo sulle droghe nella cassetta della posta della loro famiglia, e se i due ragazzi avessero letto tale opuscolo? I volontari della Chiesa di Scientology pensano che quei due ragazzi, oggi, sarebbero probabilmente ancora vivi, e sobri.

I volontari della Chiesa di Scientology, ogni settimana, distribuiscono centinaia di opuscoli ai giovani della Toscana, partecipando a eventi, per la strada, imbucandoli nelle cassette della posta. Ogni opuscolo ha il potere di salvare vite, perché contiene informazioni corrette sulla droga. Questa è la motivazione che spinge i volontari di Un Mondo Libero dalla Droga a impiegare il loro tempo libero informando i cittadini della Toscana. Il loro impegno può invertire la spirale discendente della società attuale, dove la spinta dei media, dei cantanti e delle serie tv va spesso nella direzione opposta: la droga va bene, liberalizziamola.

La Chiesa di Scientology, fin dalla sua fondazione negli anni ’50 del secolo scorso, ha subito riconosciuto che la droga e l’alcol fossero una delle principali cause della spirale discendente che sta portando il pianeta alla degradazione. Il suo fondatore, L. Ron Hubbard, ha spesso condannato l’uso di droga nei suoi scritti, spiegando in dettaglio quali siano gli effetti invariabilmente negativi sul corpo e sulla mente degli individui.

Lo scopo di “Un Mondo Libero dalla Droga” è quello di arrivare a informare i giovani prima che lo facciano gli spacciatori o i loro coetanei che già fanno uso di stupefacenti. Il Celebrity Centre della Città di Firenze, Chiesa di Scientology, sta da anni sostenendo “Un Mondo libero dalla Droga”, organizzando eventi pubblici e lezioni nelle scuole. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

 “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Droga | Un mondo libero dalla droga | Toscana | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A Milano il primo morto italiano per overdose di eroina sintetica


Uno dei più pericolosi farmaci prescritti: il Fentanyl


A Memphis si muore più di overdose che di coronavirus


In Colorado, dove la cannabis è legale, si muore di più per overdose di stupefacenti


Elettricista Firenze


Di luce propria. Viaggio nell’Italia delle Arti e dei Mestieri


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Gli psicofarmaci vengono usati come droga

Gli psicofarmaci vengono usati come droga
Il fatto che molti psicofarmaci vengano spacciati come droga non deve stupire: chimicamente si tratta di droga, esattamente come le sostanze vendute in strada dai criminali. Il Rivotril, psicofarmaco prescritto per ansia, attacchi di panico, disturbi del sonno e altri disturbi psichiatrici, viene spesso venduto illegalmente dagli spacciatori come droga ai tossicodipendenti. Il motivo è chiaro e semplice: il Rivotril, come gli altri psicofarmaci, è una droga. Non si tratta di qualcosa simile a una droga, o di qualcosa che ha effetti simili a una droga: è una droga (continua)

Fumare canne a 14 anni, spacciare a 15 anni

Fumare canne a 14 anni, spacciare a 15 anni
A Firenze, un ragazzino che come tanti aveva cominciato con le canne, in pochi mesi era diventato un punto di riferimento per lo spaccio cittadino. Che la marijuana sia la porta di ingresso al mondo della droga in generale, è noto da tempo. Non tutti quelli che fumano diventano spacciatori ovviamente, ma pochissimi diventano spacciatori senza essere anche tossicodipendenti. La storia di un ragazzino di Firenze è cominciata da una canna ed è finita nel crimine: “La prima canna l’ho fumata a 14 anni, mi piaceva e volevo fumare di più ma (continua)

I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology puliscono il parco di Via Allori

I Ministri Volontari della Chiesa di Scientology puliscono il parco di Via Allori
Il Parco di Via Allori, situato nel Quartiere 5 di Firenze, è stato ripulito dai Ministri Volontari della Chiesa di Scientology ieri mattina, domenica 27 settembre 2020. Fin dalla fondazione del loro corpo, i Ministri Volontari della Chiesa di Scientology si sono presi l’impegno di mettersi al servizio delle loro comunità locali. A Firenze, i volontari hanno deciso di prendersi a cuore le sorti di un parco cittadino: si tratta dell’area verde che si affaccia su Via Allori, a Novoli, e che poi corre lungo la ferrovia. I parchi cittadini sono spesso frequenta (continua)

L’Olanda, un centro di produzione e smistamento europeo della droga

L’Olanda, un centro di produzione e smistamento europeo della droga
Quando si parla di traffico di droga in Europa, i Paesi Bassi sono tra le nazioni che si sentono nominare più di frequente. La cronaca di questi giorni ci racconta di un’operazione delle squadre mobili di Napoli e Caserta che hanno sgominato una banda di trafficanti di cocaina, il traffico avveniva tra l’Olanda e la Campania. Ovviamente si tratta di traffico gestito dalle famiglie mafiose della zona. C’è da chiedersi come mai la mafia vada a comprare la cocaina in Olanda piuttosto che direttamente dai produttori (continua)

Droga e incidenti stradali

Droga e incidenti stradali
Sono numerosi gli studi che testimoniano la stretta connessione tra assunzione di stupefacenti e incidenti stradali, ecco alcuni dati specifici. Non è difficile comprendere che guidare sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, incluso l’alcool e gli psicofarmaci ovviamente, incrementa di molto la probabilità di causare un incidente stradale. Ecco alcuni studi che mostrano numeri molto interessanti per capire l’entità del fenomeno. Studio francese (Marquet e altri): su 296 conducenti coinvolti in incidenti stradali il 14% era positi (continua)