Home > Libri > Gabriele D'Annunzio, Le novelle della Pescara

Gabriele D'Annunzio, Le novelle della Pescara

scritto da: Nulla Die | segnala un abuso

Gabriele D'Annunzio, Le novelle della Pescara

Le Novelle della Pescara sono il frutto di tagli e rimaneggiamenti che Gabriele d’Annunzio operò su due suoi precedenti testi: Il Libro delle Vergini (1884) e San Pantaleone (1886). Si propone la lettura delle novelle accompagnate ognuna da una breve e concisa descrizione della storia narrata. La scelta di presentare con poche battute ogni racconto scaturisce dalla volontà di agevolare l’avvicinamento dei più giovani al testo dannunziano affinché possano apprezzare l’opera, per quanto ritenuta minore, dell’autore foarse più controverso nel panorama letterario del primo Novecento.


Orsola, maestra ventisettenne strappata miracolosamente alla morte, sente, durante la convalescenza, il richiamo alla sensualità del suo giovane corpo. Si spinge a osservare la strada dove le prostitute attirano i soldati incrociando, così, lo sguardo di Marcello cui, durante le liturgie pasquali, ha modo di avvicinarsi nel caos della folla chiassosa di fedeli. Sensale tra i due è uno sguattero che porta l’acqua in casa di Orsola: questi violenta la ragazza che rimane incinta. Presa dalla disperazione, Orsola berrà la pozione di una contadina che la farà abortire tra spasmi violenti fino a morire. Un vecchio cieco prenderà a bastonate la moribonda, convinto che sia un cane entrato nell’abitazione.

Sono qui pubblicati nove dei diciotto scritti che compongono Le Novelle della Pescara: La vergine Orsola, L’eroe, La veglia funebre, La Contessa D’Amalfi, La morte del Duca d’Ofena, Il Traghettatore, La fine di Candia, La fattura, Il Cerusico di mare.


Le Novelle della Pescara sono il frutto di tagli e rimaneggiamenti che Gabriele d’Annunzio operò su due suoi precedenti testi: Il Libro delle Vergini (1884) e San Pantaleone (1886). I personaggi sono donne e uomini dai profili mutevoli descritti in un particolare momento della loro esistenza: sullo sfondo la comunità, spesso nemica, che determina l’evoluzione della storia individuale e il paesaggio d’Abruzzo, dai mille colori e dalle molteplici forme, che assiste, con la sua bellezza immane, alla tragica conclusione dei fatti. 

Si propone la lettura delle novelle accompagnate ognuna da una breve e concisa descrizione della storia narrata. La scelta di presentare con poche battute ogni racconto scaturisce dalla volontà di agevolare l’avvicinamento dei più giovani al testo dannunziano affinché possano apprezzare l’opera, per quanto ritenuta minore, dell’autore foarse più controverso nel panorama letterario del primo Novecento. 

Antonella Santarelli ha curato questa edizione.


Fonte notizia: http://nulladie.com/catalogo/275-gabriele-d-annunzio-le-novelle-della-pescara--9788869151477.html


Gabriele D Annunzio | Le novelle della Pescara | letteratura | Nulla Die |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La spiaggia, di Luigi Sturniolo

La spiaggia, di Luigi Sturniolo
"La spiaggia" è la nuova opera di Luigi Sturniolo, ambientata in una nota località marina della città di Messina. "La spiaggia" è la nuova opera di Luigi Sturniolo, ambientata in una nota località marina della città di Messina."Sara Leonardi provò a consolarsi pensando che la donna era morta con il paesaggio più bello del mondo negli occhi, nelle narici il profumo del mare. Se si trovava lì era sicuramente perché lì si sentiva a proprio agio, perché lì, di notte, con solo un vestitino leggero a coprirla si se (continua)

Mauro Lamantia, Formulario

Mauro Lamantia, Formulario
Per la collana di poesia ICanti, Mauro Lamantia, giovane attore e artista, pubblica la sua prima silloge, "Formulario". Formulario è il tentativo di trovare un sistema, un teorema, una preghiera, una formula appunto, per affrontare mancanze, domande e desideri. Tra bagliori e stagnazioni, il percorso che compie l’autore, in questa sua prima raccolta, trova nei luoghi e nella lingua la possibilità di raccontare le contraddizioni. La poesia diventa, così, il viatico per permettere all’io di fiorire.Mauro Lamanti (continua)

Compagni, di Eleonora Corace e Matilde Orlando

Compagni, di Eleonora Corace e Matilde Orlando
“Si è soliti ipotizzare che l’esistenza di un’isola sia condizionata dal mare, eppure ciò appartiene a un immaginario da cartolina. La vita di un'isola è determinata da varianti invisibili: le correnti, il vento, il movimento delle placche tettoniche, gli sciami sismici, i mostri marini. Anche le vite delle persone, come quelle delle isole, sono governate da forze misteriose”. La vita di un’isola è la cornice dentro cui si svolgono le vicende del romanzo Compagni di Eleonora Corace e Matilde Orlando edito da Nulla die In una Sicilia afflitta dall’immobilismo sociale e dalla crisi economica un gruppo di giovani cerca di dare senso alla propria vita attraverso l’impegno politico. Ivan, Michela, Giuditta e Chiara, studenti di Filosofia, fondano con altri ragazzi il collettivo militante “Zapata”, sull’onda delle proteste universitarie e alla vigilia della stagione dei teatri Occupati e del movimento dei Beni Comuni (continua)

Maria Iside Polizzi, Fai danzare l'anima

Maria Iside Polizzi, Fai danzare l'anima
Scrittrice, psicologa e insegnante, Maria Iside Polizzi pubblica la sua terza opera, il romanzo "Fai danzare l'anima". Scrittrice, psicologa e insegnante, Maria Iside Polizzi pubblica la sua terza opera, il romanzo "Fai danzare l'anima". Lusinghieri i commenti della critica letteraria che suggellano la versatilità della giovanissima autrice, molto attiva culturalmente  nella città dei mosaici e nell'intera provincia ennese. «Ho messo insieme i frammenti, ho fatto danzare l’anima, sono stata inf (continua)

Ilaria Scarabottini, Come Cloto. La sarta della Resistenza

Ilaria Scarabottini, Come Cloto. La sarta della Resistenza
Emma, giovane donna battagliera, è riuscita a salvare vite innocenti e si è unita alla lotta partigiana dimostrando coraggio e tenacia. Una storia di sacrifici, di battaglie quotidiane, di ideali vissuti in prima linea. È proprio lei la sarta della Resistenza... Chi è Cloto? Tra le tre Parche è la più giovane, colei che “dì e notte fila”, l’unica che può dunque estendere la durata della vita e regalare anni, a dispetto della crudele Atropo. Anche Emma, giovane donna battagliera, è riuscita a salvare vite innocenti e si è unita alla lotta partigiana dimostrando coraggio e tenacia. Una storia di sacrifici, di battaglie quotidiane, di ideali vissuti in prima (continua)