Home > Libri > Intervista a Imperatrice Bruno

Intervista a Imperatrice Bruno

scritto da: Nulla Die | segnala un abuso

Intervista a Imperatrice Bruno

Imperatrice Bruno sorprende ancora una volta con Volontà nobili, ultima raccolta poetica


Esce, per Poesia Nulla Die, la raccolta poetica Volontà nobili di Imperatrice Bruno. Giovanissima, Imperatrice Bruno ha un curriculum di tutto rispetto: dopo il suo debutto con Costellazioni di emozioni (2018, Aletti editore), pubblica nel 2021 la raccolta poetica Caratteri Interi (Nulla Die). Le sue liriche sono state premiate, tradotte in diverse lingue e riportate su testate giornalistiche internazionali.

1)

Cosa ti spinge a scrivere poesie

La chiamata della poesia stessa: la parola squilla come un telefono, assilla se non
le si risponde, se non si benedice su carta il suo impulso. L’osservazione è la mia
linfa, la mia Musa il vettore energetico, così “cantare” i versi diventa naturale.


2) Ti ha sorpreso l'affermazione della precedente raccolta, Caratteri Interi?

Assolutamente sì.
Sapevo d’essere cresciuta stilisticamente e di avere un passo più deciso ma non mi
sarei mai aspettata la risonanza internazionale che ho avuto. Ho pubblicato
Caratteri Interi perché le poesie mi scalciavano in braccio, volevano uscire; le ho
pubblicate per renderle vive, non perché mi aspettassi qualcosa da loro.

3) Prova a descrivere il tuo pubblico.

Dai liceali che ora si affacciano alla poesia, innamorandosene, a professori
universitari più grandi dei miei genitori. Il range è davvero ampio e spettacolare per
anagrafica, un po’ meno per area di studi d’appartenenza. E’ per questo che sono
tremendamente felice quando riesco a incuriosire chi non è nell’area d’interesse
letterario.

4) Ricevi feedback dai tuoi lettori?

Vivo una bellissima realtà sulla piattaforma social Instagram. Per messaggi privati o
commenti pubblici i miei lettori si esprimono quotidianamente sui contenuti che con
loro condivido. Si crea un rapporto di fiducia e di genuino interesse artistico; cerco
sempre di rispondere a tutti e sono sempre ben disposta quando i giovanissimi mi
chiedono consigli o pareri.

 5) Qual è la tua concezione della poesia?

La poesia è essenzialmente un linguaggio, come direbbe Curci- mio postfatore-, ma
la parola, mattoncino del linguaggio, in me e per me assume funzione di preghiera.
La poesia, poiché cantata a voce alta, è energia, vibrazione che esce dal
diaframma, dal corpo e si scontra con quella dell’Universo. Volontà nobili potrebbe
essere in questo senso un breviario.

6) Come si può definire il tuo stile poetico?

Fisico, corporale- nel senso stretto.
Quando scrivo in realtà cammino, canto le parole. Devo capire dove il verso mi
spezza il fiato, come la virgola si posa sulla laringe, dove la lingua tocca quando
pronuncio una data sillaba. Ogni suono è un’esperienza, così come ogni immagine
descritta ha il compito di rievocare ai sensi calore, gelo, morbidezza, asprezza.

Fonte notizia: http://nulladie.com/it/catalogo/534-imperatrice-bruno-volonta-nobili-9788869154423.html


Poesia | silloge | raccolta | I Canti | Nulla die |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

CASTEL TRAUTTMANSDORFF RIVIVE IL MITO DELL’IMPERATRICE SISSI


Dieci poeti in dieci volumi nella raccolta "Echi - iCanti"


Intervista a Luca Pagetti: Coven Egidio al Perfume Factory (Cosmoprof 2017)


DAL 1 DI APRILE IL RISVEGLIO DEI GIARDINI DI SISSI


Il Club dei Vedovi Neri @ Lab 16


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Intervista al poeta Emanuele Martinuzzi

Intervista al poeta Emanuele Martinuzzi
L'idioma del sale è l'ultima raccolta poetica di Emanuele Martinuzzi, giovane autore noto al pubblico e alla critica. Le sue precedenti pubblicazioni sono L’oltre quotidiano – liriche d’amore (Carmignani, 2015), Di grazia cronica – elegie sul tempo (Carmignani, 2016), Spiragli (Ensemble, 2018), Storie incompiute (Porto Seguro, 2019), Notturna gloria (Robin edizioni, 2021). Ha ottenuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali. Ha partecipato al progetto “Parole di pietra” che vede scolpita su pietra serena una sua poesia affissa in mostra permanente nel territorio della Sambuca Pistoiese assieme a quelle di numerosi artisti. Gestisce un blog personale "Emanuele Martinuzzi e la Poesia" 1) Ti dedichi alla poesia da quando avevi dodici anni. Un amore nato per caso?Non è stata una scelta consapevole da parte mia. Mi piace pensare – e credo sia la cosa più ragionevole da credere – che sia stata la scrittura a trovarmi e non viceversa. Da piccolo per anni ho fatto teatro e cantavo nel coro di voci bianche della mia città. Quando questa bellissima parentesi della mia infanzia è finita (continua)

Raffaele Manduca, storico e poeta

Raffaele Manduca, storico e poeta
Raffaele Manduca insegna Storia moderna presso il DICAM dell’Università degli Studi di Messina. Tra le sue pubblicazioni La Sicilia, la Chiesa, la storia. Storiografia e vita religiosa in età moderna, 2012; Le chiese lo spazio gli uomini. Clero e istituzioni ecclesiastiche nella Sicilia moderna, 2009. Scrive per il quotidiano la Sicilia di Catania e coordina la pagina Facebook @costruirestorie, dove assieme a studenti e dottorandi si occupa di divulgazione di contenuti storici e letterari sui social media. Restò solo voce è la sua prima silloge poetica, anche se alcune sue liriche sono presenti in pubblicazioni antologiche in occasione di premi letterari cui ha partecipato. Professore di Storia Moderna presso il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne dell'Università di Messina, ricercatore, autore di numerose pubblicazioni e monografie, ora poeta. Cosa hanno in comune i tuoi diversi profili?Hanno in comune la storia, la mia storia, il mio modo di sentire l'umano, quei volti dell’umano non traducibili in soli numeri e formule. Un grande ricercatore come March (continua)

Intervista a Luca Favaro, scrittore e poeta

Intervista a Luca Favaro, scrittore e poeta
Luca Favaro, nato a Treviso, vive a Thousand Oaks, California. Ha pubblicato tre raccolte di racconti, e il fortunato romanzo Il tempo senza ore (Nulla Die 2015), primo classificato al Premio Prunola 2017, primo classificato al Premio Il lato notturno della vita 2017, premio speciale della Giuria all’IBRSC di Belluno 2016, e dalla quale è stata ricavata l’omonima rappresentazione teatrale. Cinquanta Passi all’indietro è la sua prima raccolta di poesie. 1) "Cinquanta passi all'indietro" è la tua prima raccolta di poesie. Nella quarta di presentazione della silloge, si legge "... è un cammino a ritroso...". Perché questa definizione?Non è stato facile dare un titolo a questa raccolta. Le varie poesie sono state scritte in momenti diversi della mia vita, alcune che avevo dai 20 ai 30 anni, altre in tempi più recenti. Dopo averci lavorato (continua)

Intervista a Carol Russo

Intervista a Carol Russo
Autrice di "Caramelle nel taschino", Carol Russo è nata a San Gavino Monreale (SU) nel 1994. È laureata in Beni culturali e spettacolo e lavora come content manager di Siciliansays. Scrive poesie da sempre e Caramelle nel taschino è il suo primo libro. 1) Caramelle nel taschino è la tua prima pubblicazione. Ti aspettavi questo risultato? Caramelle nel taschino è frutto di dieci anni di composizione e adesso vedere le mie poesie pubblicate in una raccolta è motivo di orgoglio e soddisfazione. Per tanto tempo ho sognato una pubblicazione e ora finalmente questo piccolo sogno è realtà.2) Pensi sia difficile per gli esordienti giovanissimi pubb (continua)

Paolo Verlengia, Nell’ora puntuale

Paolo Verlengia, Nell’ora puntuale
Cos'è dunque l'ora puntuale? Una condizione compiuta più che un mero stato d'animo: la situazione, rara ma puntuale nei suoi ritorni, in cui riusciamo a vedere una dimensione parallela, senza con ciò perdere il controllo della realtà... Nelle ore tardein acque profondeper strade vuoteti ho trascinata senza metanel vento desertonell’usura dei giorninella vecchiaia lentaquasi  un regalo in attesasull'altalena ferma.Su sabbia roventenelle ore caldeti ho condottaa digiunarea serrarele labbra arsee ho sciolto la presadella tua mano in fuga.Istantanee di gesti quotidiani, fotografati nell’attimo in cui riflettono la luce del (continua)