Home > Altro > Next Generation EU, il piano per la ripresa. Linee guida e obiettivi

Next Generation EU, il piano per la ripresa. Linee guida e obiettivi

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Next Generation EU, il piano per la ripresa. Linee guida e obiettivi

Gli Stati che vorranno beneficiare dei finanziamenti dovranno presentare i propri Piani Nazionali di Recupero e Resilienza (PNRR) alla Commissione europea entro il 30 aprile 2021. Per l’Italia il Consiglio dei Ministri ha approvato il PNRR lo scorso 12 gennaio.


di Claudio Nassisi, Dottore Commercialista e Phd in economia e socio Aidr

Il Next Generation EU è lo strumento concordato dai leader dell’UE nel luglio 2020 per intervenire sui seguenti tre macro settori con risorse complessive pari a circa 750 MLD di euro:

  • il mercato unico, l’innovazione e l’agenda digitale (132,8 MLD);
  • la coesione, la resilienza e i valori (377,8 MLD);
  • le risorse naturali e l’ambiente (356,4 MLD).

Gli Stati che vorranno beneficiare dei finanziamenti dovranno presentare i propri Piani Nazionali di Recupero e Resilienza (PNRR) alla Commissione europea entro il 30 aprile 2021.

Per l’Italia il Consiglio dei Ministri ha approvato il PNRR lo scorso 12 gennaio.

Il documento sintetizza le linee di intervento che impiegheranno i 209 MLD (tra prestiti e sussidi) previsti per il nostro Paese (e che ne fanno il principale beneficiario).

Il PNRR si sviluppa secondo tre assi strategici: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica e inclusione sociale.

Nell’ambito di questi settori sono declinate sei missioni che rappresentano le aree “tematiche” strutturali di intervento:

Missione 1: digitalizzazione, innovazione, competitività e culturaMissione 2: – rivoluzione verde e transizione ecologicaMissione 3: – infrastrutture per una mobilità sostenibileMissione 4: – istruzione e ricercaMissione 5: – inclusione e coesioneMissione 6: – salute

Le missioni, a loro volta, raggruppano 16 Componenti funzionali a realizzare gli obiettivi economico sociali definiti nella strategia del Governo.

Ciascuna di queste componenti è articolata, infine, in Linee di Intervento (per un totale di 48) per progetti omogenei e coerenti.

Mediante il raggiungimento degli obiettivi contenuti nelle missioni, il PNRR si propone di raggiungere anche tre macro obiettivi “orizzontali”, secondo un approccio integrato: la parità di genere, l’accrescimento delle competenze, della capacità e delle prospettive occupazionali dei giovani, il riequilibrio territoriale e la coesione sociale (con particolare attenzione al Mezzogiorno).

La necessità di devolvere buona parte delle risorse finanziarie verso progetti finalizzati alla tutela dell’ambiente traspare già negli “Orientamenti politici per la prossima commissione europea 2019-2024” in cui, l’attuale Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, prevedeva la necessità di attivare una sorta di Green Deal europeo attraverso il quale ridurre l’impatto climatico.

Gli strumenti previsti per conseguire questo risultato sono la minimizzazione delle emissioni di carbonio e l’avvio di una economia circolare basata sull’uso di tecnologie pulite.

La missione con il più ampio stanziamento di risorse nel PNRR è quella legata alla rivoluzione verde e transizione ecologica, alla quale sarà destinato più del 31% dell’ammontare complessivo del Piano (per un totale di 69,8 miliardi di euro) da spendere sulle seguenti componenti: efficienza energetica e riqualificazione degli edifici, transizione energetica e mobilità locale sostenibile e, per ultima, tutela e valorizzazione del territorio e della risorsa idrica.

Inoltre, circa 7 miliardi saranno destinati alla componente impresa verde ed economia circolare, che ha come obiettivi, da un lato la promozione della sostenibilità ambientale nella filiera dell’agricoltura e il miglioramento della competitività delle aziende agricole e, dall’altro, la realizzazione di nuovi impianti per la valorizzazione dei rifiuti per il completamento del ciclo e l’ammodernamento di quelli esistenti (per un processo di graduale decarbonizzazione).


Fonte notizia: https://www.aidr.it/next-generation-eu-il-piano-per-la-ripresa-linee-guida-e-obiettivi/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Poltrone himolla, il design non è mai stato così comodo


NASCE REFPLACE, L'UNICO PORTALE PROFESSIONALE AL MONDO CHE VALORIZZA IL PROFILO DEI CANDIDATI ATTRAVERSO REALI REFERENZE


REFPLACE.COM: I POTENZIALI PROFILI PROFESSIONALI PRESENTI NEL MERCATO LAVORO VALORIZZABILI E VALUTABILI CON UN SEMPLICE CLICK


Lorella Boccia e Marcello Sacchetta nel video di "Mi reina"


NOVITA’ FTK 2018: FHIABA PRESENTA I NUOVI UNDERCOUNTER


himolla sceglie la cornice delle Officine Saffi per la sua prima presentazione milanese


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Portiamo le aziende online per uscire dalla crisi economica. Aidr scrive ai sindaci

Portiamo le aziende online per uscire dalla crisi economica. Aidr scrive ai sindaci
Un progetto di rilancio per le piccole e medie imprese duramente colpite dalla crisi economica causata dal Coronavirus, con il coinvolgimento diretto dei Comuni. Nicastri: istituiremo il Consiglio Nazionale per lo sviluppo dell’e-commerce perché è fondamentale il contributo dei ComuniUn progetto di rilancio per le piccole e medie imprese duramente colpite dalla crisi economica causata dal Coronavirus, con il coinvolgimento diretto dei Comuni. Dopo il debutto del Marketplace degli Italiani (https://aidrec.it/), il portale online gratuito promosso da Aidr, l (continua)

Emergenza pandemica e continuità assistenziale ospedale-territorio: L’urgenza di un Piano Nazionale di Formazione sulla Salute Digitale

Emergenza pandemica e continuità assistenziale ospedale-territorio: L’urgenza di un Piano Nazionale di Formazione sulla Salute Digitale
Nell’attuale emergenza pandemica i cambiamenti economico-sociali derivanti dalla globalizzazione, la popolazione sempre più anziana e il conseguente incremento delle malattie croniche ha reso necessario modificare e adattare i modelli di cura. di Giancarlo De Leo – Consulente in Editoria Medico-Scientifica e Sanità Digitale, Socio e Segretario dell’Osservatorio Sanità Digitale dell’Associazione Italian Digital Revolution (AIDR)Nell’attuale emergenza pandemica i cambiamenti economico-sociali derivanti dalla globalizzazione, la popolazione sempre più anziana e il conseguente incremento delle malattie croniche ha reso necess (continua)

Agricoltura Europea: dal sostegno al biologico alla promozione dei prodotti tipici, la strategia è il digitale

Agricoltura Europea: dal sostegno al biologico alla promozione dei prodotti tipici, la strategia è il digitale
Nella recente Comunicazione del 25 marzo 2021 (pubblicata il 31 marzo) indirizzata al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale ed al Comitato delle Regioni, la Commissione europea prende una posizione netta in favore dell’agricoltura biologica, considerata centrale nella ripresa, definita “green and digital”, dell’economia europea dalle conseguenze della pandemia. di Filippo Moreschi, avvocato e Responsabile Osservatorio AIDR “Digital Agrifood”Nella recente Comunicazione del 25 marzo 2021 (pubblicata il 31 marzo) indirizzata al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale ed al Comitato delle Regioni, la Commissione europea prende una posizione netta in favore dell’agricoltura biologica, considerata centrale nella ripresa, definita  (continua)

Investire sui social, la scelta vincente per le piccole aziende

Investire sui social, la scelta vincente per le piccole aziende
Oggi non c’è grande marchio che non abbia una presenza strutturata online, con una propria strategia digitale: piani editoriali sempre aggiornati, adv mirate e filo diretto con il cliente, fino alla vendita (quasi) diretta attraverso i social. di Valentina Palmieri, giornalista – social media manager e socio AidrUna piazza virtuale dove raccontarsi e trovare nuovi amici. Una volta, i social era percepiti come luogo dedicato allo svago. Nel corso di questo ultimo decennio però quella piazza virtuale ha iniziato a popolarsi: così insieme agli amici, hanno trovato spazio anche le aziende. Oggi non c’è grande marchio che non abbia una prese (continua)

Esperti di e-commerce, digital marketing, sicurezza informatica, sono tra i 15 profili più richiesti in Italia secondo Linkedin

Esperti di e-commerce, digital marketing, sicurezza informatica, sono tra i 15 profili più richiesti in Italia secondo Linkedin
Nell’era Covid un segmento che non conosce crisi in tutte le sue forme è la digitalizzazione e il 2021 sarà senza dubbio un anno di forti cambiamenti. A confermarlo la ricerca Jobs on the Rise 2021 Italia che ha individuato ruoli professionali e ambiti lavorativi che stanno trainando il mercato del lavoro in Italia durante l’ultimo anno. di Mauro Nicastri, Presidente Aidr Nell’era Covid un segmento che non conosce crisi in tutte le sue forme è la digitalizzazione e il 2021 sarà senza dubbio un anno di forti cambiamenti. A confermarlo la ricerca Jobs on the Rise 2021 Italia che ha individuato ruoli professionali e ambiti lavorativi che stanno trainando il mercato del lavoro in Italia durante l’ultimo anno. Gli ambiti lav (continua)