Home > Cultura > Giuseppe Patroni Griffi - appuntamento con Augusto De Luca

Giuseppe Patroni Griffi - appuntamento con Augusto De Luca

scritto da: Valerianapoli | segnala un abuso

Giuseppe Patroni Griffi - appuntamento con Augusto De Luca


Andai in tarda mattinata a casa di Giuseppe Patroni Griffi che non era solito alzarsi prima delle undici. Abitava in un antico palazzo di via Margutta accanto a Piazza di Spagna. 

Mentre salivo le scale, sapevo che avrei avuto di fronte un monumento nazionale. Scrittore, commediografo, regista teatrale e cinematografico era sicuramente un uomo poliedrico e geniale. Mi venne ad aprire una signora, la sorella Wanda, che abitava proprio nell’appartamento accanto che mi disse che suo fratello sarebbe arrivato tra qualche minuto e nel frattempo mi portò un caffè e qualche biscottino. Dopo un quarto d’ora abbondante entrò Patroni Griffi. Era molto elegante e aveva un ottimo profumo che si diffuse in tutto il salone. Immediatamente si rivolse a me in modo confidenziale e nonostante vivesse a Roma ormai da molti anni, il suo accento era assolutamente napoletano. Mi chiese subito se volessi del cioccolato. Mi disse che era la sua droga e ne aveva di tutti i tipi. Poi ci sedemmo e lui mi raccontò di quando da ragazzo frequentava il Liceo Umberto a Napoli insieme ai suoi amici cari come Antonio Girelli, Raffaele La Capria, Giorgio Napolitano ed altri. Amici che nel tempo erano stati il suo investimento. Credeva che l’amicizia fosse un sentimento forte come quello dell’amore e che l’amore comunque poteva trasformarsi in amicizia. Mi disse anche che aveva amici con cui si incontrava tutte le sere. Tra un discorso e un altro mi richiese se volevo del cioccolato e alla mia risposta negativa ugualmente si alzò e andò a prenderne per se.

Finalmente mi misi al lavoro e feci molti scatti in cui era sempre presente una sigaretta, quasi fosse un prolungamento della sua mano. Appena ne finiva una, immediatamente ne accendeva un’altra. Per fortuna io sono un fumatore e l’odore di fumo che si mescolava al profumo che aveva indosso invadeva la stanza, ma questo non mi dava alcun fastidio e in verità, ne approfittai fumando anche io qualche sigaretta. Comunque realizzai una prima foto in polaroid manipolata che poi pubblicai nel mio libro “trentuno napoletani di fine secolo”, sfruttando proprio questa sua ulteriore, dopo il cioccolato, esperienza sensoriale. Misi infatti in relazione la sua sigaretta con quella che aveva in mano la signora del manifesto anni ’30 alle sue spalle.

Poi feci alcuni ritratti in bianco e nero concentrandomi maggiormente sul suo viso e sulla sua espressione.

Dopo un’oretta, accompagnandomi alla porta mi disse: “ma sei sicuro che non ti vuoi portare un po di cioccolato?”, io gli risposi: “Giuseppe…la prossima volta ti porto io da Napoli un magnifico pezzo di cioccolato foresta della Gay Odin”. Lui annuì facendomi un grande sorriso mentre gli occhi gli brillarono.

Augusto De Luca

Giuseppe Patroni Griffi | Augusto De Luca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

AUGUSTO RE “CI SI PERDE DI VISTA” è il nuovo singolo del cantautore urban contemporaneo


Roma come New York: il progetto di restauro del Mausoleo di Augusto nelle parole di Giuseppe Recchi


AUGUSTO RE “TORNARE A VOLARE” è il nuovo singolo del cantautore ravennate


AUGUSTO RE “QUINDI QUESTO È UN ADDIO?” in radio dal 23 settembre il terzo singolo del cantautore ravennate


Intervista al soprano Olga De Maio ed al tenore Luca Lupoli a cura di Raffaele Brio blog NuBeSparsa


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mario Insenga - appuntamento con Augusto De Luca

Mario Insenga - appuntamento con Augusto De Luca
Sono amico di Mario Insenga da quando ero ragazzino, più o meno una cinquantina d'anni. Conoscevo bene anche tutta la sua famiglia e d'estate ci incontravamo nella sua splendida villa ad Ischia, dove preparavamo brani da suonare in diversi locali dell'isola. Insieme abbiamo fatto parte di molti gruppi dalle denominazioni più strane, in quel periodo, infatti, erano di moda nomi lunghi e particolari (continua)

Enrico De Maio - appuntamento con Augusto De Luca

Enrico De Maio - appuntamento con Augusto De Luca
Proprio qualche giorno fa, era il 17 giugno, siamo tutti rimasti sconvolti dalla notizia di una sparatoria avvenuta alle ore 19:00 nei vicoli dei Quartieri Spagnoli di Napoli. Due persone sono state ferite casualmente ed una di esse era proprio il mio carissimo amico Enrico De Maio, di 57 anni, che per fortuna, dopo un difficile intervento al fegato in ospedale, ora è in via di guarigione. A lui o (continua)

Lucia Trisorio - appuntamento con Augusto De Luca

Lucia Trisorio - appuntamento con Augusto De Luca
Lo Studio Trisorio, alla Riviera di Chiaia, è una delle più importanti gallerie napoletane, punto di riferimento per tantissimi artisti, inaugurata il 16 ottobre 1974, dove hanno esposto tanti nomi illustri del panorama internazionale, molti dei quali precursori dei loro tempi. Conobbi i proprietari, Pasquale e Lucia, alla fine degli anni 70. Spesso andavo da loro per parlare dei miei nuovi lavori (continua)

Peppe Morra - appuntamento con Augusto De Luca

Peppe Morra - appuntamento con Augusto De Luca
Ho iniziato a frequentare assiduamente le esposizioni di Giuseppe Morra, noto come Peppe, dall'inizio della mia carriera di fotografo negli anni 70. Gallerista raffinato e colto, collezionista, mecenate, squisito ricercatore e valorizzatore della cultura delle comunicazioni visive, senza fermarsi alla prima impressione e scavando nel profondo, si è distinto dagli altri proponendo artisti important (continua)

...addio Carla Fracci...un ricordo di Augusto De Luca

...addio Carla Fracci...un ricordo di Augusto De Luca
Erano i primi anni novanta e da poco era stato pubblicato il libro "Napoli Donna", con i miei ritratti di trentasette importanti donne napoletane accompagnati dalle interviste della giornalista Giuliana Gargiulo.Avendo avuto un notevole riscontro, decidemmo di realizzarne un altro stavolta sulle donne di Milano.Preparammo allora una scaletta di nomi illustri e la prima della lista era Carla Fracci (continua)