Home > Cultura > Un Mondo Libero dalla Droga partecipa al Super Bowl 53

Un Mondo Libero dalla Droga partecipa al Super Bowl 53

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

Un Mondo Libero dalla Droga partecipa al Super Bowl 53


Il Super Bowl 53 è stato un evento storico, non solo perché i New England Patriots hanno vinto il loro sesto Super Bowl, ma anche perché l’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” si è impegnata in gioco ben più serio per Atlanta: combattere l’abuso di droghe.

A parte la marijuana, la metanfetamina è la droga più comunemente usata in Georgia. Inoltre gli oppioidi, con al primo posto il farmaco antidolorifico Ossicodone, sono le droghe legali più diffuse nello stato della Georgia.

La città ha avuto circa mezzo milione di visitatori durante la settimana del Super Bowl. A un evento così importante i visitatori portano entusiasmo, ma questo comporta anche un aumentato dell’abuso di droga e della criminalità.

Un Mondo Libero dalla Droga era proprio lì, con centinaia di volontari che hanno distribuito 500.000 opuscoli, e collocato espositori di opuscoli in 500 negozi. Gli opuscoli includevano “La verità sul Crystal Meth” e “La verità sugli antidolorifici”.

Il messaggio di Un Mondo Libero dalla Droga ha raggiunto oltre 14 milioni di persone attraverso i media, e due camion “Jumbotron” riproducevano i video della campagna “La Verità sulla Droga” a tempo pieno.

L’associazione “Un Mondo Libero dalla Droga” si propone di aiutare le scuole a fare prevenzione sull’abuso di droghe, alcool e farmaci. I volontari effettuano lezioni e conferenze ai ragazzi, e molte scuole adottano la campagna portando avanti loro stesse i programmi di prevenzione grazie ai materiali educativi dell’associazione. Tutti gli interventi dei volontari sono a titolo assolutamente gratuito, come pure la fornitura di opuscoli, manuali, video.

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione. La campagna è del tutto laica, l’associazione organizza anche eventi pubblici nei quali vengono distribuiti opuscoli su tutti i più comuni tipi di droghe ai cittadini.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard


Fonte notizia: http://it.drugfreeworld.org


Scientology | Droga | Un mondo libero dalla droga | L Ron Hubbard | Superbowl | Atlanta | USA |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le Super Bowls sbarcano a East Market Diner


Extreme Networks - L'utilizzo del Wi-Fi durante il Super Bowl LIV di Miami / Integrazione trasparente tra rete Wi-Fi e rete 4G


Al via "5 Bowls", un nuovo goloso appuntamento da East Market Diner a Lambrate


Closing Week, da East Market Diner si chiude la stagione con il meglio del food


Massimo Paracchini e Francesco Leale alla Galleria Nelson Cornici


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana

In Colorado, dopo la legalizzazione, aumentano i ricoveri al pronto soccorso per abuso di marijuana
Nel 2014 in Colorado è stata legalizzata la marijuana per uso ricreativo, da quel momento sono in forte aumento i ricoveri al pronto soccorso per una sindrome denominata CHS, dovuta all’abuso di cannabis. In Colorado la marijuana è stata legalizzata per ragioni mediche nel 2009 e per uso ricreativo nel 2014. In uno studio pubblicato su “Annals of Internal Medicine”, si descrivono più di 2.500 visite connesse al consumo di cannabis al pronto soccorso di un grande ospedale pubblico in Colorado tra il 2012 e il 2016. La causa più comune del ricovero è la cosiddetta “iperemesi”, ovvero conati d (continua)

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani

Il coma etilico, un rischio mortale sottovalutato dai giovani
Il coma etilico è uno stato di avvelenamento acuto da etanolo (alcool) che procura incoscienza e, a volte, la morte. L’idea che l’alcool non sia una droga è ancora molto diffusa. Certo, si tratta di una sostanza usata dall’uomo da tempo immemorabile, e che assunta in piccole quantità non causa danni rilevanti. Ma bisogna tener conto che il suo abuso causa effetti devastanti, e che si tratta della sostanza che causa ogni anno più morti di tutte le altre droghe messe insieme. È di pochi giorni fa la notizi (continua)

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga

Il fallimento rieducativo delle condanne per droga
Un criminale che spaccia, una volta arrestato, secondo il dettame costituzionale dovrebbe uscire “rieducato” e cambiare vita. Prendendo spunto da una notizia di cronaca, viene spontanea una riflessione sull’efficacia rieducativa delle pene detentive correnti. Ad Agrigento un 28enne ai domiciliari per una precedente condanna per droga, è stato arrestato in flagranza di reato in quanto deteneva in casa cocaina, marijuana e tutto l’armamentario classico per la preparazione e lo spaccio delle dosi. A San Giovanni in Fio (continua)

Il lockdown e gli spalloni della droga

Il lockdown e gli spalloni della droga
Durante il lockdown i rifornimenti di droga nella Venezia Giulia non potevano mancare, così gli spacciatori si sono trasformati in “spalloni” contrabbandieri attraverso le montagne del Carso tra Italia e Slovenia. Un triestino e un goriziano sono stati arrestati per spaccio di droga, entrambi avevano precedenti per lo stesso motivo ed erano tenuti sotto controllo dalla polizia per attività sospette. In effetti detenevano cocaina, eroina, hashish e marijuana. Tralasciando i dettagli della vicenda, è interessante notare come l’attività criminosa dei due spacciatori non si fosse fermata durante il lock (continua)

Harlem marcia contro la violenza armata

Harlem marcia contro la violenza armata
United in Peace New York e altre organizzazioni hanno manifestato ad Harlem contro la violenza armata , distribuendo il libretto “La Via della Felicità”. United in Peace pensa che esista una risposta corretta alla violenza armata e si sono uniti ad altre organizzazioni per marciare per le strade di Harlem per rendere il punto forte e chiaro mentre diffondono La Via della Felicità. La sezione di New York della fondazione “United in Peace” è scesa in piazza per protestare contro la violenza armata e promuovere la pace. Attivisti, religiosi, c (continua)