Home > Sviluppo sostenibile > Marco Carra: approvata la mia legge sull'agricoltura sociale

Marco Carra: approvata la mia legge sull'agricoltura sociale

Marco Carra: approvata la mia legge sull'agricoltura sociale

In questi ultimi anni l'agricoltura sociale ha visto un notevole sviluppo. Solo nel 2012 l’Unione europea consigliava ai suoi Stati membri di dotarsi di norme ad hoc. La Lombardia, grazie al mio impegno nel Gruppo regionale del Pd, ora ha una legge regionale in materia, approvata in Consiglio regionale. Il concetto di agricoltura sociale è innovativo, ma in realtà è anche antico; a ben vedere da sempre la cultura contadina si è adoperata per l’accoglienza e l’ospitalità. L’agricoltura sociale, dunque, coniuga il lavoro con la solidarietà, ho detto nel mio intervento. L’agricoltura non è più solo un’attività legata esclusivamente alla produzione di alimenti, ma sta ormai lasciando il posto a un’idea più complessa che vede al centro la multifunzionalità del sistema agricolo. In questo contesto l’agricoltura si configura come attività che affianca alla tradizionale funzione di produzione di beni alimentari la capacità di generare servizi connessi, sia orientati al mercato, sia in grado di dare luogo a valori di utilità pubblica di assoluto rilievo. È questo lo scenario in cui si inserisce l’agricoltura sociale: una forma di agricoltura che fornisce in modo continuativo, oltre all’attività agricola, servizi rivolti all’integrazione sociale e al reinserimento lavorativo di soggetti svantaggiati come ex-detenuti, ex-alcolisti, ex-tossicodipendenti, malati psichici, persone diversamente abili. Svolgere questo tipo di attività non solo permette alle persone svantaggiate di reinserirsi nella sfera produttiva e di ritrovare il contatto con la natura, ma ha anche effetti positivi sul loro benessere e sulla loro condizione di salute, promuove il loro reinserimento sociale, ne migliora la capacità di apprendimento e l’autostima, e rafforza quindi la loro partecipazione alla vita sociale. Oggi in Italia le aziende che fanno agricoltura sociale sono oltre 3mila con più di 30mila lavoratori. In Lombardia, le aziende accreditate come attività di agricoltura sociale sono solo 20 su 120 censite, ma in rapidissima crescita. La novità contenuta nella legge regionale, per conformarsi a quella nazionale, è il fatto che anche le cooperative sociali agricole vengono considerate aziende agricole a tutti gli effetti. La legge definisce le finalità e gli obiettivi dell’agricoltura sociale, riconoscendo nelle caratteristiche multifunzionali delle attività agricole il contesto favorevole allo sviluppo di interventi e di servizi sociali, socio-sanitari ed educativi. Inoltre, offre una definizione normativa delle fattorie sociali nell’ottica dell’attività di impresa agricola, integrata con attività di carattere socio-sanitario, educativo e di inclusione lavorativa, a vantaggio di persone svantaggiate o a rischio di emarginazione. La nuova norma prevede inoltre l’istituzione di un Osservatorio regionale sull’agricoltura sociale al quale sarà affidato il compito di verifica, monitoraggio e valutazione della qualità dei servizi offerti, di un registro e della rete delle aziende accreditate. Quanto alle misure di sostegno promosse dalla Regione e agli interventi pubblici, si prevedono specifiche azioni: dalla promozione della fornitura di prodotti di agricoltura sociale per la ristorazione collettiva all’assegnazione prioritaria di terreni demaniali o di beni confiscati.

 

agricoltura | sociale |



Commenta l'articolo

 
 

I più cliccati

Stesso autore

Marco Carra: assistenza domiciliare in Italia sotto la media europea

Marco Carra: assistenza domiciliare in Italia sotto la media europea
Nel 2016, poco più del 20% delle famiglie nell'Ue con persone bisognose di aiuto a causa per problemi di salute a lungo termine utilizzava servizi di assistenza domiciliare professionale. L'assistenza a domicilio punta a consentire alle persone di rimanere nelle loro case piuttosto che usare cure in strutture residenziali, a lungo termine o istituzionali. Questo tipo di assistenza, second (continua)

Marco Carra: ridurre i test sugli animali, lo dice l'Agenzia europea del farmaco

Marco Carra: ridurre i test sugli animali, lo dice l'Agenzia europea del farmaco
L’Ema ha pubblicato il primo report che fa il punto sulle attività messe in atto da Chmp e Cvmp (Committe for Medical Products for Verterinary Use) tra il 2016 e il 2017 per l’uso etico degli animali nei test clinici. I principi perseguiti dai due organismi dell’agenzia europea sono sintetizzati nell’acronimo 3R: replacement (sostituzione), reduction (riduzione), ref (continua)

Marco Carra: a che punto è la riforma del Terzo Settore?

Marco Carra: a che punto è la riforma del Terzo Settore?
La legge delega di riforma del Terzo settore (n. 106 del 6 giugno 2016) prevedeva l’emanazione di sette decreti entro il 2017. Il primo di essi – un decreto legislativo per la modifica della parte del Codice civile riguardante le organizzazioni senza scopo di lucro – non uscirà mai a seguito di apposita decisione del governo. Un altro decreto, ministeriale, su “vigil (continua)

Marco Carra: la pasta e il riso Made in Italy da oggi li riconosci dall'etichetta

Marco Carra: la pasta e il riso Made in Italy da oggi li riconosci dall'etichetta
Finalmente sarà possibile sapere se nella pasta che si sta acquistando è presente o meno grano canadese trattato in preraccolta con il glifosate, proibito sul grano italiano, o se il riso viene dai campi della Birmania sequestrati alla minoranza Rohingya, contro la quale è in atto una pulizia etnica. Da oggi finalmente diventa obbligatoria l’etichetta di origine per past (continua)

Marco Carra: peggiorano del 3% i tempi di attesa per visite ed eami

Marco Carra: peggiorano del 3% i tempi di attesa per visite ed eami
Noi lo diciamo da anni e l'annuncio delia Giunta, dello stanziamento di 11 milioni di euro taglia code nelle strutture socio sanitarie, a pochi giorni dell'inizio della campagna elettorale, è stato solo un annuncio. A confermare la situazione critica negli ospedali per i pazienti lombardi è intervenuta anche Ats metropolitana che ha bacchettato la Giunta e le sue misure, facendo pres (continua)