Home > Cultura > Una storia di redenzione: dalle bande criminali in Messico a Ministro Volontario di Scientology

Una storia di redenzione: dalle bande criminali in Messico a Ministro Volontario di Scientology

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

Una storia di redenzione: dalle bande criminali in Messico a Ministro Volontario di Scientology

Francisco "Paco" Cedeno Murillo si offrì volontario per quasi tre mesi quando avvenne il disastro. Qualche anno fa, tuttavia, nessuno si sarebbe aspettato di vederlo lì tra i Ministri Volontari! “Quando sono venuto negli Stati Uniti, ho lasciato il mio paese, il Messico, perché stavo cercando di migliorare la mia vita. Ero stato coinvolto in bande criminali e droghe", spiega. “Grazie a Scientology, ho sentito l'impulso di aiutare gli altri. Nel 2016, ho deciso di mettermi in gioco con i Ministri Volontari e ho iniziato ad aiutare in una tenda alla Martin Luther King Day Parade.” Paco divenne presto una persona regolare, aiutando a tenere i seminari dei Ministri Volontari e allestendo la tenda in occasione degli eventi a Los Angeles.

Fu quando la stagione degli uragani colpì che essere un Ministro Volontario divenne la sua vocazione. Il primo uragano, Harvey, ha devastato il sud del Texas. Paco dice: “Sono andato lì e ho visto che sarei stato di grande aiuto in quanto ho ampie competenze nella costruzione. Mi è stato assegnato il compito di gestire la produzione e da quel momento ho capito che è quello che mi piace fare.

“In qualsiasi tipo di disastro, le case vengono distrutte. Sono stato a Rockport, in Texas, per tre settimane e la mia conoscenza dell’edilizia mi ha permesso di valutare un'area e determinare se un gruppo di Ministri Volontari fosse adeguato o meno per venire a ripulirla. Ma non aiutavamo solo i residenti. Stavamo lavorando direttamente con i vigili del fuoco."

Ciò che ha maggiormente influenzato Paco, sono state le persone che lui ha aiutato: “Una storia che è rimasta impressa nella mia testa e nel mio cuore è, in Texas, quella di un veterano. Era arrabbiato, nessuno lo stava aiutando. Ci siamo presentati e ci siamo offerti di aiutarlo. All'inizio sembrava dubbioso, ma poi ho organizzato il gruppo, assegnato le diverse funzioni e ci siamo messi tutti al lavoro. Un Ministro Volontario ha dato un Assistenza di Scientology (un procedimento per alleviare il disagio e orientare la persona nell’ambiente) al padre del veterano, che si è sentito meglio.

"Quando ha visto il nostro lavoro è diventato più sereno e poi è venuto da me chiedendo: 'Paco, cosa vuoi che faccia ora?' Quindi ha iniziato a lavorare con noi e poche ore dopo abbiamo finito quello che avrebbe potuto fare in due settimane! Mentre stavamo partendo, disse: "Paco, posso venire con voi ragazzi?" E ci ha aiutato con la casa successiva."

Dopo il Texas, l'uragano Maria ha devastato Porto Rico. Paco è stato chiamato di nuovo, ma questa volta è stato il responsabile dell'intero corpo dei Ministri Volontari. Non c'era modo di rifiutare: “Sentivo solo che Porto Rico era qualcosa che dovevo fare, non c'era modo di dire di no.

“Quindi sono andato e sono stato lì per due mesi. Quando siamo arrivati, abbiamo lavorato all’inizio sulla pulizia delle strade, sulla rimozione di detriti e alberi. Il generale Buchanan, il principale responsabile delle truppe a Puerto Rico, ci ha menzionato in un'intervista con i media. Ha detto che gli è stato riferito dai militari che un gruppo di persone della Chiesa di Scientology è venuto con un gruppo di motoseghe e ha appena iniziato a tagliare alberi. Dopo aver ripulito le strade, abbiamo iniziato a lavorare sulla distribuzione di cibo e acqua e a dare assistenza.”

“A Puerto Rico siamo andati in tante località e siamo andati in aree dove pochi altri stavano andando. Una città, Castañer, era a due ore di macchina e quando arrivammo lì la gente del posto rimase stupita dall'arrivo di qualcuno. Abbiamo portato cibo e iniziato a scaricare, ed è diventata una piccola festa. È stato fantastico vedere i loro volti, erano così riconoscenti! Eravamo proprio come una famiglia. È stato veramente fantastico lavorare con loro."

Nel 1973, il Fondatore di Dianetics e Scientology L. Ron Hubbard condusse una ricerca sociologica a New York e scoprì una società drammaticamente peggiore di quella che ricordava da anni precedenti. Da tale ricerca previde la direzione presa dalla cultura: flagrante immoralità, violenza per il compiacimento personale e infine politica tramite terrorismo.

Era necessario un modo di aiutare altri a vivere la propria vita e creare il proprio futuro. In risposta, L. Ron Hubbard tracciò i piani di un movimento popolare che potesse instillare di nuovo tali valori nella società fermandone in tal modo il declino: il programma dei Ministri Volontari di Scientology.

Scientology | Ministri Volontari | L Ron Hubbard | USA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Una Nuova Chiesa di Scientology apre nel Cuore di Mosca


The power of light


La Chiesa di Scientology di Melbourne : prima Chiesa ideale di Scientology sotto la Croce del Sud


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


SCIENTOLOGY - COSA DICONO GLI ESPERTI?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fumano spinelli a scuola e si sentono male

Fumano spinelli a scuola e si sentono male
È notizia dello scorso novembre 2019 che a Valbelluna, in Veneto, delle studentesse 14enni, dopo aver fumato spinelli durante la ricreazione, abbiano accusato un malore. Una è addirittura finita in ospedale. L’unico commento possibile è che questo è cosa si otterrebbe, su larga scala, spingendo verso la liberalizzazione delle “droghe leggere”. Il prob (continua)

A Messina si spaccia davanti alle scuole: cosa si può fare a riguardo?

A Messina si spaccia davanti alle scuole: cosa si può fare a riguardo?
È di ieri, 10 dicembre 2019, la notizia che in provincia di Messina, a Patti, sono stati arrestati degli spacciatori che offrivano e vendevano droga ai ragazzi delle scuole, fuori da alcuni istituti. È piuttosto ovvio che, se gli spacciatori vanno davanti alle scuole, è perché sanno che qualche ragazzo abboccherà al loro amo, e diventerà un tossicodipende (continua)

È corretto informare in anticipo gli studenti di un blitz antidroga?

È corretto informare in anticipo gli studenti di un blitz antidroga?
Un preside, un professore, dovrebbe avere più a cuore la salute dei propri studenti, o il ”buon nome” dell’istituto? La risposta sembra ovvia… invece in quel di Reggio Emilia, in alcune scuole, pare che qualcuno abbia pensato bene di avvisare i ragazzi di un prossimo blitz con i cani anti-droga. Questi episodi sono stati riferiti da un consigliere comunale di Reggio (continua)

Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.

Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.
È del tutto chiaro che la proibizione della droga, di per sé, non risolve il problema. È anche piuttosto evidente, dopo il via libera alla marijuana in Colorado, che neppure la legalizzazione lo risolve (anzi, statistiche di incidenti e crimine alla mano, lo peggiora). Ecco che cosa pensava il giudice Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia ovvero dai più potenti traffica (continua)

Sì può diventare spacciatori di droga a 18 anni? C’è speranza per i nostri giovani?

Sì può diventare spacciatori di droga a 18 anni? C’è speranza per i nostri giovani?
A Camerino, dicembre 2019, i carabinieri non hanno sgominato una banda di trafficanti internazionali riforniti dai “narcos” messicani o colombiani. Hanno arrestato un ragazzino diciottenne che acquistava tranquillamente le sue droghe su internet, regalandole o rivendendole ad amici e conoscenti. Anfetamine, marijuana, hashish, LSD, altre droghe sintetiche, ecc. Insomma, una situazione (continua)