Home > Ambiente e salute > Premiati i primi vigneti italiani con Indice Bigot sopra i 90

Premiati i primi vigneti italiani con Indice Bigot sopra i 90

scritto da: Studioagora | segnala un abuso

Premiati i primi vigneti italiani con Indice Bigot sopra i 90

Indice Bigot - Il metodo misura la reale qualità di un vigneto e indica i fattori su cui intervenire per migliorarla


Fra i vigneti premiati con Indice Bigot sopra i 90 punti su 100 sono: in Friuli-Venezia Giulia il vigneto Refosco Buttrio di Vigne di Zamò, il vigneto Tocai Bert dell’azienda agricola Sturm e il vigneto Sauvignon Lungo Strada di Russiz Superiore; in Piemonte il vigneto Nebbiolo San Lorenzo di Gaja e il vigneto Barbera Barturot di Ca’Viola; in Toscana il vigneto Merlot Forra Alta di Tenuta Nozzole, il vigneto Sangiovese Oliveto di Tenuta La Fuga; in Sardegna il vigneto Pardoniga Mandrolisai dell’azienda Bentu Luna.

“In questo anno di applicazione – dice Giovanni Bigot, agronomo e ricercatore friulano, fondatore della società Perleuve – il metodo che ho messo a punto in anni di osservazioni, raccolta dati e studi è stato accolto favorevolmente da molte aziende consapevoli che i grandi vini si fanno nel vigneto. Molti produttori vitivinicoli hanno manifestato l’interesse  a conoscerlo, proprio perché l’applicazione del metodo, che sottende all’Indice Bigot permette di individuare gli strumenti necessari per migliorare progressivamente la qualità delle uve ottenute, in quel vigneto, in base all’obiettivo enologico. Indica infatti la strada migliore per farlo, dato che ne fotografa lo status quo ed evidenzia cosa va migliorato.”

L’Indice Bigot risponde alla necessità, sempre più sentita dalle aziende, di conoscere in modo certo e scientificamente validato la reale qualità dei propri vigneti, questione non facilmente inquadrabile, affrontata sinora in modo vago, prendendo in considerazione un singolo fattore, come se fosse quello determinante. Si tratta di un metodo per valutare, da 0 a 100, il potenziale qualitativo di un vigneto, prendendoin considerazione i fattori viticoli che hanno influenza diretta sulla qualità del vino: produzione, superficie fogliare esposta (SFE), rapporto tra foglie e produzione (SFE/kg), sanità delle uve, tipo di grappolo, stress idrico, vigore, biodiversità e microrganismi, età del vigneto.  Tra questi parametri si evidenzia con punteggi mediamente alti l’equilibrio vegeto-produttivo (SFE/kg) con valori tra 1,5-1,9; mentre l’aspetto su cui si dovrà sicuramente ancora lavorare è la biodiversità, soprattutto per quanto riguarda la capacità di osservarla in maniera semplice ma oggettiva. 

Per il monitoraggio, Bigot ha messo a punto l’App 4Grapes®, facile da usare, che consente in ogni momento di avere sotto controllo la situazione ampelopatologica, qualitativa e produttiva e di raccogliere i dati necessari per ottenere i valori dell’indice di ciascuna vigneto.

“Parte tutto dalle osservazioni fatte dalle persone che vivono costantemente il vigneto e, con metodo, hanno la capacità di fare osservazioni che, grazie ad opportuni successivi interventi, ne possono migliorare la qualità – continua Bigot.  Questi dati ci arrivano tramite l’App 4Grapes®, noi li elaboriamo e inviamo all’azienda una scheda descrittiva con il dettaglio dei singoli valori e il punteggio finale per ogni vigneto monitorato. A conclusione del primo anno di attività, abbiamo consegnato alle aziende l’Attestato dell’Indice Bigot, una preziosa pergamena che include le informazioni sui vigneti preso in esame, con la relativa valutazione, i punti da migliorare e i fattori in cui ha raggiunto un ottimo livello.“

Visto il grande interesse verso l’Indice Bigot, il terzo livello del corso di monitoraggio dell’Academy 4Grapes®, che Giovanni Bigot ha fondato alla fine dello scorso anno, è stato dedicato a questa tematica. L’obiettivo dichiarato è quello di formare “Ampelonauti”, ovvero persone che osservano con attenzione, metodo e dedizione il loro vigneto e ne capiscono le esigenze.

Per informazioni

www.perleuve.it
comunicazione@perleuve.it
academy@4grapes.it
T: 339 2070155
Via Isonzo 23 – Cormons (Go)


Fonte notizia: http://www.perleuve.it/


indice bigot | giovanni bicot | vigneto | vigne | vino |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UN METODO PER VALUTARE IL POTENZIALE QUALITATIVO DEL VIGNETO: L’INDICE BIGOT IN ANTEPRIMA A CASTELLO DI CIGOGNOLA


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Nasce l'Indice Selectra SQ Gas, il primo osservatorio in Italia che monitora l’andamento dei prezzi del Gas sul Mercato Libero


Visit Brescia – Provincia di Brescia, un Territorio di Vino


I Vincitori della 10° Edizione Del Premio ” La Pellicola D’oro ” Tantissimi gli ospiti


Tenuta Argentiera: quando l’eleganza secolare di un territorio diventa vino


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Piccolo Opera Festival entra a pieno titolo nell'importante rete di Italiafestival

Il Piccolo Opera Festival entra a pieno titolo nell'importante rete di Italiafestival
Prestigioso riconoscimento per il festival diretto da Gabriele Ribis che quest’anno diventa transfrontaliero e si tiene dal 19 giugno al 18 luglio Il Piccolo Opera Festival entra a pieno titolo nell’importante ensemble Italiafestival, nata nel 1987 in seno all’Agis, l’Associazione Generale dello Spettacolo, che oggi rappresenta ben 33 dei più importanti eventi italiani e 4 reti di festival che operano nell’ambito musicale, teatrale, delle arti performative e della danza, della letteratura e di altre manifestazioni artistiche.Un riconosciment (continua)

Grado: l’isola accogliente dove si respira benessere e ci si immerge nella natura

Grado: l’isola accogliente dove si respira benessere e ci si immerge nella natura
Da sempre mare, natura, salute e ospitalità fanno di Grado la meta ideale per ritrovare il benessere psico-fisico in ogni stagione dell’anno. Suggestivo borgo di pescatori dalla storia millenaria, sviluppatosi in epoca romana come porto di Aquileia e trasformatosi negli anni in una vivace ed elegante cittadina turistica, Grado è oggi conosciuta come l’“Isola del Sole” ed è la perla delle località marine del Friuli Venezia Giulia. Con la sua prestigiosa tradizione di ospitalità come centro salutare e di benessere, dichiarata dagli A (continua)

Primavera, un periodo magico per ritrovare energia e benessere all’Hotel Granbaita Dolomites, raffinato 5 stelle di Selva di Val Gardena

Primavera, un periodo magico per ritrovare energia e benessere all’Hotel Granbaita Dolomites, raffinato 5 stelle di Selva di Val Gardena
Hotel Granbaita Dolomites, raffinato 5 stelle in una posizione unica nel cuore di Selva di Val Gardena Primavera in Val Gardena, la bellezza dei contrasti, con i prati dipinti da straordinarie fioriture che si stagliano sullo sfondo di candide cime innevate. La natura si risveglia nella possente cornice delle Dolomiti, ricarica naturale di straordinaria forza. Un momento magico, ricco di energia positiva, che l’Hotel Granbaita Dolomites, raffinato 5 stelle in una posizione unica nel cuore di Selva (continua)

Visit Brescia – Primavera: le emozioni da vivere in provincia di Brescia

Visit Brescia – Primavera: le emozioni da vivere in provincia di Brescia
Brescia e la sua provincia offrono in primavera emozioni uniche Dalle pedalate nel verde alle passeggiate nella storia fra incisioni rupestri Patrimonio Umanità dell’Unesco e Case museo con parchi secolari, dal cammino lento alle terme, dalle limonaie del Garda alle spettacolari Piramidi di Zone: Brescia e la sua provincia offrono in primavera emozioni uniche. En plein air, fra arte, storia, natura. Eccone alcune, imperdibili. E molte altre si scoprono su (continua)

2 aprile 2021 – Un anno dalla morte del Dottor Pierangelo Gramignola: riportò a Brescia l’Arnaldo da Brescia di Odoardo Tabacchi

2 aprile 2021 – Un anno dalla morte del Dottor Pierangelo Gramignola: riportò a Brescia l’Arnaldo da Brescia di Odoardo Tabacchi
Banchiere, Consigliere della Banca Credito Agrario Bresciano, del Banco di Brescia, Consigliere di Editoriale Bresciana, Presidente della Fondazione Cab, della Fondazione Guido Berlucchi.Fotografo, viaggiatore, filantropo, Pierangelo Gramignola è stato un profondo conoscitore della cultura bresciana e alla presidenza dell’Associazione Amici dei Musei di Brescia si rese protagonista di un important (continua)