Home > Altro > Smart Working, tre soci onorari Aidr nella Commissione del Ministro Dadone

Smart Working, tre soci onorari Aidr nella Commissione del Ministro Dadone

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Smart Working, tre soci onorari Aidr nella Commissione del Ministro Dadone

Il ministro della Funzione pubblica, Fabiana Dadone, ha nominato i componenti dell’Osservatorio nazionale del lavoro agile nelle pubbliche amministrazioni e i membri della Commissione tecnica a supporto dell’Osservatorio stesso


Nicastri (Aidr): orgogliosi di contribuire alla rivoluzione digitale della PA

Le nuove linee guida sul lavoro agile all’interno della pubblica amministrazione saranno redatte anche grazie al contributo di tre soci onorari Aidr. Il ministro della Funzione pubblica, Fabiana Dadone, ha nominato i componenti dell’Osservatorio nazionale del lavoro agile nelle pubbliche amministrazioni e i membri della Commissione tecnica a supporto dell’Osservatorio stesso. Tra i membri del team di specialisti siederanno tre soci onorari dell’Associazione Italian Digital Revolution: Michele Camisasca, direttore generale Istat, Ermenegilda Siniscalchi, Capo del Dipartimento della funzione pubblica e Domenico De Masi, professore emerito di sociologia del lavoro Università La Sapienza – Roma. Compito dell’organismo sarà: stabilire le indicazioni per l’attuazione dello smart working all’interno della pubblica amministrazione, alla luce delle esperienze pregresse, sviluppare le competenze del personale pubblico, indicare gli strumenti per la valutazione delle performance organizzative. Il team verificherà inoltre lo stato di attuazione dei POLA (Piani Organizzativi del Lavoro Agile) messi a punto dagli enti, monitorando raggiungimento degli obiettivi. “Le nomine del ministro Dadone, ci rendono particolarmente orgogliosi – sottolinea il Presidente di Aidr Mauro Nicastri. Siamo sicuri che i soci onorari della nostra associazione, sapranno offrire un contributo fattivo nella progettazione del nuovo modello organizzativo che riguarderà la gestione del lavoro nel pubblico impiego. D’altronde in questi anni, proprio grazie al contributo di Domenico De Masi, di Michele Camisasca e di Ermenegilda Siniscalchi, anche all’interno della nostra associazione abbiamo avuto modo di approfondire la valenza rivoluzionaria del modello smart working. Si tratta – ha proseguito Nicastri – di un nuovo approccio alla gestione del lavoro, che implica non soltanto una conoscenza dei mezzi tecnologici appropriata, ma deve essere accompagnata da una diversa organizzazione dei modelli fin qui usati. L’epidemia ha accelerato il processo di transizione digitale – in uno degli ultimi eventi online ospitati dalla nostra associazione, ha ricordato infine Nicastri, insieme al contributo di De Masi, Camisasca e dei nostri soci Aidr, abbiamo sottolineato la necessità di accompagnare i processi di cambiamento, con una riflessione più ampia che tenga conto delle esigenze lavorative e dell’uomo. Siamo sicuri che la Commissione, a cui auguriamo un proficuo lavoro, offrirà un grande contributo in questa direzione.”


Fonte notizia: https://www.aidr.it/smart-working-tre-soci-onorari-aidr-nella-commissione-del-ministro-dadone/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Inside Factory presenta lo Smart Working Day 2017


Smart Working: formare i lavoratori per tutelarne salute e sicurezza


AIDR si arricchisce di nuovi “Soci Onorari e componenti del Centro Studi”


Rischi e vantaggi della piattaforma digitale nazionale targata: MIUR


- Italia: La “Legge 150” compie 20 anni. Un ricordo da Brusciano. (Scritto da Antonio Castaldo)


Digital Europe 2021/2027. Il futuro del lavoro è digitale, la Ministra Dadone ospite dell’evento online Aidr


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Next Generation EU, il piano per la ripresa. Linee guida e obiettivi

Next Generation EU, il piano per la ripresa. Linee guida e obiettivi
Gli Stati che vorranno beneficiare dei finanziamenti dovranno presentare i propri Piani Nazionali di Recupero e Resilienza (PNRR) alla Commissione europea entro il 30 aprile 2021. Per l’Italia il Consiglio dei Ministri ha approvato il PNRR lo scorso 12 gennaio. di Claudio Nassisi, Dottore Commercialista e Phd in economia e socio AidrIl Next Generation EU è lo strumento concordato dai leader dell’UE nel luglio 2020 per intervenire sui seguenti tre macro settori con risorse complessive pari a circa 750 MLD di euro:il mercato unico, l’innovazione e l’agenda digitale (132,8 MLD);la coesione, la resilienza e i valori (377,8 MLD);le risorse naturali e l’ambien (continua)

Tutela e sviluppo digitale delle zone rurali: qualcosa si muove?

Tutela e sviluppo digitale delle zone rurali: qualcosa si muove?
La campagna, con le dovute eccezioni, è il luogo della lentezza, della tradizione, ma anche spesso del ritardo nello sviluppo e nell’applicazione delle nuove tecnologie. Ormai certo è il contributo di molte pratiche agricole non innovative all’inquinamento delle matrici ambientali e al consumo di suolo. di Filippo Moreschi, avvocato e socio AIDRA un sommario sguardo storico è la città, e non la campagna, il luogo dello sviluppo della scienza e della tecnica.La campagna, con le dovute eccezioni, è il luogo della lentezza, della tradizione, ma anche spesso del ritardo nello sviluppo e nell’applicazione delle nuove tecnologie. Ormai certo è il contributo di molte pratiche agricole non innovative all (continua)

La “EuroCyber” leadership e la standardizzazione per il prossimo decennio digitale

La “EuroCyber” leadership e la standardizzazione per il prossimo decennio digitale
In questa direzione, l’articolo 8 del Cybersecurity Act ha conferito all’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza informatica, nel nuovo introdotto mandato permanente, di monitorare gli sviluppi nel settore della standardizzazione, anche in vista della prossima “entrata a regime”, nel giugno 2021, della certificazione europea di prodotti e processi. di Davide Maniscalco, coordinatore regionale Aidr per la Sicilia, Head of public affairs di Swascan – Tinexta Group“Trust” è la stella polare che orienta i policy makers nella configurazione di un mercato unico digitale europeo che venga percipito “safe” dagli utenti digitali, in uno scenario sempre più interconnesso.In questa direzione, l’articolo 8 del Cybersecurity Act ha conferito al (continua)

Big Data: porre le domande giuste per capire il futuro che si manifesta

Big Data: porre le domande giuste per capire il futuro che si manifesta
In un’era in cui l’informazione è diffusa e accessibile a costo zero, i consumatori vivono ormai in una realtà digitale dalle aspettative immediate. In un mondo basato sulle tecnologie esponenziali, ogni cosa, dalla ricerca di informazioni, alle transazioni commerciali, al feedback di marketing, genera dati a una velocità impressionante. di Sandro Zilli, Responsabile Osservatorio Innovazione e Crescita Digitale AidrC’è un’ondata di cambiamento oggettiva e concreta, non semplicemente dichiarata e inarrestabile, che è mossa dalla trasformazione del cliente, il quale tende ad avere comportamenti talmente digitali nella sua vita normale che non è più pensabile che possa averne di completamente diversi nella sua vita di tutti (continua)

Next Generation Italia – Infrastrutture per una mobilità sostenibile

Next Generation Italia – Infrastrutture per una mobilità sostenibile
L’azione di rilancio del Paese disegnata nel Piano si basa su tre assi strategici, tutti e tre condivisi a livello europeo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale. di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei trasporti e della logistica.La strategia su tre assi del rilancio del PaesePartiamo dalle parole della Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen:“… si tratta non solo di riparare e recuperare l’esistente, ma di plasmare un modo migliore di vivere il mondo di domani”.L’unione Europea e l’It (continua)