Home > Altro > Whatever it takes, ma senza social network

Whatever it takes, ma senza social network

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Whatever it takes, ma senza social network

Senz’altro Draghi ha stravolto la comunicazione, qualcuno ha persino definito il suo stile “non comunicativo”. Il presidente, anzitutto, non ha profili social, né Twitter, né Facebook. Non esiste un intervento sui media di Draghi, neppure per il G7 o per il Consiglio europeo, che ha svolto da solo con una penna biro ed un foglio in videoconferenza.


di Rosangela Cesareo, Responsabile Relazioni Istituzionali AIDR

Comunicare solo quando c’è qualcosa da dire: far parlare i fatti. Il neo Presidente del Consiglio, Mario Draghi, lo ha detto chiaramente durante il suo primo Consiglio dei Ministri. Da allora ha osservato rigorosamente questa linea e gli italiani assistono a grandi silenzi.

Senz’altro Draghi ha stravolto la comunicazione, qualcuno ha persino definito il suo stile “non comunicativo”. Il presidente, anzitutto, non ha profili social, né Twitter,  né Facebook. Non esiste un intervento sui media di Draghi, neppure per il G7 o per il Consiglio europeo, che ha svolto da solo con una penna biro ed un foglio in videoconferenza.

Qualcuno afferma che questa mancanza di comunicazione del presidente del consiglio sia dovuta al fatto che non si tratta di un politico, che non vuole candidarsi e quindi non ha bisogno del consenso popolare.  Io mi trovo in disaccordo per più di una ragione. La comunicazione, infatti, non serve solo a fare propaganda così come il consenso non serve esclusivamente a prendere voti.

L’Italia è formata da un popolo, da persone che sono mosse dai sentimenti. Se non riesce a  suscitare i giusti sentimenti nella popolazione, grazie alla  comunicazione, il presidente del consiglio non verrà seguito, ma quello che è ancora peggio non verrà compreso. Si creerà un distacco ancora più marcato di quello esistente tra i cittadini e chi governa. Quella del leader deve essere per definizione una comunicazione efficace e costante, anche se istituzionale e rigorosa perché una non esclude l’altra.

Questa comunicazione istituzionale pragmatica ed essenziale adottata da Draghi, poi, è in assoluta controtendenza con la rivoluzione digitale che vive il Paese ormai da anni, con le logiche dei social network che sono ormai fra i primi strumenti di comunicazione dei cittadini di ogni target.

Draghi ha tutti gli strumenti per segnare una svolta per l’Italia, un salto di qualità in questo tragico momento che persiste da più di un anno ormai a causa della pandemia. Ma si apra al popolo, gli parli perché tanto spera in lui, in lui ha riposto più che una speranza. E usi i mezzi di comunicazione a cui tutti possono accedere grazie al digitale.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/whatever-it-takes-ma-senza-social-network/


Comunicazione | Draghi | Rosangela Cesareo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

(((+2347016736329))) I want to join illuminati Occult for blood money ritual ((((((((())))))))


[[[+2347016736329]]][][] How can I join money ritual Occult************


I want to join money ritual occult¶¶¶¶π +2347016736329 ∆∆∆∆∆¶×÷ for musical Carea, political ambition, office promotion, endless wealth


I want to join illuminati Occult +2347016736329 for power fame and Protection


Quali sono le differenze tra social media e social network


TEW NETWORK : il social network che ti fa guadagnare


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Competenze digitali, il ruolo dell’università. Approfondimento a Digitale Italia

Competenze digitali, il ruolo dell’università. Approfondimento a Digitale Italia
L’università – ha sottolineato nel corso del suo intervento il prorettore Mario Vento – ha un ruolo essenziale nel processo di transizione digitale. Oltre a puntare sulla formazione di figure specialistiche, gli atenei hanno il compito di contribuire alla diffusione delle competenze digitali. Vento: a Salerno innovazione didattica trasversaleCome cambia l’offerta didattica per far fronte alla sempre maggiore richiesta di competenze digitali preveniente dal mondo del lavoro, in che modo il nostro Paese sta integrando i piani di studio? A Digitale nuovo approfondimento legato ai temi della digitalizzazione. Ospiti del format web promosso da Aidr, il professor Mario Vento, Prorettore (continua)

Telemedicina e sanità digitale. Gli Ospedali Riuniti Marche Nord, nella classifica mondiale

 Telemedicina e sanità digitale. Gli Ospedali Riuniti Marche Nord, nella classifica mondiale
Il riconoscimento internazionale - sottolinea il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord, Maria Capalbo è frutto di un lavoro sinergico tra sanitari e pazienti nell’ambito dei servizi erogati in telemedicina e di telemonitoraggio a distanza. L’AO Ospedali Riuniti Marche Nord - Presidio San Salvatore Centro nell’elenco delle eccellenze mondiali in ambito sanitario digitale. L’azienda ospedaliera marchigiana è stata inserita infatti nella classifica World's Best Smart Hospitals 2021, che premia i 250 principali ospedali nel campo delle tecnologie intelligenti. L’indagine condotta da Statista in collaborazione con Nesweek ha conside (continua)

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Monitoraggio e valutazione dell’impatto ma-croeconomico delle azioni intraprese

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Monitoraggio e valutazione dell’impatto ma-croeconomico delle azioni intraprese
L’attività di monitoraggio sull’attuazione del PNRR sarà svolta mediante sistemi informatici sviluppati presso la Ragioneria Generale dello Stato e sarà incentrata a misurare l’utilizzo delle risorse finanziarie e procedurali. di Claudio Nassisi, Dottore Commercialista e Phd in economia e socio Aidr  Il sistema di monitoraggio dell’uso delle risorse e di avanzamento delle missioniNel documento ufficiale che descrive il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, la quarta e ultima parte è dedicata alla valutazione dell’impatto macroeconomico delle misure e delle componenti cui verrà dato il via con l’accesso (continua)

Logistica, digitale e territorio nel settore agroalimentare: le Langhe

Logistica, digitale e territorio nel settore agroalimentare: le Langhe
Il progetto parte dalla creazione di una piattaforma digitale con cui viene creato un “hub virtuale” che raccoglie gli ordini inseriti dalle cantine aderenti, attraverso il quale le stesse organizzano il ritiro della merce. L’hub virtuale permette alle aziende di trasporto di coordinare il ritiro del vino presso i produttori in modo da viaggiare sempre a pieno carico. di Filippo Moreschi, avvocato e Responsabile Osservatorio AIDR “Digital Agrifood” Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dedica particolare attenzione e significative risorse allo sviluppo della logistica per il settore agroalimentare. È dei primi giorni di maggio l’avvio dell’iniziativa “Ecolog”, un progetto di logistica green del settore vitivinicolo lanciato dall’Unione dei Comuni (continua)

Sull’intelligenza artificiale

Sull’intelligenza artificiale
A livello globale, si stima che l'applicazione dell'Intelligenza artificiale possa raddoppiare la crescita economica entro il 2035. L'Intelligenza artificiale è usata anche per risolvere complesse problematiche sociali, co-me il cambiamento climatico, l'assistenza sanitaria e la povertà alimentare. di Rosangela Cesareo, Responsabile Relazioni Istituzionali AIDRPer imparare a formulare una diagnosi medica sono tradizionalmente necessari anni. Anche per i professionisti datati, l’elaborazione di una diagnosi è spesso un processo lungo e complicato. Tuttavia, laddove è possibile digitalizzare le informazioni diagnostiche, le macchine possono contribuire ad alleviarne l'onere. Il vantaggio (continua)