Home > Cultura > I Ministri Volontari di Scientology al lavoro dopo il disastroso incendio di Carr, in California

I Ministri Volontari di Scientology al lavoro dopo il disastroso incendio di Carr, in California

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

I Ministri Volontari di Scientology al lavoro dopo il disastroso incendio di Carr, in California


Il Carr Fire in California ha bruciato 92000 ettari e 1.604 strutture, principalmente case. L’incendio si innescò per incidente da un cerchione di una gomma a terra che raschiava l'asfalto vicino a dei cespugli secchi nella contea di Shasta, vicino al confine settentrionale dello stato. I 4.766 vigili del fuoco e i 38.000 evacuati avevano bisogno di sollievo.

A pochi giorni dalla prima scintilla, i Ministri Volontari arrivarono dalla California e anche dal resto degli Stati Uniti. La prima tappa fu il centro di evacuazione della contea di Shasta, dove hanno immediatamente assistito gli sfollati con cibo e acqua oltre a fornire il primo soccorso spirituale sotto forma di Assistenze di Scientology (procedimenti per alleviare il disagio e orientare la persona nell’ambiente), specialmente per coloro che avevano perso la casa.

I Ministri Volontari hanno portato beni utili come acqua, dentifricio, piatti di carta e persino forniture per animali domestici e altro aiutare gli sfollati. Hanno anche distribuito maschere antipolvere ai residenti in difficoltà, a causa del peggioramento della qualità dell'aria.

Il fuoco infuriava e i vigili del fuoco erano tesi e sfiniti. I Ministri Volontari hanno allestito la loro tenda gialla all'Anderson Fairground, che fungeva da Centro Operativo per i vigili del fuoco. Lì hanno fornito assistenza ai pompieri, nonché acqua, Gatorade e talvolta gelati e Frappuccini per rinfrescarli dagli effetti del fuoco: l’incendio era diventato così caldo e così grande che aveva creato il proprio sistema meteorologico, tra cui un "firenado", una colonna di fuoco rotante.

Un pompiere che andava regolarmente un chiropratico per un dolore cronico al collo, dopo aver ricevuto un’assistenza di Scientology, ha detto: “Aspetta un momento, cosa hai fatto? Il dolore è sparito!” Gli è stato allora consegnato il libretto “Assistenze for Malattie e Ferite” che fornisce la tecnologia esatta su come funzionano le assistenze, in modo da poterlo imparare da solo e mostrare agli altri.

Oltre ad aiutare in un altro grance centro di assistenza, il Salvation Army Corps Community Center, i Ministri Volontari non solo hanno aiutato gli sfollati, ma hanno anche usato le loro capacità organizzative per coordinare le attività. Il vicedirettore dei servizi di emergenza dell'Esercito della Salvezza ha presentato una lettera di riconoscimento ai Ministri Volontari per il loro lavoro.

I Ministri Volontari sono diventati ospiti stabili e benvenuti nel centro di assistenza della Bethel Christian Megachurch, dove hanno contribuito a fornire cibo, acqua, kit igienici - ciò di cui tutti avevano bisogno. Furono presto invitati al servizio domenicale della chiesa, dove il pastore riconobbe il loro aiuto dal pulpito: "Il cuore del loro lavoro si è rivelato nella cura che hanno avuto per le persone direttamente colpite e per il personale che aveva bisogno di assistenza".

Alla Bethel Church, i Ministri Volontari si organizzarono per recuperare il possibile dalle ceneri dell’incendio. Andarono con le famiglie nelle loro case carbonizzate e li aiutarono a trovare oggetti importanti che potevano essere salvati. In una casa, il proprietario aveva perso molti oggetti di valore e di antiquariato, e con sua piacevole sorpresa, i Ministri Volontari sono stati in grado di recuperare alcune delle suoi porcellane completamente intatte. Un vicino di casa disse che era la prima volta che lo vedevano sorridere nelle due settimane successive all'evacuazione.

In totale, i Ministri Volontari hanno aiutato oltre 16.500 persone, hanno consegnato oltre 850.000 articoli agli sfollati, hanno distribuito oltre 10.500 maschere antipolvere e hanno svolto oltre 3.000 ore di volontariato.

Nel 1973, il Fondatore di Dianetics e Scientology L. Ron Hubbard condusse una ricerca sociologica a New York e scoprì una società drammaticamente peggiore di quella che ricordava da anni precedenti. Da tale ricerca previde la direzione presa dalla cultura: flagrante immoralità, violenza per il compiacimento personale e infine politica tramite terrorismo.

Era necessario un modo di aiutare altri a vivere la propria vita e creare il proprio futuro. In risposta, L. Ron Hubbard tracciò i piani di un movimento popolare che potesse instillare di nuovo tali valori nella società fermandone in tal modo il declino: il programma dei Ministri Volontari di Scientology.


Fonte notizia: https://www.ministrovolontario.it/


Scientology | Ministri Volontari | California | Incendio di Carr | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Regole e normative sui corsi antincendio in azienda


Smettere di fumare con il metodo Easyway di Allen Carr: a dicembre 2015 un seminario di sei ore a Milano


2001-2011: Il Movimento dei Ministri Volontari 10 Anni di Aiuto Indiscriminato


Mons. Giovanni Carrù, si è recato in Sardegna, presso le catacombe di S. Antioco


WILLIE NILE TORNA AL “ROCK & THE WINE” DI CLAVESANA IL 7 E 8/12 PER UN WEEKEND IN LANGA NEL NOME DEL DOLCETTO E DEL BUE GRASSO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale

Biscotti alla marijuana: due fidanzati all’ospedale
La marijuana è una sostanza tossica, e bisogna trattarla come tale; la propaganda che la posiziona come “naturale” e “curativa” mette in pericolo la salute delle persone. A Bologna uno studente universitario, dopo aver acquistato dei biscotti per strada da uno sconosciuto, li ha consumati e li ha offerti alla fidanzata, minorenne. Successivamente entrambi hanno accusato forti dolori gastrointestinali, e sono stati ricoverati al pronto soccorso. Il ragazzo ha poi confessato che i biscotti avevano la marijuana tra gli ingredienti. Per fortuna la quantità di so (continua)

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana

Aumentano i ricoveri al pronto soccorso per avvelenamento da marijuana
Un nuovo studio statunitense rileva un deciso aumento dei giovani che vengono ricoverati in ospedale dopo aver abusato di marijuana. La marijuana è una droga e in quanto tale è una sostanza tossica. La propaganda criminale che la tenta di posizionarla come “naturale”, “innocua” o addirittura “curativa” ha causato non solo un aumento nel suo uso, ma anche una maggiore inconsapevole leggerezza in chi si avvicina a questo stupefacente. Uno studio pubblicato nel 2017 dal “National Insitute of Health” degli Stati Uniti, di H (continua)

La marijuana è una medicina? Una pericolosa bugia

La marijuana è una medicina? Una pericolosa bugia
La propaganda sulla marijuana è infarcita di notizie del tutto false, soprattutto riguardo al fatto che tale droga abbia un uso medico. La marijuana non è una medicina. È un termine gergale per una pianta della famiglia della cannabis che contiene più di 60 diverse sostanze cannabinoidi e oltre 80 composti biologicamente attivi. Usare il termine “marijuana” al posto del THC (la sostanza tossica che dà lo “sballo) sarebbe come usare l’albero del salice al posto dell'acido “acetilsalicilico” (il principio attivo dell'aspirina). (continua)

In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito

In Scozia si muore per droga 4 volte di più che nel resto del Regno Unito
La quantità delle morti per overdose in Scozia è incredibilmente superiore a qualsiasi altra parte d’Europa. Le morti per overdose di droga avvengono in tutto il mondo, ma ci sono alcune zone dove si concentrano particolarmente. La Scozia è una di quelle: oltre 1200 vittime l’anno scorso, che equivalgono a 315 morti per milione di abitanti. Questi numeri sono incredibilmente alti, soprattutto se rapportati a quello globale del Regno Unito, 76 per milione, o a quello dell’Italia, 9 per milione. Una v (continua)

Una famiglia all’ospedale avvelenata dalla cannabis light

Una famiglia all’ospedale avvelenata dalla cannabis light
In seguito all’ingestione di una torta confezionata con la “marijuana light” come ingrediente, una famiglia della provincia di Ferrara è finita al pronto soccorso. Mentre i negozi di cannabis light sono ormai ampiamente diffusi in tutta Italia, c’è chi ancora crede alla favola che tale sostanza non sia una droga. E purtroppo ci sono anche degli irresponsabili che somministrano la cannabis light ad altri a loro insaputa, per fare uno scherzo di cattivo gusto. È quello che è successo in provincia di Ferrara: una 25enne invitata a pranzo dalla famiglia (continua)