Home > Libri > Cosa spinge le persone a fare sport? La voglia di mettersi in gioco

Cosa spinge le persone a fare sport? La voglia di mettersi in gioco

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Cosa spinge le persone a fare sport? La voglia di mettersi in gioco

Tra le motivazioni che spinge le persone a fare sport è mettersi in gioco sviluppando resilienza. Praticando sport ci si accorge di poter fare qualcosa di importante, di raggiungere mete e obiettivi sfidanti, superare crisi e difficoltà. Di seguito alcune testimonianze attraverso risposte alla domanda che è anche titolo del mio libro: Cosa spinge le persone a fare sport?


Matteo SIMONE21163@tiscali.it

http://www.psicologiadellosport.net

 

Tra le motivazioni che spinge le persone a fare sport è mettersi in gioco sviluppando resilienza. Praticando sport ci si accorge di poter fare qualcosa di importante, di raggiungere mete e obiettivi sfidanti, superare crisi e difficoltà. Di seguito alcune testimonianze attraverso risposte alla domanda che è anche titolo del mio libro: Cosa spinge le persone a fare sport?

Rolando: “Fondamentalmente il passare degli anni non han mutato la mia spinta a fare sport, sono cambiati i riscontri in termine di prestazioni ma la voglia di mettermi in gioco con traguardi calibrati all'età è la stessa di quando avevo 20 anni”.

Luca Parisi: “Le persone come te che danno valore alle persone che essi realizzino grandi oppure piccoli traguardi ”.

Massimo Castellano: “E proprio grazie al grande motivatore triatleta e psicologo dello sport il dott. Matteo Simone che spinge aggregando tutti noi atleti leggendo i suoi libri a praticare e affrontando con resilienza qualsiasi fatica al traguardo”.

 

Per tanti c’è la voglia di provvedere alla propria salute, prevenire, promuovere sani abitudini, avere un salutare stile di vita, non ingrassare, tenersi in forma.

Francesca Ruffa: “Il cibo”.

Luciano Ciurleo: “La voglia di volersi bene, la voglia di evadere dalla propria routine”.

Armando Quadrani: “Il rinfresco”.

Matteo Stelluti: “La bilancia”.

Paolo Giorgetta: “La panza …”.

Roberto Tognalini: “Mangiare”.

 

Per tanti è vero che lo sport aiuta a tenere in forma il fisico e la mente sviluppando consapevolezza, fiducia, resilienza e poi da grandi attraverso lo sport si ha a disposizione un piano B per evadere dai problemi quotidiani lavorativi e familiari ma poi quando si torna sia a casa, sia al lavoro sia dalle mogli si è più efficaci e produttivi.

Aldo Siragusa: “Alcuni lo praticano per un po' lontano dal coniuge”.

Franco Varesio: “Da ragazzi per conquistare le fidanzate, da adulti per scappare dalle mogli”.

Francesco Tieri: “La moglie in casa è un buon motivo per fare sport all'aperto”.

 

Tra le risposte più gettonata e frequenti vi è il senso di libertà, in effetti lo sport permette di evadere dalle incombenze e preoccupazioni quotidiane, prendendosi un tempo proprio da soli o con amici per dedicarsi a sé stessi curando corpo e mente, di seguito alcune risposte.

 

Nunzio Improta: “Il senso di libertà”.

Giampiera Farre Chanel: “La sensazione di libertà che si ha durante l’attività”.

Veronica Bellenna Mattioli: “Liberare la mente stressata e ritagliare quel spazio solo per te! Ecco perché mi avventuro a correre nel bosco”.

Natascia Panzavolta: “L' attività sportiva nasce e si esprime come senso di libertà nell' essere umano…io lo vivo così il mio sport…mi sento libera...libera di esprimere ciò che sono!”.

Giada Paolillo: “La voglia di vivere”.

Jana Brafči: “Libertà, la vita migliore senza i pensieri inutili e benessere assoluto durante e dopo ☺”.

Chiara Lorenza Velocci: “Il senso di Libertà”.

 

Altra risposta frequente è il senso di benessere che deriva dalla pratica dello sport da soli o in compagnia, uno stare bene che motiva le persone a fare sport, di seguito alcune risposte.

Franco Piccioni: “...di stare bene... Per prima cosa”.

Margherita Fraternali: “Il benessere”.

Mimma Caramia: “Il senso di benessere e appagamento”.

Lo Cascio Dorotea: “Benessere a 360 gradi!”.

Patrizia Melchior: “Endorfine”.

Matilde Staffa: “Il senso di benessere che si prova dopo aver corso per almeno un'ora e la soddisfazione dopo due ore di palestra! Lo sport cura corpo mente e spirito. È una fonte inesauribile di felicità. Bacio dott.”.

 

Per tanti attraverso lo sport si conosce gente, si fa gruppo, ci si confronta, è un’occasione per ridere, sorridere, divertirsi.

Michele Ricucci: “Fare nuove amicizie? Una Vita meno sedentaria e poltronosa? L’azione che ci rende agili, liberi di camminare con le nostre gambe verso cose belle e costruttive?”.

Francesco Di Pierro: “Noia, stress, crisi di mezza età, abitudine, edonismo, voglia di conosce gente. Siamo tutti diversi, non credo ci sia un motivo comune”.

Mauro Ippoliti: “Vedere gente sorridente”.

Marco Maria Mongiardini‎: “Mi spinge il fatto di star bene, conoscere gente speciale, migliorare il proprio stile di vita e crescere a livello mentale”.

 

Per tanti lo sport diventa una medicina, una terapia naturale meglio di tanti altri farmaci a volte anche considerato meglio dello psicologo.

Chicca Falvo: “Tengo a bada il mio diabete tipo 1 e le complicanze”.

Michele D’Adamo: “È la medicina n1”.

Domenico Manzella: “Le scarpe da running costano meno dello psicologo”.

Gianluca Achille: “La corsa è terapia (per ne). Per dirla alla Ernesto Calindri: ‘contro il logorio della vita quotidiana’.

 

Le motivazioni a fare sport sono le più disparate: performance, benessere, non ingrassare, dimagrire, conoscere gente, fuggire da casa e dai problemi.

Italo Merolli: “Matteo a prescindere dalle funzioni che ha lo sport e sono tante, ciò che spinge le persone a praticarlo va sicuramente ricercato nell'aspetto motivazionale. E le motivazioni possono essere le più disparate”.

Carlo Spairani: “Il motivo opposto a quello che spinge le persone a stare sul divano...visioni diverse della vita”.

 

Ringrazio Massimo Castellano per le sue parole e per la sua poesia:

Grande Dott. Matteo Simone! Una poesia per le sue imprese: Forza Matteo che con tè abbiamo sempre un pensiero! La tua amicizia rende gioiosa ogni volta che esci senza alcuna pigrizia, spesso con una volontà che solo chi a resilienza vince ad ogni partenza questa è la realtà! Sei un amico di tutti e questo ci rende sempre più orgogliosi della tua bontà senza malizia perché il tuo modo di essere e vivere in piena amicizia. Donare per te un semplice sorriso e come praticare uno sport all'improvviso. Condividi emozioni vivendo i momenti più preziosi con tutti gli amici alcuni campioni altri tapascioni! La tua personalità non è fatta di apparenza, vivi per i valori, è questa la vera sostanza, il resto non ha importanza. Sei per tutti un grande esempio, come un maestro dai sempre il consiglio giusto. L'amica salita è il tuo motto, in ogni momento ci aiuti a non mollare per non piangerci addosso, sai come vincere ogni avversità con coraggio, con parole da saggio augurandoci di arrivare vittoriosi al nostro traguardo!”.

 

Dott. Matteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it

Psicologo, Psicoterapeuta, Terapeuta EMDR

Sito web: www.psicologiadellosport.net

Blog: http://ilsentieroalternativo.blogspot.it/

Libri: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net


sport | mettersi in gioco |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cosa spinge le persone a fare sport? La voglia di uscire dalla zona di comfort


Cosa spinge le persone a fare sport?


Un mondo dietro lo sport, tanta fatica e impegno con passione e determinazione


Dario Santoro, Campione Italiano Maratona: purtroppo lo sport non mi dà da vivere


Presentazione del libro “Lo sport delle donne" edito da Prospettiva Editrice


Rollo Aloisio: la gara della mia vita il derby tra Manfredonia e Foggia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci
Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 ore a Belfast l’1-2 luglio 2017; Campionati Europei di 24 ore a Timisoara (Romania) il 26-27 maggio 2018; Campionati Europei di 24 ore ad Albi il 22 ottobre 2016. . Di seguito approfondia Dietro un’Ultramaratona c'è semplicemente la voglia di andare oltre  Matteo SIMONE  3804337230- 21163@tiscali.it  Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 (continua)

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981
Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. E’ stato anche Primatista Italiano dei 50 Km in 2h 59’44” Matteo SIMONE  Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. Anche nel 1977, alla (continua)

Ivan Cudin, ultrarunner: Ho semplicemente imparato a credere di più in me stesso

Ivan Cudin, ultrarunner: Ho semplicemente imparato a credere di più in me stesso
Ivan Cudin detiene il record italiano di 24h in 266,702 km, ottenuto il 7 e l’8 dicembre 2013 alla 24 ore di Soochow University di Taipei (Taiwan), poco più di 3km in più di Marco Visintini che il 23.10.2021 ha totalizzato 263.284 km a Brugg (SUI). È stato Campione Europeo della 24h nel 2010 con 263 km, in occasione dei Mondiali di 24h di corsa su strada a Brive-la-Gaillarde (FRA), dove ha conquistato il bronzo ai mondiali, preceduto dall'americano Scott Jurek 266 km e dal giapponese Shingo Inoue 273 km. Il titolo femminile mondiale ed europeo è andato alla francese Anne Cecile Fontaine con 239 km che ha preceduto Monica Casiraghi231 km e la tedesca Julia Alter 230 km. Nella classifica per nazioni la squadra maschile dell'Italia vince il titolo Europeo ed è seconda al mondo dietro al Giappone e davanti agli Stati Uniti, mentre la squadra femminile è seconda al Mondo e all'Europa dietro alla Francia. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Ivan attraverso risposte ad alcune mie domande di qualche anno fa. Record italiano di 24h in 266,702 km ottenuto nel 2013 Matteo SIMONE  Ivan Cudin detiene il record italiano di 24h in 266,702 km, ottenuto il 7 e l’8 dicembre 2013 alla 24 ore di Soochow University di Taipei (Taiwan), poco più di 3km in più di Marco Visintini che il 23.10.2021 ha totalizzato 263.284 km a Brugg (SUI).  È stato Campione Europeo della 24h (continua)

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza
O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziare? Come? Cosa devo acquisire e come? Quanto è importante ogni risorsa?  Sviluppare autoefficacia: Cosa ho fatto di importante nel passato e come? Come replicarlo? Di fondamentale importanza risulta essere l’autoefficacia, la fiducia in sé, che si costruisce fin da piccoli a partire dalla propria famiglia di appartenenza, con l’aiuto di familiari e care giver, e negli ambienti scolastici e sportivi, con l’aiuto di insegnanti ed educatori che diventano modelli di riferimento. Matteo Simone, psicologo psicoterapeuta     O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziar (continua)

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)