Home > Libri > Franco Plataroti emoziona con il romanzo "Paki in un bicchiere", storia di un cane liberato dal canile

Franco Plataroti emoziona con il romanzo "Paki in un bicchiere", storia di un cane liberato dal canile

scritto da: Nulla Die | segnala un abuso

Franco Plataroti emoziona con il romanzo

Paki in un bicchiere è la biografia romanzata di un cane liberato da un canile. La vita del cane dal pelo fulvo s’intreccia con quella degli umani che lo hanno sottratto alla reclusione. Proprio i suoi amici bipedi trarranno gli insegnamenti più rilevanti, per varcare le soglie dell’umanità e ricongiungersi con l’origine lontana della nostra specie.


La storia di Paki emoziona, commuove e spinge a riflettere.

Paki in un bicchiere è la biografia romanzata di un cane liberato da un canile, approdato ai fasti di una vita mollemente borghese giocata sul registro di una quieta quotidianità non esente da incursioni nel dongiovannismo animale o da avventure oniriche che lo vedono preda dei ricordi di un matrimonio con una proterva e manesca mastina napoletana.

Tra le pieghe di un’esistenza bonaria, la vita del cane dal pelo fulvo s’intreccia con quella degli umani che lo hanno sottratto alla reclusione. Proprio i suoi amici bipedi trarranno gli insegnamenti più rilevanti, per varcare le soglie dell’umanità e ricongiungersi con l’origine lontana della nostra specie.

Franco Plataroti è nato a Torino dove insegna lettere in un liceo artistico statale. Nell’ambito della ricerca storiografica, ha pubblicato opere relative all’assistenza piemontese dell’Otto e del Novecento. Collabora con Girodivite dove si occupa delle organizzazioni mafiose.

È alla sua prima esperienza narrativa, se si eccettua un altro romanzo breve di prossima pubblicazione.


Fonte notizia: http://nulladie.com/catalogo/432-franco-plataroti-paki-in-un-bicchiere-9788869153228.html


cultura | narrativa | romanzo | animali | protezione | Franco Plataroti | Nulla die |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista di Alessia Mocci a Brina Maurer: vi presentiamo Vocabolari e altri vocabolari


- Mariglianella Consiglio Comunale approva regolamento adozione canina.


MATTEO GRECO AD UN SOLO MESE DALLA PRESENTAZIONE RADIOFONICA, IL SUCCESSO DI “DAMMI DEL TU”


Cosa fare se il cane ha paura di collare e guinzaglio?


Intervista di Alessia Mocci a Francesco S. Mangone: vi presentiamo “La spazzola dell’ingegnere”


Quando Cuccia Per Cane Grande Da Esterno


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Rebecca Fabbroni, Incontriamoci nel Mondo 24

Rebecca Fabbroni, Incontriamoci nel Mondo 24
“Incontriamoci nel Mondo 24” è il racconto di un pellegrinaggio verso Santiago de Compostela, lungo il Cammino francese, da Saint Jean Pied de Port, in Francia, sino a Finisterre, in Galizia. L’inizio del percorso è sancito, come spesso accade, da una crisi alla quale bisogna cedere, un cambiamento da affrontare.Tutto il Cammino sarà caratterizzato da una focalizzazione sull’ascolto dei segni che la vita ci comunica... Era da molto tempo che il Cammino mi chiamava, ma soltanto da qualche mese avevo capito che era giunto il momento di andare.Sapevo solo che dovevo partire e che dovevo farlo da sola.Ma non sarei stata da sola durante il percorso, i miei compagni di viaggio non avevano tardato a presentarsi e tanti ancora ne avrei incontrati...Incontriamoci nel Mondo 24 è il diario di un viaggio, soprattutto i (continua)

Irene Carlevale, In adorazione di Venere

Irene Carlevale, In adorazione di Venere
Irene Carlevale, scrittrice, fotografa, performer, regista  Esce, nella collana iCanti, la raccolta di poesie "In adorazione di Venere" di Irene Carlevale.In adorazione di Venere è una silloge poetica dedicata all’amore per sé stessi. L’amore è visto come assoluta fonte di conoscenza, la possibilità stessa del vivere.Tra figure retoriche, simbologie, ritmi la silloge ripercorre una storia fatta di immagini e silenzi naturali, visti come corrispe (continua)

La seconda genesi, avvincente romanzo di Alberto Grandi

La seconda genesi, avvincente romanzo di Alberto Grandi
Giornalista professionista, Alberto Grandi ha fondato una community di appassionati di letteratura, Penne Matte (www.pennematte.it) dove ha promosso vari concorsi letterari a tema fantastico. Dopo La cattiva addormentata, esce, per Nulla die, La seconda genesi. Ha esordito nella narrativa col fantasy mitologico L’odissea di Timoteo (Delos Digital) seguito dai romanzi di fantascienza Nubila (Prospero), Edipo Robot (Robin), dal fantasy Il killer e la sirena (Delos Digital) e dal thriller psicologico La cattiva addormentata (Nulla die). I romanzi Nulla die di Alberto Grandi.La seconda genesi è un romanzo di fantascienza a sfondo post apocalittico: si propone come una storia dai richiami biblici e con tematiche che trattano di bene e male, creazione e vita, senza per questo rinunciare al puro intrattenimento di una trama avventurosa.  La cattiva addormentata si avvicina al romanzo di indagine psicologica dai risvolt (continua)

Domenico Arezzo, Orizzonte Rosso sangue

Domenico Arezzo, Orizzonte Rosso sangue
Un romanzo avvincente nella Sicilia di fine Ottocento Un grave fatto di sangue ferisce una piccola e giovane borgata della Sicilia Orientale. In una tranquilla mattina della primavera del 1880 una giovane donna trova il corpo senza vita del marito. Sulla scena del crimine accorre quasi tutto il paese. Tra i contadini, molti dei quali analfabeti, c’è Nenè...Alcuni misteriosi omicidi e il terrore di un assassino che si aggira indisturbato tengono in os (continua)

Le nuove raccolte poetiche della collana I Canti

Le nuove raccolte poetiche della collana I Canti
Nella collana editoriale I Canti, è celebrata la poesia: nove poeti propongono le loro ultime raccolte. Stili variegati e contenuti molteplici tradotti in versi: esce una nuova edizione de I Canti, l'apprezzata collana editoriale, targata Nulla die, interamente dedicata alla poesia. Le sillogi:Francesca Baviera, il cucchiaio; in questa silloge l’autrice fa parlare un “femminile ferito” quasi con devozione e senza vergogna, come se la ferita stessa avesse una voce che vuole “darsi” al lettore senza (continua)