Home > Primo Piano > CASA CIRCONDARIALE DI GIARRE, DETENUTO IN POSSESSO DI UN CELLULARE. ARMANDO ALGOZZINO (UILPA POLIZIA PENITENZIARIA):

CASA CIRCONDARIALE DI GIARRE, DETENUTO IN POSSESSO DI UN CELLULARE. ARMANDO ALGOZZINO (UILPA POLIZIA PENITENZIARIA):

scritto da: Marianna La Barbera | segnala un abuso

CASA CIRCONDARIALE DI GIARRE, DETENUTO IN POSSESSO DI UN CELLULARE. ARMANDO ALGOZZINO (UILPA POLIZIA PENITENZIARIA):

L'oggetto è stato consegnato spontaneamente da un detenuto all'ispettore capo della Polizia Penitenziaria Gianni Trumino, entrato da solo all'interno della cella per effettuare dei controlli


Un micro telefono cellulare è stato trovato durante una perquisizione presso la Casa Circondariale di Giarre, in provincia di Catania.

L'oggetto è stato consegnato spontaneamente da un detenuto - in isolamento per motivi disciplinari per un breve periodo - all'ispettore capo della Polizia Penitenziaria Gianni Trumino, entrato da solo all'interno della cella per effettuare dei controlli.

Il fatto è accaduto intorno alle 10:00 del mattino del 19 aprile scorso.

Ne dà notizia il segretario nazionale della Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria Armando Algozzino che torna a denunciare i gravi disagi dell'Istituto, una struttura molto ampia a custodia attenuata.

"Il dispositivo mobile è stato consegnato all' ispettore, coordinatore della Sorveglianza generale - spiega l'esponente sindacale - dopo che quest'ultimo aveva comunicato allo stesso ristretto di volere procedere personalmente a una perquisizione nella camera di pernotto".

Il detenuto, con un gesto del tutto inaspettato, ha aperto la cerniera della felpa che indossava e ha consegnato, oltre al cellulare - di colore nero, completo di sim telefonica e cavetto bianco - anche un paio di forbici di piccole dimensioni con le punte annerite.

I toni sono stati "garbati e distesi" ma il detenuto non ha fornito alcuna spiegazione in merito alla provenienza del materiale, che è stato sequestrato e custodito per le successive incombenze di rito.

"Ancora una volta, la professionalità e l'accuratezza del personale della Polizia Penitenziaria - afferma il segretario - hanno fatto la differenza: grazie, dunque, all' ispettore capo che ha gestito con grande padronanza una situazione difficile, in un Istituto dove la carenza di organico è drammatica".

 Nello specifico, l'ispettore capo Gianni Trumino ha più volte sventato simili azioni illecite da parte dei detenuti.

Un episodio non certo isolato, come precisa lo stesso Armando Algozzino.

"Non di rado, infatti - spiega - il personale blocca l'introduzione di materiale dall'esterno all'interno effettuando numerose azioni di polizia che si affiancano, ovviamente, al servizio prestato quotidianamente".

 "Un plauso, in particolare, va indirizzato alle unità più anziane - aggiunge - che conoscono alla perfezione la condizione della struttura, le cui dimensioni rendono molto difficili i controlli".

 "Al netto di sei ispettori e due commissari, attualmente nell'Istituto sono presenti soltanto diciannove tra agenti e assistenti - sottolinea - e ovviamente si tratta di numeri del tutto insufficienti rispetto alle esigenze interne e alle quarantasette unità stabilite dalla Commissione nazionale e previste nella pianta organica : una situazione aberrante che compromette anche la possibilità di usufruire di congedi e riposi".

 "La conseguenza - aggiunge - è che gli ispettori e i commissari, pur essendo presenti in congruo numero, non svolgono il loro effettivo ruolo perchè sopperiscono alle carenze in atto".

 "Occorrerebbero almeno tra dieci e quindici unità in più da immettere immediatamente in servizio - precisa - per rispondere adeguatamente alle esigenze dell'amministrazione".

 Il Provveditorato Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria aveva cercato di risolvere la situazione attraverso una graduatoria per incrementare l'organico, "ma i risultati sono stati modesti - racconta il segretario -  il personale in servizio è ormai esausto e attende da anni che lo stato delle cose cambi".

 "Ma soprattutto - sottolinea ancora il segretario - c'è la necessità di investire sulla funzionalità dell'Istituto: basti pensare che il block house funziona con le telecamere a distanza".


Fonte notizia: https://www.siciliareport.it/lavoro/sindacato/casa-circondariale-di-giarre-detenuto-in-possesso-di-un-micro-cellulare/


Polizia Penitenziaria | UILPA | Giarre | Catania | Casa Circondariale | Armando Algozzino | Gianni Trumino | PRAP |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Catania, Piazza Lanza : cinque aggressioni in un mese


CASA CIRCONDARIALE DI AGRIGENTO, ARMANDO ALGOZZINO (UILPA POLIZIA PENITENZIARIA) DENUNCIA IL MANCATO PAGAMENTO DELLE SPETTANZE DI SERVIZIO DI MISSIONE


CASA CIRCONDARIALE “BICOCCA”, PERSONALE IN STATO DI AGITAZIONE


Lettera aperta di Antonello De Pierro,il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e punito paradossalmente dalla Polizia


GIUSTIZIA MINORILE, ARMANDO ALGOZZINO (UILPA POLIZIA PENITENZIARIA) DENUNCIA L’ASSENZA DI RELAZIONI SINDACALI E LA FRAMMENTARIETÀ NEI TERRITORI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

DECARBONIZZAZIONE DELLE ISOLE MINORI DELLA SICILIA, SEA FAVIGNANA ANNUNCIA LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO

DECARBONIZZAZIONE DELLE ISOLE MINORI DELLA SICILIA, SEA FAVIGNANA ANNUNCIA LA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO
In una nota, la Società si rivolge all'assessore al ramo Daniela Baglieri e all'ingegnere Antonio Martini, dirigente generale del Dipartimento Regionale dell' Energia della Regione Siciliana Una lettera all' assessorato all' Energia della Regione Siciliana per manifestare pieno sostegno alla proposta di progetto "Percorso di decarbonizzazione delle isole minori della Sicilia", nell'ambito del programma denominato "Clean energy for EU Islands", ovvero "Energia pulita per le Isole dell'Unione Europea". A trasmetterla, è la Società Elettrica di Favignana - produttrice e distributric (continua)

ATTIVITÀ PRODUTTIVE, LA CIDEC CHIEDE UN NUOVO ASSESSORE AL COMUNE DI PALERMO

ATTIVITÀ PRODUTTIVE, LA CIDEC CHIEDE UN NUOVO ASSESSORE AL COMUNE DI PALERMO
"Palermo non può concedersi il lusso di fare a meno per un solo giorno in più - commenta il presidente Salvatore Bivona - di una guida in un ambito strategico che necessita di scelte coraggiose per ridare slancio al commercio e alle piccole imprese". "Leopoldo Piampiano è stato un ottimo assessore alle Attività produttive per la città, sia prima che durante il lungo periodo di emergenza sanitaria ed economica che esigeva ed esige una guida affidabile e presente": con queste parole, il presidente provinciale della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti di Palermo Salvatore Bivona ringrazia l'ormai ex esponente della giunt (continua)

ASSUNZIONI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, ALFONSO FARRUGGIA (UILPA SICILIA): "NECESSARIO RINVIGORIRE GLI ORGANICI IN TUTTA L'ISOLA"

ASSUNZIONI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE,  ALFONSO FARRUGGIA (UILPA SICILIA):
Il segretario generale sottolinea la necessità di contrastare il fenomeno dello stress lavoro correlato che riguarda molti dipendenti del pubblico impiego alle prese con carichi troppo gravosi e non adeguati alle loro reali possibilità "L'annuncio del ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, relativo al piano di assunzioni che, nelle intenzioni, dovrebbe tradursi in 100 mila nuovi posti di lavoro all'anno fino al 2025, non può che fare sperare in un futuro migliore per gli uffici che necessitano di nuovo personale per continuare a garantire alla collettività prestazioni di alta qualità": con quest (continua)

CATANIA, PIAZZA LANZA: ANCORA VIOLENZA AI DANNI DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

CATANIA, PIAZZA LANZA: ANCORA VIOLENZA AI DANNI DELLA POLIZIA PENITENZIARIA
Intervento del segretario nazionale della UILPA Polizia Penitenziaria Armando Algozzino: "I detenuti psichiatrici siano gestiti in maniera diversa". La proposta dell'esponente sindacale Sette aggressioni al personale della Polizia Penitenziaria in soli quaranta giorni.La Casa Circondariale Piazza Lanza di Catania è ancora una volta teatro di comportanti violenti e scomposti da parte dei ristretti.E, nello specifico, anche l’episodio più recente, avvenuto nella giornata di domenica 11 aprile, vede quale protagonista un detenuto psichiatrico.Lo denuncia, in una nota, il segretario (continua)

"PIÙ DEL QUARANTA PER CENTO DELLE IMPRESE NON RICEVERÀ ALCUN CONTRIBUTO": LA CIDEC SICILIA INTERVIENE SUL DECRETO SOSTEGNI


"La modalità di controllo della spettanza del ristoro - chiarisce il presidente regionale Salvatore Bivona - viene attuata in modo tale da impedire a molte aziende l'accesso alle risorse". Forte preoccupazione per il futuro delle imprese siciliane e il mantenimento dei livelli occupazionali nelle realtà produttive viene espressa dalla Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia che, attraverso il presidente regionale Salvatore Bivona, critica alcuni punti del Decreto Sostegni 2021."A causa di un meccanismo perverso - osserva l'esponente dell'associazione di categoria (continua)