Home > Ambiente e salute > Premiati i primi vigneti italiani con Indice Bigot sopra i 90

Premiati i primi vigneti italiani con Indice Bigot sopra i 90

scritto da: Studioagora | segnala un abuso

Premiati i primi vigneti italiani con Indice Bigot sopra i 90

Indice Bigot - Il metodo misura la reale qualità di un vigneto e indica i fattori su cui intervenire per migliorarla


Fra i vigneti premiati con Indice Bigot sopra i 90 punti su 100 sono: in Friuli-Venezia Giulia il vigneto Refosco Buttrio di Vigne di Zamò, il vigneto Tocai Bert dell’azienda agricola Sturm e il vigneto Sauvignon Lungo Strada di Russiz Superiore; in Piemonte il vigneto Nebbiolo San Lorenzo di Gaja e il vigneto Barbera Barturot di Ca’Viola; in Toscana il vigneto Merlot Forra Alta di Tenuta Nozzole, il vigneto Sangiovese Oliveto di Tenuta La Fuga; in Sardegna il vigneto Pardoniga Mandrolisai dell’azienda Bentu Luna.

“In questo anno di applicazione – dice Giovanni Bigot, agronomo e ricercatore friulano, fondatore della società Perleuve – il metodo che ho messo a punto in anni di osservazioni, raccolta dati e studi è stato accolto favorevolmente da molte aziende consapevoli che i grandi vini si fanno nel vigneto. Molti produttori vitivinicoli hanno manifestato l’interesse  a conoscerlo, proprio perché l’applicazione del metodo, che sottende all’Indice Bigot permette di individuare gli strumenti necessari per migliorare progressivamente la qualità delle uve ottenute, in quel vigneto, in base all’obiettivo enologico. Indica infatti la strada migliore per farlo, dato che ne fotografa lo status quo ed evidenzia cosa va migliorato.”

L’Indice Bigot risponde alla necessità, sempre più sentita dalle aziende, di conoscere in modo certo e scientificamente validato la reale qualità dei propri vigneti, questione non facilmente inquadrabile, affrontata sinora in modo vago, prendendo in considerazione un singolo fattore, come se fosse quello determinante. Si tratta di un metodo per valutare, da 0 a 100, il potenziale qualitativo di un vigneto, prendendoin considerazione i fattori viticoli che hanno influenza diretta sulla qualità del vino: produzione, superficie fogliare esposta (SFE), rapporto tra foglie e produzione (SFE/kg), sanità delle uve, tipo di grappolo, stress idrico, vigore, biodiversità e microrganismi, età del vigneto.  Tra questi parametri si evidenzia con punteggi mediamente alti l’equilibrio vegeto-produttivo (SFE/kg) con valori tra 1,5-1,9; mentre l’aspetto su cui si dovrà sicuramente ancora lavorare è la biodiversità, soprattutto per quanto riguarda la capacità di osservarla in maniera semplice ma oggettiva. 

Per il monitoraggio, Bigot ha messo a punto l’App 4Grapes®, facile da usare, che consente in ogni momento di avere sotto controllo la situazione ampelopatologica, qualitativa e produttiva e di raccogliere i dati necessari per ottenere i valori dell’indice di ciascuna vigneto.

“Parte tutto dalle osservazioni fatte dalle persone che vivono costantemente il vigneto e, con metodo, hanno la capacità di fare osservazioni che, grazie ad opportuni successivi interventi, ne possono migliorare la qualità – continua Bigot.  Questi dati ci arrivano tramite l’App 4Grapes®, noi li elaboriamo e inviamo all’azienda una scheda descrittiva con il dettaglio dei singoli valori e il punteggio finale per ogni vigneto monitorato. A conclusione del primo anno di attività, abbiamo consegnato alle aziende l’Attestato dell’Indice Bigot, una preziosa pergamena che include le informazioni sui vigneti preso in esame, con la relativa valutazione, i punti da migliorare e i fattori in cui ha raggiunto un ottimo livello.“

Visto il grande interesse verso l’Indice Bigot, il terzo livello del corso di monitoraggio dell’Academy 4Grapes®, che Giovanni Bigot ha fondato alla fine dello scorso anno, è stato dedicato a questa tematica. L’obiettivo dichiarato è quello di formare “Ampelonauti”, ovvero persone che osservano con attenzione, metodo e dedizione il loro vigneto e ne capiscono le esigenze.

Per informazioni

www.perleuve.it
comunicazione@perleuve.it
academy@4grapes.it
T: 339 2070155
Via Isonzo 23 – Cormons (Go)


Fonte notizia: http://www.perleuve.it/


indice bigot | giovanni bicot | vigneto | vigne | vino |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

UN METODO PER VALUTARE IL POTENZIALE QUALITATIVO DEL VIGNETO: L’INDICE BIGOT IN ANTEPRIMA A CASTELLO DI CIGOGNOLA


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Nasce l'Indice Selectra SQ Gas, il primo osservatorio in Italia che monitora l’andamento dei prezzi del Gas sul Mercato Libero


Visit Brescia – Provincia di Brescia, un Territorio di Vino


“Astronavi da crociera” il nuovo singolo di Giovanni Neve


Riccardo Accordino in radio e negli store digitali “Tante cose strane feat. Silvia De Luca”, nuovo singolo estratto dall’Ep “Cosa vuoi che sia”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Slow o adrenaliniche? Le esperienze sulla neve da vivere sulle montagne bresciane

Slow o adrenaliniche? Le esperienze sulla neve da vivere sulle montagne bresciane
300 km di piste, innumerevoli idee per vacanze nella natura incontaminata L'aria pura, i suoni attutiti, i panorami mozzafiato, l'accoglienza autentica, i sapori genuini sono gli ingredienti per una vacanza invernale senza pari sulle montagne bresciane, dove la neve è divertimento e relax in una cornice di natura incontaminata e di amplissimi spazi, mai troppo affollati. I 7 comprensori sciistici della provincia (Pontedilegno-Tonale, Maniva Ski, Borno Ski Area, Montecam (continua)

"Ugo Da Como e la Grande Guerra" – Nuova pubblicazione dell’Associazione Amici della Fondazione Ugo Da Como di Lonato del Garda


La nuova importante realizzazione editoriale dell’Associazione Amici della Fondazione Ugo Da Como sarà presentata sabato 18 dicembre alla Biblioteca Civica di Lonato del Garda. I volontari che affiancano la Fondazione Ugo Da Como, sostenendone le iniziative e garantendo l’apertura del complesso monumentale di Lonato del Garda, patrocinano anche una precisa attività editoriale: I Quaderni della Fondazione. Si tratta di una pubblicazione periodica con cadenza annuale, quasi un diario di ciò che accade all’interno della sede istituzionale della Casa Museo del Senatore (continua)

Alla Rocca di Lonato del Garda la mostra “Lo sguardo dell’Ingegnere: 1895-1933 la Valle di Scalve nelle fotografie e nei disegni di Giovanni Tagliaferri”

Alla Rocca di Lonato del Garda la mostra “Lo sguardo dell’Ingegnere: 1895-1933 la Valle di Scalve nelle fotografie e nei disegni di Giovanni Tagliaferri”
Nella Sala del Capitano dal 12 dicembre 2021 al 9 gennaio 2022 La mostra “Lo sguardo dell’Ingegnere: 1895-1933 la Valle di Scalve nelle fotografie e nei disegni di Giovanni Tagliaferri” intende rendere omaggio alla speciale passione per la fotografia dell’Ingegnere Giovanni Tagliaferri (1864-1936), generalmente più ricordato per il suo impegno professionale, condotto prima sotto la guida dello zio architetto Antonio Tagliaferri (1835-1909) e poi in piena auto (continua)

Buon Ricordo – 7 new entry, 4 nuove specialità, 12 importanti partner – Pubblicata la Guida 2022

Buon Ricordo – 7 new entry, 4 nuove specialità, 12 importanti partner – Pubblicata la Guida 2022
Salgono a 108 i locali dell’Unione Ristoranti Buon Ricordo, dal 1964 portabandiera della cucina regionale italiana 7 new entry, 4 nuove specialità, 12 importanti partnerPubblicata la Guida 2022, che si può scaricare anche dal sitoLa Locanda Capolago di Colico (Lecco) e i ristoranti Torcolo di Verona, La Fratta di Verucchio (Rimini), Romanè e Trattoria Santa Pupa di Roma, Al Pescatore di Gallipoli (Lecce), Da Ercole a Crotone: dalla Lombardia alla Calabria, sono questi i 7 nuovi ristoranti&n (continua)

Grado, festività natalizie 2021-2022: presepi e tanto altro

Grado, festività natalizie 2021-2022: presepi e tanto altro
Una gioiosa tradizione che si rinnova per l’Isola del Natale, dal 5 dicembre 2021 al 16 gennaio 2022 Grado è pronta a vestirsi di luce e ad accogliere tutti i visitatori e gli ospiti, grandi e piccini, con un programma natalizio ricco di eventi e manifestazioni, che il Comune ha programmato di svolgere nella piena osservanza delle norme per il contenimento del contagio. Partendo, naturalmente, dalla Mostra dei Presepi che è diventata una tradizione condivisa con Aquileia e Terzo di Aqui (continua)