Home > Cibo e Alimentazione > decreto Ristori: parere e azioni di Unionbirrai

decreto Ristori: parere e azioni di Unionbirrai

scritto da: BuonoFactory | segnala un abuso

decreto Ristori: parere e azioni di Unionbirrai

I piccoli birrifici indipendenti fortemente colpiti dalle restrizioni dettate ai pub, ma fuori dal Decreto Ristori. La birra artigianale italiana nuovamente in pericolo.


Monitorare costantemente l’andamento delle aziende associate con l’obiettivo di riportare all’attenzione del Ministero dello Sviluppo Economico l’attuale realtà della produzione della birra artigianale italiana, comparto fortemente interessato dalle restrizioni in atto per le attività di somministrazione, per il quale però il Decreto Ristori (D.L. 28/10/20 n. 137) non prevede interventi. Con questa prima azione, Unionbirrai, associazione di categoria dei piccoli birrifici indipendenti, intende muovere un’importante passo a tutela di un settore già fortemente colpito dalla pandemia.

 

Ancora una volta l’emergenza Covid-19 potrebbe nuocere gravemente alla birra indipendente, perché se da una parte il Decreto Ristori ha previsto un contributo a favore di bar, pub e ristoranti, direttamente interessati dalle restrizioni degli ultimi provvedimenti per contenere i contagi, dall’altra non ha prestato attenzione alle aziende di quella filiera strettamente legata al mondo della somministrazione, come i produttori indipendenti di birra artigianale.

 

“Il parere della nostra associazione sugli interventi previsti dal Decreto Ristori è fortemente negativo. – ha affermato Vittorio Ferraris, direttore generale Unionbirrai – Come inopportuna ci appare la scelta di individuare come destinatari di sovvenzionamenti unicamente i codici ATECO direttamente colpiti dalle misure restrittive, come quello delle attività di somministrazione, non tenendo in considerazione la filiera strettamente legata a questo settore e andando quindi a penalizzare il comparto della birra artigianale italiana, che seguendo principi di filiera corta e territorialità si esprime maggiormente nei canali commerciali tipicamente legati a quelli della somministrazione.”

 

L’intento di Unionbirrai è ora quello di sottoporre dati concreti all’attenzione dei ministeri competenti, affinché il settore della birra artigianale indipendente venga attenzionato come fortemente colpito, in considerazione anche del fatto che il comma 2 dell’art. 1 del D.L. 28/10/20 n. 137 già prevede l’individuazione di ulteriori codici ATECO fra i destinatari di aiuti, a condizione che tali settori siano direttamente pregiudicati delle misure restrittive, anche se al momento i fondi previsti non sono sufficientemente adeguati a soddisfare tutte le aziende che potrebbero essere coinvolte.

“Abbiamo già avviato un monitoraggio settimanale con i nostri associati sull’andamento delle loro aziende, rilevando già nella prima settimana dati estremamente preoccupanti. - ha proseguito Ferraris - Per questo ora più che mai l’invito di Unionbirrai ai suoi associati è a far fronte comune per sottoporre all’attenzione del Governo la revisione dei contenuti del decreto a fronte della nostra categoria”.

 

birra | coronavirus | decreto ristori |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UNIONBIRRAI: PARTE LA FORMAZIONE ONLINE CON LA PIATTAFORMA UB ACADEMY


UNIONBIRRAI: GIÀ SOLD OUT IL PRIMO CORSO DI DEGUSTAZIONE ONLINE


C'è birra e birra. La Pandemia accentua il divario tra consumi di birra artigianale e industriale


UNIONBIRRAI: ACCORDO CON LA CIA PER I BIRRIFICI AGRICOLI


Ipercolesterolemia: CHMP parere positivo su acido bempedoico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Unionbirrai: riparte UB Academy

Unionbirrai: riparte UB Academy
Dal 20 gennaio 2021 previste 12 monografie in webinar live e due corsi di degustazione.Si aggiungeranno alla programmazione nuovi master e seminari guidati da docenti esperti. Si inaugura con un’importante novità in area formazione il 2021 di Unionbirrai, associazione di categoria dei piccoli birrifici indipendenti. Torna, infatti, UB Academy, piattaforma di corsi a distanza rivolti a conoscere, approfondire e scoprire il mondo della birra, che riparte con le monografie in webinar live che più hanno conquistato il consenso al lancio dell’Academy, per poi proseguir (continua)

C'è birra e birra. La Pandemia accentua il divario tra consumi di birra artigianale e industriale

C'è birra e birra. La Pandemia accentua il divario tra consumi di birra artigianale e industriale
Con le restrizioni per contenere il contagio da Covid-19 rivolte a pub e ristoranti e senza ristori per i microbirrifici, birra artigianale italiana in crisi Il settore della birra artigianale italiana sta attraversando una profonda crisi. A confermarlo è il monitoraggio sull’andamento delle attività avviato da Unionbirrai, associazione di categoria dei piccoli birrifici indipendenti, con la collaborazione dei suoi associati, che ha rilevato che, fin dalla prima settimana di restrizioni, molti microbirrifici avrebbero subito un pesante c (continua)

Nasce il Pugliettone, panettone che racconta la Puglia

Nasce il Pugliettone, panettone che racconta la Puglia
Un prodotto unico caratterizzato dal particolare metodo di cottura in terracotta e dalla farcitura fatta unicamente di ingredienti del territorio regionale Tutta la varietà di una regione, tutta l’unicità di una terra ricca di differenze racchiuse in un nuovo lievitato natalizio: il Pugliettone, un prodotto unico perché caratterizzato dal particolare metodo di cottura in terracotta e per il quale nella farcitura vengono utilizzati solo ingredienti del territorio regionale. Nato da un’idea del mastro pasticcere Eustachio Sapone, questa declinazi (continua)

Mastro Panettone 2020, ecco i finalisti

Mastro Panettone 2020, ecco i finalisti
I lievitati natalizi più buoni dell’anno si decideranno il 9 novembre nella finale del concorso La quarta edizione di “Mastro Panettone”, il concorso organizzato da Goloasi.it che premia i panettoni artigianali più buoni dell’anno e nel 2020 anche i pandori, si avvia verso la fase finale. Conclusa la prima parte di degustazioni a cura della commissione tecnica, sono stati definiti e ufficializzati i lievitati finalisti: 26 per la categoria “Miglior panettone artigianale tradi (continua)

Le Grotte di Castellana riaprono il 26 giugno

Le Grotte di Castellana riaprono il 26 giugno
Le grotte sono pronte a riaccogliere i turisti in sicurezza e più belle di prima Le Grotte di Castellana (Ba) saranno ufficialmente riaperte al pubblico venerdì 26 giugno. Dopo oltre tre mesi di chiusura, il sito carsico, tra i principali attrattori turistici in Puglia, è pronto a riaccogliere i visitatori in sicurezza e a rivelare delle grotte più splendenti di prima, rigenerate dal buio e dal silenzio costanti del periodo di chiusura.  Ufficializzata finalmente l (continua)