Home > Cultura > Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.

Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.


È del tutto chiaro che la proibizione della droga, di per sé, non risolve il problema. È anche piuttosto evidente, dopo il via libera alla marijuana in Colorado, che neppure la legalizzazione lo risolve (anzi, statistiche di incidenti e crimine alla mano, lo peggiora).

Ecco che cosa pensava il giudice Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia ovvero dai più potenti trafficanti di droga del nostro paese: «La legalizzazione degli stupefacenti non può rappresentare uno strumento per combattere la mafia, Intanto come mi sembra di aver chiarito non bisogna stabilire un’equazione assoluta tra la mafia e il traffico di sostanze stupefacenti. La mafia esisteva ancora prima del traffico di stupefacenti e probabilmente se per miracolo il traffico di stupefacenti scomparirà, la mafia esisterà ancora perché l’essenza della mafia non è il traffico delle sostanze stupefacenti (…) Oggi è vero che il business più importante della mafia è il traffico delle sostanze stupefacenti e qualcuno ha sostenuto: “se noi eliminiamo il traffico clandestino e legalizziamo il consumo di droga abbiamo contemporaneamente levato dalle mani alla mafia la possibilità di ottenere tutti questi guadagni illeciti ed essere così potente”. Tuttavia forse non si riflette che la legalizzazione del consumo di droga non elimina affatto il mercato clandestino, anzi avviene che le categorie più deboli e meno protette saranno le prime ad essere investite dal mercato clandestino (…) Resisterebbe poi un ulteriori traffico clandestino che è quello delle droghe micidiali, che per le stesse ragioni lo Stato non potrebbe mai liberalizzare (…) Ci sarà un ulteriore parte del mercato clandestino dovuto a tutti coloro che per qualsiasi ragione non vorranno ricorrere al mercato ufficiale: per non essere schedati, per non essere individuati, per ragioni sociali, eccetera».

L’associazione internazionale “Un Mondo Libero dalla Droga”, pensa che esista una terza via: la prevenzione. Formare delle nuove generazioni che comprendano la verità sulla droga, farà in modo che possano decidere con la loro testa di non farne uso. La maggior parte degli ex tossicodipendenti afferma che “se avessero saputo le conseguenze” non avrebbero iniziato ad assumere stupefacenti.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | Legalizzazione | Paolo Borsellino |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Invito turistico, Certificati, Documenti e Spedizioni per Cuba


“NOI DUE” è il NUOVO SINGOLO DI ANDREA LELLI CHE ANTICIPA IL SUO PROSSIMO ALBUM “PINDARICAMENTE” PRODOTTO DA ET-TEAM


Al Teatro Pezzani uno spettacolo legato alla Linea Erotica


"Primo volo": l'umorismo politico del teatro canzone nello spettacolo di Paolo Fusi e Carlotta Piraino


Certificati e Documenti per Cuba agenzia a Roma Intercuba Service Via Giovanni Branca.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa

Il Motogiro Nazionale di “Dico no alla droga” fa tappa a Firenze e Pisa
Firenze e Pisa saranno le prime tappe del Primo Motogiro Nazionale “Mettiamoci in moto per un Italia Libera dalla Droga” organizzato dall’associazione Dico No alla Droga. A Firenze il Motogiro si fermerà a Piazzale Michelangelo, lunedì 30 agosto alle 16:30 circa, dove riceverà il saluto del Consigliere Comunale Federico Bussolin. La tappa di Pisa sarà effettuata in collaborazione con l’associazione Gruppo Il Ponte San Patrignano, e con la Pubblica Assistenza Litorale Pisano che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa.Nel dettaglio il Motogiro passerà da Pia (continua)

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo

Reggere bene l’alcool è una predisposizione all’alcolismo
Molti si vantano di “reggere bene l’alcool”, ma questa capacità porta a bere di più e quindi a maggiori rischi per salute, incidenti e alcolismo. Le persone che bevono alcolici regolarmente, alle feste, al bar o a casa, spesso si vantano della loro capacità di “reggere l’acool”. Sia che facciano per “essere dei duri” o che siano orgogliosi reggerlo più dei loro amici, queste persone spesso faranno sfoggio del fatto gli ci vogliono più drink per ubriacarsi, o che sono in grado di consumare abbondanti quantità di alcol senza soffrire di (continua)

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli

Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli
Bambini nati tossicodipendenti da madri inconsapevoli Un numero crescente di bambini nasce già dipendenti dalle droghe, e non sempre la causa è una madre tossicodipendente. Il quotidiano di Nashville “The Tennessean” ha recentemente pubblicato un rapporto su una preoccupante tendenza: sempre più bambini nascono nell'inferno della “sindrome da astinenza neonatale”, una condizione che si verifica quando una madre usa antidolorifici oppiacei (farmaci legali prescritti ma simili all’eroina e alla morfina) durante il corso della gravidanza. Il bambino diventa dipende (continua)

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari

Prevenzione alla droga negli stabilimenti balneari
I volontari dell’associazione Mondo Libero dalla Droga hanno visitato 14 bagni del litorale di Tirrenia e Marina di Pisa distribuendo materiale informativo sui pericoli delle droghe. La droga non va in vacanza e chi ne abusa continua a cercarla anche durante il soggiorno nelle località balneari. Gli spacciatori lo sanno, e durante l’estate si spostano sulla costa per rifornire i vacanzieri che cercano lo ‘sballo’ a tutti i costi o che altrimenti andrebbero in crisi di astinenza. I volontari dell’associazione internazionale “Mondo Libero dalla Droga” si sono mobilitati (continua)

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana

L'abuso di farmaci è secondo solo alla marijuana
Nel mondo della tossicodipendenza, l’abuso di farmaci è ormai come diffusione al secondo posto dietro alla marijuana I farmaci prescritti fanno parte della vita di milioni di persone, negli Stati Uniti il 48% delle persone assume almeno un farmaco con regolarità, mentre l'11% assume cinque o più farmaci ogni mese. Particolarmente comune tra questi farmaci è il Vicodin, un antidolorifico oppiaceo che ora è il farmaco più comunemente prescritto negli Stati Uniti. Solo nel 2010 sono state scritte più di 130 mi (continua)