Home > Altro > Whatever it takes, ma senza social network

Whatever it takes, ma senza social network

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Whatever it takes, ma senza social network

Senz’altro Draghi ha stravolto la comunicazione, qualcuno ha persino definito il suo stile “non comunicativo”. Il presidente, anzitutto, non ha profili social, né Twitter, né Facebook. Non esiste un intervento sui media di Draghi, neppure per il G7 o per il Consiglio europeo, che ha svolto da solo con una penna biro ed un foglio in videoconferenza.


di Rosangela Cesareo, Responsabile Relazioni Istituzionali AIDR

Comunicare solo quando c’è qualcosa da dire: far parlare i fatti. Il neo Presidente del Consiglio, Mario Draghi, lo ha detto chiaramente durante il suo primo Consiglio dei Ministri. Da allora ha osservato rigorosamente questa linea e gli italiani assistono a grandi silenzi.

Senz’altro Draghi ha stravolto la comunicazione, qualcuno ha persino definito il suo stile “non comunicativo”. Il presidente, anzitutto, non ha profili social, né Twitter,  né Facebook. Non esiste un intervento sui media di Draghi, neppure per il G7 o per il Consiglio europeo, che ha svolto da solo con una penna biro ed un foglio in videoconferenza.

Qualcuno afferma che questa mancanza di comunicazione del presidente del consiglio sia dovuta al fatto che non si tratta di un politico, che non vuole candidarsi e quindi non ha bisogno del consenso popolare.  Io mi trovo in disaccordo per più di una ragione. La comunicazione, infatti, non serve solo a fare propaganda così come il consenso non serve esclusivamente a prendere voti.

L’Italia è formata da un popolo, da persone che sono mosse dai sentimenti. Se non riesce a  suscitare i giusti sentimenti nella popolazione, grazie alla  comunicazione, il presidente del consiglio non verrà seguito, ma quello che è ancora peggio non verrà compreso. Si creerà un distacco ancora più marcato di quello esistente tra i cittadini e chi governa. Quella del leader deve essere per definizione una comunicazione efficace e costante, anche se istituzionale e rigorosa perché una non esclude l’altra.

Questa comunicazione istituzionale pragmatica ed essenziale adottata da Draghi, poi, è in assoluta controtendenza con la rivoluzione digitale che vive il Paese ormai da anni, con le logiche dei social network che sono ormai fra i primi strumenti di comunicazione dei cittadini di ogni target.

Draghi ha tutti gli strumenti per segnare una svolta per l’Italia, un salto di qualità in questo tragico momento che persiste da più di un anno ormai a causa della pandemia. Ma si apra al popolo, gli parli perché tanto spera in lui, in lui ha riposto più che una speranza. E usi i mezzi di comunicazione a cui tutti possono accedere grazie al digitale.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/whatever-it-takes-ma-senza-social-network/


Comunicazione | Draghi | Rosangela Cesareo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Quali sono le differenze tra social media e social network


Mi piacerebbe lavorare in Network Marketing , ma……


Social Commerce: perché è importante per il tuo business in dropshipping?


Encanto Public Relations: Media Relation e Social Media in Usa?


Consigli per un Network Marketing di successo


DIPENDENZA DA SMARTPHONE, UNDER 18 DUE MESI L'ANNO ON LINE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Minori sul web. Aidr: più tutele nella strategia della Commissione Europea Bik+

Minori sul web. Aidr: più tutele nella strategia della Commissione Europea Bik+
“Si tratta sottolinea in una nota l’associazione Aidr – di una visione importante nel quadro delle azioni della Commissione Europea a supporto dei diritti dell’infanzia, che amplia il quadro delle tutele già tracciato nella prima strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK)”. “I dispositivi moderni – spiega la Commissione Europea - offrono opportunità e vantaggi, consentendo ai minori di interagire fra loro, apprendere online e divertirsi. Ma questi vantaggi non sono privi di rischi, come i pericoli dell’esposizione alla disinformazione, al bullismo online o a contenuti dannosi e illegali, da cui i minori vanno protetti” Una tutela maggiore, affinché ogni bambino sia protetto, autorizzato e rispettato online. Questo il principio con il quale la Commissione ha adottato una nuova strategia europea per un Internet migliore per i bambini (BIK+). “Si tratta sottolinea in una nota l’associazione Aidr – di una visione importante nel quadro delle azioni della Commissione Europea a supporto dei diritti dell’infanzia, che a (continua)

Direttiva NIS2: prendono forma le nuove norme europee sulla sicurezza informatica e delle reti

Direttiva NIS2: prendono forma le nuove norme europee sulla sicurezza informatica e delle reti
Adottata nel lontano maggio 2016 la e recepita in Italia con il D.lgs. 18 maggio 2018, n. 65 (anche detto “decreto legislativo NIS”), la NIS ha risposto alla progressiva esposizione dell'Europa alle minacce informatiche che nel corso degli anni sono diventate sempre più frequenti e pervasive, per via di un aumento esponenziale della superficie esposta nell’ecosistema digitale, ormai sempre più eterogeneamente interconnesso. di Davide Maniscalco, Legal e Privacy Officer Swascan – Tinexta Group e socio Aidr  Il Consiglio Europeo ed il Parlamento europeo hanno recentemente raggiunto un’intesa politica sulle nuove misure per un livello comune elevato di cibersicurezza in tutta l'Unione, al fine di migliorare ulteriormente la resilienza e le capacità di risposta agli incidenti del settore pubblico e privato e de (continua)

Polis. Aidr: il progetto di Poste Italiane porta i servizi digitali della PA nei piccoli Comuni

Polis. Aidr: il progetto di Poste Italiane porta i servizi digitali della PA nei piccoli Comuni
Un annuncio dal forte valore simbolico - sottolinea in una nota Aidr – per il lancio del progetto che si pone l’obiettivo di facilitare l'accesso ai servizi digitali della Pubblica amministrazione, grazie al supporto degli uffici postali presenti in modo capillare su tutto il territorio nazionale. Il progetto Polis prevede infatti la creazione di uno sportello unico di prossimità per la fruizione dei servizi pubblici in modalità digitale, attraverso la piattaforma multicanale di Poste italiane, nonché la realizzazione di una rete di co-working. I servizi digitali a beneficio di tutti. Il progetto Polis di Poste Italiane entra nel vivo e coinvolgerà quasi 7 mila uffici postali in altrettanti comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti. L’annuncio dell’Ad Matteo Del Fante è stato dato in occasione dell’evento per i 160 anni dalla fondazione di Poste, che si è tenuto a Roma, presso il Centro Congressi “La Nuvola”.  Un annuncio d (continua)

Nuove tecnologie di stampa digitale. Aidr: il progetto di Canon presentato a Print4all

Nuove tecnologie di stampa digitale. Aidr: il progetto di Canon presentato a Print4all
L’azienda leader nella fornitura di fotocamere digitali, fotocamere reflex digitali e stampanti, si presenta all’evento fieristico con la campagna “MAKE IT” per mostrare quanto sia possibile perseguire nuove opportunità di crescita attraverso la diversificazione della propria offerta, guidando i professionisti della stampa alla scoperta delle più innovative applicazioni nei settori dell’editoria, della stampa promozionale, della comunicazione visiva di grande formato per interni ed esterni, il tutto gestito in un flusso integrato di lavoro di stampa e relativa finitura Efficienza, produttività e personalizzazione. Sono le tre parole chiave del nuovo progetto presentato da Canon Italia in occasione di PRINT4ALL, il grande evento fieristico dedicato al settore della stampa, del converting e del packaging, in corso in questi giorni a Milano. “Il piano – sottolinea Aidr in una nota- ha l’obiettivo di sostenere tutti gli operatori del settore della stampa di produzio (continua)

Sud, digitale, nuove tecnologie. Aidr: i tre assi di Terna per la transizione energetica

Sud, digitale, nuove tecnologie. Aidr: i tre assi di Terna per la transizione energetica
Il progetto della società guidata dall’ad Stefano Donnarumma - sottolinea in una nota Aidr- passa ancora una volta dal digitale, con una serie di investimenti in nuove tecnologie che vedranno tre città del Sud protagoniste. Il centro di eccellenza si chiamerà Tyrrhenian Lab, e lavorerà in sinergia con le università, i centri di ricerca e i poli di innovazione tra Cagliari, Salerno e Palermo. Sono tre i pilastri su cui Terna investirà per affrontare la transizione energetica. Il progetto della società guidata dall’ad Stefano Donnarumma - sottolinea in una nota Aidr- passa ancora una volta dal digitale, con una serie di investimenti in nuove tecnologie che vedranno tre città del Sud protagoniste.  Il centro di eccellenza si chiamerà Tyrrhenian Lab, e lavorerà in sinergia con le uni (continua)