Home > Libri > T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica

scritto da: Francesca Cabibbo | segnala un abuso

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica

Parte da Napoli, in particolare da Sorrento, la proposta di una nuova metodologia didattica. La proposta di un’innovazione metodologica della pedagogia, con nuovi obiettivi didattici e nuovi metodi di apprendimento per “tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto”. Il libro edito da Franco Di Mauro


Un’innovazione metodologica della pedagogia: nuovi obiettivi didattici e nuovi metodi di apprendimento per “tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto”.

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica” (Franco Di Mauro editore, 2021, pp. 142) è il titolo del libro di Rossella Capuano, destinato al mondo della scuola, ma anche a tutti coloro che vivono la relazione con il mondo giovanile.

Rossella Capuano, docente di Storia dell’Arte al Liceo Artistico Enzo Rossi di Roma, storica dell’arte e dottoressa in Psicologia clinica, ha dato alle stampe un libro che propone una originale ed innovativa simbiosi tra la moderna metodologia didattica, che si nutre degli strumenti usuali della pedagogia, e della psicologia clinica, fornendo al docente nuovi contenuti per vivere la relazione con lo studente.

Il libro è un importante strumento innovativo per la formazione degli insegnanti, nell’ambito trasversale dell’educazione civica, ed ha lo scopo di favorire un approccio interdisciplinare che privilegi la formazione complessiva dello studente piuttosto che l’apprendimento fine a se stesso di contenuti. L’obiettivo è favorire una relazione forte studente/classe/docente per donare ai giovani una nuova coscienza di sé e dar vita ad una cittadinanza attiva.

 “.T.E.S.S.E.R.E. – spiega Rossella Capuano - propone un nuovo metodo psicopedagogico, che stabilisce un filo di connessione tra il dialogo terapeutico e quello della didattica. Il testo esprime l’importanza della relazione come cura per favorire i legami d’interazione e far crescere quella capacità comunicativa didattica che è fondamento della formazione dello studente. In entrambi gli ambiti della terapia e della didattica si cerca il benessere dell’individuo, paziente o alunno. Tutti dovremmo utilizzare il dialogo per instaurare un legame autentico con il prossimo. Bisogna tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto: un filo elastico, flessibile, affinché sia accolto e condiviso e annodi i valori della persona per costruire saldi valori relazionali, per far crescere la comunicazione didattica, in una parola, per TESSERE”.

La scuola, nel pensiero di Rossella Capuano, è dunque un’“esperienza condivisa”, formativa, culturale, sociale, interconnessa che unisce il percorso di apprendimento a quello esperienziale per trasformarsi in vita reale.

Il titolo T.E.S.S.E.R.E. è anche un acronimo. Ogni lettera si sostanzia di ulteriore significato rimandando alle “parole di tessuto”, quelle che sono alla base di un’esperienza vera di rapporto con l’altro, nella ricerca di un’intesa autentica: L’acronimo si traduce quindi in: Tempo, Evoluzione, Sensazione, Sintonia, Espressione, Relazione, Esperienza.

“Sono le dimensioni importanti della vita psichica – spiega Capuano - e rappresentano un terreno fertile di condivisione e di conoscenza per tutti. Questo titolo si può leggere al contrario e diventa E.R.E.S.S.E.T. e richiama il verbo “erigere”. La lettera T. equivale al Tempo: cioè tempo di ESSERE per esserci. Tessere quindi ci suggerisce che è tempo di esserci ed è tempo di costruire in senso collettivo”.

Il libro utilizza anche un ampio corredo di immagini per dare modo di legare le parole alle suggestioni create da un’opera d’arte, calate in un’analisi esperienziale e di pensiero meta-riflessivo sulla relazione. In copertina una maglia relazionale dell’artista Manuela Mancioppi, che esorta al dialogo sociale, a una forma di comunicazione aperta per scoprire se stessi nella relazione col prossimo.  

Dopo i mesi difficili della pandemia, che hanno messo a dura prova anche la comunità scolastica, l’autrice propone un nuovo ed interessante approccio che unisce gli strumenti della pedagogia e della psicologia clinica: una proposta che, in vista del nuovo anno scolastico, arricchisce e sostanzia la prospettiva della nuova didattica, ponendo la necessità di una sempre maggior interdisciplinarietà, ma anche del ruolo imprescindibile di professionisti di competenza, che siano in grado di compiere un’analisi complessa del percorso di TESSITURA che si dovrà intraprendere.

Il libro è disponibile nelle librerie e nelle principali piattaforme digitali

didattica | psicologia clinica | scuola |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Tavolo Emilia Romagna, terza regione coinvolta nell’Osservatorio Fenomeno NAO


Lixiana lancio Italia edoxaban il nuovo anticoagulante di Daiichi Sankyo


Nuovi anticoagulanti orali: Progetto Osservatorio Fenomeno NAO anche in Lombardia


ISCRIZIONI APERTE !! XIV edizione Master Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media - Università di Roma Tor Vergata


FME Education, i seminari MyEdu per gli “insegnanti digitali”


Congresso ESC 2018- Aderenza e terapie DOAC, la nuova confezione di LIXIANA®


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli
Una scultura dal titolo "Manifesto Principio", ispirata alla Deposizione del Rosso Fiorentino, sarà inaugurata domani nella villa comunale di Chiaramonte Gulfi. E' stata donata dall'industriale del marmo Giovanni Ldeonardo Damigella. L'opera, in marmo bianco di Carrara è stata realizzata dalla scultrice Elena Mutinelli Un’opera d’arte contemporanea sarà collocata all’interno della villa comunale a Chiaramonte Gulfi. L’opera, una scultura in marmo bianco di Carrara, realizzata dalla scultrice milanese Elena Mutinelli, è stata donata dall’industriale del marmo Giovanni Leonardo Damigella, titolare della Mondial Granit. La nuova opera scultorea, alta 1,70 metri, si intitola “Manifesto Principio” e sarà inaugu (continua)

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo
Il libro (Ed. S.O.S.ROOTS, giugno 2021) è un romanzo d’amore ambientato nella civiltà contadina delle pendici lucane del Pollino. Salva dall’oblio pezzi di una cultura millenaria ormai scomparsa. Dalla Brianza, dove vive, l’autrice avvia una grande operazione culturale e letteraria. È il primo romanzo di una saga di quattro volumi, tre dei quali ancora inediti. È il più corposo, al contrario dei tre successivi dal formato pocket. È un’opera di narrativa letteraria ambientata, in Basilicata, nella zona del Pollino, nel periodo della seconda guerra mondiale ed è piena di tipicità italica dal notevole esotismo geografico e antropologico. Angela (Gli eredi dei Messapi), di (continua)

Libri per ragazzi, esce "Bia e il compagno ideale", di Sandro Melaranci

Libri per ragazzi, esce
Racconti per ragazzi in periodo Covid. Esce "Bia e il compagno ideale", terzo racconto della serie ideata da Sandro Melaranci, romano di Trastevere. La protagonista, Bia, alle prese con l'adozione di un cagnolino la cui padroncina è finita in rianimazione dopo essere stata contaguata dal Covid-19. Una storia simbolo del rapporto tra uomo ed animale, ma anche la costruzione di untassello positivo di solidarietà sociale. La donna guairà e lascerà l'ospedale e per Bia si aprono ora nuovi scenari. La passione per la scrittura, per l’arte del narrare, l’ha coltivata da sempre. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi esclusivamente ad essa. E se in passato ha raccontato di se e della sua vita avventurosa e ricchissima, ora Sandro Melaranci, romano di Trastevere, ha deciso di dedicarsi ad un genere diverso: la letteratura per ragazzi.È uscito oggi ed è disponibile nelle piattaforme digitali (continua)

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano
Il libro “Eppure sono lieve”) è una storia di violenza psicologica e mobbing familiare. Lo strumento della letteratura e della poesia come momento di impegno civile nel percorso di consapevolezza della donna. La scrittrice milanese Bruna Colacicco è la vincitrice della sezione "libri editi" del “Premio Letterario Internazionale Donna”, promosso dal CIF (Centro Italiano Femminile) di Fasano, con la partecipazione del comune. La cerimonia di premiazione della XXXII edizione, presentata da Mina Corelli, si è svolta ieri sera presso la sala all’aperto del lido “Il Santos”, di Torre Canne (Fasano). La (continua)

Street Workout a Marina di Ragusa. Dopo i vaccini, torna il fitness musicale in cuffia su strada

Street Workout a Marina di Ragusa. Dopo i vaccini, torna il fitness musicale in cuffia su strada
L’evento, promosso da Giovanni Corigliano, è stato dedicato a Simone Massaro, ideatore della formula italiana del walking dinamico e dell’allenamento all’aria aperta in cuffia, scomparso qualche mese fa. Al porto turistico, un messaggio contro la violenza ed i recenti episodi di cronaca. Ritorna lo Street Workout: Marina di Ragusa ha vissuto ieri un evento dedicato al fitness su strada. L’iniziativa, organizzata da Street Workout Ragusa, si è svolta nelle strada della cittadina balneare, nella zona del Porto turistico, la “Rotonda”, piazza Duca degli Abruzzi, piazza Torre, piazza  Malta.L’evento è stato organizzato da Giovanni Corigliano, Ambassador di Street Workout Ita (continua)