Home > Cultura > Da trafficante di droga a modello per i giovani

Da trafficante di droga a modello per i giovani

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Da trafficante di droga a modello per i giovani


Tony Mendez è nato in Guatemala e cresciuto in California, da genitori pastori cristiani; nonostante questo la sua vita prese una brutta piega. A 18 anni, dipendente dalla cocaina, andò in prigione per la prima volta. Una volta rilasciato disse che sarebbe cambiato, ma alla fine si unì a una banda criminale e rimase coinvolto ancora di più nel mondo della droga. I suoi genitori hanno cercato di aiutarlo, ma non sapevano come.

A 24 anni ricevette la notizia che a suo padre rimanevano solo tre mesi di vita. Mendez fu sconvolto. "In quei tre mesi volevo rimediare a tutto quello che avevo fatto ", dice. Trascorse giorno e notte con suo padre, che alla fine passò morì nell'agosto 1994. "Mi sentivo in colpa perché, quando era vivo, non l'avevo ascoltato".

La perdita del padre lo spinse sempre più in basso, si ritrovò coinvolto nel traffico internazionale di droga attraverso l'aeroporto internazionale di Los Angeles. "Mi stavo uccidendo a poco a poco", ricorda.

Dal 1985 al 2001 è andato in prigione circa 20 volte. Si sposò e divenne padre. Finalmente nel 2001, in prigione e con un figlio di due anni a casa, decise di cambiare vita. "Non volevo che mio figlio prendesse la mia stessa strada", dice. “Ero stanco di scappare dalla realtà e di essere sempre infelice. Presi una decisione definitiva: avrei cambiato vita e avrei aiutato gli altri." Da quel giorno Mendez non toccò più la droga. E sta procedendo bene riguardo alla sua decisione di aiutare gli altri.

Ritornò in Guatemala e fondò il “Programma di Intervento Minorile”, un programma che allontana i giovani dalla droga e dal crimine attraverso lezioni nelle scuole, visite in prigione e all'obitorio. "Per mostrare loro dove finiranno se continuano a fare uso di droga", afferma Mendez.

Al centro del suo programma ci sono i materiali stampati e video dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”, rese disponibili gratuitamente per gli educatori. Ogni lezione porta i giovani attraverso i 14 opuscoli della campagna “La Verità sulla Droga”, sostenuta dalla Chiesa di Scientology, che fornisce i dati reali sulle droghe più comunemente usate, sulla marijuana e l'alcool, sulle droghe sintetiche e la cocaina, e sull'abuso di farmaci prescritti.

Gli opuscoli sono affiancati da documentari dove ex tossicodipendenti raccontano le loro esperienze con quelle droghe.

"Quanto più sai delle droghe, tanto più ci pensi prima di usarle, non sei più così curioso", dice. "È difficile vedere questi ragazzi coinvolti con droghe e violenza. So per esperienza come ci si sente a non avere una persona con cui parlare quando si prendono decisioni sbagliate."

Mendez ha ora guidato centinaia di giovani in sette scuole e riceve chiamate a giorni alterni da genitori che vogliono i loro figli nel suo programma. Fa persino visita ai giovani che "non hanno ascoltato", adesso in prigione.

Lo scopo di “Un Mondo Libero dalla Droga” è quello di arrivare a informare i giovani prima che lo facciano gli spacciatori o i loro coetanei che già fanno uso di stupefacenti. Il Celebrity Centre della Città di Firenze, Chiesa di Scientology, sta da anni sostenendo “Un Mondo libero dalla Droga”, organizzando eventi pubblici e lezioni nelle scuole. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | Guatemala |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

26 giugno 2020 - Giornata mondiale contro il consumo e il traffico illecito di droga


Mondo Libero dalla Droga a Cascina


In uscita per Project – Grow Up “Cronache di una spia” dalla penna di Marcello di Federico.


DOPO L’ECCELLENTE RISULTATO DELLA PRIMA EDIZIONE RITORNA AD ABANO TERME LA MOSTRA “DICO NO ALLA DROGA”


QUANTI MOTIVI CI SONO PER DIRE NO ALLA DROGA?


QUANTI MOTIVI CI SONO PER DIRE NO ALLA DROGA?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”
Quando era bambina Maria Lara aveva deciso di portare un cambiamento nel suo amato paese, la Colombia: oggi con “La Via della Felicità” lo sta facendo. Maria Lara è un'attrice che ama profondamente il suo paese e ha lo scopo scopo umanitario di cambiarlo in meglio. Nata a Cartagena e cresciuta orgogliosa essere colombiana, ha vissuto gli anni della guerra civile, delle bande criminali, della droga e della violenza nel suo paese. "Ricordo di aver pianto per questo, e in quel momento ho detto: 'La Colombia darà una lezione al mondo'".Lara ha s (continua)

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa
70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” sono state distribuite all’inaugurazione del mandato del presidente Cyril Ramaphosa. All’inaugurazione del suo mandato, il 25 maggio 2019, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha promesso di affrontare la corruzione e rilanciare l'economia in difficoltà del paese. Per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi e garantire una celebrazione pacifica, i volontari e gli agenti di polizia hanno distribuito circa 70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” alla folla che er (continua)

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali
Le statistiche USA evidenziano un aumento degli incidenti mortali negli stati in cui la marijuana è stata legalizzata. L’idea comune è che la marijuana è una “droga leggera” e che “di marijuana non si muore”. Se è vero che l’overdose è molto rara, è altrettanto vero che è statisticamente provato che l’abuso di cannabis incrementa gli incidenti stradali. L’istituto no-profit IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha effettuato una ricerca indipendente per cercare di comprendere la relazione tra uso d (continua)

LSD e violenza

LSD e violenza
La droga allucinogena LSD non è solo pericolosa per gli irreversibili danni che causa alla mente, ma anche per gli atti di violenza che a volte compiono chi ne fa uso. L’allucinogeno per eccellenza, l’LSD, reso popolare negli anni ’60 e ’70 dalla cultura hippie, causa potenti allucinazioni e altera lo stato mentale spesso in modo permanente. Sono molti quelli che, molti anni dopo averne fatto uso, sperimentano di nuovo allucinazioni e disagio mentale. Si tratta di nuovi “trip” causati da molecole di LSD rimaste intrappolate nel tessuto grasso che improvvisa (continua)