Home > Moda e fashion > Milano Fashion Week Fall Winter 2021/22: nuove sfide e nuove vittorie per la moda

Milano Fashion Week Fall Winter 2021/22: nuove sfide e nuove vittorie per la moda

scritto da: TwentyTwenty | segnala un abuso

Milano Fashion Week Fall Winter 2021/22: nuove sfide e nuove vittorie per la moda

Dal 23 febbraio al 1° marzo si è tenuta la Milano Fashion Week FW 2021/22 e BlogMeter – leader in Italia nei servizi di Integrated Social Intelligence e istituto di ricerca associato ASSIRM – non ha perso l’occasione per attivare l’osservatorio dedicato a uno degli eventi più attesi dell’anno, monitorando le attività social di brand e protagonisti della settimana.


Nonostante il periodo particolare che il mondo sta attraversando da un anno a questa parte, il settore della moda non si è fermato e ha saputo reagire con fermezza alla situazione sanitaria che sta colpendo il nostro Paese: dal 23 febbraio al 1° marzo, infatti, si è tenuta la Milano Fashion Week FW 2021/22 e BlogMeter – leader in Italia nei servizi di Integrated Social Intelligence e istituto di ricerca associato ASSIRM – non ha perso l’occasione per attivare l’osservatorio dedicato a uno degli eventi più attesi dell’anno, monitorando le attività social di brand e protagonisti della settimana.

Già a partire dallo scorso anno, con l’evolvere della situazione emergenziale, tutto il settore del fashion si è dovuto adeguare alle condizioni e alle normative vigenti, declinando interamente sul piano digitale progetti e attività che fino a quel momento si erano sempre svolti dal vivo: sfilate, presentazioni ed eventi sono stati pensati e realizzati online, per sfruttare al massimo tutte le possibilità offerte dal web e dai social network. La dimensione prettamente virtuale degli eventi ha dato inoltre un più ampio margine di autonomia ai brand e ha permesso loro di compiere scelte imprevedibili ma di successo, come la decisione controcorrente di Versace di sfilare pochi giorni dopo la conclusione della Milano Fashion Week.


Fashion Index

Con una settimana della moda così innovativa e digital non poteva mancare un’analisi dettagliata di quello che contestualmente accadeva sui social, grazie all’appuntamento annuale con il Fashion Index di BlogMeter. L’obiettivo? Scoprire i brand di moda che sono risultati più influenti e più coinvolgenti. Ma come? Analizzando le parole chiave – in italiano e inglese – collegate alla Milano Fashion Week e ai brand che hanno preso parte alla manifestazione, nel periodo di tempo dal 23 febbraio al 2 marzo 2021, sulle principali fonti social e web – come Facebook, Instagram, Twitter e TikTok – e con un panel di 60 profili business ufficiali dei brand. I tool di “casa” BlogMeter utilizzati sono stati due: tramite Live Insight è stato possibile analizzare le conversazioni spontanee scaturite dalla “partecipazione” all’evento, i contenuti che hanno generato più coinvolgimento e gli autori che si sono contraddistinti sulle principali fonti social; attraverso BlogMeter Social Analytics, invece, sono state studiate le performance dei profili Instagram dei brand che hanno sfilato secondo il calendario ufficiale di Camera Nazionale della Moda Italiana.

L’hashtag ufficiale della manifestazione – #MFW – ha ottenuto oltre tre milioni di interazioni. Dai dati analizzati da BlogMeter, emerge inoltre come questo sia l'hashtag più utilizzato (6.700), seguito da #fashion (2.900), #milanofashionweek (1.800) e #fashionweek (1.700). Questi primi dati sono in grado di far comprendere la portata dell’evento, che sui social ha raccolto nella sua totalità 7,61 milioni di interazioni.


Influencer… dal divano

Nonostante l’impossibilità di presenziare fisicamente agli appuntamenti della MFW, gli influencer si sono comunque contraddistinti e confermati un’ottima leva di coinvolgimento degli utenti in termini di interazioni spontanee: la top model Barbara Palvin, grazie alla sua notevole fanbase, con un solo post dedicato alla sfilata di Etro ha raccolto oltre 1,7 milioni di interazioni.  Rilevanti anche le interazioni raccolte dall’attrice Lana Condor, che con due post – uno su Valentino e uno su Dolce&Gabbana – ha raggiunto oltre 1,6 milioni di interazioni. Tra le personalità del Bel Paese spicca l’influencer Beatrice Valli, che ha conquistato il web con le sue proposte di look e outfit da “front row” in versione casalinga.


TikTok alla moda

Durante la scorsa edizione del Fahion Index era già stato rilevato un incremento nell’interessamento da parte degli utenti verso TikTok che – a distanza di un anno – si conferma una piattaforma stimolante e interessante da monitorare, come dimostra anche il grande successo delle challenge dedicate all’evento, come la #TikTokFashionMonth che ha raccolto 4,7 miliardi di views, o la #LaNostraModa con 13,5 milioni di visualizzazioni.

Alcune creator di successo, come Marta Losito, con un seguito di 4,3 milioni di follower, ed Elisa Maino, con 5,6 milioni di follower, hanno sfruttato appieno le funzioni Live del social per raccontare in prima persona tutti gli aspetti della manifestazione, creando anche appuntamenti speciali, dalle interviste alle personalità del settore moda – come l’incontro virtuale con Alberta Ferretti – alla pubblicazione di contenuti #adv direttamente per i brand – come con  Etro e Tod’s, entrambi presenti con un proprio profilo sul social network delle challenge musicali.

Per quanto riguarda l’attività dei brand su TikTok, anche Moschino – con i suoi 20.800 follower – è stato molto attivo nella produzione di contenuti con un’elevata condivisione di post relativi alla collezione presentata e al brand in generale.


Una nuova sfida per i brand

Dai dati rilevati nell’edizione 2021 del Fashion Index di BlogMeter, risulta chiaro un elemento: i brand della moda hanno compreso pienamente le potenzialità che il mondo dei social può offrire, non solo in termini di cassa di risonanza di influencer, sfilate e aftershow party, ma come strumento utile all’implementazione e al potenziamento della propria presenza diretta sui social, tramite la creazione di campagne di comunicazione ingaggianti e con contenuti che coinvolgano il pubblico che li segue, e che al momento non ha la possibilità di presenziare fisicamente ai classici appuntamenti previsti dal calendario.  Ecco allora che, durante la settimana milanese della moda, brand e maison hanno totalizzato 963 post che, a loro volta, hanno dato vita a un totale di 5,7 milioni di interazioni degli utenti.


And the winner is…

Dall’osservazione dei parametri relativi a follower, numero di post pubblicati ed engagement raccolti, Prada si posiziona come il best performer dell’evento, con 1,07 milioni di interazioni totali e una crescita del profilo Instagram degna di nota, con un aumento di oltre 72.500 nuovi follower avvenutadurante l’esposizione e l’approfondimento delle tematiche proposte durante l’evento, ispirato ai concetti di cambiamento e di trasformazione.

Elisabetta Franchi è, invece, il brand che ha raccolto le maggiori interazioni durante questa edizione della MFW, con un engagement totale di 1,08 milioni conseguente anche alla elevata frequenza di pubblicazione: gli utenti si sono lasciati trasportare e coinvolgere dall’evento organizzato presso le Scuderie della Malaspina, esplicitamente dedicato al mondo dell’equitazione grazie alla presenza di cavalli che hanno messo in risalto e trasmesso l’amore per gli animali da parte della stilista.

Nota di merito anche per Fendi che ha registrato un incremento nel numero di follower pari a 55.000, e per Moschino che, con il suo spettacolare show “Jungle Red” - con protagoniste Hailey Bieber e Dita Von Teese – si afferma come il brand più attivo su Instagram durante la Fashion Week, con 45 contenuti pubblicati tra video, carousel e post statici.


Curiosità

Curiosi di sapere quali sono stati i post che hanno creato più interesse su Instagram? Il top post per engagement proviene dal profilo di Prada e riguarda un carousel che mette in risalto i dettagli dei volumi creati dagli abiti proposti dal marchio per la prossima stagione: la pubblicazione guadagna la prima posizione con oltre 157.000 interazioni. Seguono due post pubblicati dal profilo di Elisabetta Franchi, che immortalano rispettivamente la stilista sfilare in passerella al termine dello spettacolo e un momento del backstage.


Imprevedibile, spiazzante e di successo: Versace

La maison della Medusa ha sfruttato l’assenza di barriere fisiche per scardinare ogni regola e lasciare tutti a bocca aperta: la collezione Autunno/Inverno è stata presentata, infatti, con una sfilata digitale il 5 marzo, pochi giorni dopo la conclusione della Fashion Week, al di fuori del calendario ufficiale della Camera Nazionale della Moda. La mossa si è rivelata senza dubbio vincente: Versace è riuscita ad attirare l’attenzione sui social, creando una cassa di risonanza tale da raggiungere risultati notevoli in termini di engagement e di crescita. I dati parlano chiaro: il profilo Instagram @versace ha raccolto 990 mila interazioni totali con 14 post pubblicati, guadagnando quasi 73.000 follower, una cifra che supera quella raggiunta da tutti i brand che hanno sfilato nelle giornate della manifestazione secondo il calendario della Camera Nazionale della Moda. Tra i post spontanei che hanno creato maggior coinvolgimento tra gli utenti di Instagram spicca quello di una delle protagoniste indiscusse dell’evento: la top model e star dei social Gigi Hadid,al suo ritorno sulle passerelle dopo la nascita della figlia.


Vuoi saperne di più?

Maggiori dettagli e approfondimenti sul Fashion Index 2021 sono disponibili nel report scaricabile al seguente link: https://www.blogmeter.it/it/reports/blogmeter-instagram-fashion-index-milan-fashion-week-fw-2021

 


Fonte notizia: http://www.blogmeter.it


BlogMeter | Fashion Index | Milano Fashion Week |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

People Really Do Want To Wear Kanye’s Clothes


Designer dall'Est alla Milano FWW 2021 la World Fashion Union


Consultant Jean-Jacques Picart Dispenses His Best Career Advice


5a edizione della Fashion Vibes Evolution alla Milano Fashion Week Woman's 2021


Was 2015 the year fashion crashed?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

BlogMeter svela gli elementi di successo (più o meno segreti) del fenomeno del momento: i podcast

BlogMeter svela gli elementi di successo (più o meno segreti) del fenomeno del momento: i podcast
Con una ricerca dedicata e il webinar “Podcast: le metriche nascoste del fenomeno del momento”, BlogMeter prova a far luce sul mondo dei podcast, svelando i KPI più rilevanti per valutarne il successo Che il podcast sia uno dei fenomeni recenti in maggior crescita è assodato: le abitudini di ascolto degli italiani sono cambiate ormai da qualche anno e dal 2016 si è assistito a una crescita esponenziale dell’interesse verso questo medium, confermata anche dall’aumento delle ricerche sul tema effettuate online dagli utenti. La situazione emergenziale, con isolamento forzato annesso, ha dato una s (continua)

Nuove caldaie a condensazione Vitodens serie 100 di Viessmann: calore per le generazioni future

Nuove caldaie a condensazione Vitodens serie 100 di Viessmann: calore per le generazioni future
● Nuova gamma di caldaie digitali e green, così innovative che hanno già il futuro dentro ● H2 Ready - 20%: le nuove Vitodens serie 100 possono essere alimentate da una miscela composta da gas metano e dal 20% di idrogeno “verde”, il combustibile del futuro ● Materiali di qualità eccellente e design rinnovato per un’elevata efficienza a lunga durata ● I nuovi modelli della gamma Vitodens sono semplici da gestire grazie alla regolazione digitale integrata e ai servizi gratuiti di gestione Viessmann ● Detrazioni fiscali per interventi di efficientamento energetico: possibilità di accedere al Super Ecobonus 110% oppure alle detrazioni fiscali del 50% o 65% con l'opzione dello sconto in fattura da parte dell'installatore, il quale potrà cedere a sua volta il credito generato direttamente a Viessmann ● Garanzia 5 Plus: con un piano di manutenzione programmata, è possibile estendere a cinque anni la garanzia sulla caldaia Una nuova gamma di caldaie a condensazione innovative, digitali, green: le nuove Vitodens serie 100 danno concretamente forma alla mission di Viessmann di plasmare gli spazi abitativi per le generazioni future.Per i nostri figli desideriamo un ambiente salubre in cui vivere e stare bene. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario progettare sistemi di climatizzazione quanto più possibile effic (continua)

L’Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura (EUMOFA) pone l’Italia tra i Paesi UE con il livello di spesa totale più alto per il consumo di pesce fresco

L’Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura (EUMOFA) pone l’Italia tra i Paesi UE con il livello di spesa totale più alto per il consumo di pesce fresco
HAPO – Hellenic Aquaculture Producers Organization – contribuisce al consumo di pesce fresco di alta qualità nel nostro Paese, portando sulle tavole degli italiani il gusto e gli elevati standard qualitativi del pesce greco “firmato” Fish From Greece L'ultimo rapporto sul mercato ittico dell'UE, redatto dall'Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura (EUMOFA), pone l’Europa al sesto posto nella classifica dei primi quindici produttori mondiali nel 2018, collocandosi subito dopo Cina, Indonesia, India, Vietnam e Perù. Tra i dati emersi dalla ricerca condotta lo scorso anno dall’Osservatorio EUMOFA – malgr (continua)

L’Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura (EUMOFA) pone l’Italia tra i Paesi UE con il livello di spesa totale più alto per il consumo di pesce fresco

L’Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura (EUMOFA) pone l’Italia tra i Paesi UE con il livello di spesa totale più alto per il consumo di pesce fresco
HAPO – Hellenic Aquaculture Producers Organization – contribuisce al consumo di pesce fresco di alta qualità nel nostro Paese, portando sulle tavole degli italiani il gusto e gli elevati standard qualitativi del pesce greco “firmato” Fish From Greece L'ultimo rapporto sul mercato ittico dell'UE, redatto dall'Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura (EUMOFA), pone l’Europa al sesto posto nella classifica dei primi quindici produttori mondiali nel 2018, collocandosi subito dopo Cina, Indonesia, India, Vietnam e Perù. Tra i dati emersi dalla ricerca condotta lo scorso anno dall’Osservatorio EUMOFA – malgr (continua)

Viessmann lancia “ViShare”: produrre e consumare energia “green” a vantaggio proprio e della collettività

Viessmann lancia “ViShare”: produrre e consumare energia “green” a vantaggio proprio e della collettività
● Abitazioni autonome dal punto di vista energetico creano le basi delle comunità sostenibili di domani ● Grazie al fotovoltaico, l’edificio è in grado di produrre l’energia elettrica per il proprio fabbisogno e di cedere in rete la quota in eccesso ● Con ViShare, Viessmann promuove l’autoproduzione e l’autoconsumo di energia “green” Autonomia energetica, sostenibilità ambientale, risparmio in bolletta e tecnologia all'avanguardia sono gli obiettivi di ViShare, il progetto di Viessmann che ha lo scopo di promuovere e premiare un utilizzo efficiente dell’energia attraverso un incremento della quota di autoconsumo dell’energia prodotta da impianti fotovoltaici.Con le scelte di oggi, ciascuno di noi contribuisce a plasmare i (continua)