Home > Lavoro e Formazione > Guanti da lavoro: cosa cambia tra lattice e nitrile?

Guanti da lavoro: cosa cambia tra lattice e nitrile?

scritto da: Bestrank | segnala un abuso


Quando si scelgono dei buoni guanti da lavoro non si può proprio fare a meno di prestare una particolare attenzione al materiale. Quest'ultimo, difatti, influirà non solo sul fattore della sicurezza, ma anche sulla qualità del lavoro. Principalmente, nella realizzazione dei guanti da lavoro vengono usati due materiali in particolare: il nitrile e il lattice. Entrambi hanno dei loro lati positivi e quelli negativi. Entrambi, inoltre, possono adattarsi meglio ad alcune tipologie di lattice piuttosto che ad altre. Vediamo insieme quali sono le differenze tra i due materiali.

A cosa servono i guanti in nitrile?

Questo tipo di guanti è ben adatto a coloro che cercano fattori come resistenza chimica e meccanica, elasticità, ergonomia e sensibilità. Non a caso è il materiale preferito negli ambienti lavorativi particolari, come gli ospedali. Il nitrile non si rompe facilmente e può salvare la cute della persona dalle possibilità infiltrazioni di materiali potenzialmente dannosi. I guanti in nitrile sono comunque dei prodotti monouso e il nitrile viene ottenuto dal miscuglio di Butadine con l'AcriloNitrite. Senza dubbio, i guanti in nitrile sono ideali per coloro che manipolano i liquidi di vario genere (a parte quelli con un elevato contenuto di alcol) e necessitano sempre di un'elevata protezione in quanto lavorano con i fluidi potenzialmente dannosi o quelli corporei (come il sangue). Tale materiale, inoltre, è indicato se si devono svolgere dei lavori con dei materiali scivolosi, in quanto il nitrile offre un'ottima sensibilità tattile grazie alla sua superficie dotata di piccole parti microruvide.

Senza dimenticarsi che a questo materiale viene anche aggiunto del talco, in grado di diminuire il rischio di sviluppo delle dermatiti. Per questo i guanti in nitrile vengono spesso usati anche da coloro che sono allergici al lattice naturale.

Le particolarità dei guanti in lattice

Come già accennato prima, il nitrile rappresenta una buona soluzione al lattice, che tutt'ora è un materiale con un alto livello di sensibilità, impermeabilità ed elasticità. Grazie a queste sue caratteristiche, il lattice si addice benissimo a un gran ventaglio di lavori molto differenti. Ha un costo minore rispetto ad altri materiali usati per la produzione dei guanti da lavoro (il che lo rende più appetibile anche dal punto di vista della convenienza). Il lattice usato per la produzione di questi guanti proviene dal famoso albero della Gomma e hanno un notevole vantaggio rispetto ai guanti in nitrile: sono molto più resistenti agli strappi e alle perforazioni.

Molte persone che operano con il materiale biologico favoriscono questo materiale a causa della presenza dei microfori che a loro volta garantiscono alla persona anche una buona traspirazione e un ottimo livello d'impermeabilità. Quest'ultimo è addirittura migliore rispetto a tantissimi altri materiali presenti sul mercato.

A tutto questo si aggiunge una grande versatilità nell'utilizzo. Tali guanti, difatti, vengono usati non solo dai medici o dentisti a causa della loro enorme elasticità (una caratteristica presente sia alle alte che alle basse temperature), ma persino in altre occasioni, per esempio quando si ha la necessità di pulire un ambiente. Anche per questo i guanti in lattice vengono utilizzati più spesso da tutti coloro che operano nel settore dell'estetica, ma bisogna ricordarsi che la loro resistenza chimica è abbastanza moderata. Per questo l'utilizzo dei guanti in lattice è sconsigliato per coloro che devono operare con delle sostanze chimiche particolarmente aggressive.

Lattice o nitrile: cosa scegliere?

Come puoi ben capire e come testimoniato anche dalla varietà di prodotti presenti sul sito web Protezione Individuale il materiale va scelto in relazione ai lavori che devi compiere. Se hai bisogno di più versatilità ed elasticità, ti conviene prendere in considerazione l'acquisto dei guanti inlattice. D'altro canto, se devi operare con delle sostanze chimiche oppure con i fluidi del corpo, ti conviene acquistare i guanti innitrile. Entrambi i materiali, poi, si addicono bene allo svolgimento dei lavori piuttosto generici.



 

Potrebbe anche interessarti

Guanti Monouso In Nitrile, Quali Sono Le Sue Funzioni Migliori


Guanti monouso in nitrile, i diversi tipi disponibili in commercio


Guanti in lattice monouso: cosa sono e a cosa servono


Guanti In Lattice Monouso, Quali Sono Le Sue Funzioni Migliori


Guanti protettivi senza lattice: come sceglierli


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Vacanza a Verona: dove andare, cosa fare e cosa vedere

Verona, città dell'amore. Un luogo magico ricco di storia, cultura e tradizioni, con un immenso patrimonio artistico e architettonico. Una meta ideale a misura d'uomo, da godere a piedi passeggiando nel cuore della città tra resti romani, medievali, antichi palazzi. La bellezza di perdersi tra vie e vicoli del centro che raccontano una storia millenaria, una città che difatti è patrimonio Une (continua)

Traghetti Napoli Capri: tutte le cose da sapere

Napoli che è tanto bella che, parafrasando Goethe, "la vedi e puoi muori", e Capri, con le sue grotte, faraglioni ed estati esuberanti: ecco una coppia sempre ambita da italiani e stranieri che si vogliono godere un’estate all’insegna del divertimento, del folklore e della spensieratezza (e non solo l’estate!). Se stai cercando informazioni sui traghetti Napoli Capri che uniscono le due lo (continua)

Viaggio in traghetto Livorno Olbia: consigli pratici

196 miglia marine e 8 ore circa di viaggio ti separano dalla vacanza dei tuoi sogni. La Sardegna è un'isola affascinante, le sue spiagge sono tra le più famose e accolgono turisti da tutto il mondo. Se vivi in Toscana, approfitta della rotta Livorno-Olbia e prenota un biglietto per l'isola a costi vantaggiosi. Resta sempre aggiornato: monitora le tariffe low cost e le offerte online. I prezzi (continua)

Colesterolo alto: come abbassarlo?

Il colesterolo alto è il più importante fattore di rischio cardiovascolare e può colpire a tutte le età, complici una dieta sregolata e la carenza di movimento. Per fortuna non è nulla a cui non si possa porre rimedio, a patto di intervenire tempestivamente con le dovute precauzioni. Ecco allora tutti i consigli per abbassare il colesterolo. Che cos'è il colesterolo Il colesterolo è una (continua)

Viaggio in traghetto Napoli Palermo: consigli pratici

Hai in mente un viaggio di lavoro o di svago ma temi di non riuscire a farlo in maniera confortevole? In questa guida ti darò dei validi consigli per far sì che la tua permanenza in traghetto nel tragitto Napoli - Palermo sia comoda e senza stress. Quanto costa il biglietto del traghetto Napoli-Palermo Innanzitutto quando ci si mette in viaggio, occorre sempre sapere con anticipo quanto (continua)