Home > Siti web e pubblicità > Apple, Nintendo, Hitachi... Come il coronavirus minaccia l’economia

Apple, Nintendo, Hitachi... Come il coronavirus minaccia l’economia

scritto da: PaulineB | segnala un abuso

 Apple, Nintendo, Hitachi... Come il coronavirus minaccia l’economia


 Apple, Nintendo, Hitachi... Come il coronavirus minaccia l’economia

 


Descritto come un'emergenza sanitaria globale dall'OMS, il coronavirus ha anche conseguenze economiche molto importanti. Wuhan, l'epicentro dell'epidemia, è la patria di molti fornitori di elettronica. L'elettronica di consumo è tra i settori più colpiti da queste perturbazioni. Apple, Nintendo, Hitachi... la lista non finisce qui.

Il Coronavirus non è solo un problema di salute globale. Descritta come un'emergenza sanitaria globale dall'Organizzazione Mondiale della Sanità il 30 gennaio 2020, l'epidemia ha anche un forte impatto economico, in particolare nel settore dell'elettronica di consumo: La Cina è l'anello centrale delle reti di produzione. L'elettronica di consumo, estremamente dipendente da queste reti, è tra i settori più colpiti da queste perturbazioni causate da numerose chiusure di impianti. 


LE FABBRICHE STANNO CHIUDENDO

Al fine di prevenire la diffusione del virus, le fabbriche stanno chiudendo a loro volta, il che rappresenta una grande preoccupazione per l'industria. "Dato che le principali province più colpite dal virus sono Zhejiang, Guangdong e Henan, che sono molto importanti per la produzione di tecnologia, c'è ovviamente un grosso problema", ha detto Don Yew, un analista di Morningstar a Singapore, citato dal Financial Times.

Alcune persone stanno già tirando fuori le cifre. Secondo Strategy Analytics, le vendite di smartphone in tutto il mondo diminuiranno del 2% nel 2020 rispetto alle previsioni precedenti e del 5% in Cina a causa del coronavirus. Queste stime sono da confrontare con i recenti annunci di alcuni giganti dell'elettronica.


Alcuni fornitori di giochi e altri settori stanno beneficiando del Corona

In Italia e ora in tutta Europa, i giocatori stanno affollando i server online, alcuni server sono saturi durante il giorno.

Software VPN

In Cina, le VPN, software che criptano i vostri dati e accedono a contenuti censurati, si vendono come torte calde. Questo riflette il bisogno della popolazione cinese di informazioni e di accesso ai media globali, e anche qui siti come https://vpn-gratis.org/, che offrono diverse VPN, hanno visto il loro numero di visitatori aumentare notevolmente dall'inizio dell'epidemia. 

Nintendo

Nintendo ha visto le sue vendite aumentare di oltre il 200% dal successivo contenimento in Corea e in Europa. Le scorte e la produzione sembrano essere sicure per il momento e le scorte sono quindi aumentate di oltre il 20% in 10 giorni. 


QUARANTENA PER I LAVORATORI DELLA FOXCONN

Foxconn è il principale subappaltatore al mondo per l'elettronica di consumo. Molte aziende tecnologiche dipendono da essa per la produzione di oggetti elettronici. In particolare, assembla iPhone per Apple. Il gruppo cerca di rassicurare sul rischio di un'interruzione della catena di fornitura, sostenendo di aver già affrontato in passato l'epidemia di Sras nel 2003. Tuttavia, Foxconn ha già rivisto al ribasso le sue previsioni di crescita delle vendite per il 2020, prevedendo un aumento tra l'1% e il 3% rispetto a un range tra il 3% e il 5% precedentemente previsto.


APPLE RITARDA L'USCITA DEL NUOVO IPHONE, NINTENDO ANNUNCIA RITARDI

Le conseguenze sono molto concrete. Per la prima volta nella sua storia, Apple ha dovuto ritardare il rilascio del suo nuovo iPhone. Gli smartphone Apple a marchio Apple sono solitamente rilasciati a settembre, ma sta pianificando un lancio una tantum di un dispositivo più conveniente a marzo. Tim Cook, il capo dell'azienda americana, ha ripetutamente indicato che si dovrebbero trovare soluzioni alternative per compensare il rallentamento causato dall'epidemia.

 Le conseguenze del coronavirus non si fermano qui per l'azienda di Cupertino. Ha dovuto chiudere i suoi 42 negozi sul territorio cinese e questo fino al 9 febbraio. Secondo un rapporto del sito asiatico Nikkei, Apple ha ordinato 65 milioni di iPhone 11 e 15 milioni per l'ultimo iPhone. Ma "i fornitori ritengono che l'epidemia di coronavirus influenzerà il programma di produzione".

Apple non è l'unico produttore colpito. "L'impatto sulla nostra catena di fornitura sembra inevitabile", ha detto Mitsuaki Nishiyama, direttore finanziario di Hitachi, intervistata dal Wall Street Journal. Da parte sua, il 6 febbraio 2020, Nintendo ha annunciato ritardi nella produzione dello Switch, una console assemblata in gran parte in Cina. L'azienda ha anche annunciato che "Animal Crossing: New Horizons" sarebbe stata ritardata. Shuntaro Furukawa, presidente di Nintendo, si è scusato per questo.

Le console di gioco, proprio come gli smartphone, i computer portatili o anche le cuffie per la realtà virtuale, sono per lo più prodotte in Cina o a Taiwan. È quindi probabile che siano coinvolte molte altre aziende. Facebook, ad esempio, ha annunciato che Oculus Quest soffrirà di problemi di fornitura.

 

 

UNA "OPPORTUNITÀ" PER GLI STATI UNITI?

Questa situazione non sembra dispiacere a tutti. Wilbur Ross, il segretario al commercio statunitense, ha suscitato indignazione quando il 30 gennaio 2020 ha detto che "le aziende dovranno riconsiderare le loro filiere perché dopo la Sras e ora questo virus, queste epidemie sono un fattore di rischio da tenere in considerazione". "Credo che questo contribuirà ad accelerare il ritorno all'occupazione in Nord America, negli Stati Uniti e probabilmente in Messico", ha aggiunto. Poi il ministro ha preso l'esempio di Apple, che prevede di trasferire parte della sua produzione cinese.

 Da parte sua, la Banca centrale cinese ritiene che il coronavirus rimanga una fonte di incertezza per l'economia mondiale, e che le sue conseguenze non si limitino alla Cina. Il 3 febbraio 2020, l'istituto finanziario ha annunciato l'iniezione di 156 miliardi di euro nell'economia cinese in seguito al crollo dei mercati azionari cinesi. Per il settore Tech non è l'unico ad esserne colpito. Anche l'industria chimica, automobilistica e tessile sono estremamente perturbate dall'epidemia. Toyota, ad esempio, ha sospeso la produzione nei suoi stabilimenti di assemblaggio in Cina. Volkswagen ha preso la stessa decisione.


Fonte notizia: https://vpn-gratis.org/


internet | economia | coronavirus |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La nuova stagione di Villa Pagoda a Genova Nervi tra cabaret, musica dal vivo e specialità culinarie


La nuova stagione di Villa Pagoda, tra risate, cucina innovativa e musica dal vivo


“L’amore non ha età” Il nuovo Singolo di Angelo Avarello Feat MirAngel nei digital store dal 13 maggio e in rotazione su tutte le radio


REGIONE UMBRIA - Progetto "Attenti Online"


I FINALISTI DI RAGUSA DEL PREMIO MUSA D’ARGENTO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore