Home > Pubblica amministrazione > TRIBUNALE DI PALERMO, ALTRI DUE AVVOCATI POSITIVI. AL VIA LE GRADUATORIE PER LO SMART WORKING A SEGUITO DELLE SOLLECITAZIONI DELLA UILPA SICILIA

TRIBUNALE DI PALERMO, ALTRI DUE AVVOCATI POSITIVI. AL VIA LE GRADUATORIE PER LO SMART WORKING A SEGUITO DELLE SOLLECITAZIONI DELLA UILPA SICILIA

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

TRIBUNALE DI PALERMO, ALTRI DUE AVVOCATI POSITIVI.  AL VIA LE GRADUATORIE PER LO SMART WORKING  A SEGUITO DELLE SOLLECITAZIONI DELLA UILPA SICILIA

Secondo il segretario generale Alfonso Farruggia, si tratta di "un primo, importante passo". Ma avverte:"Non più rinviabile l'intervento sull'afflusso dell'utenza negli uffici"


Una lettera ai vertici dell’amministrazione giudiziaria di Palermo per sollecitare la piena applicazione delle disposizioni governative e ministeriali in materia di lavoro da remoto e contrasto alla diffusione del Covid 19.

Il firmatario è Alfonso Farruggia, segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia che rivolgendosi, tra gli altri, al procuratore generale Roberto Scarpinato, al presidente della Corte d’Appello Matteo Frasca , al presidente reggente del Tribunale Alfredo Montalto e ai dirigenti di tutta l’amministrazione giudiziaria di Palermo, sollecita l’incremento del ricorso allo smart working, così come previsto dalle misure adottate dal governo Conte negli ultimi giorni.

“La curva dei contagi da Covid 19 – afferma il segretario – cresce a livelli esponenziali: soltanto negli ultimi giorni, altri due avvocati del Foro di Palermo sono risultati positivi". 

"Una situazione complessivamente preoccupante - aggiunge -  che ha giustamente indotto l’esecutivo a mettere in atto ulteriori restrizioni sia in ambito lavorativo che sociale e,  nello specifico, il lavoro da remoto è previsto, nell’ambito della pubblica amministrazione, con misure che sono state definite con un innalzamento compreso tra un minimo del 50% fino a un massimo del 70%, una novità che accogliamo favorevolmente, anche in considerazione  dei recenti casi di contagio al Covid-19 verificatisi all’interno della cittadella giudiziaria”.

L’elemento focale, secondo il sindacato, riguarda il rafforzamento di un obiettivo già contenuto nel precedente decreto : si prevede, infatti, l’incentivazione del lavoro agile garantendo almeno la percentuale del 50%.

La  soglia individuata, solo quale punto di partenza, consente comunque il regolare svolgimento dell’azione amministrativa e il soddisfacimento delle esigenze dell’utenza, nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza.

“Proprio sulla base di tali indicazioni – spiega Farruggia -  ci saremmo aspettati una maggiore elasticità nell’individuazione del personale da collocare in smart-working: invece, ed è molto preoccupante, sono state rigettate anche richieste che a parere della UILPA avrebbero legittimamente potuto trovare accoglimento, rimesse alla valutazione dei dirigenti amministrativi che, ad oggi, si sono mostrati completamente distaccati e disinteressati alle problematiche personali di salute e a quelle familiari rappresentate dai lavoratori”.

Secondo il parere del sindacato, la principale criticità in atto consisterebbe “nell’assenza di una visione qualitativa e prospettica sulle risorse da impiegare, indispensabile per individuare le necessità dell’utenza e la regolarità dello svolgimento del lavoro dei dipendenti, anche in considerazione del decremento di questi ultimi legato ai pensionamenti”.

“Malgrado questi oggettivi disagi – precisa l’esponente sindacale – i lavoratori hanno manifestato e continuano a manifestare  un grande senso di appartenenza all’amministrazione giudiziaria, profondendo ogni giorno un notevole  impegno nella lavorazione di  lunghe e laboriose pratiche, effettuata con alta professionalità, con una dedizione mai adeguatamente riconosciuta anche per via della questione, ad oggi ignorata, dei carichi di lavoro”.

“Viviamo in un momento storico in cui si assiste ad una rivoluzione del mondo del lavoro – precisa – e, proprio in virtù dello stanziamento di risorse straordinarie, potrebbe essere questa l’occasione giusta  per compiere un deciso passo in avanti verso quel benessere lavorativo tanto auspicato”.

“Prendiamo atto con cauta  soddisfazione  – aggiunge Farruggia  – che, a seguito della sollecitazione della UILPA Sicilia a rispettare  l’accordo nazionale siglato nei giorni scorsi tra amministrazione giudiziaria ministeriale e organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative , che prevede una maggiore flessibilità nella concessione del lavoro in modalità agile a coloro che ne facciano richiesta,qualcosa si sta muovendo: il Tribunale di Palermo ha dato il via alle procedure  che condurranno a una graduatoria in base alla quale saranno selezionate le unità da destinare allo smart working”.

“Un cambio di passo necessario  – precisa -  perché il lavoro agile è uno strumento di fondamentale importanza ai sensi della normativa eccezionale di contrasto alla pandemia, per salvaguardare la salute dei dipendenti e  dell’intera collettività”.

 Nello specifico, l’accordo prevede che ogni dipendente interessato ad effettuare lavoro agile, possa presentare domanda entro cinque giorni dalla sottoscrizione dell’accordo stesso al proprio dirigente o a chi ne fa le veci; ogni ufficio, entro dieci giorni, procede alla redazione di una graduatoria, tutte le volte in cui le manifestazioni di disponibilità pervenute siano superiori al numero dei posti disponibili.

A preoccupare la UILPA Sicilia, è soprattutto la condizione dei lavoratori fragili o dei dipendenti che annoverano all’interno dei propri nuclei familiari soggetti deboli che rischierebbero la vita se contagiati.

 “Non possiamo  più tollerare – conclude Farruggia - che a questi lavoratori si chieda di andare in ufficio in presenza, alla luce dell’aumento di contagi da Covid-19 all’interno della cittadella giudiziaria”.

Secondo il sindacato, c’è ancora molto lavoro da fare per sciogliere il nodo cruciale dell’affluenza del pubblico – tra avvocati, utenti e figure professionali che a vario titolo frequentano il Tribunale -  presso gli uffici: un problema che, secondo Farruggia,  può essere risolto, al momento, solo attraverso la piena e concreta applicazione del lavoro agile. 

Alfonso Farruggia | Palermo | Tribunale | smart working | UILPA | Sicilia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Smart Working: formare i lavoratori per tutelarne salute e sicurezza


Smart working, quale futuro?


L’Avvocatura Nolana si mobilita in difesa dei diritti dei cittadini!!


Tutela della salute dei lavoratori e contrasto al COVID 19, la UILPA “esclusa” dalla riunione presso la Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Palermo: “Fatto grave, intervenga il direttore regionale Pasqual


TRIBUNALE DI PALERMO, LA UILPA SICILIA CHIEDE TEST SIEROLOGICI IMMEDIATI PER TUTTO IL PERSONALE CHE NE FACCIA RICHIESTA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

SEGESTA, RECITAL POETICO A CURA DELL'ACCADEMIA DI SICILIA E DEL MUSEO

SEGESTA, RECITAL POETICO A CURA DELL'ACCADEMIA DI SICILIA E DEL MUSEO
L'iniziativa,coordinata da Salvatore Mirabile - alla guida dell'omonimo Museo e presidente provinciale di Trapani dell'Accademia di Sicilia - vedrà la consegna di premi e riconoscimenti "Al Teatro di Segesta": è il titolo del recital poetico che si terrà sabato 16 ottobre a partire dalle 9:30.L'evento è organizzato e promosso in sinergia tra l’Accademia di Sicilia, che di recente ha tagliato il traguardo dei venticinque anni, e il Museo Mirabile di Marsala, in provincia di Trapani.Negli spazi del Parco Archeologico, che ha offerto il patrocinio gratuito all'iniziativa, poeti prov (continua)

Idee e progetti per ricostruire l'Italia, evento a Palermo a cura di Altroconsumo

Idee e progetti per ricostruire l'Italia, evento a Palermo a cura di Altroconsumo
Organizzato in col­la­bo­ra­zio­ne con l'UNIPA e la Fondazione GIMBE, l’incontro ospi­te­rà di­ver­si esper­ti che si confronteranno sul­l’im­pat­to del­la pan­de­mia Altroconsumo organizza e promuove a Palermo un nuovo evento per incontrare la gente e parlare di idee e pro­get­ti che possano contribuire a costruire un’ I­ta­lia più equa e so­ste­ni­bi­le. L’iniziativa si terrà venerdì 15 ottobre a partire dalle 16:30, nell’Aula Magna “Vincenzo Li Donni” dell’Edificio 13 dell’Università degli Studi di Palermo, in viale delle Scienze.Or­ga­niz­za­to dalla se (continua)

PALERMO, L' ACCADEMIA DI SICILIA FESTEGGIA IL VENTICINQUESIMO ANNO DI ATTIVITÀ

PALERMO, L' ACCADEMIA DI SICILIA FESTEGGIA IL VENTICINQUESIMO ANNO DI ATTIVITÀ
La manifestazione sarà dedicata al compianto presidente Tony Marotta L’Accademia di Sicilia  compie venticinque anni.Un anniversario importante, che sarà celebrato a Palermo sabato 9 ottobre alle 18:00, nella Sala De Seta ai Cantieri Culturali alla Zisa, in via Paolo Gili 4.Nella stessa occasione, sarà inaugurato il nuovo anno accademico nel quadro delle attività socio-culturali.Per espressa volontà della Presidenza e del Senato Accademico, la manifestazione s (continua)

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, il delegato vicario di Sicilia Antonio di Janni ricorda Monsignor Cataldo Naro: "Altissima espressione della Chiesa "

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, il delegato vicario di Sicilia Antonio di Janni ricorda Monsignor Cataldo Naro:
"Nel 2002 ebbi il piacere di conoscerlo - spiega il nobile tracciando un ricordo dell'alto prelato - quando era stato appena nominato Arcivescovo di Monreale" "Sono trascorsi quindici anni dalla scomparsa di Monsignor Cataldo Naro, tra le più alte espressioni della Chiesa siciliana di sempre": lo afferma il delegato vicario di Sicilia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Antonio di Janni, omaggiando con affetto l'Arcivescovo di Monreale, originario di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta. "Nel 2002 ebbi il pi (continua)

ITALEXIT E FORZA PALERMO PROTESTANO CONTRO L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE: "POLITICHE DI MOBILITÀ URBANA SENZA SENSO E INTOLLERABILE SPERPERO DI DENARO"

ITALEXIT E FORZA PALERMO PROTESTANO CONTRO L'AMMINISTRAZIONE COMUNALE:
Il luogo scelto dagli organizzatori, non a caso, è piazza Pretoria, di fronte a Palazzo delle Aquile, sede dell'amministrazione comunale, oggetto delle critiche di Italexit e Forza Palermo anche per via delle politiche in materia di trasporto pubblico urbano "Il Comune venuto da Marte": è il titolo della manifestazione organizzata e promossa dal coordinamento cittadino e provinciale di Italexit Palermo e dal movimento civico Forza Palermo, che si terrà il 30 settembre alle 17:00.Il luogo scelto dagli organizzatori, non a caso, è piazza Pretoria, di fronte a Palazzo delle Aquile, sede dell'amministrazione comunale, oggetto delle critiche di Italexit e (continua)