Home > Primo Piano > I doni dello sport: benessere, buon umore, allegria, buona compagnia

I doni dello sport: benessere, buon umore, allegria, buona compagnia

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

I doni dello sport: benessere, buon umore, allegria, buona compagnia

Cosa spinge persone a fare sport, sudare, faticare? Certo non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale; una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare, per non mollare, per occuparsi di se stessi e degli altri, per far parte di un gruppo o una squadra con progetti di gare, per condividere momenti, viaggi e incontri, per superarsi, per ricordare momenti passati insieme; questo è lo sport che vogliamo che incrementa consapevolezza, autoefficacia, resilienza e spirito di squadra e appartenenza.


Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Cosa spinge persone a fare sport, sudare, faticare? Certo non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale; una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare, per non mollare, per occuparsi di se stessi e degli altri, per far parte di un gruppo o una squadra con progetti di gare, per condividere momenti, viaggi e incontri, per superarsi, per ricordare momenti passati insieme; questo è lo sport che vogliamo che incrementa consapevolezza, autoefficacia, resilienza e spirito di squadra e appartenenza.

A volte lo sport diventa una droga, una dipendenza, ma ben venga se fa stare in piedi; se cura spirito, corpo e mente; ben venga se fa stare con la gente, se fa vedere sempre tante strade aperte davanti da poter scegliere, da potersi sperimentare.

 

Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sul l'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l'onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che diventano a volte sorprendenti e rinnovabili. Questo è il vantaggio dello sport.

La compagnia diventa una grande risorsa per affrontare allenamenti e gare, soprattutto se si tratta di sport di endurance che comporta tante ore di allenamento in condizioni anche avverse.

E’ importante sentirsi sereni e praticare sport in pura libertà apprezzando quello che viene in termini di risultati e il benessere che se ne ricava di natura fisica, psicologica, relazionale, emotiva.

 

Aspetti che incidono sul benessere e la performance nello sport non sono solamente l’allenamento fisico e la nutrizione (energia) ma anche l’allenamento mentale volto a gestire sia gli allenamenti duri e faticosi e le gare che comportano ansia e stress ma anche allenamento mentale per invogliare le persone sia a stili di vita più adeguati, consoni, salutari sia all’importanza della nutrizione nello sport non solo per sperimentare benessere ma anche per raggiungere elevate performance, per prevenire eventuali problemi.

Sollecitato da un amico triatleta ho pensato di scrivere un libro che parli non solo di campioni, ma anche dell’atleta comune lavoratore, il quale deve districarsi tra famiglia e lavoro per coltivare la sua passione sportiva, per trovare il tempo per allenarsi, praticare sport, stare con amici atleti, partecipare a competizioni. Attraverso questionari ho raccolto il punto di vista di atleti comuni e campioni, per approfondire il mondo dello sport, e in particolare gli aspetti che incidono sul benessere e sulla performance.

 

Occupandomi di psicologia dello sport, è importante, oltre allo studio e alla formazione accademica, confrontarsi con gli atleti per conoscere il loro punto di vista, le motivazioni, il benessere o le difficolta ch’essi sperimentano praticando sport, eventuali rischi. E’ fondamentale conoscere il loro punto di vista a completamento delle teorie relative agli aspetti che incidono sul benessere e la performance dell’atleta e della squadra.

Per approfondimenti: “Sport, Benessere e Performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta.”

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=397&controller=product

 

Matteo SIMONE

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html


Fonte notizia: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html


I doni dello sport | benessere | buon umore | allegria | buona compagnia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Presentazione del libro “Lo sport delle donne" edito da Prospettiva Editrice


Rollo Aloisio: la gara della mia vita il derby tra Manfredonia e Foggia


Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre


Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo


"Lo sport delle donne", giovedì 18 aprile ore 21.00 sarà ospite di AtletiCat


Nicolas Forget, runner: Devo ascoltare il mio corpo e non superare il limite


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fabio Giancarli: Un giorno per caso, appena dodicenne, ho scoperto la corsa

Fabio Giancarli: Un giorno per caso, appena dodicenne, ho scoperto la corsa
Non c’è un’età per iniziare a fare sport e non c’è un’età per smettere, si è sempre in tempo per scegliere uno sport o smettere di praticarlo, importante è lo spirito con lui lo si pratica che può essere giocoso da ragazzini e forse un po’ più competitivi da giovani e adulti per ritornare a giocare con il passare degli anni, con l’adultità. Fabio, amico di allenamenti che alcuni anni fa sono riuscito a coinvolgerlo nell’Atletica La Sbarra, racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Lo sport per me è un po’ come un incontro con me stessoMatteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Non c’è un’età per iniziare a fare sport e non c’è un’età per smettere, si è sempre in tempo per scegliere uno sport o smettere di praticarlo, importante è lo spirito con lui lo si pratica che può essere giocoso da ragazzini e forse un po’ più competitivi da giovani e ad (continua)

Ultrafranciacorta 12h, Paolo Bravi Campione Italiano 2021 con km 141,62

Ultrafranciacorta 12h, Paolo Bravi Campione Italiano 2021 con km 141,62
Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore corsa su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Il titolo italiano è andato a paolo Bravi, Grottini Team Recanati ASD, che è riuscito a percorrere nelle 12 ore di gara km 141,62, precedendo Stefano Emma km 136,72 e Mattia Di Beo km 132,57. Francesca Canepa SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottenendo anche il record italiano. Il podio femminile è completato da Lorena Brusamento km 121,71 che era detentrice del precedente record di 134,368 km ottenuto proprio nel 2017 nella seconda edizione di Ultra Franciacorta e completa il podio Elisa Bellagamba km 114,09. Ho immaginato che Mimmo (Domenico Strazzullo) mi incitasse, mi spingesse Matteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore corsa su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Il titolo italiano è andato a paolo Bravi, Grottini Tea (continua)

Ultrafranciacorta 12h, Francesca Canepa Campionessa Italiana e record

Ultrafranciacorta 12h, Francesca Canepa Campionessa Italiana e record
Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottenendo anche il record italiano. Il podio femminile è completato da Lorena Brusamento km 121,71 che era detentrice del precedente record di 134,368 km ottenuto proprio nel 2017 nella seconda edizione di Ultra Franciacorta e completa il podio Elisa Bellagamba km 114,09. Matteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottene (continua)

Ultrafranciacorta 12h, intervista a Francesca Canepa e Lorena Brusamento

Ultrafranciacorta 12h, intervista a Francesca Canepa e Lorena Brusamento
Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottenendo anche il record italiano. Il podio femminile è completato da Lorena Brusamento (GS Gabbi) km 121,71 che era detentrice del precedente record di 134,368 km ottenuto proprio nel 2017 nella seconda edizione di Ultra Franciacorta e completa il podio Elisa Bellagamba km 114,09. Matteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi) SF50 con km 136,59 vince il titolo femminile arrivando 3^ nella classifica generale e ottene (continua)

Ultrafranciacorta 12h, Campioni Italiani Paolo Bravi e Francesca Canepa

Ultrafranciacorta 12h, Campioni Italiani Paolo Bravi e Francesca Canepa
Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore corsa su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Il titolo italiano è andato a Paolo Bravi, Grottini Team Recanati ASD, che è riuscito a percorrere nelle 12 ore di gara km 141,62, precedendo Stefano Emma km 136,72 e Mattia Di Beo km 132,57. Matteo SIMONE21163@tiscali.ithttp://www.psicologiadellosport.net Sabato 10 aprile 2021 ha avuto luogo a Provaglio D’Iseo (BS) il Campionato Italiano Individuale IUTA 12 ore corsa su strada su un circuito di 1366 metri tra le vie e i vicoli del centro del paese. Il titolo italiano è andato a Paolo Bravi, Grottini Team Recanati ASD, che è riuscito a percorrere nelle 12 ore di gara km 141,6 (continua)