Home > Economia e Finanza > Commodity, la gomma naturale schizza quasi ai record storici

Commodity, la gomma naturale schizza quasi ai record storici

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Quando si parla delle varie commodity, si fa riferimento soprattutto a quelle più note come oro e petrolio. Ma ce ne sono molte altre, meno note e poco negoziate, che hanno subito un forte contraccolpo (positivo o negativo) dalla diffusione del Covid. Una di queste è la gomma naturale.

Eppure si tratta di una materia prima estremamente utilizzata, con la quale abbiamo a che fare tutti i giorni. viene infatti sfruttata per produrre mastici, adesivi, isolanti e suole delle scarpe, ma anche battistrada per pneumatici e dei nastri trasportatori.

La commodity gomma naturale

commodityIl prezzo della gomma naturale ha marciato al rialzo nell'ultimo periodo, fino a giungere sopra i 220 yen per kg a ottobre. Ovvero vicino al livello più alto da luglio 2019. Il prezzo di questa commodity è stato sostenuto dalla crescente domanda di guanti protettivi in ​​gomma, che vengono utilizzati nel settore medico e sanitario. Ma a spingerlo è stata anche l'aumentata richiesta del settore automobilistico (in ripresa dopo la crisi Covid).

NB. Sono poche le società di trading autorizzate Consob che includono tra i loro asset la gomma naturale.

Offerta ridotta per varie cause

D'altro canto anche l'offerta di questa commodity ha subito un calo. Infatti secondo l'International Tripartite Rubber Council (ITRC, che racchiude i produttori di Thailandia, Indonesia e Malesia, 3 dei 6 più grandi al mondo) la produzione di gomma naturale dovrebbe diminuire per il resto di quest'anno e all'inizio del 2021, a causa del tempo irregolare, della pandemia di coronavirus e i suoi relativi blocchi sulle attività produttive, nonché della malattia fungina da caduta delle foglie Pestalotiopsis. Anche la stagione fredda nella Sumatra meridionale, una provincia indonesiana in cui si coltiva la gomma, ha influito sull'offerta.

Il rally del prezzo e le prospettive

Sul mercato il prezzo della gomma ha vissuto un forte rally a partire da aprile. Da quando cioè giunse al minimo storico di $ 129 yen al kg, nella fase in cui diversi paesi in tutto il mondo erano soggetti a rigide misure di blocco. A ottobre questa commodity è arrivata sopra i 220 yen per kg. Inoltre l'indicatore Parabolic Sar trading spinge ancora verso il rialzo. 

Bisogna evidenziare che si prevede un incremento del consumo poiché la Cina, il più grande consumatore di gomma naturale, accelera le sue attività economiche dopo il blocco del Covid-19. Il governo cinese ha incoraggiato il suo settore automobilistico interno, portando a un aumento delle importazioni di gomma da Thailandia, Indonesia e Malesia.

commodity | società di trading autorizzate consob | parabolic sar |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Warsteiner Berlin Calling: scelta la capitale tedesca come protagonista


PAVIMENTO IN GOMMA IDEA


Daniele Biffi, 400m: Il Record del mondo Indoor era un nostro obiettivo


Marco Antonio Zaragoza Campillo record messicano alla 48h Uruguay Natural


Enel, Global Trading si evolve e cambia nome: le dichiarazioni di Claudio Machetti


Guida agli accessori necessari alla posa di un perfetto prato in erba sintetica


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Prezzo del caffé, diversi fattori lo stanno spingendo sempre più in alto

I problemi produttivi e quelli della catena di approvvigionamento hanno colpito quasi tutti i settori produttivi. Non solo energia e metalli, ma anche il mondo del caffé, dove i prezzi sono in netta crescita e si avviano a raggiungere massimi pluriennali.Come si sta muovendo il prezzo del cafféI futures sul caffè Arabica hanno infatti esteso i guadagni a oltre $ 2,1 per libbra, avvicinandosi al ma (continua)

Mercati finanziari, in settimana rapporto sui nonfarm payroll e vertice OPEC+

I mercati finanziari guarderanno con attenzione soprattutto a due avvenimenti questa settimana. In ordine cronologico sono il vertice OPEC+ sul petrolio, e il rapporto sui nonfarm payroll negli USA. Ma in mezzo ci sono anche i meeting della Banca centrale d'Australia e quella neozelandese.Gli eventi clou per i mercati finanziariPartiamo dal petrolio. L'OPEC e i suoi alleati si incontreranno lunedì (continua)

Banca del Giappone senza sorprese: tassi fermi in terriotrio negativo

Con un voto favorevole di 8 membri contro 1 contrario, la Banca del Giappone ha lasciato invariato il tasso di interesse di riferimento a -0,1%, dove si trova dal 2016. La BoJ ha inoltre lasciato immutato il target di rendimento dei titoli di stato a 10 anni intorno allo 0%. La banca centrale ha anche affermato che inizierà a erogare prestiti per il cambiamento climatico a dicembre.Il meeting del (continua)

Banche centrali e riserve auree, gli Usa battono tutti ma l'Italia è terza

L'oro è da sempre un metallo importante non solo per i consumatori e gli investitori al dettaglio, ma anche per le banche centrali. I caveau sono pieni di riserve auree (per lo più in lingotti), che rappresentano una garanzia di rimborso per i depositanti, i detentori di banconote e gli operatori commerciali. Ma il ruolo di tali riserve è importane anche al fine di supportare il valore della valut (continua)

Mercato azionario tedesco, si avvicina la svolta: listino principale a 40 titoli

Deutsche Boerse dovrebbe annunciare i nuovi entranti nell'indice blue-chip venerdì, mentre la variazione diventerà pienamente operativa a partire dal 20 settembre Si avvicina sempre di più il momento della svolta epocale per il mercato azionario tedesco. L'indice principale, il DAX, infatti passerà dagli attuali 30 membri a 40. Questo renderà più “vivace” l'indice stesso, oltre a portare uan ventata di aria nuova sul listino.  Cosa succederà al mercato azionario tedesco Il cambiamento è (continua)