Home > Cultura > ENRICO NADAI-ORA SIAMO CONGIUNTI DAL PENSIERO

ENRICO NADAI-ORA SIAMO CONGIUNTI DAL PENSIERO

ENRICO NADAI-ORA SIAMO CONGIUNTI DAL PENSIERO
Si era da poco conclusa la discordia mortale tra l’oca e il falcone, consumatasi di fronte agli occhi inquieti di Parceval. Egli aveva visto cadere sopra il manto di neve immacolata tre gocce di sangue scaturite dal collo mozzato dell’oca. Per un’intera mattinata venne meno l’amore per il ferro, già sfoderato troppe volte, facendo spazio alla rievocazione del viso della sua bella: quel volto compariva e scompariva nella sua mente, fintanto che l’immagine disegnata dal sangue fu finalmente chiara. L’ala del sogno lo portava da Biancofiore, la sua damigella, al castello di Beaurepaire. Era infinito il peso di quel loro commiato, ed il suo rammarico lo faceva sentire un martire consegnato al silenzio della tomba. «Nulla era a noi più caro che baciarci, abbracciarci e intrattenerci con cortesia», labbreggiava a sé medesimo: «Ora siamo congiunti dal pensiero. È il resto a recidere i nostri cuori». E prima di riprendere il suo galoppo senza tregua farneticava: «Errando…Rimani…Mia…IO…Noi…E…nient’altro».

filosofia | cultura | arte | università | storia | libro | lettura | romanzo | sapere | conoscere | storia | umanesimo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le novità editoriali primaverili della casa editrice Rupe Mutevole Edizioni


SOFIA FACCHIN INTERVISTA ENRICO NADAI


ENRICO NADAI--IL POLITICO


QUATTRO APPUNTAMENTI CON ENRICO NADAI DA NON PERDERE


KRYS, UN CANNIBALE ALLA CORTE DI EDDY MERCKX. LA GF DI RIVALTA “INFILZATA” DALLA VACCARONI


 

Ieri...

Stesso autore

PIEVE DI SOLIGO (TV)-ENRICO NADAI E ROBERTA CANZIAN SOLISTI AL GRAN CONCERTO PER I 45 ANNI DELL'ASSOCIAZIONE MUSICALE TOTI DAL MONTE

PIEVE DI SOLIGO (TV)-ENRICO NADAI E ROBERTA CANZIAN SOLISTI AL GRAN CONCERTO PER I 45 ANNI DELL'ASSOCIAZIONE MUSICALE TOTI DAL MONTE
Enrico Nadai e Roberta Canzian al concerto per i 45 anni dell’Associazione Musicale “Toti Dal Monte” L’Associazione Musicale “Toti dal Monte” di Pieve di Soligo (Tv), per festeggiare i suoi 45 anni di storia, organizza un concerto, venerdì 23 novembre 2018, ore 20.30, presso l’Auditorium “Battistella-Moccia”.Il programma proposto è un viaggio musicale che abbraccia tra le altre alcune pagine m (continua)

ENRICO NADAI DA' VOCE AL SOGNO DI LUDOVICA.

ENRICO NADAI DA' VOCE AL SOGNO DI LUDOVICA.
Il fenicottero, nell’indusimo, poiché si sposta in gruppo, è spesso associato allo spirito di cooperazione e mutuo aiuto. E Ludovica Visentin, 16enne di Volpago del Montello, che si rispecchiava in questo elegante animale – noto per la capacità di trovare il suo equilibrio su un “piede” solo, come lei stessa durante la malattia -, ha sempre creduto nella forza della collaborazione. Giovedì 13 (continua)

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai

“Sogni di carta”: l’ultimo singolo di Enrico Nadai
Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oniri (continua)

"SOGNI DI CARTA" L'ULTIMO SINGOLO DI ENRICO NADAI


Leggendaria è la frase di Prospero, duca di Milano, nella “Tempesta” di W. Shakespeare, in cui afferma che “siamo della stessa sostanza di cui son fatti i sogni” e che nel “tempo di un sogno è racchiusa la nostra breve vita”. Come a dire che l’esistenza è immateriale e inafferrabile. Ma per quanto effimeri, sono proprio i sogni a dare forma alla nostra realtà. Non solo nello spazio oni (continua)

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO
“O te o nessun’altra”, le aveva detto tante volte lui, avendolo già da sempre pensato, forse da prima di conoscerla. E Lei, assente nella carne, presenziava nell’ordine dell’invisibile accanto a lui; in treno, tra i libri, nelle preghiere, nell’aria respirata, nell’estate che passava: ovunque era la sua traccia. “Si butti alle spalle tutto: ne esistono tante di donne”, gli disse un giorno un uomo (continua)