Home > Arte e restauro > CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA "BIENNALE D'ARTE CITTA' DI VERCELLI"

CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA "BIENNALE D'ARTE CITTA' DI VERCELLI"

scritto da: MIKATA | segnala un abuso

CON L'ARTE SI RIPARTE: AL VIA LA PRIMA EDIZIONE DELLA

CON L'ARTE SI RIPARTE - A Vercelli presso lo Studio d’Arte 256 del pittore Ezio Balliano prende via la prima edizione della “Biennale d’Arte Città di Vercelli” 2021/2022.


Il Progetto

Un’idea nata quasi per gioco, complici le possibilità di comunicazione che offre il WEB, per esorcizzare l’incubo sanitario dal quale, seppure a fatica, stiamo faticosamente uscendo: la formula è semplice: uno spazio espositivo, una mostra collettiva che presenta ogni due settimane una selezione di opere di un gruppo di artisti sempre diverso, che permetta loro di presentare i propri lavori e farsi conoscere, offra al pubblico una visione a 360 gradi sugli orientamenti del fermento che anima il mondo artistico e regali finalmente a tutti gli appassionati il piacere di godere di un “evento” culturale.

Un’idea che è piaciuta, che è cresciuta e continua a crescere come testimonia l’adesione di oltre un centinaio di artisti, pittori, scultori, fotografi ecc., provenienti da mezza Italia per partecipare ad una staffetta artistica che via via è diventata una maratona lunga quasi due anni, offrendo una quindicina di mostre e proponendo almeno 400 opere che saranno ospitate presso lo Studio d’Arte 256 di Corso Libertà a Vercelli con la regia del pittore vercellese Ezio Balliano.

Si è pensato, inoltre, per coinvolgere maggiormente i partecipanti in un clima di incontro ma anche di confronto, di affidare ad un gruppo di critici, artisti, giornalisti e collezionisti il compito di segnalare, per ciascuna mostra, un’opera particolarmente significativa e meritevole di concorrere, al termine del ciclo di mostre, alla prima edizione del concorso “Biennale d’Arte Città di Vercelli” e all’assegnazione del prestigioso trofeo messo in palio dall’organizzazione.

Sono rimasto sinceramente sorpreso per l’entusiasmo che questa iniziativa sta riscuotendo con un numero di adesioni davvero notevole, un successo davvero inaspettato” dice Ezio Balliano, titolare della galleria e organizzatore delle mostre “evidentemente c’è la voglia, anche nel mondo artistico, di reagire e superare questo brutto momento e riconquistare quella normalità che tutti auspichiamo. Un altro motivo di soddisfazione è quello di contribuire a fare diventare Vercelli – Città d’Arte – sempre più crocevia d’arte e d’artisti. La strada è lunga, ma la sfida affascinante mentre prosegue con successo la pubblicazione dei cataloghi che raccolgono una selezione di tutte le opere esposte corredate da una nota critica per ciascun partecipante. Di sicuro una scommessa impegnativa, ma con il contributo di tutti, organizzatori, partecipanti, pubblico, riusciremo a vincerla”.

La Mostra.

Sergio AIELLO, Oscar BAGNOLI, Dario BENEDETTO, Gianni BERGAMIN, Enrica DEL NERI, Alessandro FIORASO, Gianfranco GALIZIO, Anna GENCO, Andrea MENEGAZZO e Paola VERONESI saranno i protagonisti della mostra di esordio in programma nell'ambito della la prima edizione della “Biennale d’Arte Vercelli” 2021/2022 che sarà inaugurata domenica 5 settembre 2021 alle ore 17,00 presso lo Studio d’Arte 256 di Corso Libertà 256 a Vercelli.

La mostra sarà aperta al pubblico fino al 19 settembre 2021, dal giovedì alla domenica con orario 10,00 – 12,00 e 17,00 – 19,00 oppure su prenotazione telefonando al numero 349.2199321.

Per tutta la durata della mostra saranno osservate le disposizioni ministeriali vigenti (capienza dei locali, igienizzazione delle mani, mascherina, distanziamento, green pass ecc.).

Gli Artisti

Sergio AIELLO presenta paesaggi astratti densi di colori che si intrecciano dando all’opera un piacevole dinamismo; Oscar BAGNOLI esploratore della natura e, insieme dell’animo umano si esprime felicemente nell’armonia dei segni di un suo proprio “Espressionismo astratto”; Dario BENEDETTO spinto da un’attenzione all’estetica e alla creatività esplora il mondo della grafica e della computer grafica con programmi di modellazione 3d; Gianni BERGAMIN si avvale della fotografia per registrare “en plein-air” gli ambienti o gli edifici della città che diventeranno poi, in forma di foto e di fotocopie, frammenti dal vivo delle composizioni realizzate in atelier; Enrica DEL NERI è un’artista dalla personalità forte ed esuberante, approdata ad uno stile pittorico personale fantastico e capriccioso, nel quale colore e forme si intrecciano, si intricano e si diluiscono sotto la giuda di una tecnica curata e minuziosa;Alessandro FIORASO affronta temi di tipo realistico ma anche surrealistico parallelalmente alla sua ricerca interiore determinata dalla passione per lo yoga e da diversi viaggi in India, paese ricco di spiritualità dal quale coglie le numerose sfacettature, colori e contraddizioni; Gianfranco GALIZIO ha sperimentato diverse tecnichee stili prima di approdare ai recenti Anonimi Percorsi, intime visioni paesaggistiche, avvolte da evanescenti e morbide atmosfere; Anna GENCO rende concreti sulla tela i suoi pensieri e le sue fantasie: la femminilità e la sensualità sono il tema predominante dei suoi quadri che riescono ad evocare momenti di forte emozione; Andrea MENEGAZZO i suoi soggetti sono tratti dal reale: scene di vita quotidiana, persone, particolari, sembrano quasi fotogrammi di un film, attimi di vita colti e interpretati dall’artista nel momento più espressivo e significante; Paola VERONESI nelle sue fotografie analizza a fondo luce e composizione ponendo l'attenzione su forme e contrasti di naturale bellezza esaltandone delicatezza e forza espressiva.

Vercelli | Biennale | Arte | Studio 256 |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

ANNA CALLEGARI: CREATIVITA’ COMPOSITIVA E RAZIONALITA’ TRA FIGURAZIONE E ASTRAZIONE IN SINTESI PERFETTA CON L’ARMONIA E LA RICERCA DEL BELLO E DEL VERO, ALL’AFFASCINATE CONFINE TRA REALTA’ E SOGNO.

ANNA CALLEGARI: CREATIVITA’ COMPOSITIVA E RAZIONALITA’ TRA FIGURAZIONE E ASTRAZIONE IN SINTESI PERFETTA CON L’ARMONIA E LA RICERCA DEL BELLO E DEL VERO, ALL’AFFASCINATE CONFINE TRA REALTA’ E SOGNO.
Creatività compositiva e razionalità in sintesi perfetta con l’armonia e la ricerca del bello e del vero sono alla base della produzione artistica di Anna Callegari. Il tratto e la pennellata risultano istintive, la mano felice e leggera, Anna ha il dono dell'equilibrio e delle proporzioni, e ciò rende le opere di piacevole godimento, con forme geometriche semplici, zone piatte di colore delimitate da contorni scuri, volumi sovrapposti e compenetrati fra loro, esaltazione della memoria e dell’immaginazione; opere lontane da ogni accademismo e mai banali. In ogni creazione di Anna è possibile ritrovare traccia della sua personale ricerca di un ideale di bellezza; Ciascuna opera svela il costante tentativo di realizzare un equilibrio tra la tradizione e la modernità in una concezione soggettiva dello spazio con l’utilizzo dei moduli espressivi - forma e contenuto, volume e colore - in maniera più congeniale al suo temperamento, elaborati in una sua (continua)

PIER GIORGIO DOIMO, ATTRAVERSO LA SPERIMENTAZIONE, IL COLLAGE, L’ASSEMBLAGGIO, FONDENDO ESTETICA ANTICA CON TECNICA CONTEMPORANEA, INDAGA LE POSSIBILITA’ COMUNICATIVE DELLA MATERIA.

PIER GIORGIO DOIMO, ATTRAVERSO LA SPERIMENTAZIONE, IL COLLAGE, L’ASSEMBLAGGIO, FONDENDO ESTETICA ANTICA CON TECNICA CONTEMPORANEA, INDAGA LE POSSIBILITA’ COMUNICATIVE DELLA MATERIA.
Sicurezza del tratto, gestualità dinamica e grande senso del colore svelano un’indiscutibile maturità pittorica; la sperimentazione, il collage, l’assemblaggio, fondendo estetica antica con tecnica contemporanea, pongono Pier Giorgio Doimo, con i suoi lavori più recenti, in sintonia con il linguaggio informale, offrendo allo spettatore una forma espressiva aliena da riferimenti realistici o citazioni di maniera. E’ possibile leggere le vicende dell’arte del novecento secondo due linee parallele: in arte come in natura istinto e razionalità si incontrano e si scontrano, determinando i comportamenti. Questa sorta di dualismo affonda le sue radici nel mondo classico che collegava questi due diversi modi di espressione all’influsso di Apollo e Dionisio: il primo, Apollo, simbolo di perfezione, che si affida a (continua)

VERCELLI: Pio Mario Arini festeggia i suoi 75 anni di attività artistica tra poesia e pittura con un nuovo atelier e una mostra virtuale

VERCELLI: Pio Mario Arini festeggia i suoi 75 anni di attività artistica tra poesia e pittura con un nuovo atelier e una mostra virtuale
Oltre settanta anni di attività artistica, una produzione vastissima che esplora tendenze e stili, tecniche e materiali, dal figurativo all’astratto, dall’impressionismo all’espressionismo fino all’informale: ritratti, nature morte, paesaggi soprattutto, evocati da memorie remote, immersi in un’atmosfera di sognante malinconia che impregna le opere di luminosa trasparenza, resi con una emotività tale da renderli unici ed inimitabili, poiché il senso profondo della sua arte è il reale, vissuto intensamente nelle sue espressioni di gioia, dolore, estasi o pace. L'UOMO:Nato nel 1926 ad Ancona, Pio Mario Arini dimostra da subito vivace intelligenza e grande curiosità per tutto ciò che lo circonda. Naturalmente portato per l'espressione artistica comincia giovanissimo a disegnare e poi a dipingere e comporre versi. Le drammatiche e concitate vicende belliche segneranno la sua adolescenza e faranno crescere il suo desiderio di libertà, la capacità di ap (continua)

DOPO IL LOCKDOWN RIPRENDE L’ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “LA VOCE” CON LA MOSTRA DI PAOLO SALVARANI PRESSO LA GALLERIA CIVICA JACOPO DURANDI DI SANTHIA’ (VC).

DOPO IL LOCKDOWN RIPRENDE L’ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “LA VOCE” CON LA MOSTRA DI PAOLO SALVARANI PRESSO LA GALLERIA CIVICA JACOPO DURANDI DI SANTHIA’ (VC).
Dopo la lunga pausa causata dal lockdown e dall’emergenza sanitaria purtroppo ancora in atto, riprendono gradualmente le iniziative presso la Galleria Civica Jacopo Durandi di Santhià, in provincia di Vercelli. L’Associazione Culturale La Voce, grazie al patrocinio concesso dall’Amministrazione Comunale di Santhià e all’attiva collaborazione dell’Assessore alla Cultura Renzo Bellardone, apre il nuovo ciclo espositivo con la mostra d’arte contemporanea di Paolo Salvarani. Nato nel 1962 Paolo Salvarani, in arte “Otto”, dimostra presto il suo talento nel disegno, autodidatta e “bricoleur”, (prepara da se’ le tele utilizzando vecchie lenzuola trattate con ricette segrete), si appassiona al lavoro dei maestri dell'impressionismo e animato da un innato desiderio di creare arte procede nel suo cammino attraverso vari stili, dall'espressionismo alla Pop Art, fino all’info (continua)

LUTTO NEL MONDO DELLA CULTURA VERCELLESE: A 79 ANNI CI HA LASCIATI ROBERTO ALBELTARO, PITTORE GALANTUOMO E GRANDE SPORTIVO.

LUTTO NEL MONDO DELLA CULTURA VERCELLESE: A 79 ANNI CI HA LASCIATI ROBERTO ALBELTARO, PITTORE GALANTUOMO E GRANDE SPORTIVO.
a 79 anni, dopo una lunga malattia, si è spento Roberto Albeltaro, raffinato pittore, instancabile cantore della sua terra, autore d: paesaggi straordinari e poetici che nascono dall'infinito confronto tra cielo, acqua e terra, opere solari e dai cromatismi intensi, che inducono a riflettere su un mondo rurale che si sta perdendo, su una natura nuova, vista con gli occhi dell’artista. Il mondo della cultura vercellese è in lutto per la scomparsa di Roberto Albeltaro. Nato a Vercelli nel 1940, è stato allievo di Cesare Libano e ha iniziato la sua attività artistica facendo parte del “Piccolo Cenacolo degli artisti” di Vercelli e della “Società Promotrice delle Belle Arti” di Torino. Protagonista della scena artistica per oltre mezzo secolo Albeltaro, da vercellese appassionato, (continua)