Home > Cultura > Dalla droga al grande calcio: la storia di Michael

Dalla droga al grande calcio: la storia di Michael

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Dalla droga al grande calcio: la storia di Michael


Non sono pochi i calciatori che dopo aver assaporato un grande successo si tuffano nella droga o nell’alcool. Maradona, Gascoigne, Mutu, Caniggia, Pato, Higuita e molti altri. Tutti campioni che hanno subito una parabola discendente, e molti guai, a causa dell’abuso di sostanze stupefacenti.

Ma che anche chi ha seguito il cammino inverso: invischiato nelle droga da ragazzo, per poi liberarsene e arrivare al successo. Questa è la storia di Michael, ala sinistra 23enne del Goias, conteso da tutte le maggiori squadre del Brasile.

Michael, nato nello stato del Mato Grosso, faceva uso di cocaina, acidi e cloroformio. Ha persino spacciato, è stato coinvolto nel traffico di droga e hanno cercato di farlo fuori varie volte. Ecco cosa dichiara: “Non sono orgoglioso di quello che ho fatto, ma grazie a Dio sono riuscito a scappare dalla strada sbagliata”.

Questa storia può essere di esempio per molti giovani che, schiavi della droga, pensano di non avere un futuro. Un futuro brillante è sempre possibile, se si ha la forza di liberarsi dalla schiavitù delle sostanze stupefacenti. Ancora meglio sarebbe non farne uso in primo luogo! Ecco che la prevenzione, nei giovanissimi, riveste un ruolo fondamentale.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. I volontari dell’associazione, non sono d’accordo con le forze politiche che vorrebbero la droga in libera vendita, ma neppure con quelle che credono che la repressione sia l’unico modo per risolvere il problema. La storia ci insegna che nessuna delle due strategie ha mai avuto successo. La chiave per liberarci dal problema della droga è la prevenzione.

Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, consapevole dei rischi che corre, non accetterà di provare droghe per quanto siano falsamente etichettate come “light”.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: https://www.noalladroga.it/


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | Michael | Calcio | Brasile |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MIKE MARIC: L’IMPORTANZA DEL 5° STILE PER MIGLIORARE LA FASE SUBACQUEA


Scommesse Di Calcio, Oggi, Il Modo Migliore Per Entrare A Far Parte Del Mondo Del Betting


Torneo futsal: lo spirito è di squadra e collaborazione


Andare a un torneo di calcio serve a maturare sportivamente e come persona


“A Belfast boy”, l’autobiografia dello scrittore nordirlandese Michael Phillips


Il calcio praticato dai non vedenti


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Se il corriere della droga è un drone

Se il corriere della droga è un drone
Nel carcere di Salerno la droga veniva recapitata ai detenuti tramite droni. Il mondo della criminalità è sempre stato attento alle nuove tecnologie, e anche il traffico di droga si sta adeguando ai moderni mezzi di distribuzione delle merci. È noto che Amazon sta da tempo sperimentando il recapito degli oggetti acquistati tramite droni che prelevano la merce dal magazzino e la depositano davanti alla porta o addirittura in terrazza. Nel carcere di Salerno, dove n (continua)

La globalizzazione riguarda anche il mondo del traffico illegale di droga

La globalizzazione riguarda anche il mondo del traffico illegale di droga
Il traffico internazionale di droga ha proporzioni enormi e, come in qualsiasi tipo di commercio, è commisurato alla domanda di sostanze stupefacenti. Le stime effettuate dalle Nazioni Unite parlano di un giro di affari di oltre 300 miliardi di dollari legato alle droghe illegali. Si tratta di quasi l’1% del totale del commercio mondiale. Queste cifre sono state stimate nel 2003: dato che il consumo di droga è in costante aumento, si può esser certi che anche il giro d’affari sia ormai molto maggiore di quello di 17 anni fa. I principali (continua)

Droga per posta dall’Olanda

Droga per posta dall’Olanda
Biglietti di auguri, cartoline, libri e cerotti: ecco i nuovi “corrieri” della droga. I corrieri della droga sono ben consci dei rischi che corrono quando trasportano le sostanze stupefacenti in giro per l’Europa. Una strategia adottata dai trafficanti per ridurre questi rischi è quella delle spedizioni postali, evitando i classici pacchi (soggetti ad ispezioni umane e canine) e ricorrendo a sistemi del tutto inusuali. I funzionari delle Dogane di Milano hanno infatti iden (continua)

Droga e alcool possono portare al coma e alla morte

Droga e alcool possono portare al coma e alla morte
Molti giovani rischiano la vita mescolando le sostanze: gli effetti negativi e pericolosi delle droghe si moltiplicano a causa dell’alcool. La cronaca ci racconta storie tragiche che riguardano la droga e l’alcool. Una ragazza 16enne, a Milano, è finita in coma durante una festa di compleanno durante la quale aveva assunto droga mentre era ubriaca. A Brescia une 24enne è invece purtroppo morta per un’overdose causata sempre da droga e alcool. L’alcool è una droga esso stesso, e la sua pericolosità va ben oltre quella della sem (continua)

Un rapper che non si droga!

Un rapper che non si droga!
Il Tre è il nome di un giovane rapper controcorrente: nelle sue canzoni non parla di droga, violenza o sesso e conduce lui stesso una vita sobria. Sembra incredibile, una contraddizione in termini, ma si sta facendo strada nel panorama della musica Rap un ragazzo, Guido Senia detto “Il Tre”, che si propone “pulito”. Non fa uso di droghe, non fuma, non canta solo di sesso e armi da fuoco. Gli artisti famosi vengono presi ad esempio dai loro ammiratori, e la responsabilità del mondo rap nei confronti della nostra società non è trascura (continua)