Home > Ambiente e salute > Amazon e ambiente: un brevetto per il riutilizzo delle scatole di cartone

Amazon e ambiente: un brevetto per il riutilizzo delle scatole di cartone

scritto da: Wmpro | segnala un abuso

Amazon e ambiente: un brevetto per il riutilizzo delle scatole di cartone

Oltre a fare aumentare vertiginosamente il valore delle azioni e lo share di mercato, Amazon non trascura il fattore "verde". Un recente brevetto assicurerà un notevole miglioramento dell'impatto ambientale. Vediamo come.


Amazon ha depositato un brevetto, il cui utilizzo avrà un impatto positivo sull'ambiente.

Si tratta di un modo innovativo di riutilizzare le scatole di cartone per imballaggi rendendo molto facile per il destinatario di un ordine online riutilizzare il pacco che è arrivato per spedire un altro articolo – senza dover pesare la scatola o stampare una nuova etichetta di spedizione.

Quando i clienti hanno qualcosa da spedire – lo stesso articolo o un articolo diverso – possono usare la scatola per la nuova spedizione usando l’etichetta di spedizione già apposta che è stata utilizzata dal corriere per il trasporto del pacco nella spedizione precedente.

Un vettore può quindi essere incaricato di recuperare il pacco riproposto da un luogo di provenienza (ad esempio, l’indirizzo del primo utente) e di instradare il pacco riproposto verso una struttura di movimentazione dei materiali.

L’intruizione sembra geniale, ma cone funziona?

Presso l’impianto di movimentazione dei materiali di Amazon, viene rilevato l’identificatore e una seconda etichetta viene stampata e apposta sul pacchetto riprogrammato che identifica la seconda destinazione come nuova destinazione aggiornata.

Il pacco “riprogrammato” può quindi essere instradato attraverso qualsiasi canale di spedizione del vettore e consegnato alla seconda destinazione.

L’imballaggio può presentare un identificatore sotto forma di codice a barre, ma non necessariamente. Secondo il deposito del brevetto, “In alcune implementazioni gli identificatori unici potrebbero non essere distinguibili dalla visione umana. Ad esempio, un’immagine, come l’identificatore unico 162-2, può includere informazioni incorporate, come la filigrana che è rilevabile attraverso la scansione o l’elaborazione di immagini una rappresentazione della confezione”.

Amazon prevede anche che l’identificatore potrebbe essere parte del pacco stesso piuttosto che sull’etichetta di spedizione. E il pacco potrebbe essere fatto di un materiale durevole che gli permetterebbe di resistere a spedizioni multiple tra gli utenti – plastica, fibra di vetro, truciolato, cartone laminato, ecc.

L’azienda fornisce un esempio di un pacco “formato da un materiale plastico che include coperchietti incernierati per consentire/impedire l’accesso agli articoli contenuti all’interno del pacco. Facendo riferimento ad un’immagine nell’archivio, Amazon ha scritto: “L’utilizzo di una confezione di tale tipo elimina la necessità di includere etichette di spedizione, adesivi o altri identificatori sulla o nella confezione, perché la confezione stessa è identificabile in modo univoco. Allo stesso modo, poiché il pacco è fatto di un materiale durevole, resiste a spedizioni multiple e aumenta la stabilità dei pacchi impilati, ad esempio durante il trasporto con un veicolo di trasporto”.

Il sistema previsto dal brevetto ha il potenziale di risparmiare sull’imballaggio nel lungo periodo, ed è anche interessante immaginare il tipo di dati che un tale sistema permetterebbe alle aziende di raccogliere sul flusso di pacchi verso, da e tra i loro utenti.

 

amazon | ambiente | scatole di cartone | imballaggi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come scegliere il miglior consulente Amazon


Come vendere su Amazon in private label


Cosa Cercare In Un Consulente Per Le Vendite Su Amazon


Prezzi scontati per le scatole di cartone ratioform: fino al 43% di sconto


Perché Affidarsi A Un Consulente Per Le Vendite Su Amazon è Importante?


Vendere Su Amazon Nel 2021


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sviluppo App mobili: la svolta del “senza codice”

Sviluppo App mobili: la svolta del “senza codice”
Lo sviluppo app mobili native ed ibride è la nuova frontiera tecnologica verso la quale le aziende convergono per posizionarsi nel mercato ed espandere il proprio business. Il problema maggiore è dato dai costi di realizzo poiché lo sviluppo delle app deve essere demandato necessariamente a personale tecnico altamente addestrato. Almeno finora... perché all'orizzonte si intravedono grossi cambiamenti. Il futuro, infatti, ci riserva la possibilità di realizzare app mobili senza dover necessariamente essere programmatori o conoscitori del codice. La nuova frontiera si chiama "no code" (o, quantomeno, "low code"). Jennifer Cadence, product marketing manager di Google, ha recentemente pubblicato un resoconto dello stato dello sviluppo app no-code. Nel suo post, pubblicato sul blog di Google Cloud, la Cadence analizza perché le piattaforme no-code sono diventate una parte essenziale della trasformazione digitale. Suggerisce che la velocità e l’agilità, la produttività e la collaborazione, e la governa (continua)

Il ritorno della Foca Monaca a Lampedusa

Il ritorno della Foca Monaca a Lampedusa
La foca monaca è stata nuovamente avvistata nelle acque di Lampedusa. L'occasione è straordinaria sotto il profilo faunistico, ma è anche importante a livello naturalistico perché conferma che Lampedusa, con la sua incontaminata bellezza e magia, è un miracolo della natura. Nel mare di Lampedusa è tornata la Foca Monaca. Un’occasione inesorabilmente rara, ultimamente, da quando questo animale dal sangue caldo, che in passato era molto diffuso nel Mediterraneo, è stato praticamente spazzato via nelle nostre acque dagli anni ’60.La foca monaca mediterranea (Monachus monachus Hermann, 1779) è un mammifero pinnipede della famiglia delle foche.È una specie in perico (continua)

Disinfezione ambientale per le imprese di pulizie: dalla gestione all'emergenza

Disinfezione ambientale per le imprese di pulizie: dalla gestione all'emergenza
In determinate situazioni e condizioni, virus e batteri possono rimanere infettivi sulle superfici per tempi variabili, se non vengono adeguatamente trattati. La questione, oggi più che mai, data la pandemia persistente di Covid-19, è importante e le ditte di pulizie e sanificazione devono osservare particolari attenzioni nell'applicazione dei prodotti detergenti oltre che nella selezione degl (continua)