Home > Cultura > Un ex tossicodipendente diventa un attivista contro la droga

Un ex tossicodipendente diventa un attivista contro la droga

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Un ex tossicodipendente diventa un attivista contro la droga


Il padre lo abbandonò quando aveva 15 anni, e Jerry Ortega si ritrovo coinvolto in una gang, affogando i dispiaceri nella droga. Molto presto cominciò a spacciare il famigerato “Crystal Meth” (metanfetamine). Dopo essersi trasferito nello Utah iniziò a consumare 3 grammi di eroina al giorno.

"Mi ero trasformato in qualcuno che ha poca considerazione per chiunque o per qualsiasi cosa", dice Ortega, che ha trascorso più di un decennio abusando delle droghe più pesanti conosciute dall'uomo.

“Ti consuma. Prima che smettessi, avevo permesso alla mia ex moglie di prostituirsi", dice. "Abbiamo fatto di tutto per procurarci l'eroina".

Ortega racconta di aver allontanato sua madre, che una volta era la sua migliore amica, perché si vergognava di quello che era diventato: un uomo che ha rubato fino a che non finiva i posti dove rubare, un uomo che è stato arrestato, imprigionato e che è andato in overdose per due volte tre giorni dopo essere stato rilasciato. Un uomo che, si rese conto Ortega, sarebbe morto usando droghe o sarebbe finito in prigione per il resto della sua vita.

Quindi, quando suo figlio fu portato via alla nascita dai servizi sociali, quella fu la fine. Lui e sua moglie entrarono in un centro di riabilitazione. Oggi, sette mesi dopo, hanno riavuto il loro bambino.

"Nostro figlio non ci ha mai visti fatti di droga", dice Ortega. "Non devo più preoccuparmi se dormiremo in un vicolo o se avremo i soldi per i pannolini perché li ho spesi per l’eroina".

"Mi sono interessato alla prevenzione della droga all'inizio del mio percorso di recupero perché volevo imparare tutto ciò che potevo sulla mia dipendenza", dice. “Ho deciso che volevo condividere ciò che ho imparato con gli altri perché nessuno vuole essere un fatto o un drogato.

"I materiali dell’associazione Un Mondo Libero dalla Droga sono molto aggiornati e ottengono l'interesse di tutte le persone con cui li condivido", afferma. Ecco perché, dice Ortega, anche i tossicodipendenti esperti imparano qualcosa di nuovo quando leggono un opuscolo della serie “La Verità sulla Droga”, la campagna di Un Mondo Libero dalla Droga.

Ma, conoscendo in prima persona il caos provocato dalle droghe, Ortega sta lavorando per informare coloro che devono ancora fare la fatidica scelta che potrebbe rovinare la loro vita.

Porto gli opuscoli ovunque io vada," dice. “L'uso di eroina sta aumentando drammaticamente nella Contea di Kern e così tanti ragazzi muoiono per overdose. Se hanno tutte le informazioni prima di prendere la decisione di usarla, almeno hanno una buona possibilità di starne alla larga.”

Oggi Ortega e sua madre sono ancora di nuovo ottimi amici. Frequenta un corso conferenziere al Bakersfield College, si sta allenando per diventare ministro e definisce Un Mondo Libero dalla Droga "una manna dal cielo". Non solo perché può salvare vite umane, ma perché sa che, ogni giorno, in realtà sta salvando la sua.

"Mi dà la forza di alzarmi la mattina e continuare nella mia guarigione", dice, "perché so che sto aiutando altre persone".

L’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” è sostenuta dalla Chiesa di Scientology che, fin dalla sua fondazione negli anni ’50 del secolo scorso, ha subito riconosciuto che la droga e l’alcol fossero una delle principali cause della spirale discendente che sta portando il pianeta alla degradazione. Il suo fondatore, L. Ron Hubbard, ha spesso condannato l’uso di droga nei suoi scritti, spiegando in dettaglio quali siano gli effetti invariabilmente negativi sul corpo e sulla mente degli individui.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | California | USA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come Convincere un Tossicodipendente a Curarsi


Essere un tossicodipendente


Come Aiutare una Sorella Tossicodipendente


Come Aiutare una Madre Tossicodipendente


Come Aiutare un Tossicodipendente


Come Aiutare un Tossicodipendente che Non Vuole Essere Aiutato


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”

L'attrice colombiana Maria Lara abbraccia la campagna “La Via della Felicità”
Quando era bambina Maria Lara aveva deciso di portare un cambiamento nel suo amato paese, la Colombia: oggi con “La Via della Felicità” lo sta facendo. Maria Lara è un'attrice che ama profondamente il suo paese e ha lo scopo scopo umanitario di cambiarlo in meglio. Nata a Cartagena e cresciuta orgogliosa essere colombiana, ha vissuto gli anni della guerra civile, delle bande criminali, della droga e della violenza nel suo paese. "Ricordo di aver pianto per questo, e in quel momento ho detto: 'La Colombia darà una lezione al mondo'".Lara ha s (continua)

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa

Il libretto “La Via della Felicità” protagonista in Sud Africa
70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” sono state distribuite all’inaugurazione del mandato del presidente Cyril Ramaphosa. All’inaugurazione del suo mandato, il 25 maggio 2019, il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha promesso di affrontare la corruzione e rilanciare l'economia in difficoltà del paese. Per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi e garantire una celebrazione pacifica, i volontari e gli agenti di polizia hanno distribuito circa 70.000 copie del libretto “La Via della Felicità” alla folla che er (continua)

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali

Si muore anche di Marijuana: il fatale incremento degli incidenti stradali
Le statistiche USA evidenziano un aumento degli incidenti mortali negli stati in cui la marijuana è stata legalizzata. L’idea comune è che la marijuana è una “droga leggera” e che “di marijuana non si muore”. Se è vero che l’overdose è molto rara, è altrettanto vero che è statisticamente provato che l’abuso di cannabis incrementa gli incidenti stradali. L’istituto no-profit IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha effettuato una ricerca indipendente per cercare di comprendere la relazione tra uso d (continua)

LSD e violenza

LSD e violenza
La droga allucinogena LSD non è solo pericolosa per gli irreversibili danni che causa alla mente, ma anche per gli atti di violenza che a volte compiono chi ne fa uso. L’allucinogeno per eccellenza, l’LSD, reso popolare negli anni ’60 e ’70 dalla cultura hippie, causa potenti allucinazioni e altera lo stato mentale spesso in modo permanente. Sono molti quelli che, molti anni dopo averne fatto uso, sperimentano di nuovo allucinazioni e disagio mentale. Si tratta di nuovi “trip” causati da molecole di LSD rimaste intrappolate nel tessuto grasso che improvvisa (continua)