Home > Cultura > ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO

articolo pubblicato da: gianni | segnala un abuso

ENRICO NADAI-SOLO LEI E' DAPPERTUTTO
“O te o nessun’altra”, le aveva detto tante volte lui, avendolo già da sempre pensato, forse da prima di conoscerla. E Lei, assente nella carne, presenziava nell’ordine dell’invisibile accanto a lui; in treno, tra i libri, nelle preghiere, nell’aria respirata, nell’estate che passava: ovunque era la sua traccia. “Si butti alle spalle tutto: ne esistono tante di donne”, gli disse un giorno un uomo. “È vero” – rispose lui – “ma solo Lei è dappertutto”. --------------------------------------------------------------------- Enrico Nadai nasce a Conegliano il 26 maggio 1996 ed è residente a Farra di Soligo (Treviso). Frequenta la facoltà di Filosofia a Padova. Figlio d'arte: padre violinista e madre cantante, all'età di 7 anni intraprende lo studio del violino ed entra a far parte della Piccola Orchestra Veneta formata da giovani musicisti di talento. A 12 anni comincia lo studio del canto e attraverso la partecipazione e la vincita del concorso internazionale "Onde sonore" di Jesolo, viene notato dalla cantante statunitense Cheryl Porter che lo segnala per un provino canoro in Mediaset. Quest'ultimo lo porterà ad inserirsi nel cast della trasmissione televisiva "Io canto" nella quale farà parte della boyband dei Gimme Five oltreché come singolo interprete. Il 16 maggio 2011 esce il suo primo Ep dal titolo "Un istante perfetto". Partecipa anche alla terza edizione del programma televisivo condotto da Gerry Scotti [Io Canto] aggiudicandosi il terzo posto e il premio CET offertogli dallo scrittore e paroliere Giulio Rapetti Mogol. Il 20 dicembre 2011 viene invitato a cantare in mondovisione al concerto per la pace tenutosi a Betlemme all'interno della basilica della natività. Dall'aprile del 2012 diventa componente, insieme a Kevan Gulia e Simone Frulio, del gruppo vocale dei FreeBoys con cui nel 2013 partecipa alla trasmissione televisiva X Factor. Nello stesso anno entra a far parte della Nazionale Italiana Cantanti. Con la sua nuova formazione musicale pubblica un Ep e due album, di cui l'ultimo dal titolo "Dedicato a…" (2013), racchiude i contenuti dei precedenti lavori con l'aggiunta di alcune nuove tracce. Nel 2014 inizia delle collaborazioni giornalistiche scrivendo articoli di arte e cultura. Nel 2015, Enrico partecipa alla realizzazione del disco "Wake Up" dedicato a Papa Francesco con un brano dal titolo "Santa famiglia di Nazareth".

filosofia | cultura | arte | università | storia | libro | lettura | romanzo |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

ENRICO NADAI- EUTANASIA:DOVE LA VITA PERDE IL SUO SENSO.

ENRICO NADAI- EUTANASIA:DOVE LA VITA PERDE IL SUO SENSO.
Ci sono condizioni esistenziali dolorose che portano a considerare la morte migliore della vita. Se si smarrisce l’aspettativa di ottenere serenità nella propria esistenza, se ne va facilmente l’entusiasmo di viverla, si è abbandonati dalla forza di sperare e si viene raggiunti dall’assenza di timore di fronte alla morte. Una volta che le armi della luce sono state riposte, non resta che lasciarsi (continua)

ENRICO NADAI- NOTRE-DAME BRUCIA.

ENRICO NADAI- NOTRE-DAME BRUCIA.
Stavo scrivendo un articolo su Simone Weil quando ho saputo dell’incendio avvenuto alla cattedrale di Notre-Dame a Parigi. Riguardo al tragico avvenimento ho una premessa dolorosa da fare: le opere umane possono sopravvivere a chi le ha create, possono sopravvivere a generazioni di uomini, possono farsi scudo di fronte all’erosione del tempo, divenire dei simboli identitari e culturali, ma non pos (continua)

ENRICO NADAI- SONO L'UNICO ARTISTA "INDIE" RIMASTO.

ENRICO NADAI- SONO L'UNICO ARTISTA
Sono anni che mi domando cosa sia la musica indie. Me lo chiedevo già alle scuole superiori quando, ascoltando alcuni artisti di punta del panorama suddetto, mi chiedevo cosa potesse caratterizzarne la diversità. Era bello ascoltare musica apparentemente destinata a pochi. Non ero abilissimo a coglierne i messaggi politici (quando ce n’erano), ma era palese che quelle partiture suonassero dalla pa (continua)

SOLIGHETTO (TV)-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, LOREDANA ZANCHETTA, CLAUDIO DONI, TIZIANO VETTORETTI, GIOVANNI TONON, ELENA LUCCA, SOFIA FACCHIN, ELISA NADAI, NICOLA BOATIN, LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO

SOLIGHETTO (TV)-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, LOREDANA ZANCHETTA, CLAUDIO DONI, TIZIANO VETTORETTI, GIOVANNI TONON, ELENA LUCCA, SOFIA FACCHIN, ELISA NADAI, NICOLA BOATIN, LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO
In previsione della ricorrenza internazionale del “Giorno della Memoria”, che commemora, il 27 gennaio di ogni anno, le vittime dell’Olocausto; l’Associazione Musicale “Toti Dal Monte” e l’Associazione Musicale “A. Coletti” propongono il doppio concerto “Non dimentichiamo. Testimonianze e musiche di autori Ebrei”, nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 gennaio 2019, rispettivamente a San Vendem (continua)

SAN VENDEMIANO-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, ELENA LUCCA, ELISA NADAI,NICOLA BOATIN, GIOVANNI TONON, SOFIA FACCHIN, TIZIANO VETTORETTI, CLAUDIO DONI,LOREDANA ZANCHETTA,LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO

SAN VENDEMIANO-NON DIMENTICHIAMO- CON ENRICO NADAI, ELENA LUCCA, ELISA NADAI,NICOLA BOATIN, GIOVANNI TONON, SOFIA FACCHIN, TIZIANO VETTORETTI, CLAUDIO DONI,LOREDANA ZANCHETTA,LEONARDO MARIOTTO, ELIA D'ERRICO
In concomitanza con la ricorrenza internazionale del “Giorno della Memoria”, che commemora, il 27 gennaio di ogni anno, le vittime dell’Olocausto; l’Associazione Musicale “Toti Dal Monte” e l’Associazione Musicale “A. Coletti” propongono il doppio evento “Non dimentichiamo. Testimonianze e musiche di autori Ebrei”, nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 gennaio 2019, rispettivamente a San Vende (continua)