Home > Primo Piano > Violenza donne, Bilotta e Di Gosta: "Casi aumentati durante la pandemia"

Violenza donne, Bilotta e Di Gosta: "Casi aumentati durante la pandemia"

scritto da: D.L. | segnala un abuso

Violenza donne, Bilotta e Di Gosta:


"I numeri relativi alla violenza sulle donne non accennano a diminuire ma anzi sono aumentati durante la pandemia. La maggior parte di essi purtroppo avviene tra le mura domestiche da chi ci 'ama'.  È una piaga che si risolverà soltanto quando nella coscienza pubblica la violenza sarà definitivamente ripudiata. Oggi è la giornata nazionale contro la violenza sulle donne, argomento delicato e purtroppo sempre più d’attualità. Questa giornata sia il tempo esclusivo dell’impegno di tutto il Paese per tutte le donne che hanno perso la vita, per tutte quelle donne che trovano la forza giornalmente di non accettare soprusi violenze e abusi, per tutti i figli che sono stati derubati dell’amore della propria madre. Ricominciare è possibile, nessuno può toglierci la libertà". 

Lo dichiarano in una nota congiunta Marzia Bilotta e Maria Fiorenza Di Gosta, presidente e vice-presidente del think thank Il Salotto. Il 25 novembre è la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. La ricorrenza è stata istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre 1999, partendo dal fatto che la violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani. In tutto il mondo una delle prime cause di morte delle donne tra i 16 e i 44 anni è l'omicidio compiuto da persone conosciute, come mariti, compagni, partner o ex partner. Spesso le violenze si consumano all'interno delle mura domestiche, come dimostra l'aumento di casi rilevato dall’inizio della pandemia di Covid-19. 



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Il Made in Italy delle donne" di Ketty Karraffa


Luca Tom Bilotta, Bilotta, l'esordiente che ha convinto l'agente di Ken Follet con un libro sul mondo del jazz


L’app italiana eMooks tra i big dell’hi-tech del Dublin Web Summit.


I Settanta Anni Dell' UDI nel messaggio del Presidente Sergio Mattarella


In nome dell'Uomo, l'arte contro la violenza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

"Contro il Covid lactoferrina, quercetina e resveratrolo non servono. Sono bufale”


Intervista a Stefania Ruggeri, docente dell’Università di Tor Vergata, nutrizionista e ricercatrice del CREA Alimenti e Nutrizione Professoressa Ruggeri, non bastavano i virologi che litigano anche su quale sia la terapia farmacologica più efficace per combattere il Covid- 19. Ora, alcuni nutrizionisti sbandierano ai quattro venti la possibilità di ricorrere a integratori miracolosi. Che faccio, corro in farmacia? Tenga presente che ho un’età, per usare il vostro linguaggio, robusta…Resti a casa, che è meglio. Poi, non (continua)

Ana Bettz: la star che superò… Madonna

Ana Bettz: la star che superò… Madonna
Anna Bettz si racconta. Dagli inizi della carriera a quella volta che fu preferita… a Madonna! Tutti si chiedono quando è cominciato il successo artistico di questa cantante internazionale italo-americana, dalla bellezza stratosferica e dalla personalità “stronger than life”. È una storia avvolta quasi nel mito, così com’è The Body: Ana Bettz. E per svelare ogni intimo segreto abbiamo deciso di chiederlo a lei.Ana Bettz, lei è diventata un’icona della musi (continua)

“Se a gennaio si riaprono le scuole, la terza ondata sarà inevitabile”

“Se a gennaio si riaprono le scuole, la terza ondata sarà inevitabile”
Andrea Crisanti, Direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’Università di Padova Professor Crisanti, ogni giorno il bollettino dei morti di Covid è spaventoso. Eppure, leggiamo e sentiamo che la situazione sta migliorando. Il cittadino rischia di non capire o di assuefarsi. Sbaglio?Sono, comunque, numeri, che vanno contestualizzati. Le persone, che muoiono oggi, sono quelle, che si sono ammalate, quando avevamo quarantamila di casi al giorno, o giù di lì. Crisanti, un (continua)

Allontanati dalla madre, divisi fra loro, domani una perizia psichiatrica. Quattro fratelli indifesi. A Cuneo una vergogna italiana

Allontanati dalla madre, divisi fra loro, domani una perizia psichiatrica. Quattro fratelli indifesi. A Cuneo una vergogna italiana
Raffaella Regoli, giornalista, regista e scrittrice Raffaella Regoli, perché è per te inaccettabile quello stanno patendo i bambini di Cuneo?Perché quattro bambini rischiano di diventare vittime di Stato. Invece di riportarli a casa, si chiede una perizia psichiatrica su quattro fratelli, che da mesi gridano il loro dolore da quattro comunità diverse. E’ una grave violazione dei diritti umani e del fanciullo. Ho già scritto al Ministro della (continua)

Paolo Zangrillo indagato, si infuoca Forza Italia in Piemonte

Paolo Zangrillo indagato, si infuoca Forza Italia in Piemonte
TORINO – Inizia a far rumore l'inchiesta sulla cancellazione illecita dalle liste che porta avvisi di garanzia a Paolo Zangrillo, coordinatore regionale Forza Italia Piemonte e fratello di Alberto Zangrillo, al capogruppo a Montecitorio Riccardo Molinari ed al deputato Alessandro Benvenuto, entrambi della Lega. “Persino un bambino sa che appena si modifica un nome nelle liste, queste devono essere (continua)