Home > Cultura > Da trafficante di droga a modello per i giovani

Da trafficante di droga a modello per i giovani

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

Da trafficante di droga a modello per i giovani

Tony Mendez è nato in Guatemala e cresciuto in California, da genitori pastori cristiani; nonostante questo la sua vita prese una brutta piega. A 18 anni, dipendente dalla cocaina, andò in prigione per la prima volta. Una volta rilasciato disse che sarebbe cambiato, ma alla fine si unì a una banda criminale e rimase coinvolto ancora di più nel mondo della droga. I suoi genitori hanno cercato di aiutarlo, ma non sapevano come.

A 24 anni ricevette la notizia che a suo padre rimanevano solo tre mesi di vita. Mendez fu sconvolto. "In quei tre mesi volevo rimediare a tutto quello che avevo fatto ", dice. Trascorse giorno e notte con suo padre, che alla fine passò morì nell'agosto 1994. "Mi sentivo in colpa perché, quando era vivo, non l'avevo ascoltato".

La perdita del padre lo spinse sempre più in basso, si ritrovò coinvolto nel traffico internazionale di droga attraverso l'aeroporto internazionale di Los Angeles. "Mi stavo uccidendo a poco a poco", ricorda.

Dal 1985 al 2001 è andato in prigione circa 20 volte. Si sposò e divenne padre. Finalmente nel 2001, in prigione e con un figlio di due anni a casa, decise di cambiare vita. "Non volevo che mio figlio prendesse la mia stessa strada", dice. “Ero stanco di scappare dalla realtà e di essere sempre infelice. Presi una decisione definitiva: avrei cambiato vita e avrei aiutato gli altri." Da quel giorno Mendez non toccò più la droga. E sta procedendo bene riguardo alla sua decisione di aiutare gli altri.

Ritornò in Guatemala e fondò il “Programma di Intervento Minorile”, un programma che allontana i giovani dalla droga e dal crimine attraverso lezioni nelle scuole, visite in prigione e all'obitorio. "Per mostrare loro dove finiranno se continuano a fare uso di droga", afferma Mendez.

Al centro del suo programma ci sono i materiali stampati e video dell’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga”, rese disponibili gratuitamente per gli educatori. Ogni lezione porta i giovani attraverso i 14 opuscoli della campagna “La Verità sulla Droga”, sostenuta dalla Chiesa di Scientology, che fornisce i dati reali sulle droghe più comunemente usate, sulla marijuana e l'alcool, sulle droghe sintetiche e la cocaina, e sull'abuso di farmaci prescritti.

Gli opuscoli sono affiancati da documentari dove ex tossicodipendenti raccontano le loro esperienze con quelle droghe.

"Quanto più sai delle droghe, tanto più ci pensi prima di usarle, non sei più così curioso", dice. "È difficile vedere questi ragazzi coinvolti con droghe e violenza. So per esperienza come ci si sente a non avere una persona con cui parlare quando si prendono decisioni sbagliate."

Mendez ha ora guidato centinaia di giovani in sette scuole e riceve chiamate a giorni alterni da genitori che vogliono i loro figli nel suo programma. Fa persino visita ai giovani che "non hanno ascoltato", adesso in prigione.

Lo scopo di “Un Mondo Libero dalla Droga” è quello di arrivare a informare i giovani prima che lo facciano gli spacciatori o i loro coetanei che già fanno uso di stupefacenti. Il Celebrity Centre della Città di Firenze, Chiesa di Scientology, sta da anni sostenendo “Un Mondo libero dalla Droga”, organizzando eventi pubblici e lezioni nelle scuole. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | Guatemala |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

In uscita per Project – Grow Up “Cronache di una spia” dalla penna di Marcello di Federico.


Mondo Libero dalla Droga a Cascina


DOPO L’ECCELLENTE RISULTATO DELLA PRIMA EDIZIONE RITORNA AD ABANO TERME LA MOSTRA “DICO NO ALLA DROGA”


QUANTI MOTIVI CI SONO PER DIRE NO ALLA DROGA?


QUANTI MOTIVI CI SONO PER DIRE NO ALLA DROGA?


CONTINUA A PADOVA LA CAMPAGNA INFORMATIVA PER DIRE NO ALLA DROGA!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sì può diventare spacciatori di droga a 18 anni? C’è speranza per i nostri giovani?

Sì può diventare spacciatori di droga a 18 anni? C’è speranza per i nostri giovani?
A Camerino, dicembre 2019, i carabinieri non hanno sgominato una banda di trafficanti internazionali riforniti dai “narcos” messicani o colombiani. Hanno arrestato un ragazzino diciottenne che acquistava tranquillamente le sue droghe su internet, regalandole o rivendendole ad amici e conoscenti. Anfetamine, marijuana, hashish, LSD, altre droghe sintetiche, ecc. Insomma, una situazione (continua)

Perché tanti personaggi famosi muoiono di overdose?

Perché tanti personaggi famosi muoiono di overdose?
Marilyn Monroe, Michael Jackson, Prince, Sigmund Freud, Elvis Presley, Judy Garland, Heath Ledger, Bruce Lee, Kurt Cobain, Anna Nicole Smith, Jimi Hendrix. Cosa accomuna questi personaggi famosi? Sono tutti morti per overdose di farmaci legali, prescritti da un medico. La maggior parte di questi artisti non desiderava affatto morire, ma sono rimaste vittima di overdose accidentali. La tossicodipen (continua)

Gli psicofarmaci possono causare overdose, e anche la morte

Gli psicofarmaci possono causare overdose, e anche la morte
Gli psicofarmaci, venduti in eleganti bottigliette o confezionati in luccicanti pillole colorate, sono droghe a tutti gli effetti. Vengono prescritti senza nessun tipo di analisi cliniche, solo in base a sintomi. Hanno effetti molto gravi sul sistema nervoso e sulla mente delle persone. Tutti i disturbi che pretendono di curare hanno una causa, una causa reale legata al corpo o causata dalle esper (continua)

L’eroina è tornata ad uccidere i nostri giovani: cosa si può fare a riguardo?

L’eroina è tornata ad uccidere i nostri giovani: cosa si può fare a riguardo?
Già nel 2016, i morti per eroina e altri derivati dell’oppio negli Stati Uniti sono stati più di 40.000: la media è impressionante, 115 al giorno, un morto ogni 12 minuti. E in Italia? Dopo 15 anni in cui i morti diminuivano, dal 2017 aumentano di nuovo, con un incremento del 9.7% rispetto al 2016. I numeri non sono paragonabili a quelli degli anni ’90, nel 1996 (continua)

La Marijuana aumenta il rischio di psicosi e depressione negli adolescenti

La Marijuana aumenta il rischio di psicosi e depressione negli adolescenti
Sono anni, ormai decenni, che la Marijuana viene descritta come “leggera”, “curativa”, “terapeutica”, “innocua”, e via dicendo. Si tratta di pura propaganda che si rivela falsa non appena dei seri studi scientifici di rinomate università rivelano che la verità è molto, molto diversa. Innanzitutto va ribadito che la marijuana, de (continua)