Home > Economia e Finanza > Logistica, digitale e territorio nel settore agroalimentare: le Langhe

Logistica, digitale e territorio nel settore agroalimentare: le Langhe

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Logistica, digitale e territorio nel settore agroalimentare: le Langhe

Il progetto parte dalla creazione di una piattaforma digitale con cui viene creato un “hub virtuale” che raccoglie gli ordini inseriti dalle cantine aderenti, attraverso il quale le stesse organizzano il ritiro della merce. L’hub virtuale permette alle aziende di trasporto di coordinare il ritiro del vino presso i produttori in modo da viaggiare sempre a pieno carico.


di Filippo Moreschi, avvocato e Responsabile Osservatorio AIDR “Digital Agrifood” 

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dedica particolare attenzione e significative risorse allo sviluppo della logistica per il settore agroalimentare. È dei primi giorni di maggio l’avvio dell’iniziativa “Ecolog”, un progetto di logistica green del settore vitivinicolo lanciato dall’Unione dei Comuni Colline di Langa e del Barolo, dal Consorzio di tutela Barolo, Barbaresco, Alba, Langhe e Dogliani e da Coldiretti. Si tratta di territori di grande tradizione vitivinicola, noti in tutto il mondo e che, inseriti nel 2014 nella lista dei “Patrimoni dell’Umanità” UNESCO, hanno visto negli ultimi anni, almeno in quelli pre-pandemici, l’incremento esponenziale del turismo e dell’enoturismo. Sono territori posti di fronte all’esigenza di mantenere un trend di sviluppo sostenibile, che coniughi l’accoglienza di un numero sempre maggiore di turisti con il rispetto per l’ambiente ed il paesaggio. Questo equilibrio passa anche dal contenimento del traffico stradale locale e dal miglioramento dei trasporti e della logistica. Ciò permetterebbe una migliore e più sicura fruizione ai turisti – in macchina, in bicicletta - delle strade del territorio. Anche per dare risposta a queste problematiche, il progetto Ecolog ha come scopo la riduzione del 33% del traffico di mezzi pesanti sulle colline di Langa, l’incentivazione dell’ecoturismo e la riduzione del 50% delle emissioni giornaliere di CO2 nell’atmosfera. Il progetto parte dalla creazione di una piattaforma digitale con cui viene creato un “hub virtuale” che raccoglie gli ordini inseriti dalle cantine aderenti, attraverso il quale le stesse organizzano il ritiro della merce. L’hub virtuale permette alle aziende di trasporto di coordinare il ritiro del vino presso i produttori in modo da viaggiare sempre a pieno carico. Il trasporto viene svolto attraverso mezzi di piccole dimensioni a bassa emissione, con veicoli Euro VI, alimentati a metano CNG o a gas naturale liquefatto LNG. Il protocollo al quale le aziende di trasporto dovranno aderire, prevede, in via preferenziale, l’utilizzo di veicoli ibridi o full electric. I prodotti provenienti dalle cantine vengono infine in questo modo dislocati in un “hub fisico” da cui partono per i vari mercati di destinazione. La piattaforma digitale integrata all’ “hub virtuale” non è solo funzionale al miglioramento della logistica ma costituisce anche il supporto per l’attività di e-commerce B2B e B2C, svolgendo, da un lato, un’attività centralizzata di gestione integrata degli ordini delle singole aziende aderenti al progetto, e dall’altro fornire i servizi fiscali per il commercio intra ed extracomunitario. L’hub fisico invece avrà una localizzazione strategica presso autostrade o arterie principali e sarà dotato di spazi adibiti al magazzinaggio a temperatura controllata per il monitoraggio costante dei livelli di umidità e di esposizione luminosa. Il progetto si inserisce in un contesto – quello delle Langhe – che, come noto, è area facente parte dei patrimoni dell’Umanità Unesco e che ormai da molti anni si colloca all’avanguardia della tutela paesaggistica ed ambientale, con numerose iniziative, private e pubbliche. A livello privato si pensi al disciplinare Vino Libero, iniziativa di alcune importanti realtà vitivinicole come Fontanafredda, volto alla sostenibilità di campo e di cantina. A livello pubblico, il Piano paesaggistico Regione Piemonte, adottato nel 2017, concorre con il Piano di gestione ambientale del sito Unesco alla tutela ed alla valorizzazione del territorio. Tra l’altro, sin dal 2015 – a un anno dall’inserzione dei paesaggi vitivinicoli delle Langhe-Roero e del Monferrato tra i “Patrimoni dell’Umanità” – la Regione ha varato le linee guida finalizzate a supportare i comuni interessati nella revisione dei propri piani regolatori e dei regolamenti edilizi. Tale documento tiene molto in rilievo il tema della riqualificazione e della valorizzazione degli assi viari di accesso ai luoghi e sottolinea la ricerca della panoramicità e della miglior fruizione per i turisti e per i cicloturisti dei paesaggi Unesco. Da questa attenzione marcata per la valorizzazione del territorio nasce l’esigenza di una logistica rinnovata e sostenibile. E i territori Unesco si confermano paradigma, modello e stimolo per tutte le altre realtà locali, rurali e non solo. 


Fonte notizia: https://www.aidr.it/logistica-digitale-e-territorio-nel-settore-agroalimentare-le-langhe/


PNRR | logistica | settore agroalimentare | aidr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Metodo IsiameD Digitale: Conferenza INNOVAZIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE


Logistica l’organizzazione di scienziati e artisti


Logistica Milano la scienza e l’arte dell’organizzazione


BRACCHI GROUP, VOLA IL FATTURATO: SUPERATI I 500 DIPENDENTI CON LA LOGISTICA “IN HOUSE”


Michele Monachino, il percorso professionale nel panorama della logistica avanzata


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Estate 2021 tra COVID e attacchi hacker

Estate 2021 tra COVID e attacchi hacker
Essenziale il ruolo dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale di Mauro Nicastri, Presidente Aidr L’estate 2021 la ricorderemo anche per gli attacchi informatici che hanno preso di mira, nel periodo della pandemia, ospedali, strutture mediche e strutture che si occupano dello sviluppo e della distribuzione del vaccino contro il Covid 19. L’ultimo episodio ha interessato il Ced della Regione Lazio, mandando in tilt tutti i sistemi compresi quelli del portale Salute Lazio e della rete vaccinale. Si lavora ininterrottamente da oltre ventiquattro ore per consentire al sistema di poter continuare ad erogare i servizi, in un momento della pandemia estremamente delicato, mentre l’indagine aperta dalla Procura di Roma inizia a vagliare alcune ipotesi, pur non sbilanciandosi. La questione, oltre l’emergenza di queste ore, è racchiusa nei dati evidenziati nell’intervista a La Repubblica della direttrice della Polizia Postale Nunzia Ciardi: gli attacchi informatici con la pandemia sono aumentati del 246%. Guardando ad un fenomeno in crescita vorticosa, diventa essenziale il ruolo dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale istituita dal Governo Draghi. L’organismo, alla cui istituzione in tempi rapidi si è lavorato anche per dare attuazione al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha infatti un obiettivo fondamentale: costruire le fondamenta di un nuovo sistema in grado di proteggere il Paese, nel momento in cui l’intero sistema pubblico e privato è chiamato alla transizione digitale. Sarebbe impensabile infatti, traghettare la nostra economia in chiave digitale, se non ponessimo al contempo uno scudo contro gli attacchi hacker. L’ultimo episodio ha interessato il Ced della Regione Lazio, mandando in tilt tutti i sistemi compresi quelli del portale Salute Lazio e della rete vaccinale. Essenziale il ruolo dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionaledi Mauro Nicastri, Presidente AidrL’estate 2021 la ricorderemo anche per gli attacchi informatici che hanno preso di mira, nel periodo della pandemia, ospedali, strutture mediche e strutture che si occupano dello sviluppo e della distribuzione del vaccino contro il Covid 19. L’ultimo episodio ha interessato il Ced della Regione Lazio, (continua)

Lo smart working post pandemia, approfondimento a Digitale Italia

Lo smart working post pandemia, approfondimento a Digitale Italia
A Digitale Italia, il format web ideato da Aidr, una puntata dedicata allo smart working. Ospiti del format: Laura Carletti, CSR & HR Randstad Group Italia e Sergio Alberto Codella: segretario generale Aidr. Carletti- Randstad Italia: il mercato del lavoro cambierà velocementeUna rivoluzione dettata dalla pandemia. L’Italia ha scoperto lo smart working più per necessità, che per scelta nel corso dell’ultimo anno a mezzo. In che modo milioni di italiani hanno vissuto questo nuovo approccio, quali ripercussioni avrà nei prossimi anni l’introduzione sempre più consistente del lavoro agile? A Digital (continua)

La casa intelligente: è tempo di abbattere le barriere

La casa intelligente: è tempo di abbattere le barriere
La Legge di Bilancio 2021(art.1 comma 66 lettera d), con i successivi chiarimenti del Ministero dell’Economia e dell’Agenzia delle Entrate, prevedono che tutti i condomini, anche se di età non superiore ai 65 anni, possono usufruire del “superbonus” 110% di Federica De Pasquale – Responsabile Osservatorio sul condominio digitaleNonostante anche in Italia vi sia un notevole incremento del settore Smart Home, simile a quello dei principali Paesi occidentali, in termini assoluti siamo ancora agli ultimi posti in Europa.Con questa espressione, che preferisco nella versione italiana di “Casa Intelligente”, si vogliono identificare tutti (continua)

Monnezza 2.0, la gestione dei rifiuti in chiave digitale

Monnezza 2.0, la gestione dei rifiuti in chiave digitale
Tutto sommato, la differenza tra la gestione dei dati e la gestione dei rifiuti non è poi tanto diversa: può sembrare paradossale, ma entrambi, seppur per aspetti diversi, hanno un valore enorme e creano ricchezza. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze AidrEra il 1987 e Aldo Fabrizi, visibilmente commosso da quella commozione che soltanto le emozioni ingenue di un anziano vicino alla fine del viaggio può esprimere, fece un’ultima apparizione in televisione, recitando un sonetto ispirato alla celebre canzone “Buongiorno tristezza”, cantata d (continua)

Covid Digital Disruption

Covid Digital Disruption
La pandemia è stata per molte aziende un banco di prova per misurare la loro capacità di far evolvere rapidamente il modello organizzativo, i processi e la tecnologia pena il rischio di non sopravvivere. Di Vito Coviello,Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica.No, non è un gioco di parole come potrebbe apparire, ma reale necessità in tempi di pandemia.Lo scorso anno è stato l’anno cui le aziende di ogni settore hanno dovuto mettere rapidamente in campo  ogni misura idonea per fronteggiare l’emergenza Covid per  non  (continua)