Home > Altro > I diritti umani in viaggio per i sette mari con Maersk

I diritti umani in viaggio per i sette mari con Maersk

scritto da: Gtrambusti | segnala un abuso

I diritti umani in viaggio per i sette mari con Maersk

La compagnia di navigazione danese Maersk ha deciso di educare i propri dipendenti sui diritti umani.


Maersk spedisce in 121 paesi del mondo, ognuno con la sua diversa situazione politica e sociale, ecco che i diritti umani sono diventati una delle principali aree di interesse dell'azienda.

È una società danese di trasporto e logistica internazionale, la più grande compagnia di spedizioni di container al mondo sia per dimensioni della flotta che per capacità di carico, lavora in 343 porti di tutto il mondo. La compagnia ha a che vedere con la più ampia varietà possibile di persone provenienti da culture, etnie, religioni e lingue diverse. Il loro sito web recita: “Maersk rispetta i diritti umani di tutti coloro che sono interessati alla nostra attività. Ci impegniamo costantemente per evitare di causare o contribuire a impatti negativi sulle persone, sia nella nostra azienda, che nella nostra catena di approvvigionamento o nelle comunità in cui operiamo."

Un funzionario di Maersk stava cercando un modo per educare i propri oltre 60.000 dipendenti sui diritti umani: trovò i materiali educativi di “United for Human Rights” (Uniti per i Diritti Umani), che si sono rivelati una miniera d'oro. Maersk ha incorporato il documentario “La Storia dei Diritti Umani” nel nuovo corso online obbligatorio per i propri dipendenti, che tratta i diritti umani, i diritti del lavoro e un programma ONU per le imprese che adottano politiche sostenibili e socialmente responsabili. Da quando hanno lanciato il corso in 8 lingue, il 66 percento dei loro dipendenti con accesso a un computer ha completato la formazione. Maersk ha scritto di aver scelto il documentario perché "mostra persone provenienti da tutto il mondo con background diversi" e "indica chiaramente da dove provengono i diritti umani".

“Uniti per i Diritti Umani” e “Gioventù per i Diritti Umani” sono programmi sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. Sono attivi a livello internazionale organizzando convegni (il più recente a New York nel Palazzo di Vetro della Nazioni Unite) e lezioni sui Diritti Umani nelle scuole elementari, medie e superiori, allo scopo di diffondere la conoscenza della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo approvata dall’ONU nel 1948.

Il fondatore della Chiesa di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".


Fonte notizia: https://www.humanrights.com/


Scientology | Diritti Umani | ONU | L Ron Hubbard | ONU | Maersk |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Robes de mariée pakistanais - Trois Top caractéristiques à considérer pour l'achat pakistanaise Robe de Mariée


10 coiffures de mariage célèbres que vous aurez envie de copier votre journee de mariage


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


Apprendere i Diritti Umani - SERVIZI ON-LINE PER L’ISTRUZIONE


La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti

Un overdose di metadone stronca la vita di due adolescenti
A Terni uno spacciatore tossicodipendente a venduto del metadone a due ragazzi di 15 e 16 anni, entrambi morti nel sonno. Il metadone è una droga sintetica che viene somministrata nei SerT (Servizi per le Tossicodipendenze) a chi è dipendente dall’eroina. Alcuni tossicodipendenti in “cura” al SerT, invece di assumere il metadone, lo rivendono sul mercato nero. Così si trasformano in spacciatori e si guadagnano un po’ di soldi per procurarsi l’eroina. Ecco che il cerchio si è chiuso: il SerT ha fallito, il drogat (continua)

Lo spaccio di droga si evolve: una telefonata e il raider te la porta a domicilio

Lo spaccio di droga si evolve: una telefonata e il raider te la porta a domicilio
Basta una telefonata e un ragazzo in motorino o in bicicletta te la consegna a domicilio: ecco il nuovo modello di spaccio per la cocaina e le altre droghe. A Roma, a Milano e in tutte le città d’Italia sono migliaia i giovani “raider” che sfrecciano sulle loro bicilette per consegnare pizza e piatti etnici. Ma qualcuno sul portapacchi del motorino potrebbe trasportare una merce molto meno ingombrante ma assai più redditizia! Questo modello di commercio viene ora sfruttato anche dai nuovi network di distribuzione della droga: si telefona a un cel (continua)

In Colorado aumentano l'uso di droghe pesanti e le overdose fatali

In Colorado aumentano l'uso di droghe pesanti e le overdose fatali
Le statistiche degli arresti per possesso di eroina e Crystal Meth, così come le morti per overdose, sono in ascesa dal 2014, ovvero da quando la marijuana è stata legalizzata in Colorado. “La marijuana non porta alle droghe pesanti”, questo è il mantra ripetuto da chi si batte per la legalizzazione della cannabis. Tale affermazione è facilmente smentita dai fatti: in Colorado, dove la marijuana è legale dal 2014, l’uso di droghe pesanti è in costante aumento. Per 10 anni Hunter Hobbs è stato un tossicodipendente di eroina. Quindi si trasferì in Colorado, e passò ad usare il (continua)

Il Colorado depenalizza di fatto anche le droghe pesanti

Il Colorado depenalizza di fatto anche le droghe pesanti
Una nuova legge prevede che il possesso di 4 grammi di droga sia solo un “infrazione” e non un “crimine”. Il Colorado è stato l’apripista negli USA nel campo della legalizzazione della droga: in tutto lo stato si commerciano liberamente la cannabis e molti altri stupefacenti suoi derivati, a Denver sono legali anche i funghi allucinogeni. I risultati non si sono fatti attendere: esplosione del commercio di marijuana con acquirenti provenienti da tuti gli altri stati, incremento degli incidenti (continua)

Recupero tossicodipendenti e spaccio di droga

Recupero tossicodipendenti e spaccio di droga
Sembra un paradosso, ma il responsabile di un centro di recupero per tossicodipendenti è stato arrestato per possesso e spaccio di droga. Spesso la realtà è così incredibile che supera l’immaginazione: chi avrebbe potuto immaginare che il responsabile di un centro di recupero per tossicodipendenti venga arrestato per detenzione e spaccio di droga? E cosa avranno pensato le famiglie che avevano affidato i loro ragazzi nelle mani di quella persona perché li tirasse fuori dal tunnel della droga? Il fatto è accaduto in provincia (continua)