Home > Cultura > Morire di droga a 15 anni

Morire di droga a 15 anni

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

Morire di droga a 15 anni

Shakira Pellow, 15enne inglese, morì nel 2018 a causa di un’overdose di MDMA, meglio conosciuta come Ecstasy. Nei giorni scorsi è stato condannato il cugino di Shakira, allora 18enne, colpevole di aver fornito alla ragazza la dose mortale della sostanza stupefacente.

Un’overdose è un “sovradosaggio”, ovvero una quantità di droga che il corpo non riesce a tollerare e che porta alla morte. Nel caso di Shakira, aveva assunto 3 pillole di Ecstasy insieme ad altri adolescenti. Tre di loro hanno avuto un collasso, ma sono sopravvissuti, mentre la 15enne è morta per arresto cardiaco mentre veniva trasportata in ospedale.

Se quei giovani avessero saputo il reale rischio che si corre ad assumere sostanze altamente tossiche come l’MDMA, probabilmente Shakira sarebbe ancora viva. Ecco che, per salvare vite, è priorità assoluta informare i giovani in età scolare.

“Un Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga non costituisce più una piaga sociale. Le attività di “Un Mondo Libero dalla Droga” consistono nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Un ragazzo informato, che pensa con la sua testa, pretenderà che gli sia dato un aiuto sincero, reale e naturale, senza ricorrere a droghe e farmaci dannosi. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. L’associazione organizza eventi pubblici e lezioni nelle scuole, per informare sugli effetti dannosi degli stupefacenti e degli psicofarmaci. A partire dal 2015 i volontari della campagna hanno tenuto lezioni a migliaia di ragazzi toscani delle scuole medie inferiori e superiori.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | overdose | ecstasy | MDMA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

TiAmoDaMorireOnlus presenta la Mostra d'Arte "MALEfemmina" al Teatro Arciliuto di Roma il 6 febbraio


Mondo Libero dalla Droga a Cascina


@Teatroarciliuto: Ti Amo Da Morire Onlus Contro La Violenza Di Genere


DOPO L’ECCELLENTE RISULTATO DELLA PRIMA EDIZIONE RITORNA AD ABANO TERME LA MOSTRA “DICO NO ALLA DROGA”


COS’E’ LA FONDAZIONE PER UN MONDO LIBERO DALLA DROGA?


QUANTI MOTIVI CI SONO PER DIRE NO ALLA DROGA?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Consumo di droga e violenza sessuale

Consumo di droga e violenza sessuale
Una recente sentenza della cassazione ha stabilito che all’imputato, accusato di violenza sessuale, non poteva essere riconosciuta l’aggravante a causa dell’uso di sostanze stupefacenti, in quanto la vittima della violenza aveva assunto la droga per suo conto, senza essere spinta dal criminale violentatore. Indipendentemente dalla decisione della Corte di Cassazione, è in (continua)

Uruguay: un caso scuola per la legalizzazione della marijuana

Uruguay: un caso scuola per la legalizzazione della marijuana
Nel 2014 l’allora presidente dell’Uruguay spinse il suo paese a liberalizzare tutte le droghe leggere. Dato che un certo numero di paesi nel mondo stanno per seguire l’esempio della nazione sudamericana, è interessante andare a cedere se il progetto ha funzionato oppure no. Uno dei primi effetti desiderati, cavallo di battaglia di tutte le lotte antiproibizioniste, è (continua)

L’eroina dei poveri: il Kobret

L’eroina dei poveri: il Kobret
Il Kobret è uno stupefacente derivato dagli scarti di lavorazione dell’oppio e dell’eroina, in Italia viene spacciato soprattutto al sud dalla camorra. Si tratta di una sostanza più economica dell’eroina, è una polvere di colore marroncino che si inietta sciola nell’acido citrico, oppure se ne inalano i fumi della combustione. Come la maggior parte deg (continua)

Il bosco degli spacciatori

Il bosco degli spacciatori
È ormai quasi impossibile fare qualche chilometro senza incappare nei controlli della polizia, e questo gli spacciatori non se lo possono permettere. Il traffico di droga sta adottando nuove strategie per cercare di farla franca: consegnare a domicilio con un cane al guinzaglio, oppure nascondersi nel bosco. Nei dintorni di Sarzana uno spacciatore marocchino si era costruito un bivacco nel (continua)

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus

Con la scusa del cane usciva per spacciare in tempi di coronavirus
Come evitare di essere fermato dalle forze dell’ordine in tempi di divieto assoluto di circolazione per il contenimento dell’epidemia di coronavirus. Portare il cane al guinzaglio sembrava un trucco brillante, ma quando i finanzieri del comando provinciale di Livorno lo hanno fermato, è stato chiaro che non si trattava di una semplice passeggiata. Lo spacciatore tunisino di 28 a (continua)