Home > Lavoro e Formazione > Guanti da lavoro: cosa cambia tra lattice e nitrile?

Guanti da lavoro: cosa cambia tra lattice e nitrile?

scritto da: Bestrank | segnala un abuso


Quando si scelgono dei buoni guanti da lavoro non si può proprio fare a meno di prestare una particolare attenzione al materiale. Quest'ultimo, difatti, influirà non solo sul fattore della sicurezza, ma anche sulla qualità del lavoro. Principalmente, nella realizzazione dei guanti da lavoro vengono usati due materiali in particolare: il nitrile e il lattice. Entrambi hanno dei loro lati positivi e quelli negativi. Entrambi, inoltre, possono adattarsi meglio ad alcune tipologie di lattice piuttosto che ad altre. Vediamo insieme quali sono le differenze tra i due materiali.

A cosa servono i guanti in nitrile?

Questo tipo di guanti è ben adatto a coloro che cercano fattori come resistenza chimica e meccanica, elasticità, ergonomia e sensibilità. Non a caso è il materiale preferito negli ambienti lavorativi particolari, come gli ospedali. Il nitrile non si rompe facilmente e può salvare la cute della persona dalle possibilità infiltrazioni di materiali potenzialmente dannosi. I guanti in nitrile sono comunque dei prodotti monouso e il nitrile viene ottenuto dal miscuglio di Butadine con l'AcriloNitrite. Senza dubbio, i guanti in nitrile sono ideali per coloro che manipolano i liquidi di vario genere (a parte quelli con un elevato contenuto di alcol) e necessitano sempre di un'elevata protezione in quanto lavorano con i fluidi potenzialmente dannosi o quelli corporei (come il sangue). Tale materiale, inoltre, è indicato se si devono svolgere dei lavori con dei materiali scivolosi, in quanto il nitrile offre un'ottima sensibilità tattile grazie alla sua superficie dotata di piccole parti microruvide.

Senza dimenticarsi che a questo materiale viene anche aggiunto del talco, in grado di diminuire il rischio di sviluppo delle dermatiti. Per questo i guanti in nitrile vengono spesso usati anche da coloro che sono allergici al lattice naturale.

Le particolarità dei guanti in lattice

Come già accennato prima, il nitrile rappresenta una buona soluzione al lattice, che tutt'ora è un materiale con un alto livello di sensibilità, impermeabilità ed elasticità. Grazie a queste sue caratteristiche, il lattice si addice benissimo a un gran ventaglio di lavori molto differenti. Ha un costo minore rispetto ad altri materiali usati per la produzione dei guanti da lavoro (il che lo rende più appetibile anche dal punto di vista della convenienza). Il lattice usato per la produzione di questi guanti proviene dal famoso albero della Gomma e hanno un notevole vantaggio rispetto ai guanti in nitrile: sono molto più resistenti agli strappi e alle perforazioni.

Molte persone che operano con il materiale biologico favoriscono questo materiale a causa della presenza dei microfori che a loro volta garantiscono alla persona anche una buona traspirazione e un ottimo livello d'impermeabilità. Quest'ultimo è addirittura migliore rispetto a tantissimi altri materiali presenti sul mercato.

A tutto questo si aggiunge una grande versatilità nell'utilizzo. Tali guanti, difatti, vengono usati non solo dai medici o dentisti a causa della loro enorme elasticità (una caratteristica presente sia alle alte che alle basse temperature), ma persino in altre occasioni, per esempio quando si ha la necessità di pulire un ambiente. Anche per questo i guanti in lattice vengono utilizzati più spesso da tutti coloro che operano nel settore dell'estetica, ma bisogna ricordarsi che la loro resistenza chimica è abbastanza moderata. Per questo l'utilizzo dei guanti in lattice è sconsigliato per coloro che devono operare con delle sostanze chimiche particolarmente aggressive.

Lattice o nitrile: cosa scegliere?

Come puoi ben capire e come testimoniato anche dalla varietà di prodotti presenti sul sito web Protezione Individuale il materiale va scelto in relazione ai lavori che devi compiere. Se hai bisogno di più versatilità ed elasticità, ti conviene prendere in considerazione l'acquisto dei guanti inlattice. D'altro canto, se devi operare con delle sostanze chimiche oppure con i fluidi del corpo, ti conviene acquistare i guanti innitrile. Entrambi i materiali, poi, si addicono bene allo svolgimento dei lavori piuttosto generici.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Guanti In Lattice Monouso, Quali Sono Le Sue Funzioni Migliori


Guanti In Lattice, Quali Sono Le Sue Funzioni Migliori


Guanti Usa e Getta: Ecco Come Usarli E Quanto Proteggono


Guanti Monouso: Ecco Come Usarli E Quanto Proteggono


Peculiarità e caratteristiche del buon materasso in lattice


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Visiera protettiva: come funziona e per chi è utile?

Sempre più spesso vediamo persone che utilizzano le visiere protettive, realizzate in plastica e dotate di una fascia elastica nella parte posteriore, come sistema di sicurezza, al posto della classica mascherina chirurgica o in stoffa. Quante volte ti sarà capitato di chiederti: ma sono veramente efficaci e per chi servono?Visiere protettive: chi le usa? Di questi tempi, le visiere protett (continua)

Assistenti vocali per la casa: guida ai migliori prodotti

Da qualche anno gli assistenti vocali stanno diventando una componente sempre più comune, importante e utile nelle nostre case.  Dal punto di vista tecnico questi dispositivi si possono identificare come software di altissima generazione in grado di riconoscere e rispondere alla voce umana.Cosa puoi fare con il tuo assistente vocale? Il suo obbiettivo è quello di coccolarti e aiutarti nel (continua)

Termometri senza contatto: quanto sono affidabili?

I termometri senza contatto sono dei termometri utilizzabili in qualsiasi situazione e che hanno un funzionamento differente rispetto a quelli normalmente presenti nelle nostre case. In commercio esistono diversi termometri che agiscono a seconda delle varie zone di misurazione, come ed esempio quella orale, rettale o ascellare. Grazie al termometro a infrarossi è possibile misurare la tem (continua)

Shampoo solido: come funziona?

Benessere e cura per l'ambiente Se è vero che spesso e volentieri la sola apparenza è potenzialmente in grado di trarre in inganno, è altrettanto vero che, nel caso particolare dello shampoo solido, tale dicitura è ampiamente confermata. Malgrado un aspetto nulla affatto dissimile da quello che caratterizza la tradizionale e giornalmente utilizzata saponetta, si tratta in realtà di un p (continua)

Le cose da sapere prima di acquistare una piscina fuori terra

Quando arriva la bella stagione, il caldo e le giornate afose un pensiero ricorrente è quello di poter trascorrere il nostro tempo libero in acqua insieme alla nostra famiglia o ai nostri amici in armonia e divertimento. Se disponi dello spazio necessario e stai pensando di regalarti e regalare ai tuoi cari una piscina fuori terra comequelle che puoi trovare sul sito www.piscinegonfiabili.ne (continua)