Home > News > La prima vera presa di coscienza di Praga

La prima vera presa di coscienza di Praga

scritto da: Geopoliticaeconomica | segnala un abuso

La prima vera presa di coscienza di Praga


 

Repubblica Ceca: la marcia di avvicinamento alle elezioni europee tra Bruxelles e Visegrad

Girando per le strade di Praga, cosa che mi tocca fare con molto piacere ogni due mesi, è difficile riuscire a comprendere quale sia la lingua più parlata tra gli under 30.
A far lavorare semplicemente l’intuito si dovrebbe dire ceco, ma in realtà l’inglese sembra aver monopolizzato i dialoghi tra giovani lavoratori residenti nella capitale; e non è di certo per una strana voglia di emulazione dei compatrioti dei Beatles, per cui i nativi praghesi impazziscono (a dimostrazione di ciò, un bel murales dedicato al primo storico leader dei Beatles, John Lennon).

La “lingua della globalizzazione” è conseguenza di un alto tasso di giovani expats laureati e non che vedono nella capitale ceca il posto migliore per cominciare la propria carriera.
Il tasso di immigrazione a cui è andata incontro la Repubblica Ceca negli ultimi anni è più che rilevante, e ciò è dovuto all’ottimo investimento dei fondi europei ottenuti dall’ingresso di Praga tra i celebri 28 nel 2004. Al contrario di parte dei suoi vicini con cui ha condiviso la triste storia dell’epoca del vassallaggio sovietico, la Repubblica Ceca ha saputo evolversi investendo nel turismonelle infrastrutture e nel panorama socio-industrialecreando una quantità di posti di lavoro maggiore rispetto alla domanda dei nativi, che ha fatto sì che lo Stato diventasse polo di attrazione di stranieri in cerca di lavoro. E complice anche un costo della vita inferiore rispetto ad altre parti dell’Unione Europea dove è offerta la stessa qualità e quantità di servizi che ha attratto forza lavoro ed investimenti, la Repubblica Ceca è diventata un modello da seguire.


Fonte notizia: https://www.geopoliticaeconomica.it/la-prima-vera-presa-di-coscienza-di-praga/


Repubblica Ceca | Praga |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Alla scoperta di praga


La forma dell'ideologia. Praga: 1948-1989


Ecco alcuni dettagli sulla moneta di Praga in repubblica Ceca


Al via la "smart home" firmata AVM


Volare a Praga: come scegliere il volo aereo


Praga, il gioiello economico dell’Europa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale

Cina: una potenza artica nell’Asia Orientale
 Pechino ha delle grandi aspirazioni per il 21° secolo: il progetto per una nuova Via della Seta terrestre, un’altra marittima e un’altra ancora attraverso l’Artico. Con Xi Jinping alla guida del paese, i grandi piani che l’apparato di partito aveva concepito per rendere la Cina ancor più grande, trovano voce e consensi da parte della mag (continua)

Il lungo braccio cinese sull’Argentina

Il lungo braccio cinese sull’Argentina
 Dall’ormai lontano 2010 i cinesi sono presenti in terra argentina in particolare nella regione sud-est della Patagonia, nel 2011 sulla questione si è innescato un vero e proprio dibattito in Parlamento ma l’avanzata non si è fermata, anzi le posizioni si stanno ulteriormente consolidando. La Cina sembra intenzionata ad includere il Paese sudameri (continua)

Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico

Taranto ed il mostro che ha prodotto l’acciaio del boom economico
  Il volto più amaro del Sud: Taranto La Puglia è il volto più amaro del Sud, dove le cose non sono cambiate dai tempi della Magna Grecia. Lì, dove ulivi secolari sbiadiscono sotto i raggi del sole, c’è povertà, miseria e disoccupazione: questa è Taranto alla fine della seconda guerra mondiale, una città in profond (continua)

Alitalia, Ilva ed altre creature mitologiche

Alitalia, Ilva ed altre creature mitologiche
 In questa breve analisi dei disastri industriali made in Italy, è giusto cominciare da Alitalia, la compagnia aerea preferita dagli italiani, senza la quale, è giusto ricordarlo, gli arrivi nel bel paese subirebbero un vero e proprio tracollo (se non si è capito, stiamo scherzando; infatti la quota di mercato di Alitalia è solo del 14%, mentre l’ir (continua)