Home > Sviluppo sostenibile > IL RUOLO DEI GIOVANI NEL FUTURO DELLE AREE INTERNE

IL RUOLO DEI GIOVANI NEL FUTURO DELLE AREE INTERNE

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

IL RUOLO DEI GIOVANI NEL FUTURO DELLE AREE INTERNE

Nasce la “Rete dei giovani delle Aree interne” per portare avanti il dialogo iniziato con la Strategia Aree interne. Il Presidente dell’Unione Madonie invita i giovani madoniti ad iscriversi entro il 24 gennaio.


Nasce la “Rete dei giovani delle Aree interne”. L’invito ad iscriversi è rivolto a tutti i giovani, da nord a sud, che vogliono far sentire la propria voce e programmare il proprio futuro rimanendo nelle Aree interne alla ricerca di nuove modalità di vivere i territori.

Il progetto Officina Giovani Aree Interne, promosso da Officine Coesione per le Aree Interne a supporto del Comitato Tecnico Aree Interne (CTAI), prevede il coinvolgimento di associazioni, attivisti, operatori economici e dei servizi e ricercatori under 40 che operano nelle aree interne. Il progetto ha lo scopo di mettere al centro i giovani abitanti delle terre alte, preoccupati per un domani incerto ma determinati nel cercare nuove forme di socialità che possano garantire un futuro alla montagna nell’incontro tra tradizione e innovazione. L’obiettivo è quello di definire un manifesto programmatico che identifichi priorità e scopi comuni puntando sull’intraprendenza per promuovere azioni per la valorizzazione delle risorse territoriali e dell’energia delle nuove generazioni; partecipare attivamente all'attuazione della Strategia Nazionale Aree Interne sul territorio facilitandone e monitorandone l'avanzamento.

La “Rete dei giovani delle Aree interne” nasce dall’idea di unire le forze in una organizzazione allargata e trasversale in tutto il territorio italiano. Questa ha preso forma da “Muovere le Montagne”, un progetto nato nel territorio della Valle Stura in Piemonte, che ha visto un gruppo di giovani residenti della Valle adoperarsi per il futuro delle loro montagne confrontandosi con altri che, come loro, risiedono nelle aree interne d’Italia. Uno scambio di idee e di buone pratiche per affermare: «Non siamo soli, le aree interne sono dappertutto». L’intento della Rete è quello di portare avanti il dialogo iniziato con la Strategia Aree interne in considerazione che i giovani potranno diventare un domani le antenne sul territorio, coloro che davvero potranno dire se la strategia funziona e contribuire alla sua definizione.

“Mi auguro – afferma il presidente dell’Unione Madonie – che anche i giovani delle Madonie sentano il bisogno di partecipare a questo movimento culturale ed essere protagonisti del loro futuro.”

Per iscriversi inviare una mail entro il 24 gennaio 2021 all’indirizzo: officinesnai@officinecoesione.it, specificando nell’oggetto “Partecipazione Officina Giovani Aree Interne".

 

unione madonie | aree interne | madonie | strategia aree interne | rete giovani |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Il Paese che vogliamo" - L'agriturismo per il rilancio delle aree interne


Ecosin e Telecom Italia per l'informazione socio-ambientale non-profit e partecipativa: WithYouWeDo!


Informazioni e consigli utili sulle porte interne


Finalmente Online il sito web Porte Interne Torino


San Francesco Caracciolo patrono dei cuochi traccia il percorso fra cultura e gastronomia


Assunzioni 2020 in Italia, tra occupazione in discesa, personale qualificato introvabile e situazione giovani under 29


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Unione Madonie. Votare Geraci Siculo per far vincere la Sicilia al concorso Borgo dei Borghi.

Unione Madonie. Votare Geraci Siculo per far vincere la Sicilia al concorso Borgo dei Borghi.
Geraci Siculo è l’unico paese siciliano presente nell’ottava edizione de “Il Borgo dei Borghi- La Grande Sfida 2021” organizzata dal programma televisivo “Kilimangiaro” in onda su Rai3. “Votiamo Geraci Siculo e porteremo in alto la Sicilia”.  Questo l’appello dell’Unione Madonie e del suo presidente Pietro Macaluso a tutti i cittadini dei comuni dell’Unione e a tutti i siciliani che amano la propria terra.“Dopo la vittoria di Gangi, Montalbano Elicona, Sambuca di Sicilia e Petralia Soprana non possiamo perdere l’opportunità di fare vincere Geraci Siculo continuando così (continua)

Il GAL Madonie ottiene il finanziamento delle strutture per anziani di Valledolmo e Resuttano

Il GAL Madonie ottiene il finanziamento delle strutture per anziani di Valledolmo e Resuttano
Due i progetti del GAL Madonie che fanno parte dell’elenco definitivo delle strutture per anziani finanziate dall’Assessorato regionale della Famiglia nell’ambito PO FESR 2014-2020- Azione 9.3.5.  I due interventi interessano i comuni di Valledolmo e Resuttano. Nel comune del palermitano, che ha ottenuto 160 mila euro, sarà realizzata una casa d’accoglienza, svago e riposo nell’immobi (continua)

Riqualificazione energetica degli edifici pubblici. L’Unione Madonie presenta i progetti al Dipartimento dell’Energia

Riqualificazione energetica degli edifici pubblici. L’Unione Madonie presenta i progetti al Dipartimento dell’Energia
Parte la riqualificazione energetica di vari edifici dei comuni dell’Unione Madonie. Sei i progetti inviati al Dipartimento regionale energia, responsabile dell’attuazione dell’Obiettivo Specifico 4.1 del PO FESR Sicilia 2014-2020, che dovrà emettere i decreti di finanziamento. A darne notizia è il Presidente dell’Unione Pietro Macaluso assieme all’assessore al ramo Michele Panzarella che annunciano anche la presentazione, entro il mese di marzo, di ulteriori sedici progetti di riqualificazione energetica tutti afferenti alla Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) – APQ Madonie. “La presentazione dei primi progetti – afferma l’assessore Michele Panzarella - t (continua)

L’Unione Madonie partecipa al bando del Consiglio dei Ministri 'Educare in Comune'

L’Unione Madonie partecipa al bando del Consiglio dei Ministri 'Educare in Comune'
Il progetto presentato propone di implementare l'accessibilità museale alle persone con disabilità cognitivo-comportamentale e iniziative su temi quali la differenza di genere e il cyberbullismo a scuola L’Unione Madonie partecipa al bando del Consiglio dei ministri “Educare in Comune". Il progetto, che coinvolge anche nove partner locali tra associazioni e cooperative, è stato già presentato e si sviluppa all’interno di quelle che erano le indicazioni dell’avviso pubblico del Dipartimento per le politiche della Famiglia che mira a contrastare la povertà educativa e l’esclusione sociale dei b (continua)

L’Unione Madonie dona saturimetri ai propri Comuni

L’Unione Madonie dona saturimetri ai propri Comuni
L’Unione Madonie ha distribuito 210 saturimetri ai comuni associati.  L’iniziativa è della Giunta che in sede di assestamento di bilancio, con la condivisione unanime del Consiglio dell’Unione, ha destinato delle risorse per l’acquisto di questo strumento di misurazione dell’ossigenazione del sangue, ritenuto particolarmente utile per prevenire le complicanze gravi legate a Covid-19.I di (continua)