Home > Cultura > Un ex tossicodipendente diventa un attivista contro la droga

Un ex tossicodipendente diventa un attivista contro la droga

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

Un ex tossicodipendente diventa un attivista contro la droga

Il padre lo abbandonò quando aveva 15 anni, e Jerry Ortega si ritrovo coinvolto in una gang, affogando i dispiaceri nella droga. Molto presto cominciò a spacciare il famigerato “Crystal Meth” (metanfetamine). Dopo essersi trasferito nello Utah iniziò a consumare 3 grammi di eroina al giorno.

"Mi ero trasformato in qualcuno che ha poca considerazione per chiunque o per qualsiasi cosa", dice Ortega, che ha trascorso più di un decennio abusando delle droghe più pesanti conosciute dall'uomo.

“Ti consuma. Prima che smettessi, avevo permesso alla mia ex moglie di prostituirsi", dice. "Abbiamo fatto di tutto per procurarci l'eroina".

Ortega racconta di aver allontanato sua madre, che una volta era la sua migliore amica, perché si vergognava di quello che era diventato: un uomo che ha rubato fino a che non finiva i posti dove rubare, un uomo che è stato arrestato, imprigionato e che è andato in overdose per due volte tre giorni dopo essere stato rilasciato. Un uomo che, si rese conto Ortega, sarebbe morto usando droghe o sarebbe finito in prigione per il resto della sua vita.

Quindi, quando suo figlio fu portato via alla nascita dai servizi sociali, quella fu la fine. Lui e sua moglie entrarono in un centro di riabilitazione. Oggi, sette mesi dopo, hanno riavuto il loro bambino.

"Nostro figlio non ci ha mai visti fatti di droga", dice Ortega. "Non devo più preoccuparmi se dormiremo in un vicolo o se avremo i soldi per i pannolini perché li ho spesi per l’eroina".

"Mi sono interessato alla prevenzione della droga all'inizio del mio percorso di recupero perché volevo imparare tutto ciò che potevo sulla mia dipendenza", dice. “Ho deciso che volevo condividere ciò che ho imparato con gli altri perché nessuno vuole essere un fatto o un drogato.

"I materiali dell’associazione Un Mondo Libero dalla Droga sono molto aggiornati e ottengono l'interesse di tutte le persone con cui li condivido", afferma. Ecco perché, dice Ortega, anche i tossicodipendenti esperti imparano qualcosa di nuovo quando leggono un opuscolo della serie “La Verità sulla Droga”, la campagna di Un Mondo Libero dalla Droga.

Ma, conoscendo in prima persona il caos provocato dalle droghe, Ortega sta lavorando per informare coloro che devono ancora fare la fatidica scelta che potrebbe rovinare la loro vita.

Porto gli opuscoli ovunque io vada," dice. “L'uso di eroina sta aumentando drammaticamente nella Contea di Kern e così tanti ragazzi muoiono per overdose. Se hanno tutte le informazioni prima di prendere la decisione di usarla, almeno hanno una buona possibilità di starne alla larga.”

Oggi Ortega e sua madre sono ancora di nuovo ottimi amici. Frequenta un corso conferenziere al Bakersfield College, si sta allenando per diventare ministro e definisce Un Mondo Libero dalla Droga "una manna dal cielo". Non solo perché può salvare vite umane, ma perché sa che, ogni giorno, in realtà sta salvando la sua.

"Mi dà la forza di alzarmi la mattina e continuare nella mia guarigione", dice, "perché so che sto aiutando altre persone".

L’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” è sostenuta dalla Chiesa di Scientology che, fin dalla sua fondazione negli anni ’50 del secolo scorso, ha subito riconosciuto che la droga e l’alcol fossero una delle principali cause della spirale discendente che sta portando il pianeta alla degradazione. Il suo fondatore, L. Ron Hubbard, ha spesso condannato l’uso di droga nei suoi scritti, spiegando in dettaglio quali siano gli effetti invariabilmente negativi sul corpo e sulla mente degli individui.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | California | USA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come Convincere un Tossicodipendente a Curarsi


Essere un tossicodipendente


Come Aiutare una Sorella Tossicodipendente


Come Aiutare una Madre Tossicodipendente


Come Aiutare un Tossicodipendente che Non Vuole Essere Aiutato


Enrico Fresolone i consiglio acquistare un buon telefono


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sì può diventare spacciatori di droga a 18 anni? C’è speranza per i nostri giovani?

Sì può diventare spacciatori di droga a 18 anni? C’è speranza per i nostri giovani?
A Camerino, dicembre 2019, i carabinieri non hanno sgominato una banda di trafficanti internazionali riforniti dai “narcos” messicani o colombiani. Hanno arrestato un ragazzino diciottenne che acquistava tranquillamente le sue droghe su internet, regalandole o rivendendole ad amici e conoscenti. Anfetamine, marijuana, hashish, LSD, altre droghe sintetiche, ecc. Insomma, una situazione (continua)

Perché tanti personaggi famosi muoiono di overdose?

Perché tanti personaggi famosi muoiono di overdose?
Marilyn Monroe, Michael Jackson, Prince, Sigmund Freud, Elvis Presley, Judy Garland, Heath Ledger, Bruce Lee, Kurt Cobain, Anna Nicole Smith, Jimi Hendrix. Cosa accomuna questi personaggi famosi? Sono tutti morti per overdose di farmaci legali, prescritti da un medico. La maggior parte di questi artisti non desiderava affatto morire, ma sono rimaste vittima di overdose accidentali. La tossicodipen (continua)

Gli psicofarmaci possono causare overdose, e anche la morte

Gli psicofarmaci possono causare overdose, e anche la morte
Gli psicofarmaci, venduti in eleganti bottigliette o confezionati in luccicanti pillole colorate, sono droghe a tutti gli effetti. Vengono prescritti senza nessun tipo di analisi cliniche, solo in base a sintomi. Hanno effetti molto gravi sul sistema nervoso e sulla mente delle persone. Tutti i disturbi che pretendono di curare hanno una causa, una causa reale legata al corpo o causata dalle esper (continua)

L’eroina è tornata ad uccidere i nostri giovani: cosa si può fare a riguardo?

L’eroina è tornata ad uccidere i nostri giovani: cosa si può fare a riguardo?
Già nel 2016, i morti per eroina e altri derivati dell’oppio negli Stati Uniti sono stati più di 40.000: la media è impressionante, 115 al giorno, un morto ogni 12 minuti. E in Italia? Dopo 15 anni in cui i morti diminuivano, dal 2017 aumentano di nuovo, con un incremento del 9.7% rispetto al 2016. I numeri non sono paragonabili a quelli degli anni ’90, nel 1996 (continua)

La Marijuana aumenta il rischio di psicosi e depressione negli adolescenti

La Marijuana aumenta il rischio di psicosi e depressione negli adolescenti
Sono anni, ormai decenni, che la Marijuana viene descritta come “leggera”, “curativa”, “terapeutica”, “innocua”, e via dicendo. Si tratta di pura propaganda che si rivela falsa non appena dei seri studi scientifici di rinomate università rivelano che la verità è molto, molto diversa. Innanzitutto va ribadito che la marijuana, de (continua)