Home > Arte e restauro > Cecilia Martin Birsa protagonista della moderna arte scultorea

Cecilia Martin Birsa protagonista della moderna arte scultorea

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Cecilia Martin Birsa protagonista della moderna arte scultorea


Accanto e in linea con le moderne dinamiche applicative e con l'attuale impostazione sistematica dell'arte scultorea contemporanea, Cecilia Martin Birsa si muove edificando e consolidando un suo percorso di caratura, che si basa su una continuità di ricerca e su una costanza sperimentale ormai collaudata nel suo progetto artistico. Dal 22 Maggio la Martin Birsa sarà protagonista con una creazione sublime dal titolo “Donna di fuoco” all'interno della Fondazione Cassa di Risparmio a Biella, rientrante in un progetto che rende omaggio ad honorem a due donne icone senza tempo Coco Chanel e Marilyn Monroe. La Dott.ssa Elena Gollini nel commentare questa pregevole iniziativa della Martin Birsa ha evidenziato: “Mi complimento con Cecilia per la scelta mirata e centratissima. La sua incantevole e potente donna di fuoco incarna al meglio l'ideale della femminilità prorompente ed energica, ma al contempo sensibile e intensa, un tripudio di emozioni, una donna ammaliante e vulcanica in tutti i sensi. Infatti il materiale designato è decisamente particolare. Si tratta di vulcanite di antichissima genesi proveniente dal torrente Elvo. Anche sotto questo aspetto Cecilia dimostra di fare la differenza e di dare un'ulteriore spinta di traino alla resa compositiva. La sua donna di fuoco sprigiona una forza ancestrale, che è la forza cosmica votata al femminile, la forza iniziatica e rivelatoria personificazione dell'energia universale assoluta. La donna di fuoco è anche un'immagine rassicurante e protettiva, perché attraverso il suo calore virtuale ci scalda, ci infonde sicurezza proprio come la metafora del grembo materno caldo e ovattato”. Inoltre, la Dott.ssa Gollini ha proseguito nella dissertazione riflessiva rimarcando alcuni concetti chiave della poetica scultorea della Martin Birsa: “Essere donna scultrice equivale a una grande sfida, è una grande scommessa. Soltanto una personalità caparbia e temprata come quella di Cecilia può sostenere un percorso così impegnativo e complesso e ottenere risultati ineccepibili. La sua arte è sinonimo di vita vissuta e di vita ancora da vivere con pronta reattività. Spesso l'arte scultorea viene associata a figure maschili e anche la tradizione della grande storia dell'arte vede emergere prevalentemente nomi declinati al maschili. Ma questo non deve ovviamente fuorviare e distogliere l'attenzione dall'indiscussa valenza e meritocrazia di Cecilia, che prosegue impavida. Il suo contributo alla scultura moderna è destinato a restare immemore e a proiettarsi nel futuro e proprio come l'emblema della sua magnifica donna di fuoco riveste una summa di messaggi, che guardano al presente con un punto di osservazione già rivolto anche al futuro e al futuribile”.


Fonte notizia: https://www.elenagolliniartblogger.com/cecilia-martin/


Cecilia martin birsa | cecilia | martin | birsa | scultura | scultrice | moderna | contemporanea | donna di fuoco | pietra | torrente | elvo | mostra | fondazione | cassa di risparmio | biella | coco | chanel | marilyn monroe | opere | opera | artwork | artist | sculpture | italy | italian |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

È online la mostra “Il pensiero di pietra” di Cecilia Martin Birsa


Cecilia Martin Birsa: arte scultorea contemplativa e riflessiva


Il concetto spazio temporale nell'arte scultorea di Cecilia Martin Birsa


Martin Gruschka, manager di successo nel settore degli investimenti


Le Cinque Anime della Scultura | Roberto Piaia in mostra a Como


Martin Gruschka, manager nel settore del Private Equity


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Davide Quaglietta: ricerca cromatica e ricerca semantica

Davide Quaglietta: ricerca cromatica e ricerca semantica
 “Nello scandaglio relativo alla mimesi formale e sostanziale della pittura di Davide Quaglietta si può distintamente discernere una sequenzialità di ricerca attenta e scrupolosa, che da una parte si incentra e si orienta all'elemento cromatico e alla profusione tonale e dall'altra parte si canalizza e di focalizza sulla dimensione semantica e sul registro linguistico sempre mirato ad ho (continua)

La pittura evanescente e trascendente di Federico Marchioro

La pittura evanescente e trascendente di Federico Marchioro
 “Si tratta di una pittura, che individua e definisce nel flusso cromatico sfumato e nei giochi chiaroscurali intensamente miscelati un'evanescenza speciale e sui generis, che funge da cornice di contorno per enfatizzare la struttura costitutiva e la palingenesi sostanziale dell'impianto narrativo”. La Dott.ssa Elena Gollini spiega e approfondisce la sintesi pittorica informale di Federi (continua)

Daniel Mannini: vitalità interiore e dinamismo vigoroso

Daniel Mannini: vitalità interiore e dinamismo vigoroso
 Daniel Mannini è un talentuoso esponente emergente della pittura di matrice astratto-informale, che dimostra una virtuosa potenzialità espressiva e comunicativa. A tal riguardo, la Dott.ssa Elena Gollini che si occupa della curatela promozionale di Mannini ha messo in luce dei punti nevralgici di rilievo. In particolare ha rimarcato: “Daniel è già dotato di innate risorse artistiche, ch (continua)

È online la mostra “Metamorfosi cromatica” di Rosanna Piervittori

È online la mostra “Metamorfosi cromatica” di Rosanna Piervittori
 È stata ufficialmente pubblicata online la mostra pittorica di Rosanna Piervittori dal titolo volutamente molto allusivo “Metamorfosi cromatica” per delineare l'importanza, che riveste la componente del colore all'interno della vibrante e pulsante sfera creativa, che anima e accende l'ispirazione artistica della talentuosa pittrice contemporanea. L'esposizione curata dalla Dott.ssa Ele (continua)

Alessandro Bassani: fotografia di passione e di vocazione

Alessandro Bassani: fotografia di passione e di vocazione
All'interno del vasto e variegato comparto nel quale si sviluppa e si evolve la moderna arte fotografica contemporanea, certamente Alessandro Bassani si sta ben muovendo con un percorso che resta volutamente al di fuori degli schemi dottrinali convenzionali e cerca invece degli sbocchi alternativi, molto validi e molto attuali all'interno dello sfaccettato campo applicativo della Mobile Phon (continua)